T-ZERO RELOAD

Dove eravamo rimasti?

Nel prossimo episodio inizierò a tirare le somme… Si capirà che fine ha fatto At Home Again nel futuro alternativo (100%)

Il gatto nella scatola

Alpha Centauri B c Sec. XXXI

“Dekker: Constellation; Pike: Libeccio; Guidoni: Wolf ; Yelkin: Challenger…”

L’assegnazione dell’equipaggio alle relative Navi venne eseguita speditamente. La flotta si diresse verso l’obiettivo: non erano alieni quelli che dovevano massacrare. Erano l’anello debole dell’umanità o ciò che ne era rimasto a bordo della Nave millenaria. Non c’era posto per loro nel nuovo mondo.

Gli incrociatori circondarono l’immensa Nave dove migliaia di esseri viventi indifesi e ignari del destino che li stava per travolgere videro apparire l’armata al di sopra del cielo artificiale, nella valle.

Avevano isolato quella gente per millenni. La popolazione, a cicli alterni, era stata decimata dalle malattie, indebolita nel patrimonio genetico rubato dagli abitanti di Alpha Bc . La crescita demografica era esplosa e la popolazione era stata costretta a selezionare chi doveva vivere o morire. L’età massima era stata fissata a 40 anni.

Ora era diventata una minaccia per il ricco pianeta fondato dagli antichi coloni finiti nell’ oblio del tempo e della codardia umana. 

Gli incrociatori si portarono a distanza di sicurezza e fecero fuoco. Ma non tutto andò come previsto.

L’immensa Nave, gli incrociatori, e tutti coloro che si trovavano all’ interno scomparvero.

At home Again Sec.IV

Annie sapeva il fatto suo nel governare la Nave. Ne ero profondamente convinto. Ma lei non stava solamente governando la Nave.

Dallo scantinato della mente, tra le cianfrusaglie e le cose che si vuole dimenticare, talvolta emergevano dei demoni che riportavano in superficie ciò che cercavo di ignorare. A volte lo facevano gridando forsennati, altre volte lo sussurravano, quasi non volessero farmi del male. Ma i mostri, si sa, braccano e  inseguono finché voltandoti li guardi in faccia. Allora scopri che non tutti sono spietati come immaginavi. Certo sono tutti deformi, non li puoi vedere chiaramente, sono sfuggenti come spiriti, ma alcuni sono addirittura ridicoli nella loro banale inconsistenza. Talvolta cercavo di stanarli, arrivavano nei sogni o nelle intuizioni delle quali non sapevo dare ragione, mi aiutavano. Era come in quel libro che avevo letto, l’avventura di un antico esploratore terrestre all’ inizio del XX secolo in Antartide. Raccontava che in momenti di estrema difficoltà, lui e i suoi compagni ebbero tutti la stessa sensazione. L’impressione che ci fosse un’inquietante presenza al loro fianco, l’uomo in più che procede avvolto in un mantello. Esperienza riportata molti anni più tardi in letteratura quando Eliot scrisse quei versi in The waste land:

Who is the third who walks always beside you?

Quell’ impavido esploratore portava il nome di Sir Ernest H. Shacketon e le sue gesta hanno percorso i millenni fino a noi, fino a Proxima Centauri.

Come quella volta che combattemmo contro Ramius… un momento: chi è Ramius? Perché mi è venuto in mente questo nome?

Ebbi chiaro che Annie lo sapeva, che la sua conoscenza dell’Universo scavalcava i limiti imposti dalle infinite distanze e dal tempo. Ecco, tutti quei mostri buoni o cattivi a loro modo mi consegnavano ogni volta un pezzetto di verità. Solamente quella che potevo in qualche modo percepire e, forse, comprendere.

In fondo cosa spinge un viticcio di rampicante verso un albero o un sostegno senza che abbia gli occhi e senza sapere che c’è? Se un semplice ramo è capace di vedere ciò che non sa, io avrei potuto sapere cosa stava succedendo nel presente o in un altro tempo.

Mi diressi al centro controllo in cerca di risposte.

“Buongiorno, Annie”

“Tenente Centurio” questa volta si interessò subito alla mia presenza.

“Credo, anzi sono certo, che puoi illuminarmi sulla scomparsa di Yelkin” andai subito al punto lasciando per il momento perdere il discorso su Ramius.

“Deduzione corretta, Tenente” cominciarono ad apparire ologrammi con svariati algoritmi che non avevo mai visto.

“Tenente Centurio, immagino abbia sentito parlare di un vecchio studio, il paradosso di Schrodinger”

“Ci si sono arrovellati per secoli”

“Esattamente. Ricorda? Il gatto…”

“Si lo ricordo: chiudiamo un gatto in una scatola, con una minuscola porzione di sostanza radioattiva, così poca che forse nel corso di un ora uno dei suoi atomi si disintegrerà, oppure no. Se l’evento si verifica il gatto muore. Oppure no. Dopo un’ora il gatto è vivo o morto?”

“Secondo Lei, Tenente?”

“…sovrapposizione di Stati. Ok Annie ma quindi da qualche parte Yelkin esiste ancora”

“Esisterebbe se qualcuno lo osservasse. Ma non è così. Ho dovuto impedire che At Home Again venisse distrutta. Capisce Tenente? Ho rimandato indietro Yelkin per farci cambiare rotta. Ho abortito il Progetto Alpha Centauri B perché è risultato un fallimento, gli umani hanno fallito. Ricorda i Protocolli?

Protocollo 1: preservare la Nave

Protocollo 2: preservare il Carico

Protocollo Zero: preservare Tempo-Zero.

In pratica, ecco diciamo che…ho fatto scappare il gatto dalla scatola”. Sorrise compiaciuta della mia faccia basita.

Nell’ultimo episodio si chiuderà il cerchio, si sveleranno anche gli altri segreti di Yelkin ed altro … svilupperemo di più:

  • Entrambi (67%)
    67
  • I segreti di Yelkin (33%)
    33
  • La terraformazione di Proxima (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

68 Commenti

  1. Ciao, Aspera.
    Il cerchio si è dunque chiuso e come scrivi tu c’ è posto per una nuova storia, pensi di riprendere presto?
    Io non ci ho capito granché, ma è colpa mia, tu hai scritto benissimo ho apprezzato il tuo racconto. È proprio che io con di fantascienza e viaggi o salti temporali non capisco nulla. Di solito, quando si tratta di film, ho bisogno di un paio di visioni per capirci qualcosa… 🙂
    Non posso che farti complimenti e sai che faccio? Rileggo tutto da capo.
    Alla prossima!

    • Sono contentissima che tu abbia voglia di rileggere da capo . Queste storie come dici tu anche nei film hanno bisogno di essere riviste per collegarne le sfaccettature. Qui praticamente si tratta di una nave generazionale e dei suoi personaggi principali che ogni volta che compiono la missione ricominciano da capo… e il regista di tutto è questa Intelligenza artificiale che prescinde dal tempo e dallo spazio sfruttando varie teorie della fisica quantistica e andando oltre … la fantascienza è bellissima e in molti casi ha previsto la realtà 😉 Grazie mille ! 😊

  2. Spero vi sia piaciuto il finale. Ci sono molti riferimenti alla prima parte T-Zero. In pratica si potrebbe ricominciare tutto con una nuova missione. Mi piace che una storia possa avere sempre altre possibilità di ricominciare da capo ma nuova… è il Protocollo T-Zero, Annie la sa lunga! 😉

  3. Ciao, Aspera.
    Voto per entrambi.
    Qui viene fuori tutta la mia ignoranza sulla fantascienza e le sue dinamiche (e non solo), devo ammettere che non sono sicurissima di aver capito cosa è capitato davvero. Credo che dovrei rileggere l’intero racconto da capo, il fatto di leggere un capitolo a distanza di giorni, non aiuta a tenere il filo.
    Tuttavia, trovo il capitolo ben scritto, come sempre.
    Alla prossima!

    • Ciao keziarica, non preoccuparti: i loop temporali sono ostici per tutti. Sotto è spiegato bene da Red Dragon … fa girare un pò la testa ma il concetto è quello 😂. Effettivamente qui ci sono molti collegamenti con altri episodi del racconto e anche con il primo capitolo, T-Zero. Per esempio Ramius è un personaggio della prima avventura di Centurio e i suoi. Ho voluto riprendere anche i Protocolli di Annie per ricordarli soprattutto a me stessa, altrimenti crolla tutto 😉 . Grazie mille per i complimenti mi incoraggi molto 😊

  4. Se lo metti: entrambi 😀

    Qui siamo al paradosso temporale: se Yelkin è tornato indietro e ha avvertito At Home Again, quindi ha cambiato rotta e non è mai giuta dove doveva giungere, ecco che il futuro non si è verificato, quindi non c’era nessun motivo per mandare indietro Yelkin, quindi At Home Again ha seguito la rotta originaria, visto che nessuno l’ha avvertita, ma allora Yelkin è tornato indietro è l’ha avvertita, ma allora ha cambiato rotta e Yelkin non è tornato indietro, ma allora non l’ha avvertita e ha seguito la rotta originaria, ma allora Yelkin è tornato indietro… Non c’è uscita 😉 A meno che “qualcosa di esterno non si inserisca nel cerchio” (citazione di Martin Mystere) 😉

    Ciao 🙂

  5. Molto bene, mi piacciono le descrizioni di mondi diversi dal nostro, hai fatto un bel lavoro con il world building tutto risulta credibile e ben sistemato. Ogni tessera al suo posto. Voto per vedere il futuro alternativo di At Home Again,
    Credo ch ed leggerei un seguito di questa storia… intanto vediamo come finisce questa. 😊
    Ciao, Aspera
    Alla prossima!

  6. Ciao, PerAsperaAdAstra,
    l’ho già scritto da qualche parte: la fantascienza non è esattamente il mio genere preferito, però un racconto ben scritto è un racconto ben scritto e il tuo meriterebbe più lettori, perché è un buon racconto. Complimenti, hai il dono di far vedere quel che scrivi, molto suggestive le descrizioni.
    Sono arrivata un po’ tardi, avrei voluto cominciare prima ma non ho avuto molto tempo, essendo tornata a lavoro…
    Ancora molti complimenti per la storia.

    Alla prossima!
    p.s. vuole avvisare Centurio su qualcosa che riguarda Annie.

  7. Io voto per approfondire Jack… Credo che sia decisamente arrivato il momento di vederci chiaro!
    Ho recuperato volentieri i capitoli già pubblicati: la storia è scritta bene, con solo qualche svista qua e là e forse a volte un uso un po’ eccessivo dei punti esclamativi. Alla prossima!

  8. Se vi può interessare: le descrizioni sulla diversa luminosità delle tre stelle del sistema Alpha Centauri sono state ispirate dalla reale configurazione del sistema che è formato da due stelle binarie Alpha Centauri A e Alpha Centauri B + una terza stella Alpha Centauri C ovvero Proxima Centauri che orbita attorno alle due binarie ma molto più lontana. L’ esistenza dell’esopianeta Alpha Centauri Bb a quanto pare è stata messa in dubbio e probabilmente è vero che non esiste …
    Condivido queste informazioni perchè mi appassiona tantissimo questo tema! grazie a tutti

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi