L’APPARENZA INGANNA

Dove eravamo rimasti?

chi sarà la pima persona che conosceranno? il prete della chiesa (100%)

COINCIDENZE

Il mattino seguente era un sabato soleggiato, e la famiglia Sanders decise di visitare la città anche in cerca di nuove amicizie.

Arrivati al largo piazzale notarono subito che non c’era molta gente nei paraggi quindi entrarono nei negozi e nei bar.

“io vado in chiesa”. Disse Monica. La donna essendo molto religiosa era abituata ad andare ogni week-and in chiesa a pregare.

Entrata nella chiesa molto spaziosa all’interno, notò subito l’altare bianco con sopra di esso un enorme crocifisso raffigurante gesù. Fece il segno della croce e si mise in ginocchio tra le panche marroni.

passati circa 5 minuti le si avvicnò una figura di color viola che le toccò la schiena in modo delicato.

“ODDIO!!”. urlò spaventata Monica, “SHH!! mi dispiace non volevo spaventarla” disse Don Julio. “Oh, mi scusi tanto pensavo che non ci fosse nessuno”. disse Monica ora più tranquilla. ” Io sono sempre qui…invece è molto strano che lei venga il sabato in chiesa di solito non vedo mai nessuno” si domandò il prete. “io sono molto religiosa, credo nella chiesa”. disse Monica. “Comunque io sono Don Julio”. disse lui, ” piacere Monica, sono nuova di qui, ci siamo trasferiti ieri con la mia famiglia nella casa sulla collina”. disse lei. ” la casa sulla collina?!”. domandò spaventato il prete. “si…Don Julio si sente bene la vedo pallido?…”domando la donna. ” Benissimo… ci vediamo domani a messa”. disse il prete, e se ne andò a passo svelto senza sentire il saluto di Monica.

Riunitasi con la famiglia andarono a mangiare in una tavola calda per cena e verso le 21.00 tornarono a casa.  

Durante la notte Jenny si svegliò spaventata e sudata.Chiamò i genitori per raccontargli quello che aveva sognato.La ragazza disse di aver sognato una donna che la fissava mentre dormiva davanti il letto…ma questa donna aveva una particolarità…aveva mezzo volto senza pelle, come bruciato con dell’acido. I genitori la tranquillizzarono e le dissero che era solo un brutto sogno…ma non sapevano ancora che tutto quello che aveva sognato era vero.

verso le 5 del mattino Tom si svegliò perchè aveva sete, quindi scese giù in cucina a prendersi un bicchiere d’acqua…ma mentre scendeva le scale una folata di vento fortissima lo fece cadere all’indientro e lo fece scivolare per tutta la scalinata fino a terra. Ovviamente il resto della famiglia sentì il tonfo e corsero subito a vedere cosa fosse successo, e videro il loro povero figlio a terra che non si muoveva, ansimava solo. 

“O MIO DIO”! urlò Monica . “TOM!!” urlò il padre. scesero subito a vedere se si era ferito gravemente e videro che aveva un taglio sulla fronte e che non riusciva a muovere la caviglia destra.

lo portarono subito all’unico piccolo ospedale del paese… spiegarono tutto al dottore che lo medicò, gli mise degli speciali cerotti che aiutavano a far cicatrizzare la ferita e ingessò la caviglia in modo da non farla muovere. 

“Ragazzo posso sapere come hai fatto” disse il dottore. ” stavo scendendo le scale per prendere dell’acqua e una folata di vento fortissima mi ha spinto e fatto scivolare giu per le scale”. “ma noi non avevevamo nessuna finestra aperta” disse Luis. “Molto strano…dove abitate?” domandò il dottore. ” nella casa sulla collina”. disse Monica. il dottore la guardò spavenatato e impassibile e poi disse:”Forse è meglio che il ragazzo rimane qui per stanotte in modo da tenerlo sotto osservazione”. i due genitori si guardarono incuriositi ma non replicarono.

cosa decidono di fare Luis e Monica?

  • vanno direttamente dal prete (0%)
    0
  • Monica spiega quello che è successo con il prete al marito (0%)
    0
  • decidono di lasciare stare (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

2 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi