Il Passato che Ritorna

Il villaggio di Efey

È una mattina di tardo inverno. Alex arriva al villaggio di Efey in groppa al suo stallone nero. I suoi lunghi capelli scuri brillano alla luce del sole. Indossa vestiti da viaggio ormai pieni di polvere: un mantello col cappuccio verde, una giacca azzurra, dei pantaloni neri e degli stivali marroni. Al suo fianco la sua spada di ordinanza e Fulgida, la spada magica che lo ha scelto e reso quello che è ora. Mai avrebbe pensato che quella passeggiata nel bosco che fece tempo fa, lo avrebbe scaraventato in questo mondo, che si ambientasse così bene da divenir Primo Spadaccino, Campione Scelto di Fulgida ed ora Messaggero Ramaskan. E se pensa che tutto questo è dovuto al fatto che ha trattato bene una ragazza della sua età, ha ancora più dell’incredibile. Mentre entra nel villaggio, si chiede che fine avranno fatto i suoi vecchi amici.

Appena entrato una ragazzina le corre incontro. Ha la pelle dorata come si fosse appena abbronzata, una tunica un po’ troppo piccola di color bianco sporco le sta a malapena addosso ed è a piedi nudi. Le sue orecchie a punta le spuntano dai suoi capelli color dell’oro e due occhi azzurri risplendono in un visino tanto grazioso quanto gioioso.

«Salve Mastro Ramaskan… Uhm… Sentinella, vero?» dice alzando una mano in segno di saluto.

«No, ragazzina, ti ringrazio – risponde lui ricambiando il sorriso – Per ora solo Messaggero»

«Può lasciare da me il suo cavallo: la mia stalla è ottima»

«Come vuoi – risponde smontando – Uno Scudo in premio se lo troverò in perfetta forma e col manto lucido»

«Sarà fatto!» risponde lei prendendo in consegna il cavallo.

La ragazzina si chiama Lissar ed è una giovane mezzelfa, gentile ed educata… fin quando non la fate arrabbiare; allora vedreste il suo sorriso espandersi fino alle orecchie e spalancarsi delle fauci irte di denti, rivelando la sua natura mezza-goblin! Difatti Lissar è una mezza-elfa mezza-goblin, posseditrice di Sanguinaria, il pugnale onorario ricevuto dalla sua odiata comunità Goblin, prima del suo sterminio. Lissar è anche passate dalle mani di un mago, che l’ha resa super-forte e super-resistente. Attenti a non farla arrabbiare.

Intanto alla casa di Phix, Medico, Erborista ed Alchimista del villaggio di Efey, ella sta terminando di farsi una doccia. Quando esce non è umana: è una draghessa umanoide; un volto di drago slanciato con occhi color cobalto ed un sorriso tenero ed umano, lungo collo flessuoso, corpo molto umano con tanto di seno ben sviluppato ma coperto di scaglie piccole e sottili da farle sembrare una seconda pelle, di colore argentato su quasi tutto il corpo che virano sul bianco all’altezza del petto e della pancia. Le braccia sono quasi umana a parte una protuberanza accuminata sul gomito, le mani a quattro dita tutte artigliate che si muovono come mani umane, le gambe inizialmente umane virano dal ginocchio in giù in zampe più simile a quelle di un drago, con piedi con tre dita artigliati ed una postura digitigrade. Una coda lunga e flessuosa parte dal fondoschiena mentre quelle che sembravano punte che spuntavano dalle spalle, si rivelano parte delle ali che ora spalanca per stiracchiarle. Si avvicina ad un tavolinetto e beve la fiala che vi è poggiata. Un attimo dopo muta ed in breve è umana, dai lunghi capelli biondo platino e gli occhi grigio argento. Indossa un accappatoio. Si sente un fischio. Phix si avvicina ad un piccolo laboratorio e prende fa cadere da un alambicco un liquido dentro un contenitore. Lo chiude.

«Fur!» chiama.

Un draghetto nero come al notte, con gli occhi color del cielo, il collo corto, la testa grande, due occhioni cucciolosi, un vero e proprio sorriso stampato sulle sue piccole fauci, una coda lunghissima ed altrettanto lunghe ali chiuse sul corpo, corre da lei.

«Tieni – dice Phix legandogli al collo il contenitore – Portalo alla casa dai tetti gialli… e fai attenzione alle porte»

Fur emette un suono.

«Lo so che sono fragili: per questo devi fare attenzione» risponde lei.

Fur si volta, la sua coda sferza e Phix para col braccio.

«E fai attenzione anche alla coda»

Fur la raddrizza come fosse un gatto, raggiunge una finestra, spalanca le ali e le membrane caudali e spicca il volto.

Phixiliris, vero nome di Phix, raggiunge il tavolinetto per prepararsi.

Dieci minuti dopo arriva Lissar di corsa.

«È arrivato Mastro Ramaskan! – annuncia – Vieni a vederlo anche tu?»

«Certo: finisco di prepararmi ed arrivo» risponde lei.

«E… dov’è Fur?»

«A fare consegne»

«Posso andarlo a prendere?»

«Solo se lo gratti sotto il mento»

Lissar fa una capriola all’indietro e si allontana.

Nel frattempo Alex ha lasciato la missiva sigillata al Casa Comando e si è messo a cercare una locanda dove passare il resto della giornata. Una folla di curiosi inizia ad assieparsi. Tutti vogliono informazioni, consegnare messaggi o semplicemente togliersi curiosità e vederlo all’opera. Alex sospira.

“Sarà più lungo del previsto” pensa.

«Da chi iniziamo?» chiede.

Da chi iniziamo? Di chi vogliamo sapere per primo il passato?

  • Da Phixiliris, la draghessa umanoide! (11%)
    11
  • Da Lissar, mezzaelfa mezza-goblin! (11%)
    11
  • Da Alex, il ragazzo dell'altro mondo! (78%)
    78
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

16 Commenti

  1. Voto per Alex: è il primo che hai introdotto, ed è il primo sul quale vorrei sapere di più!
    Questo primo capitolo preannuncia un fantasy mischiato allo stile mystery, cosa che mi piace. Bello che hai preso un intero capitolo per introdurre i personaggi, anche se, personalmente, mi avrebbero interessato più dettagli sul loro carattere o modo di pensare invece che sul loro aspetto fisico. A presto! 🙂

  2. Eccomi qua. La scelta di iniziare il racconto con la presentazione molto dettagliata dei tre personaggi è particolare e in altre storie tutta questa exposition non avrebbe funzionato granchè, ma in questo caso direi che ci sta. I tre personaggi sono tutti particolari e restano impressi senza difficoltà, anche se avrei limato qualche dettaglio non proprio necessario, tipo il colore degli stivali di Alex. A proposito, tornerei a lui per l’inizio del prossimo capitolo, ma non credo sia il caso di raccontare subito il suo passato e come è arrivato in questo mondo. Proprio perchè dobbiamo ancora ambientarci, secondo me è meglio rimandare queste spiegazioni a un altro momento e parlarci di più del contesto in cui la storia si svilupperà, visto che nel primo capitolo abbiamo avuto solo presentazione dei personaggi.
    Seguo e aspetto il prossimo cap!

    • Sarà Alex (se vince lui) a raccontare parte della storia (non si sa a chi, almeno per ora) proprio perché si parla di un passato che ritorna; senza una giusta spiegazione del passato non si coglierebbero diversi passi (tutti i personaggi sanno le loro storie e non le vanno a narrare all’aria). Quindi ho pensato che Alex (Lissar, Phixiliris) narrassero la loro storia (il tanto che basta) affinché poi si potesse procedere velocemente.
      Se poi, col procedere della storia, mi fai notare che si sarebbe potuto far diversamente, son pronto a raccogliere suggerimenti (le storie che devo narrare e che si intrecciano tra di loro, sono tre).
      Il Flashback era un’altra idea che avevo preso in considerazione, ma ho visto che mi portava via troppo spazio (la storia si sarebbe incentrata sul passato e non sul suo ritorno… e forse non sarebbe nemmeno bastato).

      Probabilmente avrai capito poco del mio sproloquio, ma ti sarà più chiaro nei prossimi capitoli ^_^

      Ciao 🙂

  3. Ciao Red!
    Interessante leggerti su qualcosa di diverso dal Sci-fi, o meglio, per me è nuova come cosa, avendo letto solo i mutati maggiori. Interessante l’idea del racconto semplice e immediato. Per ora voto per Alex, perché voglio approfondire quell’assaggio che hai dato della sua backstory. Non vedo l’ora di leggere come andrà avanti

    [ ]

  4. Ciao Red. Ti faccio subito una domanda, che in realtà è più una curiosità.
    Come mai hai scelto come tempo verbale di incipit il presente indicativo e non il passato remoto, più adatto forse a questo genere e a questo tipo di narrazione?
    La scelta di introdurre una mezza Elfa, con anche metà sangue umano la trovo originale. Normalmente tutti gli ibridi, siamo soliti a considerarli mezzi umani.
    Per Phyx ti sei ispirato a Daenerys Targaryen?
    Nel sondaggio voto dragherà umanoide.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi