Entrata senza uscita

Mr. X

In un umile condominio nei pressi di Abbotsbury, Inghilterra, l’amicizia, il rispetto, la quiete, hanno dimorato per lunghi decenni: ogniqualvolta i condomini si incrociano per le vie del porticato, con fare solare, accennano un caldo sorriso; c’è perfino chi si stringe la mano o chi si abbraccia. Ma, come in ogni abitato che si rispetti, c’è sempre quella figura misteriosa, talvolta antipatica, che pur di incrociare lo sguardo con terzi finge un’improvvisa telefonata da parte del suo capo, quando magari neanche possiede un lavoro, o addirittura cambia strada; non partecipa alle riunioni condominiali; esce presto la mattina e torna tardi la sera. Beh insomma, nessuno sa nulla di lui, il suo citofono criptato segna solamente qualche cifra identificativa, sennonché il piano della sua abitazione: l’ultimo. Dunque Mr. X, così lo chiameremo per convenzione, è l’unico in grado di passare in rassegna tutti i piani, ma mai nessuno raggiunge il suo. Nessuna luce traspare dalle tapparelle di casa sua, sempre abbassate. I pochi che hanno avuto la fortuna di vederlo ricordano a stento il suo aspetto fisico, tantomeno il volto: è solito infatti indossare pantaloni scuri, larghi, che non delineano affatto le linee delle sue gambe; scarpe da ginnastica, probabilmente quelle che andavano di moda qualche decennio prima; una felpa con il cappuccio scura; una giacca impermeabile, indipendentemente della stagioni e dalle condizioni meteorologiche; e un cappellino di color grigio di quelli con la visiera, alquanto trasandato, che nasconde i suoi occhi e mostra a  malapena le labbra. I suoi anni sono incerti, probabilmente si aggirano intorno alla mezza età. Naturalmente non tardano le innumerevoli teorie di cospirazione dettate dai vicini, alquanto preoccupati dalla sua figura: sarà un mafioso? Un ex-carcerato? Un assassino? E’ sicuro lasciare nostra figlia arrivare a quell’ora della notte tutta sola? Come se l’alone di mistero che quell’uomo può generare fosse più pericoloso della criminalità nelle strade. Si crea dunque una sorta di tutti contro uno, ma non il viceversa: Mr. X infatti sembra essere del tutto indifferente, mai si è domandato chi fossero i suoi vicini, mai si è preoccupato dei loro giudizi, mai ha pronunciato parola.

Chi è Mr. X, perchè è così distaccato dai condomini?

  • Nessuna delle precedenti (50%)
    50
  • Un uomo auto-sufficiente in grado di appagarsi da sè (0%)
    0
  • Un criminale (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

2 Commenti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi