La tribù – Le Nuove creature

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà la Senzapelo dopo aver cominciato a capire le qualità intellettive di Mothurb? Continuerà a studiarlo per cercare di entrare ancora più in contatto con lui (100%)

Capitolo 4 La tribù - Studi paralleli

Mothurb, mangiò in fretta senza quasi assaporare il buon cibo che gli avevano fornito.

Aveva un grosso tarlo nella testa.

Aveva osservato tutto e ora che era solo doveva provare a riprodurre quello che facevano i senzapelo per vedere se anche lui era capace di ottenere gli stessi risultati.

Per prima cosa voleva capire come svegliare la luce, che da quando la senzapelo era uscita si era di nuovo abbassata, era fioca come al tramonto del globo luminoso.

Con l’aiuto della sua potente vista, stava ispezionando la parete argentata dall’altro lato della lastra di ghiaccio, per cercare di identificare il punto esatto in cui la senzapelo aveva toccato il muro e aumentato la luminosità nella caverna.

Ed ecco che cominciò ad identificare una variazione nell’uniformità della parete, un piccolo pezzetto di forma regolare che sporgeva di poco dalla parete. Sembrava una pietra liscia, di spessore molto basso applicata contro la parete.

Si voltò e cercò se anche nella sua zona della caverna era possibile trovare una simile specificità.

E ora con l’occhio abituato, trovò un’altra pietra appoggiata alla parete in tutto simile a quella che aveva notato.

Si avvicinò e ne valutò la grandezza e la possibile funzionalità.

La toccò leggermente con la sua zampa destra e percepì una superfice liscia, ma quasi asettica, non fredda come la roccia, di certo non dura e tantomeno simile alla parete di roccia.

Ora si concentrò per ricordare: la senzapelo non aveva emesso suoni, aveva appoggiato la mano e la luce era apparsa.

Forse aveva premuto più forte?

Aumentò leggermente la pressione e ecco percepì sommesso un “CLICCKKsssssss!” e la luce illuminò la stanza.

Questo fatto era difficile da comprendere: lui aveva fino ad ora pensato che i senzapelo comandassero le cose e gli esseri viventi, fino a togliere loro il respiro, con il “rumore “ che emettevano.

Ma ora era chiaro che il suono non lo aveva emesso lui.

Il luogo era assolutamente vuoto e la sola presenza era la sua, questo voleva dire che il suono era stato emesso dal blocchetto di finta pietra.

Perciò i senzapelo, per alcune cose utilizzavano il rumore emesso da altre cose, per comandare le mutazioni.

Questo era un grosso vantaggio per il suo progetto di dominazione, perché anche lui avrebbe potuto azionare questi generatori di suoni e ottenere i medesimi risultati.

Di seguito provò più volte fino a comprendere che un “Click!” svegliava  la luce e uno la addormentava.

Ora perciò la sua attenzione non  era più rivolta a svegliare o addormentare la luce, ma a capire da cosa era fatta la luce.

Svegliò la luce e cercò di capire il punto da cui arrivava. Scoprì che erano più punti da cui partiva la luce, punti anche piccoli, ma luminosi, sembrava che avessero imprigionato delle altre lastre di ghiaccio che venivano svegliate o addormentate dal “Click”.

Forse il risveglio della luce era dovuto all’incremento dello spessore del ghiaccio?

Poi era interessante notare che fuori dalla grotta dei senzapelo, la luce arrivasse da un solo Globo luminoso, mentre qui da più punti luminosi.

Questo significava che più punti piccoli imitavano l’effetto ottenuto da un globo grande.

Trovava conferma perciò, il concetto che lui aveva cercato di attuare nella sua tribù: l’unione genera la forza.

Provò anche a emettere un suono simile e si accorse che le sue orecchie e la sua voce si stavano abituando alle sonorità dei senzapelo.

Ora la sua voce da pesante e cavernicola era più fine, modulabile  e meglio definita.

“Clakkkaaa!” No, proprio no, questo suono era errato, avrebbe solo spaventato i conigli così.

“Claaaikk! Forse meglio ma no, doveva togliere la sonorità pesante.

“ClikkKK!” bello, ma come aveva compreso non si accese la luce.

Gli specchi di ghiaccio non si svegliavano se lui emetteva il suono, invece rispondevano se schiacciava la piastrina neutra.

Poi si accucciò per terra per ora aveva scoperto abbastanza.

“Vi ruberò i segreti e poi sarete miei, potenti senzapelo” pensò Mothurb.

*-*-*

Nello stesso momento, da un monitor la dr.ssa Valentine controllava, con sospetto,  tutti i suoi movimenti.

l’orso stava dimostrando  un’intelligenza molto sviluppata.

Era riuscito a imitare la sua voce, quando lo aveva invitato a mangiare, ed ora aveva in pochissimo tempo scoperto il comando per accendere le luci.

Ma il vero problema, che la attanagliava, era l’altro particolare che non le era sfuggito.

L’orso dopo il combattimento, era apparso molto sofferente, ma lei aveva costatato che le ferite in realtà erano poca cosa, inoltre aveva fatto esaminare la gran quantità di sangue trovata ed era risultato che non era sangue di orso.

Qualcosa in tutta questa storia non tornava.

Le dispiaceva ammetterlo, perché era stata lei ad insistere per portare l’orso ferito nel bunker, ma ora avrebbe dovuto avvisare Scott, il capo della sicurezza perché un pericolo presunto poteva essere entrato nel Covo.

Non era solo l’ormai affermata intelligenza dell’animale a preoccuparla, ma la possibilità dell’esistenza di un piano criminale.

*-*-*

Cosa farà Valentine alla luce della sua intuizione?

  • Parlerà con il responsabile della sicurezza, che deciderà di uccidere l'orso. (0%)
    0
  • Attenderà a diffondere il suo sospetto e continuerà il suo studio (100%)
    100
  • Lascerà libero l'animale senza informare nessuno dell'accaduto (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

46 Commenti

  1. Voglio fare l’ottimista, quindi dico sì. Tuttavia sarà una cosa lunga e complessa, che richiederà molti incontri e probabilmente qualche problema ed incomprensione. Anche se mi sa che così dovrai andare ad una terza parte 😉

    Sono affascinato da come si sta dipingendo il mondo di Mothurb 🙂

    Ciao 🙂
    PS: chissà se ti fa fare 10 od 11 capitoli, visto che continua a numerare come sette, l’ottavo capitolo…

  2. Ciao Volpe,
    Mothurb e’ stato molto ingegnoso ad organizzare una fuga con “ostaggio”!
    Uscire dal covo era tutt’altro che semplice, considerando anche i senza pelo che avrebbero potuto ostacolare la fuga!
    Mi piace molto anche l’idea dell’interazione tramite sguardi tra Mothurb e Valentine….!!!!!!
    Io spero quindi che Valentine tenti nuovamente un approccio con lui!
    Ciao Volpe😊
    A presto!

    • Ciao Red Dragon, è un classico, ma forse è l’ultima possibilità per evitare una guerra senza esclusione di colpi.
      La contrattazione però è molto limitata dal poco tempo passato insieme e dall’impossibilità di utilizzare un linguaggio riconosciuto da entrambi.
      Infatti la maggior parte dei loro rapporti è ancora basata su cenni, sguardi e parole completate da linguaggio gestuale, sarà molto difficile ottenere un risultato.
      Attendiamo il prossimo capitolo.
      Ciao.

  3. Buongiorno, vista la nuova situazione che coinvolge l’Italia, ma anche l’Europa e il mondo, pubblico un nuovo capitolo della trilogia del Covo, ricordando a tutti che all’inizio sarebbe stato possibile modificare l’evento scatenante la distruzione di gran parte degli esseri umani da attacco nucleare a evento di contagio globale.
    Auguro a tutti di trovare il proprio COVO e di poter attendere in tranquillità la fine di questo pericolo.
    Buona giornata.

  4. Ciao Volpe
    …Anche secondo me Mothurb riuscirà a fuggire, ma non perderanno le sue tracce!!!-
    Mi piacerebbe se riuscissero a trovare un punto di incontro pacifico fra le 2 “comunità “. ……..ma temo non sarà così! !!
    Ciao a presto 😊

    • Ciao Red Dragon, sono sempre bene accetti i tuoi commenti.
      Ora ci stiamo avvicinando ad un punto decisivo della storia: sarà guerra e nascerà un primo rapporto fra le due specie.
      Niente di definitivo è ancora successo e le due strade diametralmente opposte sono ancora alla portata dei senzapelo e della nuova specie animale.
      Si potrebbero a questo punto scrivere due racconti paralleli.
      Ma andiamo per gradi e attendiamo il prossimo capitolo.

  5. Ciao Volpe,
    Più passa il tempo e più si stanno accorgendo che l’intelligenza di Mothurb è molto sviluppata.
    Hanno capito che ha inscenato un falsa lotta per farsi catturare quindi, per il momento forse è meglio tenerlo prigioniero per continuare studiarlo ulteriormente.
    Ciao 😊 a presto.

  6. Decisione difficile! Ucciderlo la metterei come ultima ipotesi: è l’unica occasione che hanno per mettersi in contatto con una nuova creatura di questo tipo, ma sia lasciarlo andare che tenerlo prigioniero può risultarsi fatale: se lasciato libero, potrebbe organizzare qualcosa coi suoi simili, se tenuto prigioniero gli altri potrebbero venire a cercarlo. Ci vorrebbe un modo per entrare in contatto con lui (od i suoi simili) ed allo stesso tempo evitare di fargli scoprire cose che potrebbero risultare pericolose per il Covo: a quanto ho inteso, Valentine ha capito che il nostro orso fingeva. Uhm… dannatamente difficile. Forse lo lascerei andare, magari con un segnalatore od altro per tenerlo sott’occhio. Un primo contatto con il resto degli “orsi” non saprei però come farlo…

    Ciao 🙂

    • Concordo Red Dragon, la decisione è molto difficile, infatti la riunione è continuata per gran parte della notte.
      Per applicare la decisione presa dobbiamo aspettare che tutti esprimano il loro voto.
      Una delle possibilità che ho previsto, è molto vicina a quella che hai indicato tu: lasciarlo libero fisicamente ma seguirlo e continuare a controllarlo .
      Ti aspetto per il prossimo capitolo.

    • Ti segnalo che The Incipit non ha segnato il tuo capitolo come pubblicato: non ha inviato l’email di notifica né lo ha messo nelle nuove pubblicazioni. Io l’ho saputo solo perché seguo il feed dei commenti e ho letto il tuo commento.
      Insomma, se trovi pochi lettori, non è che sono tutti scappati, ma non si sono accorti del nuovo capitolo 😉

      Ciao 🙂

  7. Ciao Volpe,
    Spero che Valentine, da brava “ricercatrice” continui a studiare Mothurb. ………. e magari potrebbe trovare un modo per interagire con lui e forse poter capire….questa mutazione, fino a che livello è arrivata.
    Ciao a presto.

  8. Indecisione! Dovrebbe davvero informare il capo della sicurezza, ma allo stesso tempo significherebbe perdere un punto di contatto per scoprire i nuovi sviluppi che sta prendendo il mondo: ci sono altri come “quell’animale”? Fino a che punto la loro intelligenza è sviluppata? Hanno qualcosa che noi non possediamo? C’è qualche possibilità di instaurare un dialogo? C’è qualcosa che potremmo sapere da loro? Troppe domande che rimarrebbero senza risposta.
    Secondo me, tiene per sé i suoi sospetti o, meglio, ne parla con qualcun’alltro 😉

    Poi scoppierà il conflitto, ma lasciamoli ancora un capitolo di respiro 😉

    Ciao 🙂

    • Un bel dilemma, continuare la ricerca scientifica allo scopo di entrare sempre più in contatto con L’orso o di fatto consegnarlo all’autorità per la sicurezza?
      Le razze sono già in conflitto e questo potrebbe rivelarsi il peggior pericolo per l’umanità: la contemporanea presenza di due razze dominanti, che non possono ancora entrare in contatto fra loro e perciò l’opzione guerra o peggio sterminio è sempre più vicina.
      Attendiamo le richieste di tutti e i prossimi capitoli.
      Ciao.

    • Ciao Red Dragon. nel racconto si stanno confrontanto e per la prima volta tentano di entrare in contatto due razze dalla natura simile ma profondamente diverse, entrambe però dotate di intelletto.
      Mothurb, e gli umani un rapporto in bilico su un precipizio che porta ad una morte certa.
      Quale specie riuscirà a sopravvivere oppure per la prima volta sul pianeta terra ci sarà posto per due specie dominanti.

      Il racconto continua.

  9. Ciao Volpe,
    Mhoturb sta dimostrando di essere molto astuto e l’idea della finta lotta per farsi credere debole e gravemente ferito è molto interessante.
    Mi piacerebbe molto che Mhoturb riuscisse nel suo intento “commuovendo” i senza pelo ed infiltrandosi quindi nel covo per cercare di carpire i loro segreti.
    A presto 😊

  10. Ciao volpe….mi piace molto l’inizio di questo sequel. Cambiare il punto di vista, spostando l’attenzione su un nuovo protagonista, rende la storia più intrigante e coinvolge maggiormente il lettore

    • Ciao Contessa, sono contento che l’idea alla base del sequel sia di tuo gradimento.
      Nel proseguo probabilmente ci saranno capitoli con la visione di un avvenimento da due parti diverse e sulla base di questo problema si svilupperà un possibile rapporto tra le due specie completamente diverse tra loro.
      Ti aspetto per i prossimi capitoli.

  11. Ciao Volpe, mi fa piacere vedere che sei ripartito subito con un altro capitolo!!!!
    Ci speravo 😊!!
    Secondo me questo Mhoturb, è un grizzly “tosto”…..molto ingegnoso e acuto, visto il modo in cui ha organizzato la sua tribù.
    Spero, quindi che cerchi di infiltrarsi fra i senza pelo per carpirne i segreti!!!
    Ciao Volpe! A presto, sono molto curiosa di vedere come evolvera’ la storia 😊.

    • Ciao ClodB, bentornata .
      Leggendo tutti i commenti ricevuti fin d’ora, sembra proprio che Mhoturb, il grande grizzly mutante, abbia saputo attirare l’attenzione e aprire nuove aspettative verso il racconto.
      Mhoturb si trova a dover affrontare un percorso difficilissimo: è intelligente ma parte da conoscenze ancestrali minime.
      Avrà molti problemi a capire i Senzapelo e le loro conoscenze.
      Sarà una grande avventura verso le scoperte scientifiche.
      A presto.

  12. Primo!
    Come al solito, l’inizio è quello meglio descritto. Ero indeciso se si fingesse debole ed indifeso od usasse gli strumenti dei senza pelo. Alla fine ho scelto gli strumenti dei senza pelo.
    Mi piace questa cosa che adesso lo si vede dall’altro lato della barricata 😀

    Ciao 🙂

    • Ciao, come promesso continuo nel racconto, che nei miei piani è già diventato una trilogia.
      Si è importante cambiare anche ottica di visione e comprensione della situazione e con l’immaginazione è sempre possibile.
      Vedremo presto quale “stratagemma” userà Mhoturb per entrare in contatto con i Senzapelo.
      Tremate gli Orsi son tornati.
      Ciao.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi