Tecnodroidi (2° Parte)

Dove eravamo rimasti?

Nel prossimo capitolo sapremo dell'esperimento Amedeus. Come? Con l'attivazione dell'esperimento! (100%)

Amedeus!

Terra, Chalet, qualche ora dopo

Le bambine sembrano entusiaste della nuova casa: corrono per tutte le stanze, si organizzano, mettono a soqquadro e riordinano. Decidono quale potrebbe essere la loro stanza da letto e quella di Giada. Entrambe vicino al bagno così che lei possa farle il bagno come quando erano a casa Visconti. Poi la sala dove mettere i giocattoli, quella della OloTV, quella delle foto, quella… Giada sorride divertita.

Due giorni dopo sta cercando tra gli annunci di lavoro. Ne ha cerchiati un paio ma poi ne nota uno strano: “cercasi gatta nera con al seguito Potenziate per mettere i puntini sulle i. A.”. Segue il contatto delle Fiamme Azzurre.

“Che sia Abel? – pensa Giada – Ma perché questo messaggio anziché farmi contattare?”

***

Terra, Palazzo Fiamme Azzurre, alcune ore dopo

Due donne con la divisa delle Fiamme Azzurre stanno aspettando i Signori Visconti che sono al seguito le due Mutate Servant che portano Costantino.

«Il macchinario che ci avete richiesto è pronto» dice una delle due donne.

«Ottimo. Rimanete nei paraggi, caso mai ci sia bisogno» risponde il Signor Visconti.

Le due donne si inchinano e poi accompagnano i Signori dentro, fino ad una stanza contenente una grosso computer con diversi display, luci ed indicatori. Quando le due donne se ne sono andate, il Signor Visconti apre una valigetta che aveva con sé ed estrae una fiala con un liquido dorato. La infila in un incavo ed uno sportello si chiude.

«Ascoltate – dice la Signora Visconti alle due Mutate – Voi dovete rimanere qui con Costantino. Ci chiamerete solo quando si accenderanno la luce verde oppure quella rosse – indica le luci – È chiaro?»

«Sissignora»

Il Signor Visconti attiva la macchina e loro due escono.

***

Terra, Altra zona del palazzo, contemporaneamente

La solita ragazza attende Giada con le tre bambine.

«Perché Abel mi ha contattato in questo modo?» chiede Giada dopo i saluti.

«Non lo so. Mi ha detto solo che dovevo portarti nella stanza che aveva fatto preparare. Non so altro. Ah, mi ha detto che le bambine dovranno rimanere con me fin quando non avrete finito di parlare»

«Stupidi discorsi da grandi» commenta Serena.

Poco dopo la ragazza porta Giada in una stanzetta accogliente, con due poltroncine ed un basso tavolinetto. Non appena lei ha lasciato la stanza, Giada si mette seduta su una poltroncina. Subito delle manette le bloccano i polsi, le caviglie e le spalle!

«Ehi! Che scherzo è questo!» urla Giada.

Delle luci si accendono sulle manette e la gatta vede delle scritte comparire davanti ai suoi occhi:

“AMEDEUS: Avvio in corso…”

Sgrana gli occhi mentre capisce di essere nei guai. Immediatamente un miriade di immagini e suoni si riversano nella sua testa. Giada urla e si agita mentre cerca di capire cosa sta succedendo. Le sembra di vedere Costantino. Le pare di sentirlo e poi…

«Risveglio nanoidi – dice una voce metallica nella sua testa – ricostruzione struttura, assalto gangli sinaptici, decostruzione spinale, innesto dispositivi…»

Giada inzia a sbavare mentre viene colta dalle convulsioni.

«Errore: Rigetto in corso. – continua la voce meccanica – Attivazione matrice immunodepressiva. Attivazione Sintometallo. Innesto…»

Le convulsioni di Giada si fanno sempre più violente mentre il suo pelo cambia colore e del metallo liquido sembra fuoriuscire da lei…

***

Terra, stanza del computer, contemporaneamente

Anche Costantino è in preda alle convulsioni. Le due mutate sono disperate. Una sta cercando di aiutarlo mentre l’altra chiama a gran voce i Signori Visconti che non rispondono. Improvvisamente Costantino estrae gli iniettori! La Mutata che lo teneva in braccio si scansa istintivamente. Il pupo cade dalle sue mani ma una sorta di tentacoli in Metallo Vivente si forma istantaneamente. Costantino colpisce la macchina che subito inizia a mutare e trasformarsi. Dopo alcuni secondi, su un display compare: “Errore. Avvio fallito” e si accende una luce rossa.

***

Terra, Altra stanza, pochi secondi dopo

Giada è a terra. La Ragazza delle Fiamme Azzurre le ha appena fatto un’iniezione; prende un defibrillatore, lo poggia sul petto della gatta e lo aziona. Giada fa un salto e spalanca gli occhi. La ragazza la ferma e le mette un respiratore. Dopo un attimo Giada sembra tornare in sé. In quel momento fanno il loro ingresso Abel, Kirat con in braccio un Costantino avvolto in un bozzolo, le due Mutate e le bambine, tutti accompagnati da altre donne delle Fiamme Azzurre.

«Mi dispiace – dice Abel – mio fratello ha saputo del nostro incontro e ti ha attirato in trappola»

«Che… che cosa mi hanno fatto?» chiede Giada.

«Hanno tentato di trasformarti in una sorta di Tecnodroide senza Assimilazione» risponde Kirat.

«CHE?!»

«Non so perché non li troviamo, non so perché stiano testandolo su di te, né perché tu sia legata a Costantino, ma so che quelli che hai dentro sono nanoidi artificiali, creati con lo scopo di renderti come noi, senza essere noi. Geniale quanto stupido: noi non siamo esseri umani dotati di superpoteri, noi siamo Tecnodroidi»

Nel prossimo capitolo qualche spiegazione in più (forse) e visiteremo un luogo in cui solo i Tecnodroidi vanno. Ma... cosa succederà?

  • Visconti/Abel ci mette lo zampino: vuole anche lui sapere di più sui Tecnodroidi! (33%)
    33
  • Ci saranno improvvisi problemi inaspettati (leggi: Amedeus entra di nuovo in funzione) (0%)
    0
  • Troveranno le spiegazioni sul perché Giada è legata a Costantino (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

32 Commenti

  1. Nel prossimo capitolo saremo a metà storia, Direi che è un buon momento per attivare l’esperimento e vedere cosa succede… E magari avere qualche altra risposta, perché qui la situazione si sta facendo complicata.

    Ti faccio un appunto, eviterei l’uso di parentesi all’interno dei dialoghi, sicuramente rende l’idea della pausa ma non è proprio bellissimo da vedere 🙂

  2. Io voglio capire chi è Abel… e così ho votato per l’incontro. Veramente vai così veloce che mi perdo ogni volta; mi piaceva più la prima parte dove c’era un po’ di scambi tra Giada e gli altri personaggi. Comunque seguo!

  3. Eccomi, ho visto che è successo un po’ di casino con la fine della prima parte quindi ti rispondo direttamente qua 😛 Il finale della prima parte mi è piaciuto, specialmente la mezza rivelazione su Abel/Visconti che è messo in scena molto bene. Sono un po’ meno convinto da questo inizio, il riassunto iniziale non l’ho trovato molto necessario (lo avrei inserito a parte su uno spazio tuo e linkato nei commenti, per non rubare caratteri al capitolo) e le sequenze successive sono mooolto rapide per i miei gusti. Comunque hai fatto bene a fare un seguito immediato, meglio non sacrificare una storia con un finale affrettato (infatti anche la mia prossima sarà in più parti).

    Comunque, voto perchè Giada faccia a sua volta parte degli esperimenti. A presto!

    • Giada va per la maggiore ^_^

      La questione del riassunto è che volevo che, chi iniziava con questa storia, potesse comunque iniziare direttamente da qui senza doversi leggere l’altra (una cosa che mi hanno fatto notare in racconti precedenti). Le scene affrettate, hai ragione, ma volevo sbolognarmi il pericolo in fretta per partire con la questione principale e chiudere in questi dieci capitoli ^_^

      Ciao 🙂

  4. sono la prima a scegliere, evidentemente. Mistero dietro mistero: chi è Abel in realtà? Lo scopriremo nella prossima puntata? Non ho voluto mettere che non esiste, anche se fosse solo un alter ego di Visconti in qualche modo esiste.. Bravo Red! Velocissimo!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi