La vita segreta di Carmen

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà nel prossimo episodio Carmen? Ci sarà un flashback del suo passato (67%)

Due rose

Carmen camminò dentro l’aula silenziosamente, mentre si sistemava quei finti occhiali da vista, che le piaceva indossare.

”Qui!” esclamò piano la sua amica, sventolando in aria la mano, per farsi notare.

Carmen fece un finto sorriso e corse verso di lei.

”Come stai?” le chiese, con finto interesse, sedendosi accanto a lei.

Rose sorrise, accarezzando i suoi capelli leggermente crespi.

”Io sto bene, ma tu non hai l’aria di una che ha dormito, cos’è successo?” chiese Rose guardandola, ma Carmen scosse la testa.

”Mia madre è stata male ieri sera” mentì, sperando che quella bugia fosse la verità ”ho dovuto accompagnarla in ospedale”

”Oh, mi dispiace” disse soltanto Rose, cambiando in fretta l’argomento.

Carmen non parlò molto, semplicemente si limitò a rispondere, come faceva sempre.

Nelle parole e nei gesti della sua amica c’era una certa vanità, un desiderio disperato di essere al centro dell’attenzione. 

Carmen la osservava silenziosamente, e realizzava come neanche Rose se ne accorgesse di quella cosa. 

”Stasera Luca darà una festa” disse ad un certo punto Rose, attirando lo sguardo curioso di Carmen su di sè, ”ma ho pensato che nessuno vorrebbe una vergine alla sua festa, per questo mi sono permessa di rifiutare il tuo invito. Spero non ti dispiaccia” 

Rose ridacchiò mentre Carmen scosse la testa.

”Certo che no” mormorò, ma Rose non la potè sentire, poichè in fretta quasi soprannaturale si era messa a parlare d’altro.

”Come sta il tuo fidanzato?” chiese Carmen, cercando di farla tacere.

Rose non rispose, semplicemente si limitò a guardare altrove, con occhi tristi.

Carmen sospirò, sapendo bene di cosa si trattasse ma non dicendo nulla, preferendo tacere che parlare apertamente di un argomento così fragile.

D’altronde Rose era l’unica amica che aveva, non poteva rischiare di perderla, nonostante non le fregasse di un fico secco di ciò che diceva.

”Carmen” disse la voce del professore, attirando la sua attenzione ”Carmen Leghori”

”Sono io” rispose lei, alzandosi dalla sua sedia.

” E’ stata convocata nell’ufficio del professor Edmund” disse il professore, con la solita voce rigida e autoritaria.

Lei annuì, dirigendosi verso la porta.

”Bene aprite il libro a pagina 489, sì Rose, hai qualche domanda?” furono queste le parole che udì prima che chiudesse la porta alle sue spalle.

Cosa succederà nell'ufficio del professor Edmund?

  • Altro (0%)
    0
  • Niente di speciale (0%)
    0
  • Qualcosa di provocante (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

3 Commenti

  1. “Se volete leggere qualcos’altro di mio, se avete informazioni e chiarimenti da farmi o da chiedermi: missodette8@gmail.com
    Ma in che senso, scusa?
    Da un punto di vista di storia, ci hai fatto vedere molto bene il personaggio principalmente, la sua debolezza e quello di cui ha bisogno. Perché ha noia? Chi è Jack? Perché si comporta così? Avrà un’evoluzione? Tutte domande alle quali spero risponderai in futuro. Complimenti 🙂 non dimenticare di passare a trovarmi!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi