Sciamano

Dove eravamo rimasti?

Preferiresti: Sciamano ... "Un deficiente patentato." (62%)

Un deficente patentato

Ora – Gargantua

Il mal di testa mi sta uccidendo. O forse è il dolore alla spalla?! Sono sintomi di un malessere maggiore?! Noto come delle venature diffondersi, espandersi dal mio torace lungo il mio braccio sinistro a partire dalla ferita inferta da Leo con la sua coda. 

Mercurio mi osserva malizioso ma benevolo, ridendo scopre i suoi quattro orribili denti marci e dice: “Se-S-Se-Sei F-f-f-fFot-ttuto!”

Intono una formula di guarigione ma ottengo l’effetto contrario: mi sento solo soffocare ancora di più! Mi sento svenire e l’unica cosa a cui riesco a pensare è fuggire da lì: Sparire. Mentre svanisco in una sottile nebbiolina, vedo di nuovo quel prete dai capelli rossi correre verso di me nel tentativo di afferrarmi.

Pochi istanti dopo mi trovo davanti un sudatissimo autista, che puzza di birra e grida in Spagnolo. 

2012 – Fuerteventura

La musica alta. Le dita battono sui tasti del computer per scrivere un altro po’ al ritmo della musica. Sguardo fisso sul monitor masticando un po’ il labbro inferiore, il tanto giusto da poter sentire quel sapore metallico. Come sempre.

Mi sa che s’è fatto tardi.
Ma per cosa poi?
Mai arrivato puntuale in vita mia.
Meno una volta: l’unica in cui è successo questo inaspettato miracolo Giacomo m’ha mollato come un salame quasi un’ora per strada alle 6 del mattino.
Al freddo.
Cazzo!
Io odio solo una cosa, più del freddo: essere svegliato di mattina presto.
Mi prendevano tutti in giro. No: ci si rideva su insieme, in teoria.
Ma se passi tutta un’infanzia senza dormire l’ultima cosa che tolleri quando poi, finalmente adulto e senza problemi d’insonnia, dormi beatamente è che ti rompano le palle.

Che poi della mia insonnia non ci ho mai capito niente.
E non ci hanno capito molto nemmeno quei grandi luminari amici di babbo che mi hanno visitato e imbottito di fantasiose teorie e farmaci di merda sin da piccolo.

No questa canzone è troppo triste.
Riduci a icona il browser.
Apri cartella.
mhm Funky? Blues? Jazz? Rock?
Andiamo sull’ultimo della Dave Matthews Band.
Dov’ero arrivato?
Cosa stavo scrivendo? Bha!
Niente: Oggi non se ne cava un ragno dal buco.
Spengo tutto e vado a fare una passeggiata con i cani.
Visto mai!

Non sapevo però, che una volta fuori di casa la cagnolina sarebbe scappata sfrecciando all’inseguimento di un gatto. Non sapevo che correndo per inseguirlo, avrebbe attraversato la strada, senza rendersi conto che stava arrivando un autobus carico di turisti.

Neanche io l’ho visto.

OOOPS!
Troppo tardi!
Ma che bel ricordo delle vacanze!
Un pelino macabro magari?!
L’autista ubriaco mi ha preso in pieno.
Un altro deficiente patentato.

Tanto la polizia dirà che è stato solo una disgrazia.
Non sará certo la prima volta.
L’autista poverino ci lavora con la patente.
Ha una famiglia. Lo rovini. Se no muoiono di fame.
E quello che si sta raffreddando qua son io.
Ed i medici diranno che non ho sofferto.
E sti cazzi!
Se lo prendessero loro un pullman sul muso allora.
Stronzi.
Perché, quando t’investe, fa obiettivamente abbastanza male.

A dire il vero lo sapevo da prima di rimanerci secco eh.
Ma non perché sia una cosa ovvia eh!
No è che ci son già passato.
Dico: da piccolo, da quando andavo ancora alle elementari ed un camion rosso mi ha investito davanti a quell’edicola vicino alla chiesa.
Ero di fretta e correvo anche quella volta.

L’ho raccontato solo a qualche amico molto intimo ed ovviamente a mia moglie.
Poveretta! Quante volte avrá sentito quella storia? Una o due … mila?!
Bhe a mamma certo non poteva raccontarlo:
era una delle prime volte che lei, iperprotettiva, mi aveva dato il permesso di tornar da solo a casa.

Oh: c’erano i cavalieri dello Zodiaco in TV.
Pegasus doveva arrivare alla casa del Leone!
Non me lo potevo perdere!

Quante cose che ti passano per la testa quando stai morendo.
Ricordavo una botta, il rotolare e lo spavento. Poi la corsa e l’inizio della sigla dei cartoni animati. Anche se forse non ricordavo proprio tutta la storia. Ed in ogni caso: No, non sapevo, ancora, di esser morto sul colpo anche quella volta. Quello l’ho appena capito.

Non mi fa più male.
In effetti non sento proprio niente.
Non è che mi stia divertendo.
Neanche per quelli in vacanza è stato divertente, figuriamoci per me.

“Lascia una moglie due cani e una figlia ancora da conoscere. Un acquario ancora tutto da rifare, un giardino da sistemare e troppe cose da finire.”

Offeso un po’ con il mio destino semplicemente mi sento “scivolare oltre”, sperando di poter trovare un modo per vedere una volta ancora il suo volto.

Mi dispiace.

Sapevo che lei l’avrebbe sentito. Come sempre. Anche se mi piaceva vantarmi di saperlo fare meglio di lei. Direi che si metteva troppi freni, che pensava troppo. Ma so che la vera persona speciale tra i due era lei. L’ammiravo. Ma glielo dicevo sempre troppo poco.

Con gli occhi rossi gonfi e troppa tristezza per alzare la testa lei muoveva i suoi piedi. Come faceva ad ogni bacio. Lo stesso fece la piccola che portava in grembo.

“JO’ER CREÍA HABERTE MATADO ‘JOPUTA!”

Sento.
Mi giro mentre svanisco e vedo me stesso rialzarsi! WTF?!

Desmond ...

  • ... viene trovato da CHI lo sta cercando ! (47%)
    47
  • ... vive una storia epica, bellissima e piena di tanto amore... perlomeno di cose che lui ama... (6%)
    6
  • ... trova CHI o COSA stava cercando ! (47%)
    47
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

168 Commenti

  • Ciao Alberto,
    non voglio veder chiudere nessuna linea di pensiero…ho votato per la psichedelia ad oltranza.
    Leggere questa storia è stato un bello sforzo…ma anche scriverla non deve essere stato affatto uno scherzo…quindi chiuderla come una storia qualsiasi mi sembra un po uno spreco, tante linee in movimento che non possono semplicemente essere interrotte. Ti aspetta un bel lavorone…
    ..e io aspetto il prossimo.
    ePP

    • In questo caso in particolare come voce narrante mi potrei “immondamente” con una qualsiasi delle vostre scelte… Il personaggio di Leo potrebbe sicuramente essere intrigante e fondamentalmente è quello di cui sapete meno ora come ora. con gli altri lo Sciamano ci ha già parlato bene o male.

  • Da quanto!
    Aspettavo da parecchio questo capitolo… e i pensieri, in vista dell’imminente finale, si fanno più contorti, un po’ “Cripitici” (proprio come ho detto in video).
    Non so cosa aspettarmi dal finale…
    Colgo l’occasione per scusarmi per la pronuncia di Orsomth, ma adesso mi toccherà sempre leggerlo Orsmith! Il danno è fatto!

    Aspetto il prossimo!

    • In primis: Grazie di esser tornato e del tempo dedicato sul tuo canale!

      In questo capitolo, scritto molto di impulso, lo ammetto, ho voluto mettere deliberatamente un po’ di storia, un po’ di Desmond (riflesso di un qualcosa ben peggiore), un po’ dello Sciamano che cercava di riordinare le sue idee dopo esser stato tentato di abbandonare …

      Po… bhei son quasi sicuro che il padre stesso di Orsomth lo pronunci esattamente come hai fatto tu 😉

      Il prossimo arriverà presto. Voglio solo capire che voce narrante usare.

  • Ciao Alberto.
    Ho votato per Leo, più che altro perché mi è parso tu voglia spingere il lettore verso quella direzione – citandolo più volte verso la fine di questo capitolo – e non ho nessun motivo per oppormi al tuo messaggio subliminale.
    Anche perché, ti confesso – così come scritto anche da Red – che ho perso il filo della storia e non vorrei fare un scelta ancor più incoerente di quella che probabilmente ho già mosso.
    Effettivamente è passato un po’ di tempo dall’ultimo capitolo e non ho materialmente – mea culpa – il tempo per riprendere tutti gli altri capitoli.
    Immagino sia il medesimo problema di chi affronta il mio scritto – ho buttato giù un capitolo al mese! – per cui non te ne faccio minimante una colpa.
    Alberto, scrivi bene, intendiamoci. Davvero bene.
    Buon proseguo, e alla prossima 😉

    • Forse troppe cose in un capitolo…
      Un piccolo pezzo di storia di una “codina diabolica” che sembra piacere;
      Un po’ della fine annunciata di Desmond;
      Un po’ di Sciamano che cerca di riordinare le sue idee;

      Ma volevo “ricapitolare” un attimo prima di iniziare la conclusione.
      Il nono capitolo probabilmente sarà più ordinato.
      Sarà una storia, un pezzo della storia, raccontata daaaa,,,

      … vedremo da chi. Boh!

  • Ciao Alberto!

    Io voto affinché Desmond cerchi di lottare approfittando della confusione temporanea.

    Anche se sostengono che sia un golem, un’immagine dello sciamano, una proiezione è comunque una frammento che ha una sua volontà e anche se è un entità empia e “infestante” dello sciamano, secondo me tenterà di sopravvivere perché NIENTE e NESSUNO ci sta a dissolversi nel nulla…

    • Se’ … MAster, mi ero perso il suo commento. Desmond ci ha provato. Ha fallito miseramente.
      Al resto non è il caso che risponda in questa sede per non fare spoiler… Scusa ma ho perso un botto di notifiche e questo messaggio è di una vita fa!

  • Cercar di lottare approfittando della confusione temporanea. Mi sembra da Desmond!

    Non mi aspettavo la comparsa di questa figura demonica. Sarà viva? Uno Sciamano? O scopriremo che è anche lei un Golem? Forse un “sistema di sicurezza” della Biblioteca per quando qualche Golem dà di matto? Od ancora qualcosa d’altro?
    E che cosa sta succedendo?
    Aaaah! Voglio leggere il seguito! ^_^

    Ciao 🙂

  • Svanire, morire, dissolversi.
    Perdonami, ma Desmond mi sta un po’ sul ca***.
    Che dire, il capitolo è bello, però mi sembra che tu lo abbia scritto con grosse difficoltà, non è fluibile come i precedenti, si intravede che ti sei dovuto sforzare molto per scriverlo, forse dovuto alla scelta che non ti era proprio congeniale?
    Chissà, magari è solo una mia impressione, in ogni caso, attendo il prossimo!

    • Ciao Pie’!!

      In verità ho faticato molto per scriverlo “bene” tanto che alla fine làho riscritto da zero.proprio per evitare cio che dici.
      Quello che si ho dovuto fare invece è stato falciare circa 3500 caratteri con la massima attenzione a non tagliar fuori parti e dettagli importanti per la storia….

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi