T-ZERO

Dove eravamo rimasti?

Le informazioni trasmesse cosa riguardano? entrambi (100%)

At Home Again

Gli occhi di Ares, spalancati, leggevano uno spartito invisibile sospeso nel vuoto.

Annie stava rovistando nel suo cervello attraverso il link dell’impianto bioneurale.

“Trasmettere dati parziali!” aveva ordinato il Colonnello Ramius.

“Trasmissione in corso…dati parziali trasmessi” concluse Annie

Ramius si voltò soddisfatto verso di me poi si rivolse ad uno dei suoi uomini

“Sergente, controlli i dati e ricominciamo. Maledetta macchina…continuiamo a costo di ridurre in poltiglia il cervello del bestione marziano”  

Ma Ares aveva smesso di leggere lo spartito nel vuoto, gli occhi erano tornati normali ed erano puntati dritti nei miei. Ora sapevamo esattamente cosa fare e lo mettemmo in atto in una frazione di secondo.

Nathan, Luca ed io ci buttammo a terra a raccogliere le armi, Ares si gettò di lato su Ramius con una spallata che li scaraventò entrambi sul pavimento mentre Jack era riuscita a divincolarsi dalla stretta alla gola e a ripararsi dietro alla console di comando.

Gli uomini di Ramius esplosero alcuni colpi ma furono i nostri i primi ad andare a bersaglio.

Quando la sequenza degli eventi d’un tratto terminò, il massacro che avevo temuto si era compiuto.

Un paio di uomini rantolavano feriti, gli altri erano morti. Noi ci eravamo alzati tutti in piedi, tutti…

tranne uno.

“Ares!” Nathan si era precipitato verso quella sorta di mucchio grigioverde formato da Ares accasciato sopra Ramius “Ares! Dannazione non farmi questo”

Fu allora che Ares alzò la testa

“Che c’è da sbraitare Principessa?” aveva stampato in faccia il suo solito ghigno “sto cercando di trattenere questo bastardo. Dammi una mano invece di frignare come una ragazzina isterica” e assestò un pugno sulla mascella di Ramius tanto per essere sicuro che non si sarebbe mosso.

“Sei un pagliaccio! Maledetto pazzo mi hai fatto prendere un accidente!” disse Nathan visibilmente sollevato e parzialmente incazzato.

“La sorpresa è tutto Principessa!” rispose Ares

“Piantala di chiamarmi Principessa e alzati, cazzo”

Il Colonnello Ramius con la guancia ancora schiacciata al suolo cercava inutilmente di liberarsi dalla mole di Ares “Togliti di dosso bestione” biascicò mordendo il pavimento “fra poco arriveranno altri uomini da Wolf non avrete via d’uscita questa volta”

“Annie chiudi tutti i portelli agli hangar di atterraggio” dissi frettolosamente mentre Ares legava le mani al Colonnello dietro alla schiena e lo sollevava con uno strattone.

“Ora che si fa Capitano Centurio?” chiese Ares

Capitano Centurio? Mi hai promosso sul campo soldato?”

“Ho informazioni”

Ares si guardò intorno. Luca, Nathan e Jack avevano un’aria perplessa e stanca. Aspettavano chiarimenti da me, chiarimenti che io non ero in grado di dare.

“Capo, che ne dici se ci mangiamo qualcosa annaffiata da una pinta o due di birra ghiacciata?” disse Ares strizzandomi un occhio

Non ci fu bisogno di insistere.

Scaraventammo Ramius e i suoi scagnozzi sanguinanti in una cella della base disabitata da tempo immemorabile. C’era puzza di muffa, rami striscianti di vegetazione avevano invaso quella struttura abbandonata a sé stessa. Del resto, su At Home Again difficilmente si era dovuto rinchiudere un essere umano. Non ce n’era stato bisogno. Le forze militari erano state un vanto e un deterrente per centinaia di anni alle ignobili azioni di pochi idioti.

Pensai che non mi mancava la mia vecchia vita alla base, era così solitaria, così prevedibile… ma nulla è prevedibile per sempre.

Quella sera ci prendemmo del tempo libero. Ognuno di noi ebbe a disposizione la propria cabina per lavarsi e riposarsi prima di cena. Sembrava una situazione surreale. Una doccia! Assaporammo le cose più banali e scontate come fossero regali eccezionalmente belli e speciali, come accade sempre quando la normalità viene negata.

Ci incontrammo dopo quella che poteva essere un’oretta di tempo terrestre. Camminando stranamente silenziosi sul sentiero attorniato dai platani e dal torrente, ci ritrovammo in un bosco fitto che sussurrava versi e suoni che non avevo mai sentito prima: qualcosa gracchiava nel torrente e friniva nei cespugli. Magiche, minuscole lanterne zizzagavano intermittenti nel buio tra le felci.

Tutto ciò era opera di Annie? Non so perché ma mi sembrò un momento così unico che presi il mio pad da una tasca e appuntai: Tenente Marko Centurio da At Home Again. La mia squadra ed io (seguono i nomi del team e specializzazioni) siamo sul punto di portare a compimento la terraformazione di Wolf. Il morale è alto. PS: stasera bacio Jack, o perlomeno ci provo.

Giungemmo a quello che una volta era stato il ristorante più rinomato della Nave. In realtà non è che ce ne fossero mai stati molti, di ristoranti. In ogni caso, ci accomodammo al centro del locale, le luci soffuse si accesero al nostro arrivo e suonava nell’aria una canzone che non avevo mai sentito. Le parole facevano più o meno così

Whenever I’m alone with you
You make me feel like I am home again
Whenever I’m alone with you
You make me feel like I am whole again

Le informazioni trasmesse cosa riguardano?

  • entrambi (100%)
    100
  • Centurio (0%)
    0
  • Ramius (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

32 Commenti

  1. Colpo di scena! Anche se la cancellazione della memoria mi ha intristito un po’, gli ultimi paragrafi mi hanno messo di buonumore. Hai creato dei personaggi e un mondo che potenzialmente possono andare avanti ad essere raccontati all’infinito… quasi una saga epica 😉 Mi è piaciuto molto come lasci intendere che la squadra si sia ritrovata solo dall’ultima frase, senza dilungarti troppo e senza darci una conferma sicura. Non so se Annie che si comporta in modo sempre più umano mi diverte o mi fa paura 😉

    • ciao Spring! grazie mille per il commento. Il significato del titolo si scopre solo alla fine 😉
      nessun riferimento ad altre serie… perlomeno per quanto concerne il titolo. All’occhio attento qua e là ci sono riferimenti o meglio omaggi ad altre serie o romanzi di fantascienza 😊

  2. Ramius ordina di trasmettere i dati disponibili e Centurio attacca la squadra di Ramius 😉

    Mi preoccupa quanto detto nel flashback: “in ogni caso, saranno possibili tre, al massimo quattro ripristini. Oltre significherebbe la dematerializzazione”. Non so cosa sia questo T-Zero ma è preoccupante…

    Ciao 🙂

  3. Sì, ma utilizza uno stratagemma, esattamente come ha fatto finora 😀

    La storia inizia a prendere corpo: riuscirai a finire in tre capitoli?

    Ciao 🙂
    PS: qui come al solito è tutto saltato. Qual’è il titolo di questo capitolo? L’opzione che aveva vinto qual’era? Penso Ramius dal testo ma vorrei la conferma ^_^

  4. Parte del carico è sparito o Ramius li ha preceduti? Ramius li ha preceduti! 😀

    Anche a te il sito ha fatto lo scherzo di fare due capitoli tra di loro scombinati, eh? Il titolo del capitolo 6 non c’è ed il “dove eravamo rimasti” riporta risposte a caso su domande a caso…

    Ciao 🙂

  5. Ciao, ho votato per il fuori controllo di Annie . Però, permettimi di darti un consiglio: sviluppa un po’ di più il capitolo. Guidaci nella tua storia attraverso i personaggi o come vuoi tu. Questo episodio è stato breve! Siamo agli inizi e vogliamo scoprire dove siamo, con chi siamo e dove andiamo…Diciamo un po’ come un apericena 😅.
    Ti seguo. Ciao 👋

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi