L’EREDITA’

Dove eravamo rimasti?

Come finisce il racconto? I due amici vanno nell'Aldilà (100%)

Conclusione

I giorni passarono e Contini non ebbe più nessuna notizia della famiglia Riccoli, nessuna denuncia a suo carico era stata fatto. Tutta l’eredità stava venendo spesa per creare questa associazione chiamata “Riccoli per ricchi”. I due amici fantasmi seguirono con interesse gli sviluppi, finché un giorno si ritrovarono per puro caso davanti ad uno dei palazzi fatti costruire da Sigismondo.

– Sono passato un sacco di volte davanti a questo edificio pensando a quanto eri diventato ricco. – sospirò Alfonso.

– Già, e pensa che per me questo palazzo vale meno di nulla. –

Improvvisamente apparve davanti a loro una luce bianca che coprì il grattacielo.

– Credi che sia lì che dobbiamo andare? – domandò Sigismondo intimorito.

– Credo di sì, forse avevi ragione tu. Il motivo per cui eravamo bloccati sulla terra era per salvare la tua eredità. –

– Figuriamoci! Che vuoi che importi all’Aldilà dei miei soldi. In questi giorni da morto, ho capito l’importanza di avere un amico al mio fianco, qualcuno che ti supporti nelle tue malefatte e ci tenga veramente e te. Ecco perché ci siamo rincontrati in chiesa. –

Alfonso sorrise, per anni era vissuto da solo, pensando che fosse l’unico modo in cui poteva vivere, ma si sbagliava.

– Hai ragione… Credo che sia il momento di entrare in quella luce –

– Secondo te cosa c’è dall’altra parte? – domandò Sigismondo intimorito.

– Non ne ho idea. –

– Forse avrei dovuto veramente lasciare i soldi in beneficenza. –

– Non dire stupidaggini. –

Alfonso prese l’amico a braccetto e insieme entrarono nella luce, scomparendo.

Categorie

Lascia un commento

14 Commenti

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi