Cronache di società biodiversificate

Dove eravamo rimasti?

Quali pericoli può nascondere il villaggio di Asphelton? trame oscure contro i senza pelo e i rapporti con loro. (67%)

Cap1 1 Società biodiversificate – Asphelton

Altar giunse nelle vicinanze del villaggio di Asphelton, mentre la penombra lasciava ormai spazio all’oscurità e gli ultimi raggi del sole al tramonto pennellavano la sommità della montagna.

Dal bosco ormai indistinto si levavano gli ululati dei lupi che attendevano la nuova luna, mentre gli alberi già lugubri di giorno ora sembravano ancora più minacciosi e scheletrici.

Tutta la zona era la meno rigogliosa della montagna per la presenza dietro al villaggio di una vasta zona paludosa e molto radioattiva.

Ma Altar conosceva bene la situazione, anzi sapeva che la ricchezza della città era dovuta proprio alla palude malsana, detta “la Stesa” e al fatto che circa al centro emergeva pe-ches (pece) e il nerolio (petrolio) .

Per i senza pelo la zona era pericolosa anche protetti dalle loro tute, mentre gli Ors-hi erano assuefatti e potevano lavorare.

Lui proprio il nerolio acquistava al mercato clandestino della città, per rivenderlo ai senza pelo, che lo trasformavano in carburante.

Gli scambi commerciali ad Aspelton non erano permessi per scelta politica, ma la criminalità gestiva vari mercati clandestini infischiandosi delle leggi. 

La città di Asphelton era sotto molti aspetti l’esatto opposto di quella di Alhamar.

Asphelton era il regno della delinquenza, stradine strette, anguste, poca luce e spesso con gli incroci controllati da Ors-hi armati che garantivano il potere dei gruppi criminali nei vicoli.

Per raggiungere i mercati clandestini occorreva diventare amici di molti personaggi potenti, versando congrue mance a richiesta.

Ora il grande portone d’accesso al villaggio di Asphelton era davanti a lui illuminato dalla luce tremolante di due braceri dove la calorluce si divorava la pe-ches nera e maleodorante.

Ma prima di raggiungere l’ingresso quattro Ors-hi posti a guardia bloccarono la strada “ Altar sempre di notte arrivi da noi, tanto un Ors-ho tirchio e ostico come te non può essere sbranato dai branchi di lupi”.

Altar salutò e rispose “ Timholck e tu sempre di guardia la notte per espiare le tue colpe”.

Timholck avanzò e controllò il carro “ Solo tre sacchi porti poca merce, come mai da noi?”

Altar riprese mentre con una zampa passava dei crediti all’Ors-ho “ Tre, non sai più contare? I sacchi sono solo due ” e concluse la frase ammiccando e facendo registrare un carico minore di quello che trasportava.

“Passa pure vecchio e buon riposo alla locanda della Palude Oscura”

Altar fece avanzare il carro, mentre il portone veniva aperto e la città scura si mostrava davanti a lui.

Ora era in una piccola piazzetta da cui partivano tre vicoli con costruzioni alte al punto che la luce del sole nemmeno a  mezzogiorno toccava mai terra.

Imboccò quello di sinistra e il buio piombò su di lui.

Altar conosceva perfettamente il vicolo, ma con pochissima luce avanzare era difficile.

Solo in alcuni punti la luce di qualche bracere accesso mostrava i contorni del vicolo e permetteva quel poco di orientamento necessario per capire dove ci si trovasse.

Dopo alcune minuti di quel lento avanzare il vicolo si aprì in una  piazza rotonda illuminata fiocamente dall’insegna fiammeggiante della Locanda della Palude Oscura.

Altar accostò il carro, scese nella piazza e raggiunse l’entrata, dove un servo del ricettatore che doveva incontrare per ottenere le merci lo stava già aspettando.

Niente e nessuno sfuggiva al controllo delle bande criminali della città e lui era atteso.

Dopo un breve saluto, il servo gli fece strada, imboccò poi una stretta porta che dava accesso ad una scala che portava al sotterraneo dove il mercato clandestino era in attività.

In realtà vista l’ora erano presenti pochi mercanti, tutti suoi concorrenti.

Altar entrò, tra i bramiti di accuse di un Ors-ho che lo rimproverava di avergli soffiato un grosso affare.

Un ottimo biglietto da visita per lui.

Si diresse verso il fondo, dove il ricettatore capo Menson lo attendeva.

“ Altar i tuoi buoni passi nell’ombra ti hanno di nuovo guidato fino a noi “ lo salutò Menson

Il mercante rispose al saluto “ Che la notte ti porti fortuna Menson vengo da te per acquistare 50 unità di  nerolio .”

Un bramito fu la prima risposta alla sua richiesta, poi Menson spiegò meglio “ Niente nerolio né qui nè altrove.”

Altar stupito e un poco arrabbiato chiese “ Come è possibile questo, già la settimana scorsa mi hai fornito un carico insufficiente, mi stai forse prendendo in giro? Vendi ad altri? “

“No trippone, chiedi a tutti i trafficanti non troverai la merce che vuoi “ Replicò Menson scuotendo il capo.

“ Ma cosa significa, devo pensare che gli Ors-hi non lavorano più nella Stesa” chiese di nuovo Altar.

Menson attese un  attimo prima di rispondere “ Proprio questo è il dilemma, tutti i lavoratori della Stesa escono ogni mattina e tornano a notte fonda ma nerolio e pe-ches non se ne trova.”

La trattativa durò a lungo, ma né da Menson né da altri fu possibile acquistare nerolio, così Altar concluse altri piccoli scambi poi salì a dormire nella stanza che era riservata a lui nella locanda.

Quale segreto nasconde la mancanza di nerolio nei mercati clandestini?

  • Problemi politici derivanti dal controllo della città (33%)
    33
  • La rivolta degli Ors-hi che non vogliono più lavorare nella palude salmastra (67%)
    67
  • Un progetto criminale contro i senza pelo. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

41 Commenti

  1. Mi sento bellicosa oggi, e dico che ci sarà una guerra.
    Volpe, hai fatto benissimo a dirmi di leggere i primi due racconti perché senza recuperare gli altri due racconti mancano dei pezzi essenziali per comprendere tutta la storia. Ieri sera ho recuperato il primo (molto bello), stasera recupererò il secondo.
    Ti farò sapere!

    • Grazie Trix per le tue belle parole.
      Cosa aggiungere? Quando leggerai la presa di coscienza e la nascita della tribù guidata da Mothurb, spero che anche tu ne resti ammaliata.
      La guerra è un’opzione, ma richiederebbe la redazione di una nuova trilogia.
      Ti informo che io ho già in mente un nuovo soggetto di fantascienza dal titolo ancora non ben definito ma che potrebbe essere ” Le nebbie del pianeta Arghon”.
      Attendo un tuo contributo.

  2. Ciao Volpe,
    La situazione è molto complicata e la richiesta di Mothurb di non esagerare con le indagini mi fa pensare che molto difficilmente verranno trovati tutti i colpevoli!
    Aspetto di leggere come proseguirai!
    Ciao 😊

  3. Ciao Volpe😊
    Io penso che le divergenze tra gli Ors-hi e i senza pelo non si siano mai appianate, ma al contrario potrebbero essere molto peggiorate con il tempo!
    Opterei quindi per “un piano criminale contro I senza pelo”………
    Ps: la frase di Mothurb “…………..ma non va guardata verso il cielo. “…….mi incuriosisce. ……….cosa i tendeva dire?????………che intuizione ha avuto?????
    Ciao a presto😊

    • Ciao ClodB, questa è una buona chiave di lettura, come saranno realmente i rapporti tra le fazioni più conservatrici dei due schieramenti?
      Si l’ultimo ragionamento di Mothurb lo ha portato a capire il probabile obiettivo di questa operazionee le sue parole “la soluzione non va guardata verso il cielo” sono la via che lo hanno condotto al problema.
      Ci sei Clodb basta solo un piccolo ragionamento.
      A presto per la soluzione.

  4. Ciao Volpe,
    La situazione si sta “surriscaldando”.
    Altar sta dimostrando delle notevoli doti investigative, quindi per me non si scoraggera’ di certo e mi piacerebbe che chiedesse udienza a Mothurb per decidere il da farsi!
    Ciao! a presto 😊

  5. Io dico che Altar si farà un po’ i fatti suoi…ma rimarrà immischiato nonostante tutto!
    Ancora un grande capitolo. Stai attento alla lunghezza dei beat che dedichi all’esposizione: anche se hai dato molte informazioni necessarie, cerca di non fare monologhi.
    Aspetto con ansia il prossimo capitolo 🙂 non dimenticare di passare a trovarmi 🙂 ciao!

    • Ciao Gianluca, grazie dei tuoi suggerimenti e della tua valutazione.
      Forse rispetto alla lunghezza del racconto mi sono fatto intimorire dal numero elevato di parole che servivano per descrivere quanto visto durante la notte da Bertho.
      Altar sta portando avanti questa indagine proprio perchè questi fatti stanno minacciando i suoi incassi, in pratica si sta già facendo i fatti suoi.
      A presto.

  6. Ciao Volpe 😊
    Come sempre non hai deluso le aspettative….
    Capitolo…intrigante……Altar investigatore, travestito per meglio confondersi tra gli Ors-hi e riuscire ad ottenere informazioni!!
    Allora, mi piacerebbe l’opzione “…..utilizzato per scopi criminali…”…e vediamo come farai proseguire la storia😊😊😊
    Ciao😊

  7. Ciao Volpe😊
    Il racconto è sempre molto bello, lineare e descritto nei minimi particolari!
    Sono molto indecisa sull’opzione da scegliere, anche per me potrebbe essere interessante… “una rivolta degli orsi” ….ma allo stesso tempo …..”dettato da un progetto criminale contro i senza pelo”…….
    Aspetto curiosa, come evolverà la storia. 😊😊😊

  8. La rivolta degli Ors-hi che non vogliono più lavorare nella palude salmastra, guidata da un gruppo politico che vuole il controllo della città per realizzare un progetto criminale contro i senza-pelo 🙂
    Tre opzioni in una 😀

    A parte un piccolo refuso (alcune invece di alcuni), il capitolo scorre che è una bellezza, come tuo solito 🙂

    Ciao 🙂

    • Ciao Red Dragon, la tua soluzione salomonica mi piace, ma ti dico subito che vista la limitata possibilità di battute (5000) per ogni capitolo non credo sia fattibile. Perciò anche seguendo i suggerimenti degli altri lettori dovrò percorrere una sola delle tre soluzioni previste.
      Ti ringrazio inoltre per aver segnalato l’errore, spero che non sia di troppo disturbo per tutti e che la valutazione complessiva dipenda in maniera preponderante dalla fantasia mostrata.
      Ci sentiamo presto.
      Ciao.

    • Ciao Gianluca, ti ringrazio per quanto hai scritto, prima di tutto ti invito a leggere anche i primi 2 libri di questa trilogia (non mi ricordo se mi avevi detto già di averli letti). La psicologia degli Ors-Hi si capisce sopratutto con il secondo ma già devi aver capito molte particolarità.
      Per quanto riguarda il proseguo vedremo cosa decideranno i miei lettori forse potrebbero esistere anche altre possibilità di sviluppo del racconto.
      Ci sentiamo presto.

  9. Ciao Volpe, ti aspettavo!!!!😊
    Ero molto curiosa sul come sarebbero proseguite le cose tra i senza pelo e gli Ors-si.
    Vedo che Mothurb e Austrad hanno fondato ogniuno il proprio villaggio.
    Questo mi fa pensare che le loro divergenze riguardo i senza pelo…..non si siano appianate……..
    Quindi direi che qualcuno potrebbe tramare alle spalle dei senza pelo!!!
    Aspetto il prossimo capitolo per vedere come proseguirà la storia.
    Ciao😊

    • Ciao ClodB, la storia ha fatto un balzo in avanti, appariranno nuovi personaggi ma il problema sempre presente saranno i rapporti tra le 2 specie che continueranno fra alti e bassi, fino alla conclusione.
      Riusciranno i personaggi a fondare una nuova società multispecie dove le differenze fisiche, culturali, ma anche naturali non impediranno la collaborazione.

      E’ un bel dilemma .
      Vedremo di risolverlo.
      Ciao.

    • Ciao, sono contento di risentirti Red Dragon.
      Come illustrato dal racconto le due società si sono accordate e stanno tentando di vivere insieme collaborando. Questo progetto sarà comunque difficile, concorrono interessi diversi sia come comunità che come singoli: interessi da subito fortemente differenti.
      Probabilmente a questo punto singoli casi fortuiti possono far spostare gli equilibri da una collaborazione più completa a uno scontro tra specie.
      Ora non posso dirti altro se non che l’equilibrio della storia verrà modificato fortemente dalle vostre scelte.
      Aspettiamo il giudizio di tutti e scopriremo un futuro forse imprevedibile ma comunque tutto da gustare.
      Ciao.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi