Le Ancestorie VII – Il Conte di Ruth

Dove eravamo rimasti?

Cosa accadrà nel prossimo episodio? Angel e Kito salvano Roland, Paul e Tork (100%)

L’arrivo di Angel e Kito

-Vivete qui?- chiese Paul disgustato, guardandosi intorno.
La stanza, dove erano stati condotti in catene, era nascosta nelle profondità del castello: umida, fredda e silenziosa. Lungo le pareti i resti consunti e lacerati di maestosi arazzi coprivano la nuda roccia mentre al centro si ergeva un altare di pietra.
-C’è aria viziata- aggiunse il mercenario notando che non c’erano finestre.
-Ti ho detto di chiudere quella bocca- la Succube che lo stava scortando si voltò verso di lui adirata.
Lui sorrise -E’ l’emozione. Quando mi trovo in un posto nuovo mi agito e mi viene da parlare- la schernì.
Lei provò a morderlo e lui sollevando i pugni, legati ai polsi, la colpì sul mento.
-Fermati!- gli intimò la seconda afferrando Tork per il collo.
Paul digrignò i denti impotente. 
-Legatelo all’altare!- ordinò la terza -Sarà il primo!-.

***

Angel e Kito intanto si erano allontanati dalla camera delle torture e si aggiravano nei corridoi del palazzo alla ricerca dei loro amici. La lezione che avevano dato al torturatore e ai suoi tre servitori aveva fatto capire a tutte le creature nascoste nelle ombre che erano avversari pericolosi e ora nessuno si azzardava a seguirli di nascosto.
Continuarono a salire cercando la luce finché raggiunsero un corridoio che aveva delle finestre. Dai tendaggi trapelava tenue la luce della luna e la cosa diede loro coraggio e speranza. Angel sorrise a Kito mentre lui sbiancò.
-Perché fai quella faccia Kito? Chi c’è dietro di me?-
Angel si voltò e vide il Gargoyle che li aveva accolti all’ingresso ergersi a pochi passi da lei.
Ingoiò la paura e balzando di fianco a Kito si preparò allo scontro ma l’enorme figura scura ancora una volta disse -Prego- e voltandosi si incamminò lungo un nuovo percorso.
Lo seguirono quasi istintivamente e raggiunsero la stanza dove poco tempo prima si erano seduti a tavola i loro compagni di avventure.
Dopo aver raggiunto la destinazione il mostro alato li lasciò.
I due avventurieri osservarno la stanza con attenzione.
-Le spade di Roland- disse Kito raccogliendole.
-Questa invece è l’arma di Pual- aggiunse Angel.
Poi Kito rimase immobile ad annusare l’aria mentre Angel si accorse di alcuni rumori che provenivano dalla camera attigua e andò a sbirciare dalla toppa.
-Interessante!- esclamarono insieme.
-Cosa hai scoperto?- chiese Angel.
-Sento odore di belle ragazze! Qui c’erano tre ragazze. Vuoi vedere che il conte aveva invitato anche delle ragazze e io me le sono perse?-
-Io ho trovato qualcosa di più interessante. Non puoi immaginare chi c’è dietro questa porta-
-C’è Josephyn!-
-…ma come?-
-Te l’ho detto che riesco a fiutare le belle ragazze!-
-Va bene ma non puoi immaginare cosa sta facendo-
-Su questo hai ragione. Fa un po’ vedere-
Kito si avvicinò per sbirciare sperando di cogliere qualche momento piccante ma dal buco della serratura riuscì solo a vedere che si trattava di una camera da letto e che c’era una colluttazione. Non una colluttazione tipo ragazze nel fango, come piaceva a lui ma un combattimento vero e proprio tra Josephyn e un tipo che….a dire il vero….sembrava ridotto male.
-Secondo te è il conte?- chiese dubbioso.
-Non saprei ma pare che Josephyn se la stia cavando bene. Forse dovremmo cercare gli altri, se le loro armi sono qui potrebbero essere in pericolo-
-Hai ragione. Andiamo!-

***

La succube passò la lunga unghia affilata come un rasoio sul possente torace del mercenario, incatenato all’altare. Un rivolo di sangue colò lungo i suoi fianchi ma lui non emise un gemito e continuò a fissare la mostruosa creatura con rabbia.
Lei lecco il sangue che gocciolava e si rivolse a lui -Che sguardo terribile! La tua rabbia da al tuo sangue un sapore amaro-
Paul bisbigliò qualcosa che la Succube non riuscì a sentire.
-Cosa dici?- chiese lei avvicinandosi.
Nonostante le catene gli bloccassero gambe e braccia Paul si protese in avanti con il busto e il collo e afferrò la Succube dal collo con i denti.
Quella iniziò a gorgogliare e a dimenarsi come un animale chiuso in una tagliola, sotto gli sguardi attoniti degli astanti.
Prima che le sue sorelle potessero intervenire il cadavere della Succube giaceva sul corpo ferito di Paul.
-Le avevo detto di non sottovalutarlo- urlò una delle altre.
Le Succubi fissarono le catene di Roland e Tork ad un pesante anello di ferro che fuoriusciva dalla parete e insieme andarono a prendersi cura del mercenario.
Quando Angel e Kito li raggiunsero Paul era in un bagno di sangue ma ancora vivo, ancora vigile e con lo sguardo sempre più spaventoso. Le succubi stavano per finirlo ma l’arrivo dei nuovi ospiti le fece distrarre.
-Ecco il dessert- disse una della due voluttuose meretrici.
L’altra si lecco le labbra sporche del sangue del mercenario annuendò.
Kito lasciò cadere le spade e le si gettò ai piedi -fa di me ciò che vuoi-
Angel non si lasciò distrarre e lanciò una spada a Roland.
Lo spadaccino riuscì ad afferrarla al volo e un secondo dopo le catene che legavano lui e Tork erano a terra, tagliate.
-Maestro Tork, lei si occupi di Paul e tenga Kito lontano-

La situazione si è ribaltata. Come procederà la storia?

  • Le Succubi fuggono (67%)
    67
  • Angel e Roland sistemano le Succubi mentre Tork tiene lontano Kito (33%)
    33
  • Angel e Roland sistemano le Succubi mentre Tork soccorre Paul. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

34 Commenti

  • Voto Tork, perché non l’abbiamo ancora visto in azione (a modo suo, s’intende).

    E con l’azione di Roland hai messo a tacere tutte le mie malelingue precedenti: si è dimostrato il grande che era nel prologo che lessi a suo tempo 😀
    Ti adoro quando fai così ^_^

    Bellissimo Josephin ed il Conte e terribile il castello vivente! Vai così verso il finale!

    Ciao 🙂

  • Volevo votare che il Conte non c’era ma l’immagine di Josephin sopra il Conte ha preso il sopravvento 😀

    Roland è stato forte ma si è sopravvalutato, come fa sempre Paul, a meno che non abbia una sorpresa all’ultimo.

    La scena di Kito è stata divertente 🙂

    Ma riuscirai a dare degna conclusione nei due capitoli rimasti?

    Ciao 🙂

    • Ehi Red,
      capisco il tuo punto di vista ma non volevo dare l’impressione che si sopravvalutasse.
      Paul è appena uscito da una seduta di torture. Tork è uno studioso e non sa combattere. Angel e Kito sono stanchi e hanno stili di combattimento che contro un mostro simile non sono granché efficaci.
      Roland ha semplicemente fatto l’unica scelta plausibile, secondo lui, per il bene del gruppo.
      Se non sconfigge questo avversario attaccherà i suoi amici.
      Lui non lo sta affrontando perché pensa di essere più forte ma perché DEVE sconfiggerlo.

      Spero tanto di non rendere il personaggio di Roland antipatico per questo suo modo di pensare.

      Alla prossima 🙂

  • Ciao Jack!
    Un altro ribaltamento, con i nostri eroi ora in vantaggio. Un altro episodio simpatico con le storie che si intrecciano perfettamente; Kito è in difficoltà, meno male che c’è Angel con lui. Voto per la fuga delle tre Succubi, che magari ritroveremo prima della fine.
    Ciao buona domenica!

  • Ma nel capitolo precedente le succubi non si rigeneravano?
    Secondo me alla fine fuggono, dopo averle prese da tutti, e soprattutto per tenersi lontano Kito 😛
    Scherzi a parte, mi immagino Paul in modalità Furia Berserker! E Tork che deve dimenarsi tra lui e Kito 😀

    ———————————————–
    Kito si avvicinò per sbirciare sperando di cogliere qualche momento piccante ma dal buco della serratura riuscì solo a vedere che si trattava di una camera da letto e che c’era una colluttazione. Non una colluttazione tipo ragazze nel fango, come piaceva a lui ma un combattimento vero e proprio tra Josephyn e un tipo che….a dire il vero….sembrava ridotto male.
    ———————————————-
    😆 😆 😆 😆 😆
    Questa mi ha fatto scompisciare 😆

    Roland sarebbe uno spadaccino fico, ma è un po’ di tempo a ‘sta parte che rimedia figuracce 🙂

    Ciao 🙂

    • Ehi Red,
      ti rispondo per punti:
      – Nel mondo di Meramia le Succubi non hanno una rigenerazione potente come quella dei Vampiri (che rigenerano anche se fatti in polvere). Sono pericolose certo ma più facili da eliminare.

      – Come sai questi personaggi e queste storie sono ispirati a un GDR e in particolare:
      Il giocatore che usava Kito si è ispirato a Kintaro Oe (Golden Boy) mentre quello che usava Paul a Gatsu (Berserk), il risultato è un miscuglio di quei personaggi e della mente malata dei miei amici giocatori.

      – Roland era il mio personaggio, per me è il più figo ma a volte per non dargli troppo spazio lo trascuro XD ma siccome anche tu (lettore) dici che ha poco spazio, significa che nel prossimo episodio potrò scatenarmi!!!

      Alla prossima 🙂

  • Ciao Jack!
    Voto con la maggioranza. Io trovo la storia assai divertente, i personaggi ben assortiti e bislacchi il giusto. Coraggiosissimi e indomiti nonostante le cose sembrino mettersi ogni tanto al peggio. Seguo la storia anche perché dobbiamo sapere di più sullo charme del conte…
    Ciao!

  • Io voto che sono lì per divorare gli ospiti, però il fatto che se ne vadano perché non riescono a sedurre Tork è troppo divertente 😀

    Invece il mostro che inseguiva Kito ed Angel a quanto pare non li vuole morti (od almeno non subito): mi chiedo se hai delle sorprese in serbo 🙂

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi