Cassandra parlava alla luna

Dove eravamo rimasti?

Su quale argomento andremo a fare un po' di chiarezza? La sessualità di Cassandra (50%)

Balsami & Matasse

Ok, siamo riuscite a risolvere la situazione. 

Dina ed io abbiamo progettato un piano di difesa, lei ha parlato con la tipa del tipo mentendo spudoratamente e ha placato la sua ira. Problem solving level PRO.

Dopo una pizza e tante tante chiacchiere Dina è andata a casa ed io sono sdraiata sul letto a fissare il soffitto.

Cosa c’è che non va in me? Gli uomini mi attraggono ma non sento pulsioni sessuali. 

Ho provato con l’auto-masturbazione ma con scarsi, scarsissimi risultati. Ho guardato video porno e mi eccitano anche, alcuni.

Ma niente.

Io non godo, non mi bagno e non vengo. Praticamente sono un’anomalia.

Mi addormento persa nei miei pensieri e quando mi sveglio ho ancora la testa aggrovigliata in quella matassa infinitamente incasinata che è la mia sessualità.

Salgo sull’autobus e mi si siede accanto un ragazzo. Un tipo curioso, con i capelli scuri, ricci e scompigliati e degli occhiali con una montatura retrò. Anche il suo abbigliamento è retrò, porta un giaccone sganciato tipo eskimo di almeno due taglie più grandi e una borsa a tracolla marrone di pelle consunta, davvero molto molto figa.

Sembra uscito da una canzone di Guccini.

Improvvisamente ho voglia di parlargli, senza secondi fini, si intende. Ripenso quindi alle parole di Dina sulle regole di approccio.

Niente. Non ricordo assolutamente nulla. Devo iniziare ad ascoltarla un po’ di più, accidenti!

“Che balsamo usi?”

“Scusa?” il ragazzo mi guarda come se fossi completamente pazza, ne ha effettivamente tutte le ragioni, ma non mi fermo

“No, è che i tuoi capelli sembrano un sacco aggrovigliati, quindi se usi il balsamo secondo me dovresti provare a cambiare marca”

Lui continua a guardarmi stranito, come se fossi un alieno, poi inaspettatamente scoppia a ridere

“Io non uso balsamo, ma a quanto pare dovrei, eh? Comunque piacere, mi chiamo Raffaele”

“Cassandra, piacere”

Mi da la mano. Mi piace la sua stretta di mano, è gentile ma decisa.

“Cosa studi Cassandra?”

“Beh che ne sai che studio! Magari lavoro in un night come spogliarellista o…”

“Ti sbucano gli appunti dalla borsa”

“Ah ok…Psicologia. Tu?”

“Medicina”

“Non sembri uno studente di medicina”

“Perchè? Come dovrebbe essere uno studente di medicina?”

“Più ordinato credo”

“Ma tu dici sempre tutto quello che ti passa per la testa?”

“Sì, sempre, c’è una cura?”

“No, niente di cui io sia a conoscenza. Sarebbe un peccato comunque”

Lo guardo con un mezzo sorriso, era un complimento?

“Senti Cassandra, questa è la mia fermata, ma questo è il mio numero” – prende una penna, si appropria della mia mano e mi scrive il suo numero sul palmo- “Se ti va di cercare una cura insieme a me o di portarmi a comprare il balsamo, chiamami”

Lo guardo scendere.

Voglio chiamarlo ora. NO! Non posso, lo chiamerò stasera.

O domani.

Magari dopo.

Diverse ore, un pranzo pesante e una camminata dopo…

Arrivo a casa che ancora puzzo di fritto, oggi io e le mie compagne di facoltà siamo andate nella friggitoria più buona della storia a mangiare gli arancini.

Poi, per smaltirli, ho camminato fino a casa e ora ho tremendamente bisogno di una doccia.

Entro in doccia e inizio ad insaponarmi, poi mi cade lo sguardo sul balsamo.

Un sorriso mi si affaccia piano sul volto.

Esco, mi asciugo, fotografo il balsamo e invio lo scatto a Raffaele.

La sua risposta non tarda ad arrivare.

Ed è una foto.

Sua.

A petto nudo e con i capelli bagnati.

Nella didascalia c’è scritto “Vieni a passarmelo tu?”

Ok. Questo calore tra le gambe effettivamente mi è nuovo. 

“No, questo è il mio! Ma se te ne serve uno perchè non andiamo a comprarlo?”

Metto il telefono sul comodino, mi butto sul letto ancora mezza nuda e non posso fare a meno di pensare al nostro scambio di battute e foto.

Ma sai cosa? Io ci riprovo.

Lascio che la mia mano vaghi giù, scavalcando il mio addome non perfettamente piatto per trovare il cotone fine dei miei slip.

Inizio piano ad accarezzarmi il clitoride e… continuo a non sentire niente.

Mi spengo all’istante.

Forse potrei parlarne con Raffaele.

D’altronde non sta studiando medicina? 

Cosa avverrà ora?

  • Continueranno a sentirsi ma vedendosi solo sull'autobus (11%)
    11
  • Cassandra e Raffaele usciranno, ma Dina si unirà a loro (56%)
    56
  • Cassandra e Raffaele usciranno (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

10 Commenti

  1. Direi che continuano a sentirsi , vedendosi però solo in autobus: dovrebbe aumentare la tensione erotica tra i due 🙂
    Bella la parte dialogata, bello il climax finale. Forse questo capitolo ha avuto la partenza lenta, però si è ripreso nella seconda metà.
    PS: lei ha parlato con la tipa del tipo suona un po’… strano! 🙂
    Brava, comunque, aspetto il prossimo!

    • Ehi 🙂
      Sì, “la tipa del tipo” era una ripetizione voluta, per riaffermare quanto poco fosse a conoscenza Cassandra dei personaggi facenti parte delle tresche continue dell’amica.
      Magari non ho scelto il modo migliore per esprimerlo.

      Grazie 🙂
      A presto, che sia con Emma o con Cassandra!

  2. Ciao!
    Ho votato la sessualità di Cassandra, diamo un po’ di spessore alla protagonista principale 🙂
    Piccolo appunto: è meglio scrivere “quattro mesi” usando la forma letterale del numero!
    Hai uno stile abbastanza secco e diretto, quasi da diario personale, mi piace, al momento calza a pennello al capitolo (però, secondo me, forse andando avanti con la storia, trattandosi di romanzo erotico, sarà opportuno allungare un po’ le frasi e le descrizioni!)
    Per adesso, complimenti!!

    • Ciao Luca,
      Sì, hai decisamente ragione: il fattore numerico mi frega sempre, perchè solitamente scrivo di getto e spesso quando ricontrollo non ci faccio caso!

      Questo romanzo è il secondo che scrivo su questa piattaforma, ho quindi cercato di provare uno stile descrittivo completamente differente dal primo e per me è un po’ una sfida! Spero comunque che tu possa continuare a darmi consigli e a leggermi man mano che il personaggio di Cassandra prende forma e colore!

      Grazie 🙂
      Vale

    • Ehi ciao!
      Grazie per aver letto il capitolo, a breve arriverà anche il prossimo!
      Comunque questo è il mio secondo racconto, se ti fa piacere dai un’occhiata anche a “L’Altro Fratello”, le due protagoniste, rispettivamente Lara e Cassandra, sono completamente differenti.
      Mi sto mettendo alla prova 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi