Anima gemella

NUOVI INIZI

TERESA

Finalmente comincerò una nuova vita lontano da questo piccolo paesino pieno di pregiudizi, lontano dalla mia famiglia, che amo, ma che troppe volte ha intralciato i miei sogni tappandomi le ali prima ancora di accorgermi che volessi volare, lontano da una storia d’amore finita e da tutto il dolore che ne consegue quando si ama davvero, lontano dai falsi amici, dagli sguardi curiosi di gente che crede di sapere tutto dalla vita e sulla vita degli altri, lontano dalla mia cara amica Giulia, l’unica che rimpiangerò in questo viaggio, ma che mi ha promesso di venire a trovarmi, dopo tutto è una delle poche a conoscere il mio nuovo indirizzo perché è stata lei a procurarmelo, dividerò la stanza con una sua vecchia collega di università, Sara, è stata molto gentile a volermi ospitare, soprattutto perché potrò contribuire alle spese solo dopo aver trovato un lavoro.

PAOLO

Sono un casino, da quando mia moglie ha deciso di lasciarmi è andata in frantumi non solo la mia vita privata e la mia autostima, ma soprattutto quella lavorativa visto che dividevamo casa e ufficio; mi ha lasciato lei e in più si è presa una pausa dal lavoro, lasciandomi anche la sua pila di cause a cui pensare, “mi serve del tempo per riordinare la mia vita” aveva detto prima di sbattermi la porta in faccia e frantumare la mia di vita che, credevo perfetta o quasi fino ad allora, e aveva lei bisogno di riordinare le idee? E allora io cosa avrei dovuto fare adesso? Avevamo fatto sempre tutto insieme da quando c’eravamo conosciuti, avevo investito i miei risparmi per aprire uno studio insieme a lei, e adesso mi erano rimaste le spese da pagare. C’era solo una donna che non mi dava il volta stomaco al momento, che non mi deludeva mai, la mia segretaria Anna che aveva fatto anche la mia parte mentre io mettevo insieme i cocci del mio cuore ferito, era come una madre, e come tutte le madri cercava di tirarmi su e mi ricordava anche le cose spiacevoli, come la sua età e il fatto che ci servisse un aiuto in più, quindi aveva pensato di cercare una nuova segretaria che potesse aiutarla e che potesse addestrare in modo da renderla autonoma quando lei fosse andata in pensione. Non ero al settimo cielo, fare colloqui a ragazze imbarazzate e senza esperienza non era la distrazione che cercavo, ma era mio dovere alleggerire la mole di lavoro che Margot aveva lasciato a me e io di conseguenza ad Anna. Domani avremmo cominciato i colloqui…

Vorreste conoscere i particolari della fine delle storie d'amore dei due protagonisti?

  • Solo di Paolo, dal momento che si parla della fine di un matrimonio! (0%)
    0
  • No (0%)
    0
  • Si di entrambi! (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

16 Commenti

  1. Ciao! Devo ammettere che questo capitolo l’ho trovato un po’ difficile da seguire avendo i dialoghi e i pensieri molto intrecciati fra loro. Il mio consiglio (per quanto possa valere!) è quello di rileggere molto bene il testo prima di pubblicarlo in modo da metterlo a fuoco in un tempo successivo alla stesura “di getto” per migliorarlo e modificare quei piccoli particolari che lo rendono un testo maggiormente scorrevole.
    La storia mi piace: voto per la ex moglie con una cattiva notizia. Alla prossima 🙂

    • Grazie del consiglio hai sicuramente ragione avrei dovuto rileggerlo e probabilmente fare molta più pratica prima di scrivere una storia! È la mia prima volta e spesso mi viene difficile scrivere ciò che è chiaro nella mia mente, so che ci vorrà tanto esercizio e tanta lettura ancora. Questa è una prova in cui mi sto cimentando e mi sto divertendo tantissimo, faccio una cosa che mi piace e che mai avrei osato fare, sono entusiasta di leggere i vostri commenti e capire come migliorare! Grazie!

  2. Ma perché tutti gli uomini sono mori e con gli occhi verdi? Ancor prima di leggere del suo aspetto fisico me lo aspettavo proprio così XD
    Comunque ho optato per il lavoro, mi pare la cosa più logica.
    Attenzione ai tempi verbali, decidi se vuoi narrare al presente o al passato e poi attieniti a quella decisione. Ricorda anche che in un testo narrativo dovrebbe valere la regola dello “show, don’t tell”: non raccontare quello che accade facendone una sorta di riassunto, ma mostralo nel momento stesso in cui accade. Così facendo, la narrazione sarà molto più accattivante.

  3. Wow amico mio, scrivi veramente come un fulmine!!

    Non ti dirò che il capitolo è scritto bene perché già lo sai, però ti lascio un piccolo consiglio.

    Quando pubblichi, lascia passare qualche giorno prima di pubblicarne uno nuovo, così darai a tutti il tempo di poterlo leggere!
    Inoltre, se già non lo fai, prova a leggere e commentare altre storie, questo ti permetterà di costruire una rete anche con gli altri scrittori che ben volentieri passaranno da te a commentare e leggere la tua opera.

    Per il resto, bomba come sempre ^^

    • È una storia che conosco da tempo nei miei pensieri ed è emozionante scriverla e vedere che qualcuno commenta addirittura!
      So che devo migliorare e cercherò di aspettare prima di scrivere i prossimi episodi e di capire meglio come funziona il meccanismo!
      Grazie sempre dei consigli

  4. Parto col farti i complimenti, il capitolo si legge che è una meraviglia, la storia prende nel profondo, per cui non posso che seguirti, hai una penna ottima e sono certo che potrai scrivere veramente una storia di tutto rispetto.

    Forse l’unica cosa che posso consigliarti (ma è un parere totalmente personale) sarebbe quello di spezzare un po’le frasi con un punto, ma ciò non toglie che sei veramente bravo!

    Seguo seguo seguo!!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi