pokemon story emboar

Dove eravamo rimasti?

come si chiama il nuovo amico di Fabem Tei (100%)

L’abbraccio Di Emboar

per molti anni nella regione di unima si era esibito un Circo Pokémon. Non era tra i più conosciuti, ma prometteva sempre spettacoli unici nel loro genere grazie a degli abili e coraggiosi Addestratori e ai loro temibili quanto talentosi Pokémon.

Il Circo era principalmente conosciuto per i pericolosi Pokémon che si esibivano, tra i Pyroar saltavano nei cerchi di fuoco e i Krookodile capaci di spaccare blocchi di granito con le fauci, ma l’attrazione principale di questo era senz’ombra di dubbio il gigantesco emboar proveniente dalla regione di unima il pokemon di Fabem.

Esso era il vanto del Circo: ci erano voluti mesi, molti Addestratori e un bel po’ di maniere forti per addomesticare quella bestia, ma alla fine lo avevano reso docile ed inoffensivo come un peluche, tanto da poterlo addirittura abbracciare rimanendo illesi, una cosa pressoché impossibile da fare vista la forza sovrumana e difficile da controllare della sua specie. Ma non si dovrebbe mai peccare di superbia, pensando di essere in grado di modificare la natura di un Pokémon. Non è mai certo che questi, anche se addestrati, rimangano mansueti, soprattutto se vengono punzecchiati e convinti ad esibirsi quasi ogni sera.

Fatto sta che quel emboar fece uno spettacolo di troppo: dopo anni di luci accecanti, risate assordanti e continue acrobazie forzate ne ebbe abbastanza. Qualcosa nel suo cervello scattò, quindi una sera uscì dalla sua gabbia piegando le sbarre come se fossero di burro, e con aria amichevole si diresse verso i vari addestratori a zampe aperte, fingendo di voler un abbraccio. Ignari del pericolo, gli Addestratori vennero uno ad uno stritolati da emboar le loro spine dorsali venivano rotte, emboar Infiamma i pugni sulla barba ardente, poi sferra attacchi di fuoco sui nemici. Ha molta considerazione per i suoi simili. 

I cadaveri degli Addestratori furono trovati molti giorni dopo dalla Polizia Internazionale: i corpi oramai putrefatti giacevano accatastati l’uno sull’altro con le schiene spezzate e piegate in maniera innaturale, accanto alla gabbia vuota e sfasciata che per tanto tempo era state la triste dimora del Pokémon ,emboar ora finalmente libero insieme alla sua allenatrice Fabem

perché emboar era arrabiato

  • Perché lo avevano rinchiuso in gabbia (0%)
    0
  • Perché la sua allenatrice lo aveva abbandonato (0%)
    0
  • Perché ha fatto uno spettacolo di troppo (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

1 Commento

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi