Cronache della Valle: La fratellanza dell’Ariete.

Dove eravamo rimasti?

Un'ombra.. ///// (100%)

CAPITOLO 7.

Era tutto sfocato, ma Woody poté vedere la sagoma di un uomo alto che aveva sfondato il portone: era il Demone.
D’un tratto, si sentì il boato soffocato di un’esplosione, seguito da altri. Il pavimento tremò e ondeggiò come acqua. Woody temette che il palazzo reale crollasse. Il primo pensiero che gli venne in mente furono le segrete. Il rumore veniva senz’altro da lì sotto.
<< Lilith!>> aveva urlato il Demone, correndo verso la vasca. Mentre cercava di rialzarsi, una nuova, potente, folata di vento si mosse all’interno delle stanze. Qualcosa di impercettibile eppure così vivida. Un’ombra, una grossa ombra nera avviluppò il guerriero e poi lo scaraventò dirimpetto alla parete in fondo alla sala da bagno. Il tonfo fu enorme, il muro si sgretolò al contatto e il Demone schizzò via, lanciato come fosse una palla.
Il pavimento si riassestò, Woody corse istintivamente verso la finestra, ma l’ombra lo raggiunse, la vide con la coda dell’occhio.
Un altro pugno gli si schiantò in faccia, stavolta sullo zigomo opposto. Woody sentì le ossa sgretolarsi, il mondo girare e diventare nero. Fu di nuovo buio.
Non seppe dire per quanto tempo rimase privo di sensi. Quando riaprì gli occhi, era su un carro pieno zeppo di patate, carote e cipolle, immerso lì dentro come fosse anche lui un grosso ortaggio. La vista piano piano si schiarì, sentiva la faccia bruciare e fare un male d’inferno. Provò a toccarsi uno zigomo e sentì che era gonfio come un pallone. 
Si alzò, cercando di non perdere l’equilibrio in mezzo alle vettovaglie nel carro.
C’era un fiume di soldati a cavallo davanti e attorno a lui. Soldati, carri merci e gabbie con prigionieri. Le loro corazze, scintillanti, erano ornate, sul petto e sulle spalliere, dall’emblema di una tigre ringhiante. Appoggiandosi alle battute del cassone per non perdere l’equilibrio, si voltò e vide altri soldati a cavallo, dietro di loro c’erano prigionieri a piedi, legati per le mani e l’un l’altro per la vita, che sfilavano dietro il gruppo.
Alzando lo sguardo dietro di sé, vide Akash in lontananza. 
<< Dov..dov’è Norbert..>> domandò al soldato seduto sul cavallo che trainava il carro.
<< Dove stiamo andando? >>
<< Troppe domande, scoiattolo, e reggiti, che va a finire che cadi e ti passano sopra>> Il soldato nemmeno si girò per guardarlo.
” Perché non sono ancora morto? Se non mi hanno ancora ucciso forse ho una possibilità” pensò Woody.
<< Hey! Tu! Dai dimmelo, dove stiamo andando? >> C’era un cavallo alla sua destra, che trainava un enorme carro, non un cassone aperto come quello su cui era lui, ma una gabbia chiusa di legno con solo un piccolo spioncino apribile solo dall’esterno.
” Chi c’è lì dentro?” Appoggiandosi alla battuta davanti a lui e sporgendosi, vide, tra la folta schiera di soldati, altri carri merci e altre gabbie. 
<< Ti ho detto di stare zitto, coglione! >> stavolta la voce dell’uomo era irritata.
Woody frugò tra gli ortaggi, tirando fuori una grossa rapa. Gliela tirò in testa e scoppiò a ridere. Anche i soldati attorno a lui risero. 
<< Avete visto cos’ha fatto lo scoiattolo a Elber?>> disse qualcuno nelle retrovie.
<< Maledetto scoiattolo! Quando ci fermeremo ti riempirò di botte! >> Il soldato era furibondo.
L’esercito in marcia entrò in un fitto bosco.
” La strada per Ankar ” pensò Woody. Voleva saltare giù e scappare, ma era letteralmente circondato da cavalli, inoltre non sapeva dov’era suo cugino Norbert.
<< Hey, almeno dimmi cos’è successo? Quanto tempo sono rimasto privo di sensi?>> riprovò ad avere qualche informazione, ma quello si limitò a grugnire.
Un soldato alla sinistra del carro gli rispose:<< Passiamo ad Ankar, poi torniamo ad est, a Sportym. Ora, per favore, vuoi chiudere quella bocca, o al tuo conte gli dobbiamo portare la tua testa? >>
” Me l’avrebbero già tagliata se qualcuno non mi avesse voluto vivo, ma dov’è Norbert?”
<< Mio cugino, il Ratatok grosso, è vivo?>> chiese preoccupato.
<< Sì, non preoccuparti>> Una voce giovane dietro di lui rispose alla sua domanda. Woody si voltò, qualcuno si avvicinò al carro. Indossava una tunica con  un cappuccio sulla testa, il volto coperto eccetto per gli occhi. Ma Woody poté riconoscere gli occhi nel buio della sera: erano occhi di Ratatok.
Il tizio era alto e snello, con spalle larghe. dalla voce sembrava poco più che un ragazzo. 
<< Tu chi sei? >>
Un’altra voce, si levò alla sua sinistra. 
<< Quello che ti ha portato via da lì >> Era una voce di ragazza.
Woody si voltò, un altro ratatok incappucciato si era avvicinato al suo carro. Nonostante anche lei fosse totalmente coperta da una tunica con cappuccio e un velo che copriva il volto, Woody poté vedere, dalle forme che si intravedevano, che era una ragazza. Intanto il folto gruppo sfilava attraverso il bosco, scendeva la notte sopra di loro.
<< Sono Vela, lui è Giorghen. E stiamo andando ad Est.>>

Cos'è successo a Lilith, al Demone e al Dragone?

  • Lilith è prigioniera, il Demone e il Dragone sono vivi. (100%)
    100
  • Lilith è prigioniera, il Demone è morto, il Dragone è vivo. (0%)
    0
  • Lilith è' morta, il demone è morto, Il Dragone è vivo. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  • Si, e vorrà unire le sue forze a quelle di Edwaed per andare ad est, ma tra le controrichieste c’è quella che vuole Woody in mezzo alla compagnia.
    Lillith è una st… ma mi dà l’impressione di essere preoccupata per l’essenza arancione. Perché vuole Woody? Ma come cavia, no? 😉
    Naturalmente ci sarà anche un voltagabbana ma prima vuole scoprire l’essenza arancione 🙂

    Capitolo nettamente migliorato rispetto al precedente. Bravo! 😀

    Ciao 🙂

  • Io voto “i due riescono ad immobilizzarlo, ma non lo uccideranno, lo porteranno ad Akash da Lilith”.
    Come al solito scrivi cose interessanti ma in alcuni punti difficili da leggere. Non sempre si capiscono i soggetti che parlano o che agiscono ed alcune frasi mi risultano contorte. Ad esempio:
    “La trovò. Era alla sua sinistra, proprio dove il Dragone aveva trafitto la sua spalla. I’acciaio x1 di cui era fatta quella corazza non aveva resistito all’enorme potenza del dragone e si era completamente squarciato, lasciando che il fendente trafiggesse anche metà della spalla di Sully, che ora squarciata quasi in due buttava sangue a fiotti. Sully urlò di dolore, poi tese il braccio per raccogliere la spada..”
    Non era meglio che la descrizione di quanto è accaduto alla spalla di Sully fosse descritto prima? E lasciare la frase di lui che impugna la spada più fluida?

    Per il resto, continua che ti seguo ^_^

    Ciao 🙂

  • Non ho letto la tua prima storia, ma qui c’è qualche problema di leggibilità… come ti hanno già fatto notare la prima parte del capitolo è una lunga lista di nomi ed eventi che funzionerebbero meglio come riassunto o come appendice che non come introduzione alla vicenda: meglio concentrarsi sulle informazioni essenziali e tenere il resto per quando davvero serve, se serve. La seconda parte migliora un po’, visto che vai a descrivere una sequenza unica, ma cerca di rileggere più volte quello che scrivi se già non lo fai, perchè ci sono diversi refusi che potrebbero essere facilmente evitati e altre cose un po’ strane, per esempio… se descrivi il Dragone come un uomo “enorme” dimmi che è almeno venti, trenta cm più altro del fratello, perchè dieci sono davvero pochi per dare l’idea di imponenza. Comunque sono tutti problemi che si possono risolvere trovando qualcuno che fa beta reading, magari un amico interessato alla storia che ti può dare qualche input come questi per migliorarla prima della pubblicazione. Ciao!

  • Troppi nomi, troppa confusione.
    Ma non ho capito… la cinta muraria sarebbe una circonvallazione? C’è qualcosa che mi sfugge.
    Va bene il fantasy,ma se un colpo di spada ti apre l’armatura in due chi c’è sotto proprio bene non sta.
    L’idea può anche essere interessante, ma il testo ha bisogno di una profonda controllata.

    • Sì, questo punto non è stato facile per niente, magari qualcuno esperto mi aiutasse a migliorare! Comunque è il seguito di ” il viaggio di woody” che ho scritto con un altro profilo, se ti fa fammi sapere anche di quello! Grazie

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi