La vita al tempo del COVID-19

Quarantena

Alle 21 nuova diretta da Palazzo Chigi. Il Premier annuncerà misure più restrittive dopo il nuovo picco di casi positivi. Parole d’ordine: chiudere tutto, chiudere subito. Il dramma del…

Con il pollice faccio scorrere facebook e passo oltre al link di Repubblica.

Sbuffo.

Sono chiuso in casa dal 9 marzo da solo.

Non ho più lavoro e campo solo grazie alle ricariche postepay dei miei, bloccati dall’altra parte dell’Italia.

Mai momento peggiore per fare visita a parenti.

Non ce la faccio più.

Penso alla mia fidanzata con cui ho chiuso la videochiamata 5 minuti fa. Penso al fatto che oggi non sono riuscito ancora a sentire i miei genitori, dopo una decina di tentativi. È da un paio di giorni che hanno la tosse.

Devo cominciare a preoccuparmi?

La home si oscura e appare l’avviso di chiamata di zio Giuseppe.

Turbato, avvio la chiamata.

Cosa vuole dirmi zio Peppe?

  • La mamma è uscita questa mattina e non è più rientrata. (25%)
    25
  • Sono papà. Il mio cellulare si è rotto. (63%)
    63
  • Tuo padre è in ospedale. (13%)
    13
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

13 Commenti

  1. Vada per la litigata di fronte al supermercato!
    Ci sarà qualche dettaglio sul protagonista? Sono curiosa di saperne di più e magari proprio grazie a questo evento (se vincerà nel sondaggio) potrà farci sapere qualcosa rispetto ai suoi pensieri e al suo modo di fare 😉

  2. Mi è piaciuto questo scambio di dialoghi, mi ricordano anche troppo quelli che ho con i miei (soprattutto con mia madre xD).
    Secondo me ci sarà gente che si accapiglia davanti al supermercato, sono curioso di vedere come andrà!
    Complimenti ancora! 🙂

  3. Ciao,
    purtroppo nascono storie con un nemico, che mai nessuno di noi avrebbe immaginato quando abbiamo brindato al 2020. Spero che il prossimo brindisi si faccia per festeggiare la vittoria dell’umanità. Ti seguo curiosa di vedere quale sia la fine .

  4. Ciao, aspettavo un racconto sulla situazione attuale. Voto per il cellulare che si è rotto, sperando che porti notizie quotidiane e non drammi.
    Strana tutta questa situazione, il tempo sospeso e la lontananza che mai come prima si fa sentire. Vediamo che storia ne esce 🙂

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi