I MISTERI DI ODDELTON

CAPITOLO 1- UN ARRIVO COL BOTTO

Sabrina si è trasferita da poco a Oddelton per il funerale della sua povera nonna, lei viveva lontano e le poche volte che vedeva la nonna lavorava sempre, questo non se lo perdonerà mai, il fatto di esserle stata così distante è per lei una tortura e ora che non c’è più vorrebbe fare qualcosa per riportarla in vita e rivivere con lei i momenti persi negli anni precedenti. Sabrina ha deciso che vorrebbe dimostrare a sua nonna il bene che le vuole e ha pensato di rimanere a Oddelton definitivamente, ha anche chiesto di lavorare lì come commissario e hanno accettato subito la proposta dato che in un paesino come quello gli omicidi crescono e le persone non escono più di casa. Appena entrata a casa ha ripensato  per un breve istante a tutti i momenti passati da piccola davanti al camino insieme a sua nonna, si divertiva tanto,  pensava addirittura che quella donna fosse immortale e potesse rimanere con lei per tutta la vita, giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno. Dopo questo breve flashback salì le scale per andare nella sua cameretta di quando era piccola e prese una bambola di pezza che aveva comprato al mercatino con sua nonna, quanti ricordi in così poco tempo. Sabrina era sconvolta ma sapeva che poteva sempre contare sull’aiuto di sua nonna anche perchè nel suo cuore ci sarà per sempre, forse per questo da piccola Sabrina pensava che sua nonna fosse immortale, sua nonna non era solo davanti a lei ma era anche nel suo cuore, sempre. Sistemò casa e si addormentò con in mano la bambola. La mattina successiva si svegliò dopo aver sentito il cane della vicina abbaiare. Dopo essersi alzata di corsa ha fatto le scale e aprendo la porta il pastore tedesco è entrato in casa. Sabrina non sapeva cosa fare e andò a suonare ai vicini, solo che in casa non c’era nessuno quindi decise di tenersi il cane in casa fino all’arrivo dei suoi padroni, una cosa positiva per lei dato che non poteva stare da sola in una casa così grande. Alle 10.00 arrivò in ufficio e si mise subito a lavoro, nessun mistero da risolvere, che strano! 

Successivamente arrivò il sindaco della città, che chiedendo di Sabrina, entrò con aria molto esibizionista nel suo studio chiedendole di partecipare alla decorazione del commissariato per Halloween, Sabrina accettò senza problemi era la sua festa preferita, era il 29 ottobre e mancavano 2 giorni ad Halloween aveva un po’ di tempo per decorare lo studio e il commissariato insieme ai suoi colleghi. Prima di tornare a casa passò a prendere qualcosa per Lucky, il pastore tedesco, e si prese un caffè. Aspettò fino alle 2 di notte l’arrivo dei vicini per dargli Lucky ma nessuna traccia della coppia, Sabrina crollò in un sonno profondo con la televisione accesa e indovinate cosa diceva il telegiornale? ” DUE ASSASSINI A ODDELTON SI AGGIRANO PER IL PAESE, STATE ATTENTI, AD HALLOWEEN NESSUNO SI MUOVA.” La prima pagina di ogni giornale del paese, ormai non si parlava d’altro, tutti erano preoccupati per il futuro del paese. Sabrina non capiva nulla, è possibile che in un paese come Oddelton ci potessero essere tante persone con l’istinto omicida nel DNA. In studio tutti pensavano a come capire chi fossero questi due assassini e perchè volevano uccidere tutti proprio adesso che Halloween, la festa del paese. 

Chi sono i due assassini?

  • Il marito del sindaco e Fronke ( Il medico della città ) (50%)
    50
  • Chi ha creato il labirinto (0%)
    0
  • I vicini di Sabrina (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi