LA RAGAZZA PERBENE

Dove eravamo rimasti?

Come farà adesso Fabiola? Inizierà il racconto senza consultare Annalisa (56%)

L’orgasmo che non ti aspetti

Il sole fa capolino dalle finestre della splendida villetta situata sulle coste Trapanesi, Fabiola si rotola nel letto quasi come fosse un gattino in cerca del suo gomitolo. Alberto, appoggiato sul davanzale della finestra con la sua tazzina di caffè, la guarda incuriosito. Indossa semplicemente una camicia da notte nera trasparente che non lascia nulla alla fantasia. Il suo corpo è sfavillante, due seni semplicemente perfetti e un culetto che, nonostante abbia raggiunto la quarantina, fa impallidire le teenagers. Si gira verso il marito e gli lancia uno sguardo famelico accompagnato da un sorriso a 32 denti.

«Come mai questa vitalità oggi tesoro? Passata la depressione covid?», quasi le urla Alberto.

Fabiola con un balzo di addominali si mette seduta sul letto e risponde fiera «Ieri ho fatto due conoscenze che spero possano cambiare i miei giorni». «Interessante, di cosa si tratta?», risponde Alberto. «Ho scoperto un sito di scrittura dove puoi pubblicare qualsiasi cosa ti giri per la  testa e ho anche iniziato a conoscere una scrittrice molto dolce, Annalisa». Alberto alle parole di Fabiola si alza dal davanzale, appoggia la tazzina e si avvicina con fare minaccioso verso la moglie. «Di preciso cosa stai per dirmi?», le sussurra all’orecchio di Fabiola appoggiando delicatamente la mano sul seno destro. «Tesoro se inizi a toccarmi così in ogni caso non potrò più dirti nulla, sai benissimo che ho i capezzoli sensibili, mmm mmm ti prego continua». Alberto non si fa pregare e in un attimo la libera dalla pur splendida camicetta di pizzo. Il corpo di Fabiola esce fuori in tutta la sua bellezza e prorompenza. Si lascia completamente andare, da molto tempo non lo facevano e le mani di Alberto avevano via libera su tutto quello che volessero esplorare. I capezzoli ormai erano completamente duri e svettavano dalle coppe perfette della donna. La lingua di Alberto inizia a stuzzicarli dolcemente e Fabiola inizia a stuzzicare il suo clitoride con due dita. «Dì un pò, ti piacerebbe che questa lingua fosse di Annalisa…confessa brutta birichina», «mmm, certo che mi piacerebbe sporcaccione, sai che adoro anche le donne e lei deve essere davvero speciale». Quella frase era musica per le orecchie di Alberto che raggiunge un’erezione da vero divo del porno, la bisessualità della moglie lo faceva andare fuori di testa facendogli raggiungere l’estasi. Fabiola prende la testa di Alberto e la indirizza verso il suo bosco incantato, lo invita, anzi lo supplica di leccargliela, di farla godere come non mai e fra un gemito e l’altro gli sussurra : « dì un pò porcellino, a te piacerebbe che entrasse nella nostra camera da letto?, ti piacerebbe che adesso questa fica fosse la sua, mentre io dolcemente ti farei dei messaggini con la bocca?». Fabiola non finisce nemmeno di dire la frase che un fiume di liquido seminale esce dal membro statuario di Alberto, si proprio così, aveva avuto un orgasmo senza essere toccato, tanta era l’eccitazione che le aveva messo in corpo la frase della moglie che aveva scatenato un vulcano di lava bianca e dolce.

L’eiaculazione del marito fa scoppiare a ridere Fabiola, soddisfatta di aver provocato in lui una reazione fuori gli schemi. «Certo che quando vuoi sai davvero essere una piccola troia, la mia troietta dolce e sexy», risponde alla risata Alberto, avvicinandosi e baciandogli dolcemente il collo.

« Si è fatto tardi, adesso devo proprio andare a lavoro, ma stasera continuiamo il discorso piccola monella». Alberto si ricompone ed esce dalla stanza. Fabiola completamente nuda esce nel terrazzino e si adagia sulla sdraio per farsi accarezzare dal primo sole della giornata. Inevitabilmente il pensiero va a quanto detto poco prima con il marito e a quanto potrebbe essere eccitante. Prende il telefono ed apre il sito, guarda la foto di Annalisa e la sua dolce fonte di piacere sembra emettere un gemito. «Bene, le scriverò e proverò a fare amicizia con lei, mal che vada spero rimanga una buona amicizia».

«Ciao Annalisa, sono contenta che tu mi abbia scritto. Scusami tu, solo dopo mi sono resa conto di essere stata un po’ invadente, ma sono fatta così, sono molto eccitata da questa nuova avventura e, leggendo il tuo profilo, un po’ mi sono riconosciuta. A proposito, il mio nome è Fabiola, ho 42 anni e sono sposata da 20 anni, ho due ragazzi, un maschio di 13 e una femminuccia di 16. Come ti dicevo sono molto entusiasta di questa nuova avventura e ti anticipo che il filo conduttore sarà la mia vita…ma questo dovrà essere un nostro segreto (faccina sorridente).Si infatti il racconto e molto autobiografico. Forse una scelta molto azzardata, capirai leggendo il racconto, ma avevo davvero il bisogno di parlarne con qualcuno, non ho amiche, forse una, ma è troppo impegnata con la sua vita per stare a sentirmi. Comunque adesso continuo a scrivere e conto molto sui tuoi e vostri consigli. Se ti va raccontami in maniera più approfondita della tua passione e se hai altre passioni. Un bacio e a presto.

Cosa succederà adesso?

  • Annalisa sparisce provocando una reazione in Fabiola (40%)
    40
  • Annalisa risponderà ma la pregherà di non scriverle più (0%)
    0
  • Annalisa risponderà entusiasta di questa nuova amicizia (60%)
    60
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

24 Commenti

  • Incipit interessante. A questo punto non vedo l’ora di sapere come va a finire.
    Per i dialoghi usa le virgolette, è meglio “ “.
    Per le caporali dovresti vedere su google qual è il comando per il tuo computer. La tastiera non li dà.

  • Ciao, benvenuta, vediamo cosa ti spinge veramente a scrivere di erotismo… forse il matrimonio non va tanto bene, forse sei curiosa e quello “sghignazzare” messo là non è poi tanto fuori posto, dipende da cosa significa nella vita di Fabiola il termine “particolare”. Io la incoraggerei a continuare con o senza Annalisa ( voto con). Se vuoi curare la forma cerca un modo diverso per aprire e chiudere i dialoghi che i segni di minore e maggiore non sono giusti. Auguri…

    • Ciao e grazie per essere passato…il tuo è il primo commento strano che ricevo. Perché pensi che il mio matrimonio non vada bene? In ogni caso credo che dovresti commentare il racconto più che la mia vita privata. Ti prego di limitarti al solo commento del racconto se ti intriga ritornare…grazie per il consiglio per quanto riguarda i dialoghi ma un lettore mi ha corretta perché li facevo con gli apostrofi. Tu come mi suggerisci di farli? Spero non ti sia offeso per quello che ti ho detto. Buona giornata

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi