un nemico invisibile

Dove eravamo rimasti?

Come reagirà la popolazione? DI fronte al nemico invisibile si fece sempre più forte la diffidenza verso gli altri (50%)

Difficile compromesso

Il governo?? Ma chi è per decidere delle nostre vite? cosa ne sanno loro di quello che dobbiamo e vogliamo fare ogni giorno?

Eppure la gente iniziò a sospettare.

-ma quello lì che no ha la mascherina, sarò positivo o no?- il pensiero che frullava nella testa di molti.

-ma se lui è contagiato come faccio a difendermi?

Quando non capisci le caratteristiche del tuo nemico, sei nel panico. Se non hai definito e circostanziato il tuo avversario, non conosci le sue armi, le sue strategie le sue tecniche, ti senti vulnerabile. Non puoi prendere delle contromisure e non puoi contrattaccare.

Iniziava a serpeggiare una sorta di silenziosa diffidenza, a volte non troppo nascosta. Ognuno pensava che l’altro potesse essere una minaccia per la propria salute.

La difficoltà di capire che un pericolo arriva sotto le sembianze anche buone dell’altro, magari ne è addirittura inconsapevole. C’è un avversario che ‘usa’ gli altri, a volte in modo così subdolo che le persone stesse non ne sono coscienti , non lo sanno di ‘portare’ questa minaccia agli altri.

Un nemico con tante facce, tanti stili di vita, tanti colori della pelle e tante lingue con cui comunicare. Ma a lui non interessa. L’importante è arrivare a raggiungere più persone possibile. Come ogni soldato o guerriero, vuole vincere.

La gente si rende conto e comincia a parlare di meno.

Poche parole per non intrattenersi più del sicuro.

Distanze fisiche che diventano col tempo distanze interiori.

Sguardi attenti e diffidenti per poter cogliere ogni segno del nemico che si nasconde dietro e dentro l’altro.

Quale modo di relazionarsi con l’altro se ne ho bisogno per vivere ma altrettanto ho bisogno di difendermi dallo stesso?

Quale strategia verrà messa in atto?

Quale strategia da mettere in atto?

  • Ognuno trova strumenti per difendersi (0%)
    0
  • Ognuno affronta la paura del contagio (100%)
    100
  • Ognuno sta a casa sua e si muove di nascosto (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

6 Commenti

  1. Ciao. Ho votato per mantenere il proprio stile di vita. Del genere catastrofico (a cui forse apparterrà il racconto) mi è sempre piaciuta quella quiete prima della tempesta che poi esplode malamente in faccia ai personaggi 😀

    È strano il fatto che una storia così sia nella sezione fantasy, ma penso che ci stupirai con i prossimi capitoli 🙂

    Alla prossima!

  2. Ciao,
    stavo aspettando una storia relativa al periodo che stiamo vivendo. Dalle opzioni che hai dato, ne deduco che la storia voglia approfondire il comportamento umano. Se è così, sono davvero curiosa perché, proprio in questi giorni, mi sto chiedendo fino a che punto può arrivare l’essere umano pur di salvarsi la pellaccia? Insieme ce la faremo o resterà solo un modo di dire?
    Mah
    Comunque ti seguo
    Ciao

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi