L’ultimo uomo rimasto

Dove eravamo rimasti?

Finalmente Manuel e Nathan avevano scoperto la pura e sacrosanta verità, Il Diluvio Universale è storia, non leggenda. Cosa era accaduto? Si trattava della fine dell'era glaciale che aveva scatenato un'innalzamento degli oceani e numerose onde anomale. (100%)

Ecco come andarono i fatti

Manuel e Nathan avevano avuto la brillante idea di soddisfare un loro grande desiderio; sapere tutta la verità sul Diluvio Universale, dato che su internet molti utenti si facevano tante domande; Cosa accadde realmente? Dove accadde? Quanto accadde?

Scoprirono che era in una data non troppo remota, ma nemmeno troppo recente, avevano notato in alto a destra che c’era scritto anno 9000 a. C., solo che non era precisato il giorno ed il mese, perché erano molto differenti a confronto ai nostri e non erano gli stessi mesi che ci sono adesso ed i gironi erano di meno, come misurazione del tempo. Videro che in realtà si trattava semplicemente di un periodo di scioglimento dei ghiacci. Un tempo la Terra era in maggior parte ricoperta di ghiacci e solo una minima parte ai tropici ed all’equatore erano leggermente più caldi del resto del pianeta. In quel tempo, si stavano sciogliendo i ghiacci, semplicemente perché esistono dei periodi in più freddi ed altri più caldi. Sappiamo che viviamo in un organismo vivente ed il nostro pianeta vive e respira, ed ogni tanto ha il bisogno di darsi una scrollata, altrimenti ci saremmo trovati in un punto di sovraffollamento. A questo servono l catastrofi ambientali e quell’evento era semplicemente una catastrofe ambientale che doveva per forza accadere, per dare spazio ad altri esseri viventi. I due amici videro con i lor occhi che era tutto vero quello che sta scritto sulla Bibbia, realmente che in quel periodo vivevano i giganti, ma non solo persone altissimi, ogni animale era molto più alto e robusto rispetto ad adesso, siccome prima c’era più ossigeno e gli alberi erano più alti. In quel periodo i continenti erano in posizioni diverse rispetto ad adesso e molti luoghi non erano come adesso siamo abituati a riconoscere. Vista dall’alto non era come glielo avevano insegnato a scuola o nei vari media, la situazione era molto differente, questo perché sappiamo che la crosta terrestre è suddivisa in zolle che galleggiano sul mantello esterno e quindi, quell’evento biblico era dovuto anche ad un cambiamento di placche terrestri. Quello che tutti conoscevano come Noé, padre di Sem, Cam e Iafet era realmente un patriarca, come lo erano molte persone in quell’epoca, che in quel momento molte persone erano animiste e pagane. Il noto patriarca in realtà ha cercato di salvare quante più bestie possibili, ma il novanta per cento degli animali  che vivevano in contemporanea, erano tutti estinti, perché non per tutti c’era spazio per l’arca. Il resto poi era tutto gonfiato da chi cerca a tutti i costi la verità o da chi per scopi loschi vuole ingannare. Videro finalmente cosa era successo realmente in quel lontano 9000 a. C. e capirono quante lacune erano state, non tutte per colpa di male intenzionati, ma molto spesso perché la verità è per pochi, solo che non si hanno le qualità giuste per poter spiegare cosa accadde in passato. Loro stessi avevano notato che tutti i dinosauri ed il resto degli animali prediluviani non erano come credevano loro. Colpa dei cartoni animati, dei film, ma soprattutto del fatto che i paleontologi cercano in tutti i modi di farci scoprire la verità, ma nessuno studioso, per quanti sforzi possa fare è riuscito a mostrarci cosa realmente è e cosa realmente è accaduto. Quindi, storici e scienziati, non per malafede, ma per mancanza di prove non sono mai riusciti a mostrarci e sbatterci in faccia la verità.

Dopo aver scoperto il vero, spensero il cornovisore ed uscirono dalla stanza, consapevoli di aver scoperto cosa realmente era successo in quel periodo. Peccato che non potevano raccontarlo a nessuno, perché erano i pochi superstiti umani rimasti sulla Terra. Uscendo si addentrarono nella Cappella Sistina, che per quanto bella e maestosa, non era stato dipinto il vero, ma Michelangelo Bonarroti non aveva nessuna colpa, non era mica uno scienziato, voleva solo rappresentare cosa per lui fosse vero, basandosi semplicemente sulle conoscenze bibliche e scientifiche dell’epoca. Morale della favola, la verità la sa solo chi la subisce o chi semplicemente la vive, ma il 99% non sa spiegare a parole proprie cosa è successo e sempre chi li ascolta, non sono capaci di comprendere se una cosa è realmente stata quella che avevano visto ed ascoltato.

Cosa fanno i due amici una volta usciti da quella stanza?

  • Escono dalla basilica e partono all'avventura verso Nord. (100%)
    100
  • Escono dalla basilica e vanno a visitare il Quirinale (0%)
    0
  • Si addentrano nei Giardini Vaticani (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

12 Commenti

  • Il bussare alla porta mi sembra un momento giusto per far uscire il nostro protagonista dalla sua situazione sedentaria.

    Troppe infodump messe tutte insieme. Lo faccio anchì’io e mi è stato detto che ne do troppe tutte insieme 🙂 Sarebbe il caso di spezzettare le informazioni con i dialoghi e le azioni del protagonista 🙂 Tuttavia, come dissi in un tuo precedente racconto, mischiare informazioni che non c’entrano con l’azione può portare a confusione. Sì: è un mestiere difficile, lo scrittore 😉

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi