Amore o Follia?

Dove eravamo rimasti?

Cosa decide di fare Samuele? Sì, ma alle condizioni di Samuele e la metterà alla prova. (100%)

Il bivio.

Alessia era rimasta immobile quando Samuele se ne era andato lasciandola lì da sola, senza una vera risposta. Solo dopo un tempo indefinito era tornata alla macchina, per fortuna senza trovare una multa, e poi a casa. Quella notte aveva dormito malissimo, proiettata in incubi in cui Samuele decideva di abbandonarla per sempre.

Si svegliò tardi e rimase nascosta sotto il lenzuolo leggero.

Aveva sbagliato. Solo quando l’aveva lasciata si era resa davvero conto di quanto l’amasse e senza di lui la vita le sembrava un inferno. Il giorno trascorse lento e interminabile.

“Non capisco perché dovrei riprenderti.”

Il messaggio le arrivò da parte di Samuele a metà serata, mentre stava sdraiata sul letto a guardare una serie sul portatile. Non appena lesse il messaggio si sentì avvolta dalla disperazione e, per un attimo, le mancò l’aria.

“Perché ti amo…”

“E con questo? Anche io ti amavo, ma mi hai trattato da schifo lo stesso.”

“Ho capito dove ho sbagliato. Non lo farò più. Farò tutto quello che vuoi.”

“Non lo so…”

“Una possibilità. Dammi solo una possibilità.”

“So che mi pentirò di questa scelta. Domani mattina alle dieci, al parco.”

“Sì, certo, sarò puntuale!”

Alessia impazzì di gioia e iniziò a ballare per tutta la stanza.

“Un’ultima cosa.”

Lesse il messaggio con una certa ansia, temendo un ripensamento.

“Sì?”

“Vieni in gonna.”

Rimase un attimo perplessa da quella richiesta. Samuele non aveva mai fatto richieste sul suo abbigliamento, ma se era questo che voleva per tornare con lei, l’avrebbe fatto ben volentieri.

“Come desideri.”

Eccitata com’era dormì poco. Si sentiva elettrizzata e non riusciva a chiudere gli occhi. Per cercare di calmarsi scivolò con una mano tra le cosce, accarezzandosi lentamente il clitoride. Il piacere si diffuse subito in tutto il suo corpo e Alessia si abbandonò al languore. Si mosse con grazia, cercando di godersi ogni istante di quella coccola. Con l’indice e l’anulare scivolò tra le labbra e le divaricò, mentre con il medio mise nuova energia nelle carezze.

Il respiro si fece corto. Iniziò a gemere. Per timore di farsi udire dalla madre morse il cuscino.

Se ci fosse stato Samuele…

Il dito scivolò dentro di lei, strappandole un urlo silenzioso.

Le piaceva toccarsi. Le piaceva da morire ed era una pratica a cui non riusciva a rinunciare, mai, nemmeno quando aveva il fidanzato.

Continuò a farlo così, alternando lente penetrazioni a dolci carezze sul clitoride fino a quando non sentì montarle l’orgasmo. Incapace di trattenersi iniziò a sfregare quel piccolo bottoncino di carne sempre più veloce, fin quando il piacere non esplose, travolgendola.

Il giorno dopo si svegliò per tempo, piena di energia. Era ottimista in merito all’incontro e la vita sembrava profumata e luminosa.

Si lavò con cura e si vestì con attenzione. Mise uno dei suoi initmi preferiti, mutandine e reggiseno imbottito rosso scuro con gli orli di pizzo. Indossò una gonna dal taglio classico, nero, e una tshirt sfiancata. Guardandosi allo specchio, però, le parve mancasse un dettaglio. Prese dal cassetto un paio di autoreggenti e le indossò.

Ora era perfetta.

Se doveva convincere Samuele a tornare con lei l’avrebbe fatto con tutti i mezzi che aveva a disposizione.

Parcheggiò senza il rischio di una multa, raggiunse la panchina sotto il salice e si mise seduta, ginocchia unite.

Era in anticipo di dieci minuti.

Sorrideva.

Samuele arrivò vestito casual come sempre.

“Beh? Cosa ci fai già qui?”

“Non volevo deluderti arrivando in ritardo.”

“Lo apprezzo.”

Fu bello sentirglielo dire.

“Grazie.”

“Ho riflettuto Ale. Tu mi piaci, lo sappiamo entrambi. Non lo so se ti amo ancora, sono onesto. Mi hai ferito con quel tuo modo di fare egoista e disinteressato.”

Alessia si fece triste.

“Lo so, hai ragione, mi dispiace molto. Non avevo capito quanto tu sia importante me, Simo. Dammi la possibilità di rimediare. Non te ne farò pentire.”

“Proprio di questo ho paura. Pentirmi.”

Alessia si alzò in piedi, gli prese le mani nelle sue e lo guardò come se fosse stato l’unico uomo sulla Terra.

“Non succederà. Ti prego…”

“Chi mi dice che non farai quello che hai già fatto?”

“Farò quello che vuoi. Se non sarò all’altezza, allora, sparirò dalla tua tua.”

Samuele la guardò dubbioso.

“Quello che voglio?”

“Mettimi alla prova.”

Lo vide fare un passo indietro, guardarla, girarle intorno e guardarla ancora.

“Stai bene vestita così. Sei molto sexy… e provocante.”

Alessia si sentì arrossire. Ed eccitare.

“Grazie…”

“Ti prenderei lì, sulla panchina.”

L’idea di fare l’amore su una panchina, al parco, in pieno giorno, le fece paura ma, al tempo stesso, la eccitò. E poi era con Samuele, avrebbe fatto qualsiasi cosa per lui. Sentì le guance diventare color pomodoro.

“Se è quello che vuoi… fallo.”

“Voglio fare colazione con te. Ma prima voglio che tu faccia una cosa per me.”

“Quello che desideri.”

Samu la guardò negli occhi.

“Togliti le mutande.”

Alessia sgranò gli occhi, sorpresa. Per quanto fossero protetti dalle fronde del salice non erano soli. Avrebbero potuto vederli.

“Cosa…”

“Togliti le mutande. Ora.”

Cosa decide di fare Alessia?

  • Acconsente e scappa per la vergogna. (0%)
    0
  • Rifiuta, sapendo che la sua storia con Samuele finirà lì. (0%)
    0
  • Acconsente e si sfila le mutande pur di stare con Samuele (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  • Mi ha stupito la piega che ha preso perché non mi aspettavo l’apertura da parte di Samuele. Voto una semplice maglia (o almeno io la immagino semplice ahah) e un paio di jeans per vedere cosa succede..
    Ps: ti ho seguito silenziosamente fino a qui e alla fine mi sono decisa a commentare 🤗

  • Ho votato per il NO e questo perché mi pare ipocrita pensare che in poche ore si possano ricucire un rapporto. D’altra parte troverei corretto che Samuele spiegasse a che punto sono, che da parte sua non sta cercando un’altra e che la pensa molto, come un tempo.
    Oppure no, potrebbe dire che si sta sentendo con un’altra ma che il pensiero di lei continua a perseguitarlo.
    Narrativamente parlando il NO è la soluzione migliore per creare complessità.
    Buona scrittura e complimenti

  • Ciao, mi piace la storia di Alessia e Samuele, la seguo volentieri.
    Il tipo col cane non mi pareva il caso di inserirlo, la scena era intima e dovrebbe avere ripercussioni più personali, secondo me, per cui ho votato che non si è accorto di nulla, non me ne volere.
    Seguo, alla prossima

  • Ciao, ho appena finito di leggere il tuo incipit.
    Mi piace molto il tuo stile di scrittura; ho trovato solo un piccolo errore nel periodo “l’aveva persino bloccata, su tutti i canali…”, credo che quella virgola debba stare dopo la parola “canali”, non prima…. penso che sia un errore di battitura è sicuramente tu l’avrai già notato, ma mi sembrava utile dirtelo.
    Per il resto non ho trovato imperfezioni.
    Ma proprio non vuoi dircelo perché Alessia è Samuele si sono lasciati, vero?😂
    Comunque voto per farli incontrare al parco…. credo ci sia proprio bisogno di un ulteriore confronto.
    Ti seguo, aspettando il tuo prossimo capitolo.

    • Ciao Rossella, grazie per avermi letto e per avermi commentato! Ti confesso che ho scritto di getto e non ho riletto, quasi mi stupisco che tu abbia trovato soltanto quella nota stonata! Però non riesco a trovare il modo di modificare il testo…
      Ti interessa saperlo? Probabile che nei prossimi capitoli salti fuori. Magari già dal prossimo, chi lo sa!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi