Le Ancestorie VII – Il Conte di Ruth

Dove eravamo rimasti?

Chi si troverà in pericolo? Il conte si mostrerà molto cordiale e pronto al dialogo. Kito ed Angel non saranno così fortunati. (100%)

Sapore di pericolo

-Prego, sedete- propose conciliante il conte invitando i suoi ospiti a prender posto.
Sulla tavola che avevano visto un attimo prima erano scomparsi i vasi e le decorazioni ed erano apparse pietanze e leccornie, persino il colore della tovaglia era cambiato.
Di fronte ad ogni sedia c’era un piatto per un totale di 4 piatti.
Paul e Tork titubanti presero posto.
-Ma noi siamo in s…- Josephyn colpì Roland prima che potesse finire la frase.
Lui si voltò infastidito ma lei con lo sguardo gli fece capire che era meglio non fare notare l’assenza di Kito ad Angel. Josephyn era certa che i due amici si fossero opportunamente nascosti e li stessero spiando pronti ad intervenire in caso di pericolo.

***

Kito ed Angel invece correvano alla cieca per i corridoi bui del castello.
-Lo sento! Lo sento! E’ ancora dietro di noi- gridava Kito.
-Continua a saltellare- gli rispose Angel -E’ così fastidioso! E spaventoso ma soprattutto fastidioso!-
Dietro di loro si udì una suono che somigliava lontanamente ad una voce -Sono ferita, aiuuutami ti prego-
-Oh no, di nuovo quel verso! Mi fa venire i brividi!- Angel si coprì le orecchie.
-Forse questa volta è davvero una ragazza in pericolo!-
-Kito se ti fermi di nuovo ti prendo a calci! Avevamo trovato un bel nascondiglio e tu ti ci hai fatto scoprire! E’ evidente come la luce che quella non è la voce di una persona-
Il macabro verso era sempre più vicino, seguito dall’incessante ticchettare degli zoccoli sulle pietre del pavimento. Angel e Kito corsero ancora più velocemente finché non sentirono mancare il sostegno sotto i loro piedi.
Se Angel non avesse avuto i riflessi pronti e non si fosse appesa al bordo del pavimento di certo avrebbero raggiunto il fondo; se Kito non avesse avuto i riflessi pronti e non si fosse aggrappato ad Angel, di certo sarebbe stato trafitte dalle lance che dal basso puntavano verso di loro.
-Lasciami Kito! Sei pesante!-
Kito stringeva Angel con entrambe le braccia.
-Togli subito le mani da lì!- urlò -Se ne usciamo vivi ti pentirai di non essere morto!-
Angel cercava di tirarsi su ma non era affatto semplice dovendo sollevare anche il peso dell’amico e di tutto l’equipaggiamento.
Poi una mano afferrò la sua e l’aiutò a risalire.
Lei senza pensarci si diede ancora una spinta e riuscì a tirarsi su fino al bacino così Kito pote aggrapparsi a sua volta alla sporgenza.
-Grazie- disse Angel massaggiandosi i fianchi. Poi si voltò verso il suo salvatore e, nel buio, vide una sagoma enorme e nera, in alto sopra le spalle si vedeva una bocca spalancata e dentro la bocca un viso di donna con occhi rossi che avevano uno strano rettangolo nero al centro, come gli occhi delle capre -Sono ferita, aiuuutami ti prego- disse la figura emettendo un verso simile alla voce di una persona.

***

-Perché lui non ha un piatto?- chiese Roland sottovoce a Tork che gli era seduto di fianco.
-I Vampiri non possono mangiare il cibo che mangiamo noi, si nutrono esclusivamente di sangue fresco-
-Allora gli servirebbe un bicchiere…-
Mentre Roland e Tork sussurravano, Paul muoveva nervosamente la gamba pronto a scattare al primo cenno di aggressività e Josephyn discuteva con il conte come se quella situazione non la inquietasse per nulla.
Gli altri si chiesero come riuscisse a rimanere così calma in una situazione tanto delicata e l’unica risposta fu che era rimasta vittima dello Charme del Vampiro.
Lo Charme è un pericoloso potere dei Vampiri che gli permette di suscitare vive e palpitanti emozioni nei loro bersagli. Nonostante sappia che il Vampiro è una creatura oscura che si ciba di sangue, la vittima ne rimane affascinato e non può evitare di sentire un certo magnetismo, in alcuni casi questo effetto si trasforma in vera e propria devozione.
-Dobbiamo interrompere il contatto visivo- suggerì Tork.
-Io posso “interrompere” il Conte…per sempre- si offrì Paul.
-Paul non fare niente finché non saremo certi della cosa- concluse Roland.
Il Conte quindi si rivolse a tutti e tre -Io e questa tenera faciulla abbiamo molto da colloquiare. Ci tradurremo nella camera attigua. Le mie serve si occuperanno di non farvi annoiare-
Detto questo lui e Josephyn si alzarono e si incamminarono verso la porta in fondo alla sala.
Prima che i tre avventurieri potessero alzarsi dalle proprie sedie per seguirli sentirono delle mani voluttuose accarezzargli le gambe e da sotto il tavolo emersero lentamente 3 donne. Avevano orecchie a punta proprio come gli Elfi e la loro bellezza era da togliere il fiato, le loro vesti erano trasparenti e non lasciavano nulla all’immaginazione.
Roland si irrigidì sulla sedia in evidente imbarazzo; Paul al contrario afferrò la ragazza che si muoveva tra le sue gambe e la sollevò per baciarla, pensando che l’avrebbe uccisa dopo averle dato quello che sembrava bramare in quel momento; infine Tork
provò a imbandire una discussione con la ragazza da cui era stato scelto, per fare la sua conoscenza e chiederle qualche informazione. La succube si impegnò al meglio delle sue possibilità per provocarlo ma fu inutile.

Come proseguirà la storia?

  • Le succubi non riescono a sedurre Tork e si ritirano umiliate (33%)
    33
  • Le serve del conte sono lì per divorare gli ospiti (67%)
    67
  • Le serve del conte sono davvero lì per intrattenere gli ospiti (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  • Voto Tork, perché non l’abbiamo ancora visto in azione (a modo suo, s’intende).

    E con l’azione di Roland hai messo a tacere tutte le mie malelingue precedenti: si è dimostrato il grande che era nel prologo che lessi a suo tempo 😀
    Ti adoro quando fai così ^_^

    Bellissimo Josephin ed il Conte e terribile il castello vivente! Vai così verso il finale!

    Ciao 🙂

  • Volevo votare che il Conte non c’era ma l’immagine di Josephin sopra il Conte ha preso il sopravvento 😀

    Roland è stato forte ma si è sopravvalutato, come fa sempre Paul, a meno che non abbia una sorpresa all’ultimo.

    La scena di Kito è stata divertente 🙂

    Ma riuscirai a dare degna conclusione nei due capitoli rimasti?

    Ciao 🙂

    • Ehi Red,
      capisco il tuo punto di vista ma non volevo dare l’impressione che si sopravvalutasse.
      Paul è appena uscito da una seduta di torture. Tork è uno studioso e non sa combattere. Angel e Kito sono stanchi e hanno stili di combattimento che contro un mostro simile non sono granché efficaci.
      Roland ha semplicemente fatto l’unica scelta plausibile, secondo lui, per il bene del gruppo.
      Se non sconfigge questo avversario attaccherà i suoi amici.
      Lui non lo sta affrontando perché pensa di essere più forte ma perché DEVE sconfiggerlo.

      Spero tanto di non rendere il personaggio di Roland antipatico per questo suo modo di pensare.

      Alla prossima 🙂

  • Ciao Jack!
    Un altro ribaltamento, con i nostri eroi ora in vantaggio. Un altro episodio simpatico con le storie che si intrecciano perfettamente; Kito è in difficoltà, meno male che c’è Angel con lui. Voto per la fuga delle tre Succubi, che magari ritroveremo prima della fine.
    Ciao buona domenica!

  • Ma nel capitolo precedente le succubi non si rigeneravano?
    Secondo me alla fine fuggono, dopo averle prese da tutti, e soprattutto per tenersi lontano Kito 😛
    Scherzi a parte, mi immagino Paul in modalità Furia Berserker! E Tork che deve dimenarsi tra lui e Kito 😀

    ———————————————–
    Kito si avvicinò per sbirciare sperando di cogliere qualche momento piccante ma dal buco della serratura riuscì solo a vedere che si trattava di una camera da letto e che c’era una colluttazione. Non una colluttazione tipo ragazze nel fango, come piaceva a lui ma un combattimento vero e proprio tra Josephyn e un tipo che….a dire il vero….sembrava ridotto male.
    ———————————————-
    😆 😆 😆 😆 😆
    Questa mi ha fatto scompisciare 😆

    Roland sarebbe uno spadaccino fico, ma è un po’ di tempo a ‘sta parte che rimedia figuracce 🙂

    Ciao 🙂

    • Ehi Red,
      ti rispondo per punti:
      – Nel mondo di Meramia le Succubi non hanno una rigenerazione potente come quella dei Vampiri (che rigenerano anche se fatti in polvere). Sono pericolose certo ma più facili da eliminare.

      – Come sai questi personaggi e queste storie sono ispirati a un GDR e in particolare:
      Il giocatore che usava Kito si è ispirato a Kintaro Oe (Golden Boy) mentre quello che usava Paul a Gatsu (Berserk), il risultato è un miscuglio di quei personaggi e della mente malata dei miei amici giocatori.

      – Roland era il mio personaggio, per me è il più figo ma a volte per non dargli troppo spazio lo trascuro XD ma siccome anche tu (lettore) dici che ha poco spazio, significa che nel prossimo episodio potrò scatenarmi!!!

      Alla prossima 🙂

  • Ciao Jack!
    Voto con la maggioranza. Io trovo la storia assai divertente, i personaggi ben assortiti e bislacchi il giusto. Coraggiosissimi e indomiti nonostante le cose sembrino mettersi ogni tanto al peggio. Seguo la storia anche perché dobbiamo sapere di più sullo charme del conte…
    Ciao!

  • Io voto che sono lì per divorare gli ospiti, però il fatto che se ne vadano perché non riescono a sedurre Tork è troppo divertente 😀

    Invece il mostro che inseguiva Kito ed Angel a quanto pare non li vuole morti (od almeno non subito): mi chiedo se hai delle sorprese in serbo 🙂

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi