Rêveries

Dove eravamo rimasti?

Dove vogliamo andare adesso? Vogliamo vedere un flashback della vita di lei (100%)

Souvenir

Si sente come se si trovasse in una dimensione in cui il tempo accelera e rallenta in maniera disconnessa.

La notte passa in fretta. Il giorno non sembra esistere. I ricordi della sera precedente le riempiono la mente offuscando il resto. Le scene passano e ripassano in un flusso continuo. Il suo sguardo. Le sue dita che sfiorano la sua mano, i suoi capelli, il suo mento, le sue labbra. Oltre le farfalle nello stomaco, una sensazione più forte risaliva dal basso ventre avvampandola fino al petto.

Il volto di lui, uno sfondo perpetuo. Quegli occhi, quella bocca…

Sono impazzita. Mi sto facendo incantare da un perfetto sconosciuto. Come posso fidarmi. Stupida. Tutta questa storia è proprio strana. Lui che viene da te ammettendo di averti quasi stalkerizzata. Perché non mi si è acceso il campanellino rosso? PERICOLO!

No, invece l’ho seguito. Lui era andato via ed io l’ho raggiunto. Dov’è finito l’istinto di sopravvivenza?

Però ieri su quell’isolotto avrebbe potuto fare di me ciò che voleva. Incosciente. Però, non l’ha fatto. È stato così dolce.

Basta! Sto ricominciando. Non posso far crollare questo bel muro di protezione, ci ho messo anni per tirarlo su. Adesso sono protetta. Non può essere scalfito. Non può. Non voglio.

Non voglio che accada di nuovo. Ho paura.

Ed ecco di nuovo quella sensazione. Un buco al centro del petto. Un vuoto freddo che brucia, come le lacrime che solcano le sue guance, lame che la sfigurano. Ferite così profonde che dopo anni ne sente ancora il dolore. Il muro non l’ha tenuto fuori, l’ha chiuso dentro.

***

L’amava così tanto da essere diventata un’unica cosa con lui. Non esisteva senza di lui. Si era cancellata, ma lei non se ne rendeva conto. Era tutto così perfetto, era così felice. Non aveva bisogno di altro. Erano la coppia perfetta.

Lui pure l’amava, lo diceva sempre che era la donna della sua vita, che non poteva immaginare nessuno al suo fianco se non lei. Frasi già sentite, vero? Frasi che mettono i brividi per la loro falsità. Infatti, lui al suo fianco ne aveva altre. Cambiavano ad ogni serata passata fuori con gli amici. Lei era la sua ancora, ma non le bastava. Erano felici, ma non gli bastava. Aveva bisogno di altro calore, quello proibito, quello offerto da corpi focosi. Lei era un angelo da accarezzare, da coccolare, da custodire, ma lui desiderava anche accarezzare il diavolo. Possessioni fugaci, ma ardenti che dissetavano quella sete di una perversione che l’angelo non poteva appagare.

Lei era ignara. Lui era bravo a nascondere.

L’amore è cieco. È lei era cieca sin dalla nascita di questo amore.

Una sera, ruppe le regole della sua routine e si lasciò convincere ad uscire dalla sua migliore amica per festeggiare l’ultimo esame superato prima della laurea. Indossò un bel tubino nero classico, i tacchi, e si truccò. Voleva avvisare il suo fidanzato e invitarlo a raggiungerle, ma stranamente il telefono non era raggiungibile. Ricordò che le aveva detto che andava a letto presto perché l’indomani aveva una giornata pesante.

La sua amica la portò in un locale esclusivo, lì gli altri della comitiva li raggiunsero. Ordinarono da bere. Lei inviò qualche messaggio all’uomo della sua vita, in modo che al suo risveglio potesse leggerli. Dopo un po’, una brutta sensazione cominciò a contorcerle lo stomaco. Il suo sesto senso l’avvisava, ma lei non sapeva nemmeno cosa fosse il sesto senso di una donna. La sua amica la invitò a ballare. In pista non si sentiva a suo agio. Non sapendo il perché cercava con lo sguardo qualcuno tra la folla. Lo sentiva da dentro. Lui era lì.

Questo tuffo indietro, in un ricordo doloroso, non è finito.

  • Il fidanzato quella sera la tradisce con la sorellastra (14%)
    14
  • La sua amica sapeva tutto della doppia vita del suo fidanzato per questo l'ha portata lì. (57%)
    57
  • Il peggio non è stato solo trovarlo con un'altra (29%)
    29
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

21 Commenti

  1. Bella scena, molto ben descritta, anche se accadono cose spiacevoli. L’unica cosa che ho notato è che a volte mi sembra che mancasse qualche virgola, però per il resto niente da dire, voto per farle iniziare questa nuova storia!
    p.s. Non so se l’hai visto, ma sotto la mia storia ho lasciato un commento in cui chiedevo se si voleva che il racconto continuasse con un seguito o che finisse col prossimo capitolo, tu che sceglieresti? (Puoi anche rispondermi direttamente qui) 😀

    • Ho letto il tuo commento ed in effetti secondo me la storia può ben continuare, sarebbe come lasciarla un p’o in sospeso e tu sembri aver voglia di continuare quindi voto si!!!
      Grazie per le tue correzioni.
      P.S.: Non so perché quando voti tu non mi viene mai calcolato è strano. Lo noto perché sei sempre il primo a lasciarmi un commento. Non importa più di tanto, mi fa piacere che tu segua la tua storia e i tuoi commenti sono costruttivi, ma è possibile che ti sia successo anche con me nella tua storia?

  2. Voto per un flashback 🙂
    Una storia molto dolce e intrigante. Secondo me il tuo stile delicato e poetico/pensoso si adatta bene al contenuto. Grazie per il viaggio con la fantasia a Parigi che mi hai dato la possibilità di fare! 🙂
    Nei prossimi episodi spero di conoscere meglio i due protagonisti. Personalmente penso che più lo si conosce, più sia più semplice empatizzare con i sentimenti di un personaggio 😀
    A presto!

  3. Poche righe e sei già immersa in un’ atmosfera intrigante e coinvolgente, illuminata poeticamente dalla rappresentazione realistica di eventi e stati d’animo di ordinaria quotidianità. Chi scrive , pure se inconsciamente, finisce per veicolare la sua visione del mondo e a creare un unicum, esemplare e irripetibile. Qualsivoglia forma di arte, di pensiero e di stile assumono, infatti, connotazioni diverse in funzione dell’artista. Scrivendo e continuando con passione e pervicacia, ci si crea uno stile di scrittura, una nostra identità artistica, un’impronta personale. Ottimo talento descrittivo,assolutamente da sviluppare. Ad maiora!

  4. Continua a leggere il suo romanzo. Non mi pare una tipa che si lascia sconvolgere dagli eventi.
    Il capitolo mi sembra generalmente ben scritto, anche se ci sono dei passaggi in cui mi è sembrato che mancasse una parola. Occhio anche ai tempi verbali, in un paio di occasioni sei passata a scrivere al passato senza che ce ne fosse bisogno.

    • Ti ringrazio per i suggerimenti. Per le parole mancanti in realtà si tratta di una scelta. Lasciare un po’ in sospeso, senza però che il senso della frase ne soffra. Almeno è quello che ho tentato di creare.
      Vedremo cosa gli altri lettori decidono per il seguito!

  5. La lettura è super piacevole e la storia intriga. Personalmente mi sono sentito trasportato dentro gli avvenimenti grazie a un linguaggio semplice, ma non banale. Ho visto i luoghi e ho percepito ogni attimo, ogni emozione descritta. Curioso di leggere il seguito… Secondo me è l’inizio di una travolgente storia d’amore.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi