Amanda

La notte delle lupe

Il freddo pungente della notte mi costringeva a ritirarmi con la testa nel cappotto in pelle. L’inverno aveva varcato la porta dell’entrata, spazzando via il mite autunno.

Quella notte ero davvero vogliosa di concedermi un regalo ambizioso, un regalo erotico. Era passata ormai una settimana dall’ultimo incontro, non ne potevo più di stare digiuna. Così, senza tentennare, uscii per strada e mi aggiunsi alle altre donne. 

Mia madre le chiamava “le lupe”. Lupe in cerca di soldi. Lupe incapaci di trovare un lavoro dignitoso. Io non le catalogavo in questo modo, ma semplicemente ragazze in cerca di divertimento. Come me.

Di certo non avevo bisogno di soldi.

Raggiunsi il marciapiedi della statale e mi avvicinai a una ragazza dai capelli rossi. Indossava una pelliccia sintetica, degli stivali col tacco dodici e dei collant neri. 

– Ciao! – la salutai, sperando di cominciare un discorso. Odiavo attendere la fermata delle auto, inoltre, molti degli autisti, chiedevano solo il prezzo e scappavano via.

– Levati dalle palle, stronza! – mi schernì, girandosi dall’altra parte.

Non volli insistere; probabilmente aveva paura che le rubassi qualche cliente.

Mi allontanai dalla sua zona, proseguendo per il rettilineo. Superai altre quattro ragazze, intorpidite dal freddo. 

Sostai in un punto scarno, dove nessuna poteva aggredirmi per aver violato la loro zona di caccia. A volte mi sembravano dei cani, pronti a proteggere la propria dimora.

Il freddo continuava ad aumentare, ma l’eccitazione e l’adrenalina lo nascondevano, facendomi perfino sudare.

Molte auto sfrecciavano sulla carreggiata e gli autisti non mi degnavano neanche un minimo sguardo. Non mi arresi, ero fiduciosa. Un bel bocconcino come me non poteva passare inosservato. 

La mia convinzione ebbe conferma dopo qualche secondo, quando un auto si arrestò davanti alla mia figura. Il finestrino oscurato si abbassò e rivelò l’aspetto dell’autista: un uomo maturo, ma dall’aspetto niente male. 

– Ciao! – il suo tono di voce, sicuro, rauco, mi fece eccitare e notai la stessa eccitazione anche nei suoi occhi. – Sei bellissima!

Sorrisi. Sapevo di esserlo: bionda, occhi azzurri, fisico snello, seno prorompente e uno sguardo da cerbiatta che faceva innamorare qualsiasi uomo. 

– Ciao, tesoro! – la mia voce si perse nel vento. – Ti vuoi divertire?

L’uomo mi guardò da capo a piedi, – Dipende cosa offri e quanto vuoi.

– Offro me stessa. – risposi, mostrando il corpo. – Per il prezzo, questa sera, possiamo anche evitare. 

– Vuoi dire che non ti prendi nulla? – aspettò il mio annuire. – Dov’è la fregatura?

– Non esiste nessuna fregatura. – ribatte decisa. Il mio sorriso lo fece sciogliere. – Non ho bisogno di soldi, ma soltanto di un bell’uomo come te.

Lo sconosciuto sembrò ipnotizzato dalle mie parole. Non credeva che stesse succedendo ciò. 

– Entra! – ordinò, appena la ragione riuscì a svegliarlo. 

Mi accomodai accanto e lo guardai. Sì, era proprio un bell’uomo. L’eccitazione divenne massima e sperai che sapesse fare sesso, senza freni, senza preoccupazioni.

L’uomo accese l’auto e partì. Notai la fede all’anulare sinistro. 

– Come ti chiami? – chiese, facendomi sussultare.

– Amanda. – ampliai un sorriso. – Tu invece?

– Non deve interessarti il mio nome. – mi zittì. – Ora sei a mia completa disposizione e dovrai fare tutto ciò che ti dirò, è chiaro?

Annuii, senza sentirmi offesa. Quella situazione mi piaceva e adoravo il suo modo di porsi. Era ciò che speravo.

Guardai fuori al finestrino e fissai le donne che sfilavano sul marciapiedi. Mai avrei pensato che non avrei più rivisto quella strada, quelle donne, quella città.

Quella sarebbe stata l’ultima notte delle lupe a cui avrei partecipato.

Cosa succederà ad Amanda?

  • I due hanno un incidente stradale. (8%)
    8
  • Amanda consuma un rapporto sessuale con l'uomo (33%)
    33
  • L'uomo si rivela una persona pericolosa (58%)
    58
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

4 Commenti

  1. Connie Angel ha detto:

    Ecco un incipit che ti da voglia di continuare a scoprire cosa succede dopo…speriamo che il seguito sia altrettanto allettante!

  2. Napo ha detto:

    Di solito non leggo il genere Eros, anzi lo evito a priori. Spero che l’eros sia solo un pretesto per una storia ben scritta.

  3. Rossella Spada ha detto:

    L’uomo si rivela una persona pericolosa.
    Intrigante il tuo incipit.
    Aspetto il seguito!

  4. stephDoc ha detto:

    Intrigante. Viene subito voglia di leggere il seguito