Proibito

Dove eravamo rimasti?

Nell'ultimo episodio scopriremo cosa ha fatto Stefano per meritare il tradimento di Luca? No, resterà un mistero e l'episodio si concentrerà sui protagonisti. (100%)

Amor proprio

Monica si voltò rapidamente e sentì l’estremità del pene di Leonardo accarezzarle un gluteo. La cosa era andata innegabilmente oltre, ma non riusciva a credere che fosse sbagliata. Non aveva cresciuto Leonardo e non gli aveva insegnato a camminare o a dire le prime parole. Non aveva mai preso il posto della madre.
Monica maledisse il marito per essere lì e Luca per essere andato via. Si ricompose velocemente, aprì la porta e uscì dal bagno attraverso un piccolo spazio tra la porta e il cornicione.
«Cosa succede lì dentro? Leo non sta bene?». Stefano era visibilmente nervoso.
Monica si appoggiò alla porta, ancora in preda all’eccitazione. «Non sapevo che Luca fosse un suo collega. È sconvolto per averlo visto con noi».
Stefano, serio in volto, le chiese: «Sconvolto per così poco? O c’è dell’altro?».
Il suo tono indagatorio preoccupò Monica.
Finse di non pesare troppo le parole e mantenne un’aria vaga. «È un ragazzo molto giovane, avrà sicuramente altre sciocchezze per la testa».
Stefano le mise una mano tra i capelli e Monica gli sorrise.
«Tu non mi tradiresti mai, vero?». Le accarezzò il collo con le labbra facendola trasalire, ma di preoccupazione.
Lei rimase impassibile e continuava a forzarsi di sorridergli compiaciuta. «Come potrei? Solo il tuo respiro sulla mia pelle mi eccita». Distese il collo e lo baciò. Inserì la lingua nella sua bocca e subito incontrò la sua. Amoreggiarono per un paio di minuti mentre lo scorrere della doccia faceva da colonna sonora. Monica immaginò Leonardo completamente nudo e intento a lavare via il sudore e la stanchezza. Le piaceva pensare che il suo pene si ricordava ancora di lei e che aveva mantenuto quella bella erezione.
«A cosa pensi?». Stefano riportò bruscamente Monica alla realtà.
«Penso che ti voglio. Andiamo do là». Mentì lei prendendogli una mano e adagiandola sopra un seno.
«Tu non mi tradiresti mai, non è vero?».
«Sono stufa!». Sbottò lei. «Capisco le tue paure e deve aver fatto davvero schifo scoprire fin troppo tardi dell’infedeltà della tua amata. Ma questo non significa che…».
Stefano la zittì. «Hai ragione. Ma fa quasi più schifo scoprirlo quando la tua amata è ancora in vita».
Monica avvertì le lacrime percorrerle il viso. Era troppo tardi per tutto.
«Mi dispiace». Era sincera. «Non c’è nessuna scusa, ma avevo la sua ombra ovunque. Lei era sempre nel nostro letto e lo sai. Non riusciamo a fare sesso da ormai troppo tempo e tu sei talmente terrorizzato dal tradimento che…». Vedeva il volto di suo marito offuscato per via delle lacrime. «…che è successo». Concluse Monica tristemente.
«Alla fine è colpa mia». Dichiarò lui mostrandole le spalle e allontanandosi da lei.
*
Erano ormai passati più di due mesi dal più bel piacere solitario che avesse mai provato in quei ventuno anni, ma Leonardo non era riuscito a incontrare nuovamente Monica di persona. Trovava assurdo che l’ultimo contatto con lei lo avesse avuto il suo glande. Urtò il mouse contro la scrivania e riportò la sua concentrazione sugli annunci di lavoro. Ma la sua mente viaggiava e naufragava: si scontrava contro Adriana e quella tentazione di riprovarci con lei; urtava contro le risposte brevi che Monica gli inviava; si abbandonava sulla riva di una spiaggia invernale, deserta, su cui si abbatteva un temporale che schizzava via tutto, facendo ripartire tutto in un loop infinito.
Inviò una candidatura in una piccola cittadina vicino Bologna, completamente ignaro della prossima tempesta che si sarebbe abbattuta nella sua testa.
*
Iolanda appoggiò le mani contro il muro e si lasciò andare al piacere, mentre Stefano la teneva dai fianchi e la penetrava da dietro lentamente. Poi lei si scostò e gli si parò davanti, baciandolo con foga e stringendo il sedere nelle sue mani. Stefano la fece sdraiare e le alzò le gambe, portando i polpacci contro le sue clavicole. La penetrò di nuovo e iniziò a muoversi lentamente, assaporando quel profumo di vaniglia.
Si ritrovò a pensare alle parole di Monica. “Sei così tranquillo”. Gli aveva detto. “Siamo così sicuri che i tuoi problemi di sesso non siano dovuti ad altro?”. Poi era andata in un hotel. Gli aveva detto che avrebbe chiamato la sorella e che sarebbe ritornata per prendere alcune cose. Ma non lo aveva ancora fatto.
Le mani di Iolanda sul suo petto lo riportarono al presente. Vide il suo seno pallido danzare sotto di lui e abbassò il capo per leccarle un’aureola. Lei gli pizzicò i fianchi e il suo corpo ebbe come delle piccole convulsioni. Stefano tirò fuori il membro e Iolanda fece venire anche lui.
«Ti aspettavo così tanto e nemmeno lo sapevo». Gli confessò con affanno mentre lui si metteva comodo al suo fianco.
«È bello sapere che sei felice e libera. Ma quello stronzo avrebbe meritato una punizione più pesante».
«Non mi importa». Disse mentre si voltava verso di lui per baciargli dolcemente le labbra. «Non ero riconoscibile e il resto sono solo parole di persone innocue. È tutto finito».
Si portò su di lui e sentì la sua erezione premere contro una coscia.
«Fammi sognare ancora».

Categorie

Lascia un commento

54 Commenti

  • Ciao, ho letto con attenzione tutto il tuo racconto, molto ben scritto e la storia è di quelle che amo, intrigante, emozionante, trasgressiva. Solo un piccolo appunto, almeno questa è la mia sensazione. Quando descrivi le scene erotiche, mi sembra quasi tu voglia concludere subito, come toglierti un pensiero. La fase erotica a mio avviso deve essere lenta, descrivere tutto con accuratezza, lasciare intravedere per parecchio tempo e alla fine buttarsi a capofitto sulla descrizione finale in maniera quasi porno. Io almeno la vedo così, la passione pre amplesso deve essere infinita. Per il resto, bravo, aspetto altri racconti ancora più piccanti. Passa da me se ti va, baci ciao

  • Introverso,
    già il finale della tua storia, non ci credo!
    Finale denso di avvenimenti e di emozioni (e di eros). Mi accodo a Gra qui sotto per concordare con lei sulla repentina ammissione del tradimento di Monica, unico neo di un capitolo altrimenti perfetto.
    È un finale che lascia l’amaro in bocca a diversi personaggi (meno che a Stefano, chi se lo sarebbe mai aspettato!!) che a me personalmente è piaciuto molto. Potresti tranquillamente decidere di continuarlo, come di chiuderlo qui, è proprio il bello dei finali aperti!
    In ogni caso, io ti direi di continuare se hai delle idee interessanti da sviluppare ancora.
    Spero di leggerti presto!

    • Ciao Trix e grazie per aver seguito la mia storia fino alla fine. Ho apprezzato anche molto i tuoi suggerimenti, perché mi hanno aiutato a crescere!
      Mi dispiace per alcune cose affrettate, ma il limite dei caratteri in questa piattaforma è anche un mio limite. Inizialmente questo capitolo aveva più profondità, ma con oltre 7000 caratteri! A parte questo, sono felice che il finale ti sia piaciuto. Forse continuerò la storia di alcuni personaggi, vedremo.
      Grazie ancora e a presto!

  • Hai pubblicato il finale dopo poco tempo. Non vedevi l’ora di liberarti di noi? ?
    Bel finale, con qualche cerchio chiuso e altri lasciati in sospeso… a questo punto il seguito è d’obbligo. Bravo. Mi è piaciuto.
    Ti segnalo solo Che ho trovato il passaggio del litigio fra Monica e stefano troppo repentino. A chè parlavamo belli tranquilli a chè lei gli confessa il tradimento. Sono dovuta tornare indietro per rileggere pensando: “che cosa è successo?” Secondo me ci voleva una frase che facesse salire la tensione in maniera graduale. Ma è solo una mia opinione.
    Complimenti per aver portato la tua storia a compimento. Non è un traguardo da poco.
    Alla prossima storia

    • Ciao Gra.
      Avevo iniziato a scrivere il finale già dal giorno di pubblicazione del capitolo 9, perché avevo tutto chiaro.
      Posso dirti che ho tagliato un bel po’ di parti e dettagli che avrebbero reso un poco più naturale la conclusione (non riesco ad adattarmi al limite dei caratteri, ma spero di migliorare in futuro). Quindi la sensazione che hai avuto ci sta e la capisco.
      Non so se continuerò con questa storia, ma ammetto che mi stuzzica l’idea di riprendere alcuni personaggi. Tu cosa faresti? Una vera e propria ‘parte 2’ o una storia più scollegata che coinvolge alcuni personaggi? Leggerei volentieri un tuo parere.
      Grazie per aver letto tutta la storia e per aver commentato spesso lasciando un tuo parere. Lo apprezzo.
      A presto 🙂

  • Colpo di scena!
    Episodio scritto in maniera magistrale, Introverso. Sempre meglio, davvero. Immagino che c’entri Iolanda nella questione del tradimento di Stefano nei confronti di Luca ma lo vedremo!
    Sapendo che hai intenzione di continuare con un secondo racconto io direi di lasciare in sospeso questa questione e di concentrarci sui protagonisti.
    A presto!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi