Amore o Follia?

Dove eravamo rimasti?

Samuele ha mollato Alessia per colpa di lei. Accetterà di vederla? Accetta di incontrarla, ma al parco, per evitare qualsiasi situazione scomoda. (100%)

Sotto al salice.

La chat con Samuele rimase silenziosa per tutto il giorno. E il giorno seguente. E il giorno seguente ancora. Gli avrebbe scritto, senza ombra di dubbio, se dopo quell’ultimo messaggio Samuele non l’avesse bloccato di nuovo. Quel tempo fu una vera tortura per Alessia. Si sentiva morire dentro, disperata e incapace di reagire. Sua madre non faceva altro che dirle che il mondo era piena di ragazzi, che era bella e che le sarebbe bastato poco per dimenticarsi di lui, di quello stronzo. Già, perché sua madre non sapeva che lui l’aveva lasciata perché era stata lei a sbagliare. Non aveva avuto il coraggio di confessarle tutto e lo aveva fatto passare per il solito maschio di turno.

Il quarto giorno, poco dopo pranzo, mentre era raggomitolata sul divano con la televisione accesa ma senza vederla realmente, il telefono vibrò. Lo sbloccò pigra e svogliata convinta che fosse la sua amica Ilaria.

Samuele.

Saltò in piedi e corse in camera sua davanti allo sguardo preoccupato della madre. Alessia si sentiva il cuore straziato. Da una parte il semplice vedere che le avesse scritto la rendeva colma di gioia ma, dall’altra, il timore di trovare qualcosa di spiacevole la gettava nell’abisso.

– 15.30 al parco, dal salice. –

Guardò l’ora. Aveva poco più di mezz’ora per prepararsi, prendere l’auto e recarsi all’appuntamento. Era decisamente una corsa contro il tempo. Samuele doveva saperlo, non poteva averlo dimenticato, e aveva fatto apposta a darle così poco preavviso. 

– Ma non riuscirò mai ad arrivare in tempo… –

Fece per inviare ma si fermò. Le stava concedendo un incontro dopo tre mesi di violento silenzio. E se così gli avesse fatto cambiare? Cancellò il messaggio e riscrisse.

– Certo, grazie. –

Il salice. Era una chiaro riferimento a loro due, a quel piccolo parco nascosto nei vicoli del centro e a quel salice sotto le cui fronde si erano baciati mille volte. Sentì una lacrima rigarle una guancia. Neanche il tempo per una doccia, a malapena per cambiarsi.

Si cambiò l’intimo, infilò jeans e maglietta, si mise un poco di trucco (non usciva mai di casa senza) e calzò le scarpe al volo uscendo di casa. Sua mamma aveva provato a chiederle dove fosse diretta, a fermarla per farla ragionare, ma non c’era tempo. Nella corsa in auto per poco non andò a sbattere e solo con un parcheggio assolutamente vietato (pazienza, avrebbe pagato la multa, ne sarebbe comunque valsa la pena), riuscì ad arrivare quasi in orario.

“Iniziavo a pensare che non saresti arrivata.”

Lui era lì, comodo sulla panchina sotto al salice, con i suoi jeans stracciati e la maglietta dei Guns. Il solo vederlo le fece spuntare il sorriso.

“Scusami ma lo sai. Io… “

“Non mi interessa. Non so nemmeno perché ho davvero accettato di vederti, figurati se mi interessa star qui ad ascoltare le tue scuse.”

Alessia si sentì morire. Sapeva che si meritava di essere trattata così, ma quella consapevolezza non lo rendeva meno doloroso. Si avvicinò ma non ebbe il coraggio di sedersi.

“Hai ragione.”

“Dimmi cosa vuoi.”

“Mi manchi” fu tutto quello che riuscì a dire. La guardò alzando un sopracciglio, ben poco convinto di quelle sue parole.

“Per come ti sei comportata mi riesce davvero difficile crederlo.”

“Lo so, ho sbagliato ma…”

“No” la fermò alzando un l’indice della mano sinistra, “non hai sbagliato. Ti sei comportata di merda. Mi hia sempre messo dopo i tuoi amici, dopo i tuoi impegni, dopo di te.”

Un attimo di pausa. Samuele guardò altrove. Aveva alzato la voce, se ne era reso conto. Si girò verso di lei e parlò con voce più misurata, ma si sentiva che era teso. Alessia si sentiva sull’orlo del pianto.

“Non so se siano state più le volte che mi hai dato buca o quelle in cui hai rispettato l’impegno preso con me. Per non parlare dei ritardi. Ore e ore su ritardi. Ma ero innamorato, come un cretino, e ti perdonavo qualsiasi cosa.”

Silenzio.

“Ti prego…”

Cercò di parlare, ma lui la fermò ancora.

“Persino all’anniversario dell’anno. Avrei capito un po’ di ritardo… ma no, tu dovevi essere stronza fino in fondo. Dovevi andare per forza a fare l’aperitivo con Mirko. Dovevi dimenticarti di me. Di noi.”

Silenzio. Alessia piangeva. Samuele le stava riversando addosso tutto l’odio che provava nei suoi confronti.

“Lo so… ho sbagliato. Ti prego, predonami.”

“Quante volte ti ho già perdonato?”

“Non lo so… tante…”

“Perché dovrei farlo ancora?”

Il tono di voce era ostile, carico di odio e rabbia. Ma se restava lì, forse c’era speranza.

“Perchè ho capito dove ho sbagliato e…. perché ti amo.”

Silenzio.

Samuele si alzò.

“Quante cazzate che mi racconti.”

Alessia si fece avanti, gli prese una mano tra le sue. Non riusciva a smettere di piangere.

“Ti prego… una possibilità. Non sarò mai più in ritardo, ti darò la precedenza su tutto, farò tutto quello che vuoi. Ti prego.”

Silenzio.

“Non lo so.”

Quelle parole fecero male, ma le fecero capire che, forse, uno spiraglio c’era.

“Ti prego.”

Samuele sospirò.

“Ho bisogno di riflettere.”

“Certo… quello che vuoi.”

La guardò e in quegli occhi Alessia vide rabbia, ma anche amore.

Cosa decide di fare Samuele?

  • No, e quando si vedono per dirglielo si presenta con la nuova fidanzata. (0%)
    0
  • Sì, ma alle condizioni di Samuele e la metterà alla prova. (100%)
    100
  • No, è finita e basta. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  • Mi ha stupito la piega che ha preso perché non mi aspettavo l’apertura da parte di Samuele. Voto una semplice maglia (o almeno io la immagino semplice ahah) e un paio di jeans per vedere cosa succede..
    Ps: ti ho seguito silenziosamente fino a qui e alla fine mi sono decisa a commentare 🤗

  • Ho votato per il NO e questo perché mi pare ipocrita pensare che in poche ore si possano ricucire un rapporto. D’altra parte troverei corretto che Samuele spiegasse a che punto sono, che da parte sua non sta cercando un’altra e che la pensa molto, come un tempo.
    Oppure no, potrebbe dire che si sta sentendo con un’altra ma che il pensiero di lei continua a perseguitarlo.
    Narrativamente parlando il NO è la soluzione migliore per creare complessità.
    Buona scrittura e complimenti

  • Ciao, mi piace la storia di Alessia e Samuele, la seguo volentieri.
    Il tipo col cane non mi pareva il caso di inserirlo, la scena era intima e dovrebbe avere ripercussioni più personali, secondo me, per cui ho votato che non si è accorto di nulla, non me ne volere.
    Seguo, alla prossima

  • Ciao, ho appena finito di leggere il tuo incipit.
    Mi piace molto il tuo stile di scrittura; ho trovato solo un piccolo errore nel periodo “l’aveva persino bloccata, su tutti i canali…”, credo che quella virgola debba stare dopo la parola “canali”, non prima…. penso che sia un errore di battitura è sicuramente tu l’avrai già notato, ma mi sembrava utile dirtelo.
    Per il resto non ho trovato imperfezioni.
    Ma proprio non vuoi dircelo perché Alessia è Samuele si sono lasciati, vero?😂
    Comunque voto per farli incontrare al parco…. credo ci sia proprio bisogno di un ulteriore confronto.
    Ti seguo, aspettando il tuo prossimo capitolo.

    • Ciao Rossella, grazie per avermi letto e per avermi commentato! Ti confesso che ho scritto di getto e non ho riletto, quasi mi stupisco che tu abbia trovato soltanto quella nota stonata! Però non riesco a trovare il modo di modificare il testo…
      Ti interessa saperlo? Probabile che nei prossimi capitoli salti fuori. Magari già dal prossimo, chi lo sa!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi