Scoperte e passioni

Dove eravamo rimasti?

Cosa accade adesso? Karolina risponde al messaggio, e finalmente si concede ad Aldo. (50%)

Panorama completo

Nadia sapeva che quella sera Aldo sarebbe andato in un pub per bere qualcosa in occasione del compleanno di Dario. Sperò che Karolina non fosse in quella casa, ma ne era quasi certa perché Aldo, tra le altre cose, le aveva scritto anche del litigio. Ovviamente sperò soprattutto che Alessio fosse in casa.            
Il portone era già aperto. Suono il campanello e si immaginò Karolina aprire la porta. Le avrebbe detto che era lì per prendere una cosa dalla camera di Aldo.    
Ma fu Alessio ad aprire.        
“Nadia”, disse. “Ehm,  Aldo non c’e’, e’ ad una festa…”.     
“Sì, lo so. Posso entrare?”. Nadia fece un passo in avanti e Alessio si scostò per farla passare. “Non conosco Dario molto bene, e poi sono tutti maschi”. Appoggiò il telefono sul tavolo della cucina. Guardò Alessio e non fu sorpreso di vedere smarrimento nei suoi occhi.         
“Alessio, ascolta. Dobbiamo parlare di qualcosa che interessa entrambi”.
“Cos’è successo? Dimmi tutto”.       
Nadia fece un respiro profondo. “Una mia amica ha visto Karolina e Aldo fare colazione in un bar”. Alessio espresse disappunto schioccando la lingua contro il palato.
“Dovrebbe parlare con me di Martina! Non con altri”.           
Nadia pensò che dovesse essere davvero ingenuo. Poi, subito dopo, pensò che, forse, considerava Aldo davvero un amico.
“No, Ale. Ascolta… lei li ha visti molto vicini. Non ne è certa, ma promette di averli visti quasi baciare”. 
“Cosa stai dicendo? E cosa ne sa questa tua amica di Aldo, e di Karolina? E Aldo non farebbe mai una cosa del genere, ci conosciamo da…”.           
Nadia gli strinse con delicatezza un braccio. “Ale, questa mia amica conosce Aldo. Mi ha descritto Karolina come una ragazza con capelli castano chiaro, quasi biondi. Occhi chiari”.         
Alessio si ammutolì e Nadia continuò a parlare. “Non so di cosa si è scusata Karolina con te una settimana fa, ma…”.           
“Quel messaggio non era per me. Era per Aldo. Mi aveva detto che aveva parlato con lui di Martina. Che si era sfogata, perché era lontana da me e…”. Stava parlando guardando il vuoto, poi guardò Nadia negli occhi. “Mi ha preso in giro”. Affermò.       
“No, Ale. Ha preso in giro entrambi. La tua ragazza e il mio ragazzo. Ma è un qualcosa che avranno iniziato da poco”.   
“Mi sento così stupido. Io con Martina non ho fatto nulla! Stavo solo guardando il suo Instagram per la prima volta, ed era capitato qualche messaggio breve. Ma niente di più. E adesso scopro che lei sta facendo di peggio”.   
“Lo so. Credimi, proviamo le stesse cose”.          
Alessio sospirò profondamente e aveva gli occhi lucidi. Nadia non seppe che fare, e lo abbracciò per una manciata di secondi. Quando si sciolse dall’abbraccio sorrise. “Strano come non ci salutavamo nemmeno, e adesso ci abbracciamo”. 
Alessio ricambiò il sorriso. “Già. Ricordo quella sera quando vi beccai proprio qui in cucina. Che imbarazzo, non sapevo che dirvi”.         
Nadia sorrise ancora di più, e gli appoggiò una mano sul petto. “A me non ha imbarazzato. Anzi, è stato un po’ eccitante. Sai, tipo essere spiati”.     
“Non nascondo che ho spiato il tuo sedere fino a quando ho potuto”.  Nadia non reagì, e Alessio si scusò. “Scusami, non è il momento opportuno”.
“No no”. Nadia lo guardò negli occhi. Quella confessione fu una scintilla: mai avrebbe pensato a quelle parole uscire dalla bocca di Alessio.
“Sarà l’assurdità di tutto quanto, ma questa cosa mi eccita”. Alessio la prese per i fianchi e la spinse verso di sé, ma Nadia si discostò con forza. “No Ale, forse non…”. Ma si fermò, gli prese una mano e lo tirò verso di sé. “Andiamo nella camera di Aldo”.         
Lui non se lo fece ripetere due volte ed entrò. Nadia lo fece sedere sul letto. Si sbottonò i jeans neri e tirò giù la zip. Diede le spalle ad Alessio e si abbassò i pantaloni. Lui poté ammirare eccitato quel sedere in un perizoma nero che solo a metà aveva potuto spiare in precedenza.      
Quando Nadia si girò, aprì le labbra dalla sorpresa, poiché Alessio si era sbarazzato dei pantaloni. Si avvicinò a lui e si inginocchiò davanti ai suoi boxer pieni.    
“Posso?”. Chiese, senza attendere risposta. Prese l’estremità dei boxer con i denti e, aiutandosi con le mani, li portò giù. Il membro di Alessio era carico di eccitazione.
Mi diverto anch’io, amore mio. Pensò Nadia.        
Massaggiò un po’ l’erezione di Alessio, poi scoprì completamente il glande e, prima di avvolgerlo con le sue labbra, lo leccò. Con gli occhi chiusi, immaginò che Aldo fosse lì, dietro di lei, che le sfilava le mutandine e che la penetrava.
Adesso succhiava con più forza e continuò fino a quando il piacere di Alessio non esplose.    

Karolina continuò ad ignorare il messaggio di Aldo e provò a chiamare Alessio, che non rispose. Così gli scrisse: sono pronta a crederti. Ma devi raccontarmi la verità su Martina. E la prossima volta che mi fai dubitare, tra noi sarà finita. Perché non hai risposto?

Come proseguirà?

  • Alessio racconta a Karolina la verità su Martina. Nadia cede alla sua fantasia, e chiede ad Aldo di parlarne con Alessio. (33%)
    33
  • Alessio racconta a Karolina la verità su Martina e quello che è successo con Nadia. (0%)
    0
  • Alessio racconta a Karolina la verità su Martina. Karolina si concede finalmente ad Aldo. (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

16 Commenti

  1. Cavoli, mi spiace di aver conosciuto solo ora questo racconto che ho divorato in un fiato.

    La storia scorrere che è una meraviglia, la trovo veramente ben scritta, ti seguo anche se solo alla fine nella speranza di poter leggere un tuo nuovo racconto dall’inizio:)

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi