Nel tempo libero

Dove eravamo rimasti?

Si rivedranno Carla e Giulio? Sì, e lui sarà fondamentale per le scelte successive di Carla (57%)

La palestra

 

Nel giro di pochi giorni dopo il ritorno a casa, mi resi conto che qualcosa era cambiato in me. Sentirmi concupita, desiderata aveva aumentato la mia autostima.

Mi guardai allo specchio nuda, una mattina, e decisi che potevo ulteriormente migliorare.

Mi imposi una dieta con un minimo di carboidrati e molta frutta e verdura. Poi chiesi a Maurizio il permesso, ma soprattutto il denaro, per iscrivermi a una palestra non lontano da casa per iniziare fitness, come la maggior parte delle mie amiche. Non fu subito d’accordo, è piuttosto taccagno, ma quando gli feci presente che mostrare una moglie in forma agli amici e conoscenti avrebbe fatto fare una bella figura anche a lui, acconsentì a pagare sia i primi tre mesi di iscrizione alla palestra, sia il corredo completo di magliette, fuseaux e scarpette.

Frequentare quell’ambiente sportivo fu utile sia alla mia forma fisica, sia al mio successo sociale: mi feci parecchie amiche ed ebbi il piacere di essere corteggiata da vari uomini, sia soci sia istruttori. La cosa più piacevole fu il rendermi conto che potevo scegliere. Il palestrato almeno 10 anni più giovane? Il distinto sessantenne pieno di soldi (le storie in palestra girano in fretta)? L’istruttore bello come un divo del cinema che già se la faceva con almeno altre due donne?

Beh, con un bel po’ di abilità nel gestire la situazione, evitando accuratamente qualsiasi atto affettivo in pubblico lì in palestra,  ma accettando incontri fuori e lontano dal centro sportivo, nel giro di un paio di mesi me li feci tutti e tre!

Che cambiamento dalla moglie timida di poco tempo prima.

Grazie alla superficialità di Maurizio, che non si accorse mai di nulla, potei intrecciare queste tre storie a mio piacimento. Stranamente quello che mi diede più soddisfazione fu proprio il più anziano, sessantadue anni ben portati, l’unico dei tre che fu in grado di farmi godere al massimo grado, grazie all’esperienza accumulata.

Gli altri due sembrava che mi facessero un regalo concedendomi i loro corpi muscolosi e abbronzati. Tanto che per dispetto mi limitai a farmi scopare ma senza usare la bocca su di loro, come avrebbero certamente gradito. Mi servì anche a liberarmene. Avranno detto che me la tiravo, ma chi se ne frega.

Dopo tre mesi di palestra decisi, guardandomi nuovamente allo specchio, che ne era valsa la pena. E chiesi a mio marito di rinnovare l’associazione almeno per il primo anno.

“Ma è proprio necessario”disse. “Non ti è bastato?”.

Ero appena uscita dalla doccia e con nonchalance feci lentamente cadere l’accappatoio a terra vicino al letto e mi girai per mostrargli glutei e polpacci tonici e muscolosi al punto giusto. “Che ne dici? E’ valsa la pena?”gli chiesi mentre mi giravo nuovamente offrendo i miei seni alla sua vista, incrociando le mani dietro il collo per farli alzare al massimo.

Ebbe un espressione confusa e decisamente allupata (mi si scuserà questa espressione).

Facemmo sesso come non avveniva da tempo, e alla fine mi disse che potevo continuare in palestra quanto volevo.

Due giorni dopo arrivò a sorpresa una telefonata di Giulio.

 

Cosa dice Giulio a Carla?

  • Chiama dal Sud America dove si è trasferito e le chiede di raggiungerlo (17%)
    17
  • Le comunica che la ha fatta controllare e che sa tutto di lei. E le fa una proposta (67%)
    67
  • La vuole rivedere perché è una donna speciale (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

42 Commenti

  1. Ciao, causa impegni scolastici (sembra non finiscano mai!) avevo perso alcuni capitoli, ma li ho subito recuperati.
    Mi piace il fatto che l’attenzione si sia spostata su Carla: dopotutto, ci saranno dei motivi che “giustificano” le sue scelte future.
    Voto per la proposta di Giulio di raggiungerlo in Sud America.
    Aspetto il prossimo capitolo, a presto.

  2. Ciao dtephDoc,
    Frequento palestre da tanto ed è vero che ci sono persone così. La riconosco quando dice “taccagno” o “allupata” mentre nel racconto non sembra lei, troppo educata, sembra un po’ una recita la sua, forse sta dicendo qualche bugia? Ci racconta la sua vita come vorrebbe che fosse? In ogni caso il personaggio sta venendo fuori, merito tuo. aspetto il prossimo capitolo e ti saluto. Ciao🙋

  3. Ciao, mi ero persa un paio di capitoli ma mi sono aggiornata subito. Premetto che queste storie non sono tanto nelle mie corde, ma tu scrivi bene e ti lasci leggere comunque con piacere. Mi piacerebbe pensare che Carla abbia comunque dei ripensamenti, che non sia così “puttana” come potrebbe sembrare, e quindi voto per una fase di crisi. Alla prossima!

  4. Sì, mi sono immaginata che lui sarà fondamentale per il suo futuro perché magari sarà proprio lui a spingerla verso la casa di appuntamenti… ma questa è la mia storia, non la tua ahahahahah, comunque sì, fondamentale, non lasciamo niente al caso, abbiamo usato Giulio che l’ha fatta rinascere, ora usiamolo per distruggerla… eheheheh, come una storia di conflitto tende a fare ahahah
    (scherzo)

    • Sei incredibile! Mi leggi nella mente (magari non è così difficile :).
      Sei nata scrittrice evidentemente. Sto aggiornandomi sui tuoi libri su Wattpad ma aspetto di finire la lettura di tutto per commentare. Mi piace leggere gustando le parole, non di corsa. A presto

  5. Ho votato no, credo che andrà così. È stata una iniziazione che francamente, non sono un esperto del genere, da una donna che non aveva mai tradito mi sarei aspettato sarebbe sta raccontata in maniera un po’ meno esplicita. Ma forse lei non sa che stiamo tutti qui a leggere tutto quello che scrive!😁 Mi piace leggerti, continua così. Ciao🙋

    • Beh, sai, la Carla che abbiamo visto nel primo capitolo una certa propensione al sesso doveva averla e poi gli anni con il marito rompiscatole erano parecchi. Dopo la paura di avere perso l’occasione il giorno prima, ha deciso di fare sul serio.
      Grazie per il commento, ciao!

  6. Dunque,
    ho votato solo l’ultimo giorno, dopo una seria di complicazioni e giusto perché la storia parla di lei e del suo “lavoro segreto”, altrimenti avrei votato no. Mi piace molto il tuo modo di raccontare, vedo ogni immagine, sei molto vivido. In questo episodio, che mi è piaciuto molto, ho trovato incredibile che lei sia arrivata fino alla camera, alla maglia, al reggiseno e ai baci vari, per poi tirarsi indietro. Insomma io credo che se arrivi fino a tanto è assurdo dire “okay basta così.” Penso che nessun uomo le avrebbe concesso una seconda possibilità dopo un simile bidone. Solo chi ti ama ti aspetta; chi ti sceglie per ‘una merenda’ ti getta.
    Detto questo ( e la mia era una massima, fanne buon uso, ahahahaha) ti abbraccio. Alla prossima.

    • Grazie di cuore, Ale, il parere di una donna oltre che di una scrittrice è particolarmente gradito, sia per i complimenti, sia per la critica, che accetto. La mia scelta è stata quella di dare alla protagonista la possibilità di ragionare un attimo invece di agire d’istinto, visto che è al primo tradimento della sua vita. E anche, lo ammetto, di allungare un po’ il brodo per arrivare al 10• capitolo.
      A presto risentirci.

    • Scusa Aless ma ho fatto un casino. Ti ho risposto senza rendermi conto che ero entrato con il vecchio profilo che avevo usato con poco successo l’anno scorso.
      Comunque rimane valido ciò che ho scritto,
      Grazie ancora.
      P.S. Ma come si fa a cancellare il vecchio profilo? Ci sto provando ma non ci riesco…

  7. “ C’era una forte aria di complicità in giro, ognuno si faceva i fatti suoi… ” Curiosa questa frase dove si afferma proprio il contrario di quello che si scrive. Se è voluta, complimenti!
    In quanto alla moglie, che dire: prima o poi doveva cominciare con un menage del genere e tanta voglia di distrazione!
    Ho votato No, ma solo per dispetto, (al farmaceutico non a te). Ciao🙋

  8. Ciao, mi aspettavo un qualcosa del genere dalla moglie. Molti maschietti si assomigliano e sanno sbagliare alla grande. Le donne però non sono spugne o meglio assorbono sì ma fino ad un certo punto. Non la assolvo ma capisco e aspetto il seguito. Col vecchio amante…
    Ciao🙋

  9. Hai fatto bene a spostare l’attenzione sulla moglie e sul suo punto di vista, continuerei col diario e leggerei del suo primo amante segreto. Immagino che durante un rapporto sentirsi chiedere cosa c’è per pranzo sia abbastanza frustrante e pure l’inizio della fine, se lo si vuole vedere in questo modo. Ma poi dipende da tanti altri fattori. Non essere stato un buon padre è certamente uno di questi. Lui non vede traumi, lei sì. Interessante spaccato coniugale.
    Buon Anno.

    • Buon anno a te, Aless! E grazie per le visite. Il bello di questo sito, comincio a rendermene conto, è che non solo le scelte, ma anche e soprattutto i commenti aiutano nel prosieguo della storia. In effetti ho già cambiato qualcosa rispetto alle intenzioni iniziali. Grazie del valido aiuto!

  10. Mi sa che sei l’alter ego pruriginoso di un autore che seguo.
    Questo genere non mi è mai piaciuto, lo dico subito, ma non perché sono un bacchettone. Sarei interessato a capire i motivi de comportamento della moglie del narratore, ma pare che io sia il solo.

  11. Ciao, sta’ messo male l’amico nostro! Certo finché si diverte è tutto ok, però prima o poi con questa mogliettina ci dovrà parlare. Per adesso, visto che si diverte, lo farei assistere dal vero, chissà che non impari qualcosa… buon viaggio e alla prossima🙋 ciao

    • Le tue opzioni sono sempre difficili da scegliere. Non resta che guardare oltre. Perchè chiedere spiegazioni mi pare assurdo, cosa vuoi che dica? E andarci di persona no, forse ci andrei con una maschera per provarla in quelle vesti, e per vedere se mi riconosce.
      (ieri sera non ho avuto modo di scriverti tutto il commento e lo faccio adesso)

  12. Naturalmente continuerà a guardare. Il dialogo tra i due “coniugi” così freddo, come estrapolato da un copione e mal recitato, la dice lunga sul rapporto tra i due, (al di là dei fatti). Queste sono storie che finiscono male, lo sappiamo, ma è presto per passare la mano agli avvocati… c’è molto da raccontare.
    Buon lavoro, buon Natale e alla prossima!🙋 ciao.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi