Villa Mafalda

Dove eravamo rimasti?

Chi è stato a colpire Amedeo? e perché? E' stato Massimo dopo che Amedeo l'ha sentito ricattare Barbara (50%)

Conosciamo meglio i nostri personaggi

“Cosa succede signorina Barbara?” le chiede sollecito Pintone.
“Nulla, mi scusi, è che ho una grande emicrania, così forte che mi fa piangere dal dolore”.
“Mi dispiace molto, vuole che le prenda qualche medicamento in paese?”
“No grazie, sono a posto. Mi basta riposare al buio e in silenzio per un po’, poi mi passerà”.
“D’accordo allora, ma se ha bisogno di qualcosa non esiti a bussare alla mia porta, è la seconda a sinistra. Buon riposo allora”. E così dicendo Pintone si ritira anche lui a riposare in camera sua. Più tardi scende nuovamente in piscina, dove trova una riposata e sorridente Barbara chiacchierare con Daniele; poco più in là i coniugi Brighton sotto un ombrellone impegnati nella lettura. Dei signori Tritone invece per il momento nessuna traccia.
Marino si avvicina ai due giovani, vuole saperne di più di questo Daniele, sapere cosa fa nella vita, e soprattutto come mai abbia scelto quella vecchia villa come luogo per le proprie vacanze.
“Buongiorno, sapete che siete proprio una bella coppia, voi due?” esordisce sorridendo “signorina Barbara, si sente meglio a quanto vedo.”
“Sì la ringrazio, come vede riposo e silenzio mi hanno fatto bene”.
“E lei signor Daniele, posso chiederle come mai ha scelto questa vecchia villa, un po’ noiosa devo dire, per le sue ferie? Mi sembra un po’ troppo giovane per scegliere di trascorrere il suo tempo con questi vecchietti. Mi scusi Barbara, non è riferito a lei naturalmente!”
“Beh lavoro tutto l’anno in modo frenetico, avevo bisogno di un po’ di pace, di passare del tempo tranquillo a riposare, poche persone intorno, soprattutto poco frastuono e caos”.
“Di cosa si occupa?”
“Gestisco una palestra in centro Torino, molto ben frequentata devo dire, ho parecchi iscritti e non ho mai un minuto di tempo libero per me”.
“Ah ecco perché è così in forma! E gli affari vanno bene quindi.”
“Sì molto bene, non posso proprio lamentarmi. Sa la gente ci tiene molto al proprio aspetto fisico, vuole stare in forma e fa di tutto per mantenersi giovane. Le palestre sono l’affare del momento, se uno vuole essere sicuro di guadagnare”.
“Ma ho sentito dire che sono anche luoghi dove girano medicamenti illeciti, anabolizzanti, droghe, integratori non proprio legali, mi pare.”
“Non nella mia palestra! Glielo assicuro, sto con gli occhi ben aperti, e se noto qualcosa di strano intervengo subito. Da me non gira nemmeno un grammo di quella roba!”
La veemenza con la quale Daniele aveva risposto aveva fatto squillare un campanello d’allarme nella testa di Pintone. Il quale per il momento aveva deciso di lasciare cadere il discorso. Lo avrebbe ripreso in un altro momento e a tu per tu.
“E lei, signorina Barbara, di cosa si occupa? Lei vive a Milano, vero?”
“Sì a Milano, e sono responsabile di una boutique, gestisco due commesse, mi occupo degli acquisti e consiglio le clienti nell’acquisto dei capi. E’ un bel lavoro, mi piace molto”.
In quel mentre videro arrivare Massimo e Bianca Tritone, che si avvicinarono prendendo posto sulle sdraio lì accanto.
Subito Daniele si alza “Io vado a fare una nuotata”.
“Vengo anch’io se non le dispiace”. aggiunge Barbara, e i due si buttano in acqua. A Pintone non era sfuggito che Barbara sembrava a disagio, e avesse colto l’occasione per allontanarsi subito dalla coppia.
“Signora Bianca, come sta? vi siete riposati? Ora fa meno caldo e si sta bene qui a bordo piscina. Massimo, posso chiederle di cosa si occupa a Torino?”
“Sono uno di quei noiosi promotori farmaceutici che si intrufolano nelle sale d’attese degli studi medici, facendo perdere tempo ai malati che aspettano…” e ridacchia fra sé e sé alla sua battuta.
“Sì ho presente. E si guadagna bene con quel lavoro?”
“Dipende, bisogna vedere per quale casa farmaceutica si lavora. Non sono tutte uguali. Quella per cui lavoro io è una molto importante, produce farmaci antitumorali e antivirali anche per HIV, per cui è una che va per la maggiore.”
“Ottimo allora. E c’è molto lavoro in questo ambito, presumo. I malati purtroppo sono sempre numerosi, i medici da visitare pure…”.
“Eh sì, ho un vasto bacino d’utenza, anche fuori Torino. Infatti viaggio molto, per questo quando sono in ferie preferisco un luogo tranquillo come questo, dove posso davvero riposare.”
In quel mentre si avvicinano i coniugi Brighton “Buondì a voi, avreste voglia di una partita a carte con noi?”
“Ma sì, perché no, volentieri anzi.” risponde subito Bianca, stufa di quelle chiacchiere da uomini.
E le due coppie si accomodano ad un tavolino sotto un ombrellone poco distante, lasciando Pintone solo con le sue domande inespresse. Ma il suo cervello lavorava, e macinava supposizioni. Stava ancora pensando all’aggressione subita da Amedeo. Daniele e Massimo era possibile che, a dispetto di quanto affermato da entrambi, si conoscessero: vivevano entrambi a Torino, lui promuoveva farmaci, lui gestiva una palestra, come non fare due più due? E Barbara, con la sua emicrania e il suo disagio? Volendo essere sospettosi…

Cosa e di chi sospetta Marino Pintone

  • di Barbara, che conosca Massimo e ne abbia paura (100%)
    100
  • di Daniele, che traffichi in anabolizzanti nella sua palestra, e abbia tentato di venderli anche alla villa e Amedeo l'ha scoperto (0%)
    0
  • di Massimo, che abbia qualcosa da nascondere con Daniele, che Amedeo ha sentito per sbaglio (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

38 Commenti

  1. É la prima storia di incipit che leggo e devo dire che ne sono stato piacevolmente sorpreso. Seppur con i limiti del format sei riuscita a tenere alto l’interesse.
    Effettivamente si percepiva lo stile della Christie ed è stato un tocco di classe.
    A questo punto spero di rivedere Pintone.
    Grazie per la lettura.

    • Grazie, si in effetti l’ambientazione è un po’ ispirata dalla grande Agata, e un po’ dai troppi gialli e thriller che amo seguire in TV… Volevo però anche farvi divertire nel leggere le varie situazioni, spero di esserci riuscita. Ora devo riunire i pezzi della prossima storia che ho in testa… Spero di ritrovarti. Ciao.

  2. Ti dirò che per una mia propensione sono portata sempre a credere che la colpevole sia femmina, quindi dietro ci vedo la mente di una donna, ma in questo caso ho votato per Daniele perché penso che sentisse il peso dei traffici più di altri.
    Brava, belle descrizioni!! Alla prossima

  3. Io dico che è stato Daniele ma perché Marco lo voleva obbligare a far qualcosa che “andava un po’ troppo oltre” e, visto che lo “teneva per le palle” a causa dei traffici illeciti… 😉

    Anche Barbara e Bianca sarebbe interessante, ma, avendo Pintone come difesa, la vedo più difficile 😉

    Ciao 🙂

  4. Credo che Pintone cercherà prove concrete prima di decidere di inchiodarlo.
    Ciao, buongiorno, ho letto la tua storia fin qui e devo dire che mi ha coinvolta fin da subito, soprattutto per un paio di passaggi che hai inserito e sui quali sto riflettendo ( quando mi sarò fatta un’idea precisa, te ne parlerò) mi fa piacere giocare con i bivi di questo giallo. Sono su The Incpit dal 2014, ma sono in gioco da una settimana, ho pensato di tornare per raccontare una storia sotto natale che però col natale non c’entra niente… ahahah spero di trovarti nei miei bivi. Intanto seguo la tua storia e ti auguro buon divertimento!

  5. Ciao, il 6 è un capitolo necessario per lo sviluppo della storia.
    Ho votato proseguendo nella mia richiesta volta a voler approfondire la vicenda di Barbara e i possibili attuali risvolti.
    Mi attenderei però l’inizio di una forma anche leggera un’indagine. Un indagine da vacanza.
    Attendo il nuovo capitolo.

    • Arriveranno le indagini, tranquilli Volpe, e anche Red Dragon. Ma bisogna prima creare l’occasione per poi far indagare. Un passo alla volta ci arriveremo…promesso! Grazie intanto che fedeli mi seguite, mi sembra che la community stia un po’ languendo…o no? Peccato, sarebbe peccato questo sito morisse per inedia…

  6. Beh, visto che metti l’opzione e visto che abbiamo un detective: Sono stati entrambi e sono implicati in qualcosa di losco 🙂

    Ho azzeccato l’identità di Pintone! Cioè, non che era della mobile, ma che era un detective 🙂

    In effetti è strano che Daniele scelga un posto simile, Massimo non la conta giusta, quindi direi che ci sta bene che entrambi abbiano qualcosa da nascondere 😉

    Ciao 🙂

    • Bravo, ti piacciono i gialli che hai capito che Pintone non era chi sembrava essere? 😉

      In effetti i nostri ospiti hanno tutti qualcosa da nascondere, o forse tutti noi lo abbiamo in un modo o nell’altro. Segreti che non condividiamo con nessuno, scelte di vita di cui non siamo proprio fieri e che in qualche modo nascondiamo quasi anche a noi stessi… Chissà. Vedremo cosa uscirà da questa storia.

      Perdonare la lunga latitanza, ma altri impegni mi hanno presa, cercherò di essere più veloce e non lasciarvi troppo in sospeso…

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi