Emozioni di una donna incontinente

Dove eravamo rimasti?

Sincerità Alessandra si offende (100%)

Incredibilmente Donna, ....,

 Mi trovavo a Roma per lavoro, …, ero appena rientrata all’hotel d’Inghilterra quando ho deciso di andare in giardino a bere ancora un vodka tonic, ero in piedi vicino al bar che fumavo una sigaretta, ero completamente immersa nei miei pensieri quando un bellissimo uomo mi si avvicina con in mano due cocktail, ….,:

X.: “Ciao, posso disturbarti??”

A.: “Ciao, certo, piacere di conoscerti Alessandra.”

Per la sorpresa mentre mi presentavo ho incominciato a gocciolarmi e non riuscivo più a smettere, …., beviamo il drink, poi un altro e poi ancora, …., 2 ore dopo finiamo sul tetto del locale a fumare uno spinello, …., io ovviamente tra alcol ecc… non avevo più praticamente nessun controllo e cominciavo ad avere una certa urgenza di andare a cambiarmi, …., lui mi spinge contro un palo e baciandomi comincia a muovere il suo corpo contro il mio in modo incredibilmente sensuale, mi baciava e mi accarezzava, io avrei voluto respingerlo ma ero troppo presa, con l’eccitazione sono arrivate anche le perdite, …., quando lui ha spinto le sue mani sotto al mio vestito ed è arrivato su, io l’ho fermato ed ho usato la solita scusa:

A.: “Tesoro, mi dispiace ma ho il ciclo”

Ma lui mi ha spinta ancora più forte verso il muro ed ha cominciato a stimolarmi molto energicamente proprio lì:

X.: “Non ti vergognare, vediamo se riesco a farti venire attraverso il tuo pannolino!!”

Appena comincia a toccarmi ed io perdo completamente il controllo della vescica, ma ero talmente presa che continuo a baciarlo fino a quando non mi rendo conto che il pannolino aveva ceduto e la pipì mi stava scendendo lungo le gambe seguendo le collant, ….,:

A.: “Oh Cazzo, …., scusami mi sono pisciata addosso, …., oh Dio, scusami, ….,”

Lui però continuava ad accarezzarmi le gambe nell’interno delle coscie salendo fino a sentirlo sfiorare le mie culotte e con l’altra mano mi stringeva il corpo dietro alla schiena e mi tirava contro di lui, ….,:

X.: “Alessandra, non ti preoccupare, ho sentito che ti bagnavi sempre di più e mi sono eccitato tantissimo, …., adesso vedere e sentire le tue collant, le tue gambe, le tue mutandine bagnate e sentirti così tesa mi sta facendo impazzire, …., io ho una suite al 20 piano, …., sono troppo sfacciato se ti invito a bere qualcosa??”

A.: “Normalmente direi di no, …., sono molto timida, ma erano almeno 10 anni che non fumavo uno spinello e penso che in 38 anni non mi fosse mai successo di farmi pipì addosso bagnandomi mentre un uomo mi baciava, quindi ti dico di sì, …., ma solo se posso usare il bagno appena arriviamo!!”

In meno di 5 minuti siamo davanti alla porta della camera, lui continua a toccarmi, per fortuna è abbastanza ubriaco e non penso avesse capito del pannolino, …., entriamo in camera io mi butto direttamente in bagno, mi tolgo le collant, le culotte ed il pannolino, …., mi rinfresco e mi sfilo anche il vestito, mi rimetto le décolleté ed esco, …., per almeno un ora facciamo preliminari e poi sesso, …., all’improvviso lui con un movimento del bacino fantastico mi fa venire due volte di fila, …., bellissimo, …., peccato che io oltre che venire appena mi sono sollevata e lui è uscito ho incominciato a gocciolare e poi sono esplosa e gli completamente fatto la pipì prima addosso e poi sul letto, …., imbarazzata sono scappata in bagno, mi sono lavata, …., fortunatamente avevo lasciato la borsa li, …., mi sono messa un Tena Slip Maxi le culotte, collant asciutte, …., mi infilo il vestito ed esco, sono pronta a scusarmi quando trovo lui davanti alla porta con una super erezione, ….,:

X.: “È stato bellissimo, non mi era mai successa una cosa del genere, …., io penso di non essere mai stato così eccitato, sono venuto da solo sul letto dopo che eri già andata via, ….,”

Io faccio un passo avanti, ma lui mi solleva e mi spinge la schiena contro il muro, io gli stringo le gambe in vita e le braccia al collo, …., lui baciandomi mi ributta sul letto e mi si sdraia sopra continuando ad accarezzarmi entrambe le cosce, quando arriva alle culotte mi tocca e poi un po’ incuriosito dice:

X.: “Cavoli, un super assorbente, …., non mi sono accorto che avessi il ciclo, ….,”

A.: “Non ho il ciclo, porto il pannolino, sono incontinente, …., anzi scusami, …., ti ho bagnato metà letto, …., è molto imbarazzante, ….,”

X.: “Alessandra, veramente hai il pannolino??, …., posso svestirti e farti godere ancora??, …., ti andrebbe di bagnare anche l’altra metà del letto???”

Vivere bene anche se incontinente

  • Era un sogno (0%)
    0
  • La storia continua? (100%)
    100
  • Chi è lui? (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

2 Commenti

  • Ciao, di solito i racconti rosa o erotici nemmeno li guardo, ma la tua storia mi ha colpito e mi ha colpito anche la maturità con cui affronti il tuo problema e il modo in cui ne parli, perciò ho scelto: la storia continua. Sono curioso di leggere come prosegue questo incontro sessuake

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi