Due Sorelle

Dove eravamo rimasti?

Le ragazze sono cresciute e la storia ha preso una nuova piega. Che succederà ora? Virginia torna sui suoi passi e rivuole Paolo tutto per sé (75%)

Ritorno di fiamma

Virginia

Ieri dopo parecchio tempo ho rivisto Paolo. Poverino, come si è ridotto! Quella scema di mia sorella lo sta trasformando in un suo burattino, gli fa fare tutto quello che vuole lei. Lo trascina a vedere mostre di cui non gliene frega niente, lo porta a sentire conferenze pallosissime e soporifere, lo costringe a leggere mattoni uno dopo l’altro. Mi ha confessato che non ne può più, poveretto. E pensare che quando eravamo a scuola insieme – e ci siamo anche frequentati per qualche mese – era un tipo così allegro, disinvolto, con un sacco di amici. E’ sempre stato un tipo intellettuale, questo sì, non era uno sportivo come lo era Massimo per esempio, che passava le sue giornate a giocare a calcio e a basket. Però frequentava un bel giro di amici, la sera d’estate ricordo che si andava sulla spiaggia tutti in gruppo, qualcuno portava delle birre, qualcun altro aveva sempre una chitarra e ci si metteva a cantare e si passava la serata così, cazzeggiando. C’era chi amoreggiava, si formavano coppie, altre si disfacevano, ma si rideva e si prendeva la vita con leggerezza. Non si faceva nulla di male, ci si divertiva e basta, e Paolo era fra questi anche lui. Ora invece mi dice “devo scappare, Sofia mi aspetta, andiamo a sentire una conferenza” e aveva lo sguardo vacuo e spento, si capiva che avrebbe preferito fare tutt’altro.

E’ sempre un bellissimo ragazzo, questo per fortuna non è cambiato, e nel rivederlo ho sentito una punta di nostalgia per la nostra relazione. Allora eravamo molto giovani, ragazzi alle medie se non ricordo male, però lui mi piaceva già molto. E ora ho sentito di nuovo quell’attrazione, e avrei voluto che lui mi abbracciasse invece che salutarmi solo con un bacio sulle guance. Sarà che al momento sono single, come si dice, è da un po’ che non ho un ragazzo, ma da ieri non faccio che pensare a lui. Che però adesso è il ragazzo di Sofia… e mica posso portarglielo via, no? Però ne avrei una voglia…

 

Paolo

L’altro giorno ho incontrato Virginia. Era tanto tempo che non la vedevo, da quando lei è andata a studiare in un’altra città non ci siamo più incontrati. Mi ha fatto molto piacere rivederla, è sempre bellissima come ricordavo, ma anche più matura, più…come dire, più saggia forse. Non è più quella ragazzina “matta” che ti faceva perdere la testa, si vede che è cresciuta ed è maturata, sempre allegra e disinvolta, ma anche più seria. Mi ha raccontato della sua Università, dei nuovi amici, della vita del campus, mi ha anche confessato che al momento non sta con nessuno… e a quel punto mi è venuta una punta di nostalgia per lei. Anche se eravamo ragazzini all’epoca, la storia con lei è stata importante per me. Stavamo bene insieme, lei mi dava quel tocco di leggerezza che io non ho e che nella relazione con Sofia manca. Sofia è adorabile, le voglio molto bene, non c’è che dire, però a volte…sento come un peso, una fatica, mi sembra che tutto nella nostra relazione sia faticoso e richieda impegno. Sarà che Sofia è così intellettuale…per lei niente è abbastanza culturale, serio, da approfondire, studiare a fondo. Io ogni tanto vorrei un po’ più di leggerezza, anche di infantilismo se vuoi. In fondo siamo ancora giovani, no? Abbiamo il diritto anche di fare scemenze, di sbagliare, di fare cazzate. Lei invece no, si prende troppo sul serio, guai a lasciarsi un po’ andare.

Ieri poi mi ha portato a sentire una conferenza così pallosa che mi sono quasi addormentato. Non vedevo l’ora che finisse per potermene uscire, desideravo solo andare a bermi una birra e fare due tiri a freccette nel solito bar sotto casa. Invece no, perché dopo la conferenza mi ha trascinato a vedere il vernissage di quel pittore esordiente che nessuno conosce, solo lei a quanto pare, e che a mio parere non vale i soldi delle tele su cui dipinge.

A parte questo con lei sto bene, non posso negarlo, è gentile, carina, affettuosa, e con lei parliamo di tante cose e non ci stanchiamo mai di stare insieme. Però quando ho rivisto Virginia, qualcosa si è smosso dentro di me. Avevo voglia di abbracciarla, stringerla forte contro di me, sentire il suo profumo, l’odore della sua pelle e dei suoi capelli, affondare il viso nell’incavo del suo collo, un luogo così delizioso…Mi sono un po’ vergognato di me stesso, per questi miei desideri così prepotenti, e ho pensato subito a Sofia, con la sensazione di tradirla. Irrazionale, lo so, ma non ho potuto evitarlo. In questo momento mi sento un po’ confuso, sono sincero, forse devo solo prendere un po’ le distanze da entrambe per capire cosa voglio veramente.

Sembra ci sia un ritorno di fiamma da entrambe le parti...che succederà ora?

  • Paolo decide di lasciare Sofia ma non si rimette nemmeno con Virginia, sta da solo (33%)
    33
  • Sofia subdora che qualcosa non funziona più con Paolo e corre ai ripari (0%)
    0
  • Virginia fa la sua mossa per riprendersi Paolo (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

56 Commenti

  1. Ho scelto l’opzione della nuova fidanzata perché mi piacerebbe che ti cimentassi in un approfondimento psicologico. Non devi farlo però facendo dire alle sorelle che sono gelose, devi mostrarlo attraverso i loro gesti, le loro azioni.

  2. Ho votato per Virginia che rivuole Paolo per sé perché avevi iniziato dicendo che si sposavano, e quindi una svolta ci doveva essere. Però francamente spero ancora in un ulteriore ribaltone, Virginia è decisamente antipatica!

  3. Vedo che anche tu hai scelto, come me, di alternare le voci narranti. Io me ne sono pentito, ma ormai sono in ballo, perché trovo difficile portare avanti la trama cambiando punto di vista. Tra l’altro i cambi di pdv le trovo noiosi. Spero che tu non ti penta come ho fatto io.
    Gli anni di età si scrivono in lettere, i numeri si usano solo per le date e le ore.
    Ti seguo (e ho votato per Paolo).

    • Pentita no, è solo più difficile. In realtà le voci dovevano essere solo due, ma visto che poi le scelte devono essere tre diventava difficile trovare una terza possibilità. La mia idea originale era una storia raccontata totalmente prima da una delle due sorelle, poi la stessa storia vista dall’altra parte. Ma in questo gioco non funziona.
      I numeri so come si scrivono, in questo caso essendo il titolo è un po’ come fosse una data. Non volendo ingarbugliarmi con conti di anni, ho messo direttamente gli anni delle protagoniste. Che poi cambieranno in altre pagine…

  4. Ciao, leggendo che questa bambina di 14 anni e già in grado di giudicare chi bacia bene mi sono chiesto cosa mi sono perso…
    La storia può andare ovunque, fai tu, le ragazzine sono simpatiche, continuiamo a sentire loro, è presto per dar voce agli altri. Il
    Sarà un piacere seguirti; alla prossima dunque. ciao🙋

  5. Ciao!!!
    Mah, ti dirò: io avrei detto che entrambe dicessero una parte della verità, ma questa opzione non c’è e così ho votato per nessuna delle due e capire meglio l’antefatto. Mi parevano entrambe sincere. Una storia che mi ha scosso i nervi, sai? Non sai da che parte stare, da quella di Sofia o dalla parte di Virginia? Davvero non lo so…
    seguo!!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi