L’ASSASSINIO DELL’AMBASCIATORE

Dove eravamo rimasti?

Da qui partiamo: cosa è bene approfondire subito? chi è il narratore (60%)

E riuscii

La polizia era giunta ed aveva effettuato ogni adempimento. Il grande attico del quinto piano era sotto sequestro, e la moglie e la governante di casa si erano sistemate nel vano al piano terra, una volta occupato dal portinaio. Di lì a poco le avrei incontrate per due chiacchiere, l’inizio delle “mie” indagini.

Nell’attesa, non potei non ripensare alla strada che mi aveva portato sin lì, nientemeno che da New York, in una famiglia di immigrati italiani. Mi chiamo Attilio Regolo, sono nato nel Bronx. Il quartiere mi ha insegnato tutto: era composto da casermoni immensi. Io vivevo con i nonni, vecchietti perennemente sul punto di congedarsi che mi riempivano la giornata di scherzi, anche pesanti; ma io volevo loro molto bene, ed essi me ne volevano. La vita non era stata tenera con loro, soprattutto quando da un momento all’altro si erano trovati a dovermi fare da genitori, da quando cioè i miei genitori avevano deciso di farmi da nonni.

L’infanzia sulla strada scorreva veloce: a otto anni ne avevo dieci, ma il programma di studi era per quelli di sei. Ma era un dettaglio da nulla: io non studiavo! Come dice il nostro regista ufficiale, Martin Scorsese, in una realtà come quella per essere qualcuno si può studiare da prete o da gangster. Io volevo fare il detective, e cercavo di essere amico degli esponenti di entrambe le categorie. In particolar modo del boss del quartiere, che mi prese presto in simpatia; era un tipo generoso, sempre presente nei dintorni e pronto ad aiutarti, ma che all’occorrenza sapeva essere spietato. Anche lui di origine italiana, il suo nome era Robert De Niro, ma per darsi un tono pretendeva che tutti lo chiamassero Chazz Palminteri. E tutti ubbidivano, per non incorrere in inevitabili rappresaglie.

Cercare un lavoro onesto era un’impresa, ma grazie a Chazz trovai la mia strada. Fui assunto all’anagrafe, dove riuscii a farmi un nome: dapprima risolsi i casi più semplici, come chi ha rubato la scolorina, chi ha disegnato un cazzo sugli appunti del collega. Assicuravo i colpevoli al collegio dei probiviri aziendale e la stima nei miei confronti cresceva, mentre tra i colleghi riuscii a farmi anche un soprannome: il delatore.

Tutto procedeva per il meglio, fino alla triste telefonata dall’Italia: era morto il bisnonno. I biglietti per il viaggio costavano moltissimo, e per ammortizzare tutta la spesa calcolammo di trasferirci per quarant’anni al paese; inoltre avremmo fatto compagnia alla bisnonna nei suoi ultimi anni di vita. All’arrivo scoprimmo che la bisnonna era morta dieci anni prima e che quell’idiota del marito, per pura discrezione, non ci aveva avvisati. Ma ormai il dado era tratto e ci stabilimmo lì.

Francesca Rivelli, 60 anni, moglie della vittima. Presente in ogni pellegrinaggio di lavoro del marito, compagna fedele di viaggio durante le sue missioni in giro per il mondo. Andato l’uomo in pensione, ha comprato il palazzo dove ora vivono, insediandosi  insieme all’ultimo piano. Alcuni ritengono che il marito la tradisse, altri ne sono certi, altri ancora affermano che chi pensasse il contrario stesse vivendo un grave distacco dalla percezione del reale.

Bice Valori, 37 anni, governante a casa dell’ambasciatore. Giovane ma non più piacente, timida, silenziosa con puntate nel catatonico, irrimediabilmente innamorata del proprio datore di lavoro.

“Era un uomo tutto d’un pezzo, fiero, all’antica. Colto, amante della buona lettura, come testimonia la sala della biblioteca che aveva fatto costruire in casa quando ha unito i due appartamenti al quinto piano per ricavarci il nostro interno. Meticoloso: la sua collezione di trofei di caccia in biblioteca, tutti esposti in ordine alfabetico”. – La moglie era commossa. “Sì, un uomo d’oro” – fu il contrappunto di Bice, imperturbabile robottino di casa.

“Grazie Dario, ben gentile” – disse la vedova al ragazzino che le porgeva la tazza di thè ­– “anche per lui è un dispiacere, vero Dario?”. Lui annuì, triste. “Ogni tanto veniva da noi ad aiutare Bice, e mio marito” – groppo in gola – “gli dava la mancia. Da pochi mesi ha perso la mamma, ora ha perso il mio caro…”. E riprese a piangere. Chiese congedo per spostarsi in camera, e io glielo concessi prontamente. Fu a quel punto che incontrai le biglie oculari di Bice. Senza scomporsi più di tanto, a voce più bassa del solito, mi si rivolse con queste parole: “Era un uomo invidiato, forte, e le pretendenti non gli mancavano. Era moralmente un santo, ma si sa che certe donne sono peggio del diavolo quando vogliono un uomo. Io cercherei di capirne di più…” – evasiva -. “In merito a cosa, signorina Bice? – risposi. “quando diede il via ai lavori della biblioteca, collaborò molto con la bibliotecaria del quarto piano. Una donna sfacciata, immorale…”.

Pensando alle ultime parole scritte dalla vittima, sul sesso e sulla peculiarità caratteriale del killer, filtrai a memoria tutte le figure femminili… ma niente, non mi riuscì di scagionare nessuna delle mie vicine di casa. Tutte erano sospettabili!

Il campo delle indagini rimane quindi apertissimo: ora Attilio avrà uno scontro. Con chi ?

  • un parente (17%)
    17
  • la polizia (33%)
    33
  • un condomino (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

141 Commenti

  • Caro Minollo,
    la mia latitanza è imperdonabile, ma non potevo assolutamente perdermi il finale di questa storia. Adattare un giallo alla tua vena umoristica è stata davvero una scelta azzeccata, te l’avevo già detto e te lo ripeto. Anche in questa storia sei riuscito a far quadrare tutto alla perfezione, strappando a noi lettori più di qualche risata lungo il cammino. Bravo, mi è piaciuto molto il finale che riesce a stupire con un colpevole a dir poco insospettabile.
    Cosa tirerai fuori dal cilindro al prossimo giro? Visto che Attilio non esclude di riaprire l’agenzia investigativa, io tenderei a incoraggiarlo in questo senso. 😛
    A presto!

    • Buonasera Anna!
      Grazie per aver seguito la mia storia, per i suoi commenti e per essersi divertita con me. Mi ha fatto davvero piacere. Vediamo ora, ho qualche idea e ci sto pensando, spero di riprendere presto!
      Grazie ancora e complimenti per Ninetta, che sta trovando nuovi riscontri positivi nella community!
      A presto!

  • Rieccomi, Minollo.
    Bellissimo finale! Fantasioso, fantasmagorico, favoloso, fa… boh… fa divertire tantissimo 😀
    Perle disseminate ovunque (forse quella che preferisco – nel finale, si intende – è “quella sera avevo ecceduto un po’ col vino, cose che capitano quando bevi troppo”, ma anche quando sfrutti i presunti problemi di dizione di Sato non è mica roba da ridere. Anzi, lo è 😀 ).
    Inoltre, tifo sempre per l’infallibile investigatore che, alla fine del giallo, dimostra di non aver capito quasi una mazza, quindi direi che non potevo chiedere un finale migliore 😀
    Il racconto mi è piaciuto davvero molto, lo trovo scritto benissimo, con stile molto personale e con estro e intelligenza non comuni.
    Bravo, davvero!
    Ciao, ti auguro un’ottima settimana.

  • “Che direbbe Oscar Wilde adesso?” 😀
    Gran bel finale, anche se in un giallo si tende a sospettare un po’ di tutto proprio perché il colpevole è sempre il personaggio più insospettabile, non mi sarei mai aspettato che Dario potesse essere il colpevole! Che un ragazzo sia stato capace di una cosa del genere, in un altro tipo di racconto, forse non sarebbe stato molto credibile, ma come altre cose, essendo il genere quello umoristico, ci sta molto bene 🙂
    Spero anch’io in altre avventure di Attilio, dal momento che il suo personaggio si presta bene alla serialità… quindi ancora complimenti e a presto!

    • Ciao Lorenzo!
      Grazie per avermi seguito fin qua, tu che sei uno dei miei primi lettori! In effetti all’inizio non era lui il colpevole, poi ci ho pensato ricordandomi qualcosa di analogo in un giallo di Agatha Christie; allora mi sono detto che l’eventualità era stata già sdoganata in un giallo “serio“ e quindi l’ho realizzata.
      A un po’ tutti è piaciuto Attilio, quindi ci penserò su e… vedremo
      Ciao e grazie ancora, vedo che tra poco è ora di andare da Mike!

    • Ciao Isabella!
      Grazie, mi piace quello che ci vedi! Sono contento di averti annoverato tra i lettori dell’ambasciatore; il finale è più malinconico, ma cerco di chiudere positivamente tutti i cerchi aperti, compreso Dario, che terrà il suo segreto e ritrova il padre che lo aveva trascurato.
      Ci vediamo a casa di Alice, come direbbe Carlo Verdone :)))
      Ciao!

  • Ciao, Minollo.
    Spero davvero che l’agenzia investigativa riapra e che presto ci sia un nuovo caso su cui indagare!
    Bellissimo questo racconto, divertente e originale. Hai una buona penna e sai far quadrare le cose come di conviene in un buon giallo.
    Che posso aggiungere? Bravo!
    In un giallo la quasi riuscita dell’investigatore non avrebbe funzionato molto, ma questo è un racconto umoristico e, per quel che mi riguarda, ha funzionato benissimo!

    Io aspetto in nuovo racconto e ti auguro una buona domenica.
    Alla prossima!
    p.s. spero presto 🙂

    • Ciao Keziarica!
      Grazie, grazie, sentitamente. Per avermi seguito sin da subito, anche nel mio primo racconto, per i consigli circostanziati che dai a me ed un po’ a tutti gli autori che leggi. Sono contento di come sia riuscito alla fine, gli ultimi capitoli sono stati più faticosi perché mi rendo conto che per amore di sketch rimando delle questioni che dovrei affrontare, e più avanti la legge dei 5000 non si può aggirare!
      Comunque ti dicevo che sono contento, e spero di riprendere a breve, qualche idea c’è. Ca va sans dire (non trovo il corsivo su questo tablet :))) che spero di rileggere altrettanto presto un’altra nuova storia dalle parti del paranormale con la tua firma in calce.
      Quindi… a quanto prima.
      Ciao!

        • Ciao Keziarica!
          Secondo me fai bene quando hai qualcosa da dire, lo fai sempre in umiltà, senza la pretesa di avere in tasca la Verità. Poi il tutto va preso appunto con il giusto spirito; mi sembra inoltre tu lo faccia a ragion veduta. Anche io provo a consigliare, ma certe volte tentenno, temendo di far più danno che altro.
          Comunque, se bolle qualcosa in pentola, io mi metto comodo, ho già pronto il pop corn…
          Ciao!

  • All’inizio l’ipotesi della scritta sbagliata mi era sembrata un po’ forzata, però vedendo che Attilio non è poi così affidabile ci sta che la sua possa essere una teoria abbastanza discutibile.
    Altro bel capitolo, pieno come sempre di trovate originali. Voto per Dario e Attilio, sono una bella coppia e mi piacerebbe concludere con loro!

  • Ciao, Minollo.
    Dove ti è venuta l’idea del punto G? Ah ah ah, ma come ti vengono? Molto divertente anche questo penultimo episodio. Divertente e intelligente, cosa da non da poco.
    Ora non ci resta che scoprire chi ha davvero ucciso l’ambasciatore e riderci su, perché so che mettersi insieme un capitolo esplosivo.
    Bravo, come sempre.

    Alla prossima!

    p.s. Dario e Attilio.

    • Ciao Keziarica!
      Grazie mille per le parole, è stato il capitolo più difficile perché all’inizio mi pareva troppo cupo, non per Sato ma per le parole della contessa. Sono contento che alla fine sia apprezzabile. Pensa che la storia del punto G è stata una delle prime che mi è venuta in mente per imbastire la vicenda intorno. E’ proprio tonto Attilio :)))
      Ciao!

  • Rieccomi, Minollo. Ho votato Salvo, non so, mi pare sia il più adatto ad aumentare ancora questa esilarante entropia.
    Davvero esilaranti e godibilissimi, anche questi ultimi capitoli. Pieni, i tuoi sì, di invenzioni originali efantasiose. Mi piace molto il tuo modo di scrivere e non fatico a confessare che te lo invidio un po’. Leggendoti mi dai l’impressione che a te riesca meglio e più facilmente ciò che io tento con fatica estrema: provo la frustrazione del secchione che vede il compagno bello, atletico e spiritoso, prendere un voto migliore del suo senza neppure perdere troppo tempo sui libri.
    Complimenti da un ammiratore sincero.

    Ciao, ti auguro un’ottima giornata

    • Ciao Erri!
      Stavolta esageri tu!
      Scherzi a parte mi diverto molto a scrivere (e spero che ci mi legge si diverta la metà almeno di quanto mi diverto io), però penso che le mie storie siano cmq nel solco della tradizione (il giallo umoristico in questo caso), mentre nelle tue arguzie verbali vedo il seme della follia creativa che peraltro in diversi ti riconoscono.
      Ammirazione ricambiata, come l’augurio di ottima giornata
      Ciao!

  • Minollo,
    imperdonabile la mia assenza per buona parte del racconto, ma sono contenta di essermelo bevuto fino alla (quasi) fine. Divertentissimo crescendo, proprio del tuo stile, che trascina in lettore in una tragicomica realtà. Incredibile come riesci a dosare l’ironia e la tragicità. E il dialogo con Tullia in quest’ultimo capitolo mi ha fatta davvero divertire.
    A prestissimo!

  • Forse il miglior capitolo finora del racconto, complimenti! Come al solito ho riso molto e ho notato anche una maggior cura e precisione nella scrittura. Ti segnalo solo “chiacchera” invece di “chiacchiera” e la ripetizione “quando Francesca ebbe un crollo nervoso: afferrò il cellulare in preda ad un attacco di nervi”, ma le ho notate proprio perché il resto era scritto molto bene!
    Per il prossimo capitolo voto la contessa, a presto 😀

  • Ciao, Minollo!
    questo racconto è un crescendo di umorismo e tensione, le carte si stanno disponendo sul panno e aspettano di essere voltate. Qui c’è della raffinatezza, si percepisce una certa destrezza nel muoversi in un genere davvero ostico e difficile da rendere a parole; bravo, Minollo! Bellissimo il battibecco, ma anche l’incalzare Tullia. Ma mi è piaciuto molto questo capitolo 🙂 scritto proprio bene.
    Voto per il conte e aspetto di leggere i capitoli finali.

    Alla prossima!

  • Ciao, molto divertente, un teatro vero. Sembra una di quelle commedie dell’assurdo di moda tanto anni fa. Si scherza con il morto e la risata è assicurata. Bravissimo!
    Voto contessa, le confessioni delle donne sono certo più interessanti!😁

  • ciao, oggi mi sento più ignorante del solito perché non so come sono le “mani da Tordella” ma sono sicuro che tu me lo spiegherai. Certe cose tragiche quando sono raccontate come qualcuno sa fare divertano davvero divertenti. Bravo, e brava la vegetariana che parla di carne umana come fosse gossip….. Aspetto il nome del colpevole. Ciao

    • Ciao Fenderman!
      Grazie per il tuo commento, gentilissimo! Spero di continuare bene!
      “The Katzenjammer kids” è una striscia umoristica americana che deve esistere da almeno 100 anni. In Italia è conosciuta come “Capitan Cocorico’”. Il protagonista è un ex uomo di mare, beone e perdigiorno; ci sono anche due monelli pestiferi, Bibi’e Bibo’, che non è chiaro se siano figli del capitano. A stemperare gli eccessi di questa combriccola di virtuosi arriva l’angelo del focolare, appunto la Tordella: un donnone dalle maniere spicce che attende i suoi ometti a casa con le mani raccolte dietro la schiena. L’atteggiamento dimesso viene contraddetto quando vediamo fare capolino da dietro la sua schiena uno dei manici di un mattarello. Insomma, tiene l’ordine pubblico….
      Ciao!

  • Ecco un esempio di racconto umoristico!
    Ciao, Minollo.
    Anche questo capitolo ha ben reso l’atmosfera dello strampalato condominio e dei suoi abitanti. Il racconto ha verve e suscita allegria nell’ agevolare nel cervello situazioni esilaranti. Notevole il passaggio delle sberle. Bravo!
    Che altro dire? Voto per Tullia e vediamo che succede. 🙂

    Alla prossima!

  • Bravo, davvero divertente, sembra così lontano dal mondo reale e invece non lo è affatto.
    Il tutto è confezionato con garbo e humor in punta di dita nonostante certi argomenti….
    Mi incuriosisce l’amministratrice, (domatrice di leoni) che sicuramente avrà molte cosa da raccontare.
    Ciao, alla prossima.

  • Ciao, Minollo.
    Non c’è che dire, il tuo racconto corre e scorre che è una meraviglia. È divertente e irriverente al punto giusto, a ogni capitolo torna la familiare vivacità a dipingere situazioni sempre nuove, bravo!
    La reazione di Clara alla disputa non ha prezzo, fantastico il labiale a corredo del messaggio scritto.
    Io voto la Vedova e vediamo che succede.

    Alla prossima!

  • Rieccomi, Minollo.
    Ho votato la contessa Marina, il suo siparietto col conte è uno dei passaggi che mi hanno divertito di più, la voglio rivedere! 😂
    Una storia davvero divertente e uno stile originale, complimenti!
    Impagabile la narrazione in prima persona, mi sento nella testa la voce profonda e rauca di un serissimo Marlowe che racconta di Robert che si fa chiamare Chazz, della testa dell povera Bice Valori sistemata in ordine alfabetico 😂 . Per questo, per quanto abbia molto apprezzato la scena dei conti, mi è mancata la voce di Sherlock (o Clouseau? 😂).
    Complimenti davvero, mi hai regalato un po’ dì buonumore e, a giudicare da come scrivi, immagino tu sappia quanto è prezioso.
    Ciao, ti auguro un buon-umorale (o umorico? Boh!) fine settimana

    • Ciao Erri!
      Ben trovato qui in biblioteca! Grazie per il tuo apprezzamento, far ridere è proprio quello che mi piace. Il riferimento a Clouseau è assolutamente pertinente, anche Attilio, pur volenteroso, sembra vivere in un mondo suo. Forse Marina non vince, ma presto la nobile panterona si farà valere ugualmente.
      Sono particolarmente contento per il fatto che hai notato la battuta su Robert e Chazz, una delle mie preferite!
      Un buon weekend anche a te!!

  • Finalmente si riprende! Sono sempre più convinto dell’idea che il tuo stile di scrittura, con espressioni arzigogolate e termini particolari, in un altro contesto probabilmente non riuscirei a digerirlo molto, ma in un racconto umoristico e grottesco ci sta molto bene! Mi è piaciuto poi il colpo di scena, descritto con macabra ironia. Voto per Tullia, così magari si rimane in ambito bibliotecario. A presto!

  • La bibliotecaria!
    Ciao, Minollo.
    Mi è piaciuto questo capitolo, molto. Sei raffinato e tagliente nell’esporre i fatti, il che rende il tutto piacevole e diverte senza pacchianerie 🙂
    “denunciando così una temperatura ancora perigliosa per la mia lingua” questa frase è un esempio di quel che intendo, davvero bravo.
    Mi sono sentita in dovere di spronare il nostro contro il nipponico gaudente nella schermaglia con gli stuzzicadenti e poi gli Shangai, ma ci hai pensato tu con il riferimento al Subbuteo 😉
    Non ho altro da aggiungere.

    Alla prossima!

  • L’uomo d’affari giapponese è un bocconcino troppo invitante!
    Minollo, in ritardo ma arrivo, l’altra volta ero di fretta: ho letto, ho votato ma non ho commentato. Tutti questi strani tizi mi ricordano i miei vicini di casa e mi rincuora sapere che non tutti gli strambi vivano qui ehehe
    A prestissimo!

  • Ciao Minollo! Ancora una volta dai dimostrazione di un’accurata scelta delle parole, che se colte nel loro significato strappano sempre una risata. Il racconto scorre con piacere e le interazioni sono acutamente divertenti. Ero molto attratto dallo scrittore di tragedie, ma poi ho votato per il personaggio più pratico: l’uomo d’affari. Ammetto che con così tanti personaggi la trama risulta un po’ dispersiva, ma confido che una volta presentati tutti riuscirai a tessere al meglio le fila. A presto 😀

    • Ciao Andrea!
      Sono sempre contento quando la storia diverte, grazie! Hai ragione, in effetti mi sono accorto di essermi dilungato, ed i personaggi hanno tutti bisogno di spazio per crescere. È una cosa di cui devo tener conto sin da subito. Così come della storia.
      Grazie per l’osservazione, allora alla prossima!
      Ciao!

  • Molto divertente anche questo capitolo! Interessanti poi le didascalie che descrivono i personaggi, elemento molto cinematografico che forse però in un racconto non è proprio l’ideale visto che interrompe il flusso della narrazione e distrae, anche se a me personalmente non hanno dato molto fastidio. Voto per il pedinamento, secondo me si potrebbe prestare bene a delle gag!

  • I primi due capitoli promettono bene, mi è piaciuta molto l’atmosfera da commedia nera che si respira. Nel primo ho trovato geniale l’idea della scritta con il sangue e con il cervello, scena abbastanza macabra ma che sei riuscito a rendere leggera e divertente, mentre nel secondo ho apprezzato il racconto del protagonista molto in stile fratelli Marx! Poi, anche se sembra essere abbastanza diverso dal racconto precedente, ho notato che il tuo stile resta chiaramente riconoscibile. Voto per la polizia, che probabilmente vorrà appropriarsi dell’indagine ufficiale. A presto!

    • Ciao Lorenzo!
      Mi fa molto piacere ritrovarti! Si, è un giallo in sottofondo, c’è splatter, noir, ma soprattutto spero di far ridere, la cosa che mi piace di più. Ho diverse idee…
      In effetti Groucho Marx e i suoi fratelli sono il mio punto di riferimento, ma penso anche a “Misterioso omicidio a Manhattan” di Woody Allen, o ai “Mostri” di Dino Risi. Vediamo, grazie di esserci e per il tuo apprezzamento.
      Ciao!

  • Chi è il narratore?
    Minollo, ho letto il tuo incipit appena uscito e ho subito seguito la storia. La scena del naso rientrato l’ho trovata geniale, come dice Keziarika, un’ironia sottile che è davvero gradevole. Hai acchittato un incipit niente male: curioso, interessante, con la giusta dose di ironia e di mistero. Gli ingredienti ci sono tutti, vediamo che portata di servirai a seguire.
    Bravo!

  • Chi è il signor Attilio? Voto per conoscere il narratore in prima battuta.
    Bentornato, Minollo.
    Un incipit divertente, tinto di nero ma con humor sottile ed elegante. Ci sono tutti gli ingredienti per un bel racconto: i personaggi, il condominio, una morte misteriosa con tanto di lettera scritta col sangue e, accipicchia, con parte del cervello!
    Bravo, un rientro in grande stile.

  • Chi è il signor Attilio? Voto per conoscere il narratore in prima battuta.
    Bentornato, Minollo.
    Un incipit divertente, tinto di nero ma con humor sottile ed elegante. Ci sono tutti gli ingredienti per un bel racconto: i personaggi, il condominio, una morte misteriosa con tanto di lettera scritta col sangue e, accipicchia, con parte del cervello!
    Bravo, un rientro in grande stile.

    Alla prossima!

  • Ciao Minollo! Ho letto, purtroppo in maniera sporadica, il tuo precedente racconto. Il tuo stile è pungente e riconoscibile, un grande vanto in questo mondo di copie. Voglio seguire con più costanza questo tuo secondo racconto, che già dall’incipit promette bene! Ho votato per saperne di più su Attilio, partiamo da lui. A presto 😀

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi