Una ragione

Dove eravamo rimasti?

A chi si riferisce Diane accennando a una questione ancora da sistemare? Antoine (100%)

Una ragione

Diane tornò sui suoi passi. Raggiunse Antoine nell’alloggio che aveva occupato negli ultimi giorni presso il complesso del Tribunale. Spalancò la porta e lo trovò intento a guardare oltre i vetri, in piedi presso la finestra con le mani incrociate dietro la schiena. L’uomo si voltò a vedere chi fosse entrato e, con altrettanta calma, tornò a contemplare l’orizzonte.

«Sei stata tu, vero?» chiese.

Qualcuno doveva già averlo informato della fuga di Yolande e i bambini, ma Diane era sicura non li avrebbero ritrovati.

«Peccato. Il loro processo sarebbe stato domani» esclamò come un uomo deluso dal mancato divertimento.

Diane chiuse la porta e si portò al centro della stanza. Si guardò attorno. C’era un letto con delle candide lenzuola, un modesto armadio, un lungo specchio in un angolo e una scrivania in un altro, delle cortine di velluto rosso e un candelabro d’argento su un mobiletto dal quale si irradiava la poca luce che illuminava la camera.

«Molti anni fa promisi che sarei stata tua» iniziò «e sarebbe stato così anche se Alexandre fosse rimasto in vita. Dopo quello che hai fatto, però, credo sia giunto il momento di separarci»

«Ti sbagli, Diane» esclamò Antoine sicuro «Tu rimarrai con me. E sai perché? La vita dei tuoi protetti dipende dalla scelta che farai stanotte. Ho impedito ai soldati di iniziare le ricerche per il momento, ma ti giuro che sono disposto a mettere a ferro e fuoco tutta la Francia per ritrovarli»

«Come sei meschino» sibilò Diane.

Lui rise sonoramente. Si voltò e la guardò divertito.

«Ci sarà una punizione per tutto questo. Tu e quegli altri esaltati che chiami giustizieri avete gettato il nostro Paese in un labirinto di sangue!»

«E chi dovrebbe punirci? Diane, tu hai smesso di credere in Dio anni fa» esclamò ridendo.

Lo guardò dritto negli occhi. Poi, estrasse la pistola da sotto il mantello e la puntò verso di lui. Gli occhi di Antoine ebbero un guizzo di terrore.

«Cosa vuoi fare con quella pistola?» le chiese cercando di dissimulare il timore che provava in quel momento.

«Non avrei mai voluto giungere a tanto, ma… è ora che questo campo venga ripulito dalle erbacce! E, se questo è l’unico modo per farlo, sono pronta»

L’uomo iniziò ad avanzare verso di lei cautamente.

«Mettila via, Diane. Se mi uccidi, a te toccherà la ghigliottina. Perché vuoi morire così?»

«Nella vita bisogna pur trovare una ragione per cui morire, un motivo per cui valga la pena sacrificare la propria esistenza» rispose con tono di sfida.

«E quale sarebbe per te? L’amore?» beffeggiò.

«L’amore, la giustizia, la libertà. O forse, sì, forse la vendetta»

Antoine le si avvicinò lentamente, cercando di convincerla a desistere dalla sua intenzione.

Diane non era andata lì con l’idea di ucciderlo. La pistola sarebbe dovuta essere solo uno spauracchio. Sentiva braccia e gambe tremarle. Lei avrebbe accettato qualsiasi conseguenza, ma non voleva che altri pagassero al suo posto, che Yolande e i bambini fossero ritrovati per finire sul patibolo.

Vedendola tentennare, con un rapido movimento, Antoine si lanciò su Diane per disarmarla, ma il suo istinto prevalse e un fragore sordo ruppe la quiete della notte insieme a un urlo.

«Oddio! Cos’ho fatto?» gridò sconvolta vedendo Antoine accasciarsi in una pozza di sangue.

Buttò la pistola a terra e si abbassò verso l’uomo agonizzante. La mano di lui si tese a cercarla e Diane l’afferrò, mentre le lacrime iniziavano a offuscarle la vista.

«Mi dispiace» iniziò a ripetere tra i singhiozzi.

«Vai… non permettere che ti prendano… Ti amo, Diane…» le sussurrò con le ultime forze, mentre la sua mano le sfiorava una guancia per poi ricadere sul corpo esanime.

Diane sentì i soldati riunirsi per capire cosa fosse successo.

«Dal cittadino Delval!» sentì gridare una voce.

Guardò le sue mani sporche di sangue ed ebbe paura. Si alzò e uscì di corsa dalla stanza. Pensò che le sue gambe non sarebbero state in grado di sorreggerla, ma iniziò a correre.

Dei soldati la videro fuggire e il capitano diede ordine di catturarla, anche di sparare se necessario.

Nel pieno della notte le urla, uno sparo dopo l’altro e i passi di una corsa disperata.

Come una volpe che cerca di sottrarsi ad un branco di cani da caccia che la inseguono, così la donna correva veloce tentando di ripararsi dai colpi dei fucili.

Una breve corsa, fino a che qualcosa le trapassò il petto, cadde a terra portandosi una mano al cuore, un bruciore crescente le infiammò il corpo. Si sentì inghiottire in un mare scuro e caldo e dolce.

Era un luogo da cui poteva ancora sentire le voci dei soldati, che adesso la circondavano, ma da cui riusciva a malapena a intravederne le scure sagome.

Per ogni attimo in più che passava, tanto più lontane diventavano quelle voci e piano piano sparirono, lasciando il posto ai ricordi.

Stava per morire, lo sentiva. Tutta la sua vita le era passata innanzi.

Tutti quelli che aveva amato non c’erano più. Sperava li avrebbe presto raggiunti.

«Signore, perdona i miei peccati» sussurrò, prima di esalare il suo ultimo respiro.

Categorie

Lascia un commento

47 Commenti

  1. Un opzione plausibile sarebbe la prigione, perché durante gli anni del Terrore ti mettevano in prigione al minimo cenno di simpatia per il nemico e Diane ha appena dimostrato di essere legata ad un condannato a morte. In ogni caso è la donna del “capo” diciamolo così, quindi la porteranno direttamente da lui.
    Spero almeno che riesca a salvare i figli di Alexandre.
    Se ti va vienimi a trovare nel mio profilo anch’io ho scritto una storia ambientata a Parigi, mi piacerebbe ricevere un tuo parere.

  2. Ciao Rachele 🙂 complice la mia poca memoria, ho dovuto rileggere il tutto per riallacciarmi a questo capitolo e… sono davvero estasiato. Scrivi con un linguaggio semplice ma costruisci dialoghi e scene in maniera davvero egregia. Il beat dei capitoli 2-3 in particolare mi piace tanto per il susseguirsi di immagini.
    Non saprei che suggerimenti darti, sei bravissima.
    La prigione mi sembrava un bel colpo di scena: sei stata magistrale a farci vedere quanto poco valesse una donna agli occhi della comunità francese del sedicesimo secolo e sono sicuro che non abbiamo ancora finito di dimostrare il contrario; per questo ho optato alla fine per un piu tranquillo colloquio con Antoine. Sarebbe bello se la piccola Diane e i suoi fratellini potessero salvarsi in qualche modo (piccola nota personale)…
    Continua così 🙂 non dimenticare di passarmi a trovare, ti aspetto! Ciao!

  3. Voto perché Diane lo veda un’ultima volta. Sono un’inguaribile romantica.

    Scusami ancora, ma ti faccio un’altra precisazione, perché penso che siamo qui non solo per elogiare, ma anche per aiutare a migliorare. Precedentemente hai usato piazza della rivoluzione come nome dell’attuale piazza della Concordia, ed è perfetto perché visto che il racconto è ambientato negli anni della Rivoluzione francese. Penso che qui avresti dovuto fare lo stesso con la piazza del Carrousel, all’epoca della rivoluzione di chiamava piazza della fraternità o fraternité in francese.

  4. Avevo perso qualche capitolo! Ho recuperato.
    La storia si fa sempre più avvincente, mi piace, ora ci vuole un po’ di azione e di adrenalina quindi voto per la fuga.

    P.S.: Per una questione di precisione geografica, quando esce dalla Conciergerie nel terzo capitolo è un po’ difficile che si ritrovi a Piazza della Rivoluzione. Molti non lo sanno ovviamente quindi non cambia niente all’economia del tuo racconto, è solo per scrupolo di precisione visto che si tratta di un romanzo storico.

  5. Ahia, ci metti in mano una scelta davvero ardua!
    Io credo andrei dalla moglie di Alexandre,per avere un confronto. Non so, onestamente: mi sono chiare le motivazioni e il grosso del suo background, ma non riesco a pensare come farla progredire nel racconto, se non prendendo questa tangente 🙂 ho apprezzato molto la descrizione dei suoi sentimenti contrastanti, complimenti :))) non dimenticare di passare a trovarmi e di lasciare un commento 🙂 a presto!

  6. Molto interessante l’ambientazione, ho apprezzato in particolare il passaggio in cui alludi al fatto di proteggere la libertà facendo prigionieri, contraddizione e paradosso di tutte le rivoluzioni, in cui gli oppressi diventano oppressori. Non ho apprezzato molto però la reazione di Diane alla notizia dei prigionieri, nel senso, mi sembra strano che una donna politicamente attiva manifesti fin da subito un dissenso così palese verso la classe dirigente a favore della quale opera. Forse avrei preferito vedere emergere il suo atteggiamento scettico verso la piega che stava prendendo la rivoluzione attraverso piccoli segnali e far crescere progressivamente questo dissenso; ma è comunque solo la mia opinione personale, anche perché non so che piega prenderà la storia 😀
    Per il resto mi è piaciuto molto, voto per sapere chi è il prigioniero!

  7. Be’, direi il prigioniero: l’hai introdotto, quindi ha senso spiegarci il perché.
    Questo primo capitolo è scritto molto bene, ma la reazione di Diane mi sembra un po’ strana: se è la compagna di Antoine e se è intelligente come sembra, com’è possibile che rimanga sconvolta nello scoprire che ci sono tanti prigionieri? Non dovrebbe essere già al corrente della situazione (tutt’altro che segreta, mi pare)?

    • forse non sono riuscita a spiegare bene: non è sconvolta perché scopre che ci sono tutti quei prigionieri. lo sapeva già ovviamente. è sconvolta dalle motivazioni per cui quelle persone erano state imprigionate e dal fatto che non si possa fare nulla per impedirlo.
      la cosa è legata al periodo storico in cui la narrazione è ambientata. come ho scritto nella “trama” siamo a Parigi nel 1793: è l’apice degli anni del Terrore di Robespierre.

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi