Sisters

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà Marghe? Marghe se ne va via, piangendo. (60%)

Inaspettatamente vero

Mi misi a correre verso il cancello che segnava la fine dell’inferno, tutti ridevano con in mano il telefono, probabilmente mi stavano riprendendo tutti… Uscii da quella maledetta festa che mi ha rovinato la reputazione. Mi sedetti su un vecchio marciapiede e cominciai di nuovo a piangere con la testa sulle ginocchia, con un vestito sporco, con i capelli appiccicosi e il trucco colato. Mi sentivo come un rifiuto, come se fossi da gettare, mi sentivo…biodegradabile, che mi degrado subito. E pure Falconi non era venuta a soccorrermi, una vera sorella l’avrebbe fatto invece di pensare solo ai ragazzi e a farsi vedere il culo. Certo, se sarebbe venuta da me allora è come se fosse dalla mia parte, infatti in un certo senso lo è, ma sarebbe stata presa di mira anche lei, ecco perché non l’ha fatto, che sorella… A un certo punto sentii una goccia cadere sulla mia fronte, alzai la testa: stava piovendo, beh almeno non ero l’unica piangere come una svitata. Poi mi sarei fatta una doccia che mi serviva da matti. Stavo ancora piangendo quando sentii che la pioggia era finita, ma la vedevo ancora, sollevai il capo di nuovo e vidi un’ombrello blu su di me che mi stava riparando, mi voltai e vidi Jake.

-Marghe, stai bene?- mi chiese.

-Ehm, non lo so… No!- urlai

-Alzati…- mi prese le mani per alzarmi e io scivolai nel cemento bagnato.

-Non provare a ridere!- lo minacciai.

Lui sorrise e mi prese in braccio e mi guardò, eravamo vicinissimi, forse era davvero innamorato di me…

-Sei bellissima- disse in un tono abbastanza romantico.

-Io…Cosa?- Balbettai nervosa.

-Cos’è successo?- cambiò argomento.

-Sono caduta e tutti ridevano di me- dissi piagnucolando e ringraziai Dio per aver cambiato argomento.

-Ti porto a casa tua?- mi chiese Jake indifferente.

-No.-

-Allora dove? Nella mia Lamborghini?-

-Da quando hai una Lamborghini?-

-Boh…Mai?-

-Senti, portami a casa tua e finiamola qui. Non ho voglia di vedere le mie sorelle e parlare.-

-Ogni tua proposta è un’ordine!- sapevo che era sarcastico.

-Beh, l’ha capito vedo.

Non so perché, ma tra le sue braccia, mi sentivo al sicuro. Mi sentivo protetta da lui.

Arrivammo a casa sua, era piccola ma accogliente, mi sedetti subito il divano e Jake mi guardà storto.

-Beh, cosa c’è? – gli chiesi.

-Cosa c’è? Sei tutta sporca, bagnata e ti siedi sul divano bianco? –

-Ops… – mi alzai – Ho fame.- dissi come se fossi una regina che ordina a un servo.

-Prima fai la doccia, poi ti guadagni il cibo –

-Ah si?- mi sedetti di nuovo sul divano -Vai a portarmi il cibo o il tuo divano diventa magicamente nero – lo minacciai

-Sei matta – disse sorridendomi -Mi piacciono le ragazze difficili-

-Lo so… Aspetta, cosa?-

Jake si avviò verso la cucina e io lo guardai e pensai -“Ma se mi amasse veramente? Ho paura- non potevo sopportare la rovina della nostra amicizia, l’unica soluzione era quella di starmene zitta e evitare i suoi comportamenti a dir poco… Bizzarri, sarà stato sicuramente Andrea a consigliargli di comportarsi da un vero imbecille, speravo che non fosse così… Il ragazzo di Delinda è davvero sdolcinato… Ma carino, infatti avevo preso una cotta per lui, ma ora non più, lui è come un fratello per me.

Jake tornò con una mela e un bicchiere di tè freddo, io alzai lo sguardo e svanirono i miei strani pensieri che non volevo più pensarli.

-Ehi!- esclamai, devo fare la tipa insopportabile per togliermelo di dosso e che mi dimentichi, ma mi ricordi solo per amica, in questo modo smetterà di amarmi, le piacciono le tipe difficili? Mmmm vediamo…

-Ma sei pazzo?- il mio piano ha avviato un video in diretta! (che battuta schifosa, ma fa lo stesso) 

-Cosa?- mi chiese Jake.

-Sono stata sotto la pioggia al freddo e tu cosa fai? Mi porti un tè freddo? Ma vuoi uccidermi???- davvero insopportabile.

-Non penso che un po’ di tè freddo ti uccida, ma ora ti porto quello caldo…- fece per andare in cucina ma io lo fermai.

-Si ma quale gusto?- 

-Boh, quale vuoi?-

-Arancia-

-Ok-

-No! Aspetta! Fragola! No! Limone!-

-Ok…-

-ASPETTAAA!!!!-

-OOOOH MA TI DECIDI???- urlò Jake, sapevo che perdeva la pazienza…

-Va bene quello alla pesca, su vai! Aspetta! Ricordati di mettere quattro milligrammi di zucchero e zero virgola un milligrammo di sale e riscaldalo settanta virgola trenta gradi in uno virgola due minuti!-

-Ma come cazzo faccio?- 

-Oh le parole! Ora vai!-

Dopo due minuti mi portò il mio tè e lui si sedette vicino a me e mi chiese: -Ora va bene?- con il tono romantico che mi fa impazzire, amo quando fa così… 

-Si… Va… Ehm… Bene…-balbettai guardandolo nei suoi splendidi occhi verdi.

Jake si mise ad accarezzarmi i capelli appiccicosi e io mi misi a sorseggiare il mio tè subito.

Lui prese la mia tazza dalla bocca e mi baciò, un bacio che durò trenta secondi e due centesimi. 

Cosa può succedere dopo il bacio?

  • Jason dice a Marghe di andare a fare la doccia e Marghe resta a casa sua. (0%)
    0
  • Marghe spinge Jake e si mettono a litigare. (0%)
    0
  • Marghe si sposta e scappa dalla casa. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

17 Commenti

  • Certo, se sarebbe venuta da me allora è come se fosse dalla mia parte, infatti in un certo senso lo è,
    Ciao, in questa frase vedrai i verbi che non vanno. Potevi scrivere per esempio:
    Certo, se fosse venuta da me sarebbe stato come essere dalla mia parte…. oppure scrivere in altro modo, attenta ai verbi e a molte piccole cose. Non so da quanto tempo scrivi, sono certo che da The iNCIPIT imparerai molto come è successo a tutti noi e ogni volta impariamo qualcosa.
    Per esempio oggi ho imparato che una ragazzina mezza matta che conta i milligrammi dello zucchero eccetera è una bella idea e l’hai avuta tu. Brava. (o bravo) ti chiami come il caffè non so se sei femminuccia o maschietto…. Ciao 🙂

  • Ciao, Illy. Scrivi bene, di fatto quello che ho letto mi è piaciuto, ma occhio ai tempi verbali!
    …sulla festa che si TERRA’ (dovevi scrivere SAREBBE TENUTA)
    …chissà come SARA’ (dovevi scrivere SAREBBE STATA)
    …che vestito INDOSSERA’ (dovevi scrivere AVREBBE INDOSSATO)
    Detto questo, ti auguro una buona giornata e ti saluto

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi