Villa Mafalda

Dove eravamo rimasti?

Cosa ha scoperto Pintone? Amedeo ferito e forse morto (33%)

Incidente o agguato?

Rientrando per il pranzo gli ospiti avevano trovato un Amedeo zoppicante e con una vistosa fasciatura sulla testa.

“Non è nulla, ho sbattuto contro un ramo!” si era premurato subito di tranquillizzarli lui. A Pintone che lo aveva trovato sanguinante nel parco aveva però detto la verità, che qualcuno lo aveva colpito all’improvviso alla testa facendolo svenire. La caduta gli aveva poi storto una caviglia, da lì il suo zoppicare. Inutili erano stati i tentativi di Clotilde per convincerlo a mettersi a letto, chiamare il dottore, e perlomeno non servire a tavola. Amedeo aveva comunque voluto fare il suo servizio e occuparsi dei “suoi” ospiti.

Pintone gli aveva chiesto se aveva visto chi fosse stato a colpirlo

– Purtroppo no, mi è arrivato alle spalle mentre chinato curavo una buganvillea e non l’ho sentito arrivare. – era stata la sua risposta –  però prima lungo il sentiero avevo incrociato il signor Daniele e il signor Massimo che discutevano, e anche animatamente. Quando sono passato vicino mi hanno salutato fingendo che stessero chiacchierando del più e del meno, ma appena mi sono allontanato la discussione è ricominciata. –

– Interessante – rispose Pintone – e ha sentito su cosa discutevano per caso? –

– No, ma sembravano molto adirati. L’idea è che si conoscano meglio di quanto abbiano voluto lasciarci credere. –

– Ah capisco, ma mi dica, sono suoi clienti abituali o è la prima volta che vengono in vacanza a villa Mafalda? –

– Il signor Massimo e la moglie sono clienti da diversi anni, il signor Daniele invece è la prima volta che viene. Mi ha anche un po’ stupito la sua presenza, non è un luogo abituale per giovanotti come lui, questo. Non so se mi spiego. –

– Sì, ha ragione, lo vedo più in un luogo come la riviera romagnola, o Ibiza, quei luoghi per giovani, discoteche fino all’alba e roba simile. Mah, cosa vuole che le dica Amedeo, vedrò di indagare un po’ senza troppo dare nell’occhio. Che ne dice? –

– Se vuole signor Marino, ma non si dia troppo la pena sa, magari è stato uno scherzo, o uno sbaglio…chissà. –

Amedeo minimizzava, ma Pintone non era affatto tranquillo. Ex detective della squadra mobile, una vita passata ad indagare nei meandri della malavita gli avevano affinato l’istinto di cacciatore. Avrebbe cercato di saperne di più su quella storia.

Nel frattempo gli ospiti avevano terminato il pranzo, Amedeo finalmente si era concesso un po’ di riposo, accudito dalla moglie, e il resto della compagnia si era sparpagliato qua e là per la villa e il parco. Durante il pranzo Pintone aveva tenuto d’occhio sia Daniele che Massimo, ma i due avevano l’aria di perfetti sconosciuti che per caso si trovassero nello stesso luogo in vacanza. Certo, poteva anche essere, e la discussione forse era nata per una qualche banalità del momento, una parola storta di uno, uno sguardo troppo azzardato dell’altro verso la moglie di Massimo, o qualunque altro banale motivo. Però… però c’era la botta in testa ad Amedeo, qualcuno aveva voluto metterlo fuori combattimento per un po’ di tempo. Impedirgli di vedere, o sentire, qualcosa.

Marino fingendo indifferenza si avviò quindi verso la veranda, dove Massimo e la moglie stavano prendendo il caffè in compagnia dei coniugi Brigton.

– Buongiorno signori, bella giornata vero? –

– Sì bellissima. Come sta signor Pintone? – chiese gentile la signora Elisabeth

– Io benissimo cara, ma ha visto il povero Amedeo? Faticava proprio a camminare… chissà cosa gli è capitato. –

– eh cosa vuole, lavorare in giardino, curare le piante e tutto il resto è facile farsi male. Basta un inciampo e via. – rispose subito Massimo come a voler minimizzare l’accaduto.

– sì è vero, succede sempre anche a me – intervenne John – anche io quando taglio l’erba nel nostro giardino, o curo la siepe, mi faccio sempre male, sono un po’ distratto sa, e mia moglie mi prende sempre in giro… –

– già, proprio così caro. – aggiunse la moglie facendogli una carezza affettuosa.

Chiacchierarono ancora un po’ del più e del meno, Pintone cercando un segnale dove poter indagare più a fondo ma senza arrivare a nulla. Così decise di lasciar perdere per il momento e cercare altrove.

– Qualcuno sa dove posso trovare il signor Daniele? – chiese fingendo indifferenza.

– L’ho visto dirigersi verso la piscina credo – rispose Elisabeth.

Così Marino salutò la compagnia e andò alla ricerca di Daniele. In effetti lo trovò che si rosolava al sole a bordo piscina, incurante del caldo di quell’ora pomeridiana. Sembrava assopito e assorbito nel compito di abbronzarsi il più possibile. Non sopportando – al contrario suo – tutto quel calore e quella luce, Pintone decise che gli avrebbe parlato più tardi, e tornò verso la villa e il fresco della sua camera, dove intendeva schiacciare un pisolino e riflettere con calma.

Arrivato nel corridoio davanti una camera aveva sentito qualcuno all’interno piangere. Così aveva chiesto “che succede? posso essere utile?” e quando la porta si era aperta si era trovato davanti una Barbara in lacrime.

Chi è stato a colpire Amedeo? e perché?

  • Sono stati entrambi e sono implicati in qualcosa di losco (50%)
    50
  • E' stato Daniele che è stato visto da Amedeo infastidire pesantemente Barbara (0%)
    0
  • E' stato Massimo dopo che Amedeo l'ha sentito ricattare Barbara (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

38 Commenti

  1. É la prima storia di incipit che leggo e devo dire che ne sono stato piacevolmente sorpreso. Seppur con i limiti del format sei riuscita a tenere alto l’interesse.
    Effettivamente si percepiva lo stile della Christie ed è stato un tocco di classe.
    A questo punto spero di rivedere Pintone.
    Grazie per la lettura.

    • Grazie, si in effetti l’ambientazione è un po’ ispirata dalla grande Agata, e un po’ dai troppi gialli e thriller che amo seguire in TV… Volevo però anche farvi divertire nel leggere le varie situazioni, spero di esserci riuscita. Ora devo riunire i pezzi della prossima storia che ho in testa… Spero di ritrovarti. Ciao.

    • In verità è che non sapevo che domande fare… 😉 E poi prima c’era sospetti basati sugli eventi, ora ci sono stati interrogatori, verità rivelate apertamente, e chissà, magari come dici tu non è stato nessuno di loro ma qualcuno di insospettabile!
      Grazie di seguirmi ad ogni modo, mi fa piacere. Ciao!

  2. Ti dirò che per una mia propensione sono portata sempre a credere che la colpevole sia femmina, quindi dietro ci vedo la mente di una donna, ma in questo caso ho votato per Daniele perché penso che sentisse il peso dei traffici più di altri.
    Brava, belle descrizioni!! Alla prossima

  3. Io dico che è stato Daniele ma perché Marco lo voleva obbligare a far qualcosa che “andava un po’ troppo oltre” e, visto che lo “teneva per le palle” a causa dei traffici illeciti… 😉

    Anche Barbara e Bianca sarebbe interessante, ma, avendo Pintone come difesa, la vedo più difficile 😉

    Ciao 🙂

  4. Credo che Pintone cercherà prove concrete prima di decidere di inchiodarlo.
    Ciao, buongiorno, ho letto la tua storia fin qui e devo dire che mi ha coinvolta fin da subito, soprattutto per un paio di passaggi che hai inserito e sui quali sto riflettendo ( quando mi sarò fatta un’idea precisa, te ne parlerò) mi fa piacere giocare con i bivi di questo giallo. Sono su The Incpit dal 2014, ma sono in gioco da una settimana, ho pensato di tornare per raccontare una storia sotto natale che però col natale non c’entra niente… ahahah spero di trovarti nei miei bivi. Intanto seguo la tua storia e ti auguro buon divertimento!

    • Ciao, grazie per essere passata di qua, sono felice che il mio racconto ti abbia intrigato. Mi sono divertita molto nello scriverlo, trovo che questo “gioco letterario” sia utile per imparare ad improvvisare e stimola la creatività. Passerò senz’altro da te, sperando di ritrovarti qua.

  5. Ciao, il 6 è un capitolo necessario per lo sviluppo della storia.
    Ho votato proseguendo nella mia richiesta volta a voler approfondire la vicenda di Barbara e i possibili attuali risvolti.
    Mi attenderei però l’inizio di una forma anche leggera un’indagine. Un indagine da vacanza.
    Attendo il nuovo capitolo.

    • Arriveranno le indagini, tranquilli Volpe, e anche Red Dragon. Ma bisogna prima creare l’occasione per poi far indagare. Un passo alla volta ci arriveremo…promesso! Grazie intanto che fedeli mi seguite, mi sembra che la community stia un po’ languendo…o no? Peccato, sarebbe peccato questo sito morisse per inedia…

  6. Beh, visto che metti l’opzione e visto che abbiamo un detective: Sono stati entrambi e sono implicati in qualcosa di losco 🙂

    Ho azzeccato l’identità di Pintone! Cioè, non che era della mobile, ma che era un detective 🙂

    In effetti è strano che Daniele scelga un posto simile, Massimo non la conta giusta, quindi direi che ci sta bene che entrambi abbiano qualcosa da nascondere 😉

    Ciao 🙂

    • Bravo, ti piacciono i gialli che hai capito che Pintone non era chi sembrava essere? 😉

      In effetti i nostri ospiti hanno tutti qualcosa da nascondere, o forse tutti noi lo abbiamo in un modo o nell’altro. Segreti che non condividiamo con nessuno, scelte di vita di cui non siamo proprio fieri e che in qualche modo nascondiamo quasi anche a noi stessi… Chissà. Vedremo cosa uscirà da questa storia.

      Perdonare la lunga latitanza, ma altri impegni mi hanno presa, cercherò di essere più veloce e non lasciarvi troppo in sospeso…

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi