Cronache della Valle: La fratellanza dell’Ariete.

Dove eravamo rimasti?

La fratellanza arriva ad Akash, cosa succede? La città è in fiamme (100%)

CAPITOLO 5.

Arrivati ad Akash, gli uomini della fratellanza assistettero ad un macabro spettacolo. La lunga cinta muraria che cingeva la cittadina, era ben più lungha e alta di quella di Ankar. Era ornata sulla cima da statue di marmo raffiguranti dee e demoni. Il portone principale, enorme, aveva su entrambe le imposte una placca di spesso ferro x5, fissata al legno, raffigurante l’emblema della Vergine: una donna nuda dai seni prominenti e da lunghi boccoli che le ricadevano sulle spalle, su un pavimento di nuvole. Le statue marmoree che si ergevano sulle mura raffiguravano la medesima figura, ad intermittenza con altre di uomini con facce ghignanti a mostrare denti aguzzi, corna sulla testa e occhi dal taglio lungo e fino.
Lilith aveva fatto ergere, tra una statua e l’altra, delle croci, dove vi erano appesi i resti carbonizzati di esseri la cui razza era ora irriconoscibile, ma che continuavano a bruciare insieme alle loro croci di legno e ferro, in una sfilata di decine e decine di alte fiamme che con il loro fumo coprivano il cielo e gettavano un ombra tetra sulla città.
Due grossi Alti presidiavano l’entrata della città. Quando videro  i tre Capitani con la compagnia al seguito, aprirono subito l’enorme portone.
<< Ben tornato ad Akash.>> disse uno dei due al Demone.
<< Ben tornato Signore.>> seguitò l’altro.
<< Che cosa sta succedendo qui?>> Domandò il Demone, cercando di tenere fermo, con una decisa strattonata di briglie, il suo cavallo che scalpitava, impaurito dal fumo e dal fuoco.
<< La Regina ha fatto inchiodare e bruciare tutti coloro che professavano culti e religioni stranieri, al di fuori della Valle.>>
Erano perlopiù Sacerdoti Reptikol, Nimjam, o umani di razza Orientale, intuì subito il Demone. gente appartenente a terre straniere, perlopiù a est della Valle e all’estremo Nord, oltre le Arklay. Popolazioni primitive e grezze che professavano con stoltezza i loro culti altrettanto primitivi in una città in cui si adorava Lilith. Stolti, ma che non meritavano quella fine.
Lilith si professava una Dea- Regina, e con quel gesto aveva tolto di mezzo tutti coloro che non la volevano venerare.
La maggior parte poveri sacerdoti straccioni.
Woody, ancora di fianco alla carovana che trasportava il Dragone, guardava dalle retrovie, incredulo, le decine di corpi carbonizzati avvolti nelle fiamme, così come incredulo e terrorizzato era suo cugino Norbert.
<< E’ peggiorata, la puttana >> disse il Dragone, scoppiando poi in una fragorosa risata.
<< Chi ha messo a capo della guardia cittadina mentre ero via?>> domandò, con tono aspro, il Demone alle guardie.
<< Albus Kraser, Signore.>>
Il Demone non rispose, conosceva bene quell’uomo. Albus Kraser, il più piccolo dei cinque figli di Kalber Kraser, conte di Marvich, a Nord di Akash, era l’essere umano di razza Alta più brutale che avesse mai conosciuto. Quando vi era ancora lui a capo della guardia reale, Albus era un semplice soldato, che però si era sempre distinto per la sua crudeltà e brutalità. Era stato mandato ad Akash da piccolo, quando ancora il conte Dwayne era vivo, ad addestrarsi nelle arti militari, dopo che il padre, grande Capitano del grande Esercito di Marvich, sotto l’emblema del Cancro, aveva assistito un giorno ad uno spettacolino mostratogli dal figlio, che allora aveva solo sei anni. Un giorno, Albus aveva litigato con un ragazzino Nimjam, senza troppe parole, lo aveva scaraventato a terra e poi gli aveva rotto l’osso del collo con la stessa facilità con cui si poteva rompere ad una gallina. Così il padre, amico di Dwayne, aveva stretto ulteriormente l’alleanza delle loro città e la loro amicizia mandando il figlio ad arruolarsi ad Akash. Era usanza, nella Valle, che i figli più piccoli di una casata venissero spediti ad arruolarsi in un’altra famiglia alleata. Ciò definiva un’alleanza.
<< Va bene..>> si limitò a dire il demone<< ..entriamo.>>
Soldati corazzati con l’emblema del Demone presidiavano le strade, mentre nei vicoli si sentivano urla di donne stuprate e pianti di bambini.
Arrivati ai piedi del palazzo reale, la guardia personale di Lilith, con l’emblema della Vergine sull’armatura, sorvegliava i portoni principali. Erano cinque, stavolta erano tutti umani di Razza Alta. 
” Deve aver scelto i migliori, mentre ero via” constatò il Demone.
La compagnia si fermò lì davanti a loro, mentre da dietro il Palazzo, dove vi era il Cortile di Akash dove si affacciava la grossa balconata delle stanze della Contessa, si sentivano centinaia di voci acclamare ” la Dea- Regina”.
I tre Capitani scesero da Cavallo, Caleb chiamò Woody e Norbert, con le casse di essenza e la pergamena con i termini della tregua chiesta da Edwaed.
Una decina di soldati, compreso quello che portava la carovana con il Dragone, presero il prigioniero per portarlo nel Palazzo Reale, gli misero una benda sugli occhi.
<< Ci risiamo, eccoci di nuovo qui >> disse Woody a Norbert.

Lilith, accecata dal potere, accetterà la tregua?

  • Ci sarà la battaglia di Akash. (100%)
    100
  • L'accetterà, ma i Ratatok e il Dragone saranno prigionieri. (0%)
    0
  • Non l'accetterà, e i Ratatok di nuovo prigionieri, stavolta insieme al Dragone. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  • Si, e vorrà unire le sue forze a quelle di Edwaed per andare ad est, ma tra le controrichieste c’è quella che vuole Woody in mezzo alla compagnia.
    Lillith è una st… ma mi dà l’impressione di essere preoccupata per l’essenza arancione. Perché vuole Woody? Ma come cavia, no? 😉
    Naturalmente ci sarà anche un voltagabbana ma prima vuole scoprire l’essenza arancione 🙂

    Capitolo nettamente migliorato rispetto al precedente. Bravo! 😀

    Ciao 🙂

  • Io voto “i due riescono ad immobilizzarlo, ma non lo uccideranno, lo porteranno ad Akash da Lilith”.
    Come al solito scrivi cose interessanti ma in alcuni punti difficili da leggere. Non sempre si capiscono i soggetti che parlano o che agiscono ed alcune frasi mi risultano contorte. Ad esempio:
    “La trovò. Era alla sua sinistra, proprio dove il Dragone aveva trafitto la sua spalla. I’acciaio x1 di cui era fatta quella corazza non aveva resistito all’enorme potenza del dragone e si era completamente squarciato, lasciando che il fendente trafiggesse anche metà della spalla di Sully, che ora squarciata quasi in due buttava sangue a fiotti. Sully urlò di dolore, poi tese il braccio per raccogliere la spada..”
    Non era meglio che la descrizione di quanto è accaduto alla spalla di Sully fosse descritto prima? E lasciare la frase di lui che impugna la spada più fluida?

    Per il resto, continua che ti seguo ^_^

    Ciao 🙂

  • Non ho letto la tua prima storia, ma qui c’è qualche problema di leggibilità… come ti hanno già fatto notare la prima parte del capitolo è una lunga lista di nomi ed eventi che funzionerebbero meglio come riassunto o come appendice che non come introduzione alla vicenda: meglio concentrarsi sulle informazioni essenziali e tenere il resto per quando davvero serve, se serve. La seconda parte migliora un po’, visto che vai a descrivere una sequenza unica, ma cerca di rileggere più volte quello che scrivi se già non lo fai, perchè ci sono diversi refusi che potrebbero essere facilmente evitati e altre cose un po’ strane, per esempio… se descrivi il Dragone come un uomo “enorme” dimmi che è almeno venti, trenta cm più altro del fratello, perchè dieci sono davvero pochi per dare l’idea di imponenza. Comunque sono tutti problemi che si possono risolvere trovando qualcuno che fa beta reading, magari un amico interessato alla storia che ti può dare qualche input come questi per migliorarla prima della pubblicazione. Ciao!

  • Troppi nomi, troppa confusione.
    Ma non ho capito… la cinta muraria sarebbe una circonvallazione? C’è qualcosa che mi sfugge.
    Va bene il fantasy,ma se un colpo di spada ti apre l’armatura in due chi c’è sotto proprio bene non sta.
    L’idea può anche essere interessante, ma il testo ha bisogno di una profonda controllata.

    • Sì, questo punto non è stato facile per niente, magari qualcuno esperto mi aiutasse a migliorare! Comunque è il seguito di ” il viaggio di woody” che ho scritto con un altro profilo, se ti fa fammi sapere anche di quello! Grazie

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi