Un’assenza ingiustificata

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà Rick? Cerca di nascondersi (48%)

Hope

Bradley disteso sul letto al buio, accese la lampada che poggiava sul comodino alla sua sinistra. La camera venne illuminata da un colore arancione tenue. Brad fissava il soffitto . Sospirò.  Fece per alzarsi dal letto. Recuperò la sua uniforme poggiata sulla sedia e si mise i pantaloni.Li strinse con una cinghia. Spense la luce della lampada e si avviò verso il soggiorno. Fuori era buio. 
Entrò nella stanza, e si mise a cercare le sue scarpe. Dovevano essere sotto il divano. Trovate. 
Mentre le infilava, il suo sguardo andò verso il tavolo su cui era poggiato il suo cinturino. Lo fissava nel buio. 
Allacciate le scarpe si alzò avvicinandosi al tavolo. Mentre in automatico faceva per agganciarlo alla vita, si accorse che la pistola non c’era. Si guardò intorno preso dalla paura, fece due giri intorno al tavolo, poi guardò sotto. 
Niente. 
A grandi falcate uscì dal soggiorno. Passò per un attimo nella cucina, aprendo tutti i mobili, cercando di non far troppo rumore. 
Niente, non era nemmeno lì. 
Passò di fronte alla stanza dei genitori, e arrivò infine a quella di suo fratello. Aprì con cura la porta. Il letto era vuoto, la finestra aperta e la nebbia invadeva il cortile di fronte.
-Cazzo!
Si fiondò verso il telefono, componendo in fretta e furia un numero. Uno squillo. Due Squilli.Tre. Quattro.
Niente, nessuna risposta. 
– Avanti professore! Rispondi cazzo! – disse con voce scocciata. 
Un ultimo squillo e poi:
РQuesta ̬ la segreteria del professor Friederich Burchs;se non ho risposto vuol dire che sono a caccia di qualche strega o troll! Lasciate pure un messaggio BIIP.

Rick prese ansiosamente lo zaino che aveva lasciato aperto e incominciò a muoversi con passo rapido verso il bosco: unico posto in cui avrebbe potuto nascondersi. Privo di ogni luce, si inoltrò per qualche metro all’interno, dove la nebbia seppur presente si faceva meno fitta. Sentiva il cuore pulsare talmente forte nelle sue orecchie da coprire ogni rumore. Non si voltò mai e si nascose dietro un grosso albero. Gli sembrava abbastanza. Rimase lì in silenzio per alcuni istanti, nel futile tentativo di calmarsi e riprendere in mano la situazione. Dopo un paio di minuti, pensò di sbirciare. Guardò nella direzione da cui era arrivato. 
Niente. Non vedeva nulla. 
Soprattutto non sentiva più alcun rumore. Anche il suo battito si era placato. Ma il terrore era proprio dietro l’angolo pronto a farlo scattare di nuovo.
D’un tratto sentì quello che gli parve un rantolo. Si girò di nuovo, e vide i contorni di una sagoma che sembrava poggiata contro un cespuglio di rovi. 
La nebbia non disturbava la visuale, perché la sagoma si trovava molto vicina al terreno. Tuttavia era buio.
Rick trasalì. Poi, mentre faceva un paio di passi in avanti, estrasse la torcia dallo zaino, la puntò in direzione della sagoma e la accese. Avanzò ancora di un paio di passi per essere sicuro di ciò che vedeva. Si accasciò improvvisamente, lasciando cadere lo zaino incredulo. La vista gli si offuscò di botto, e sembrava non percepire più alcun suono. 
Di fronte a lui si trovava un uomo piuttosto vecchio, probabilmente sulla sessantina. Gli occhi sbarrati, il viso coperto di tagli, un orecchio mangiucchiato. Dei brandelli di stoffa sul petto erano gli unici superstiti della camicia dell’uomo. Dal torace e l’addome squarciati  fuoriuscivano le budella, riversandosi sul terreno. Cercando di alzare lo sguardo verso il cadavere venne colto da un conato di vomito. Non vedeva bene! Mise le mani dentro lo zaino alla ricerca di qualcosa. Poi lo svuotò,disperato senza trovare ciò che cercava. Mentre continuava a frugare invano, sentì di nuovo quel rumore.
Vide ancora quell’ombra e Si trovava ancora una volta dietro di lui. Sentì un tocco sulla spalla e si voltò di scatto: Una ragazza con una cuffietta rosa, un giubbotto in pelle e dei jeans, teneva una macchina fotografica in una mano, mentre con l’altra cercava di far dei cenni per calmare il ragazzo. 
Rick si sentì sollevato.
Comunque la sua vista era offuscata: cercò di concentrarsi su quello che la ragazza tentava di dirgli. 
– Immagino che tu stia cercando queste – disse, estraendo dal taschino dei jeans un flaconcino arancione con dentro alcune pillole – Le hai fatte cadere prima mentre sei scappato. Ho cercato di fermarti, ma non mi hai sentito.
Rick si alzò e strappò dalla mano della ragazza il piccolo tubo, aprendolo e prendendo subito una delle pillole al suo interno. Ci vollero alcuni minuti prima che la medicazione facesse effetto. Nel mentre la ragazza si avvicinò al cadavere. Rick osservava incredulo: lei stava facendo delle foto e aveva tirato fuori un quadernone. Dopo essersi  ripreso si alzò e andò verso il cespuglio.
– Chi sei? Che cosa stai facendo? Conosci quest’uomo? – disse nervosamente. 
– Sono Hope! Giornalista! …più o meno – disse mentre fissava lo sguardo su alcune foto nel quaderno – stavo indagando sulla scomparsa degli animali in città. Niente! Questo sembra mescolare tutte le carte in tavola adesso!

Con chi si aprirà il prossimo capitolo?

  • Un nuovo personaggio (6%)
    6
  • Bradley (19%)
    19
  • Rick e Hope (75%)
    75
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

66 Commenti

  • Ciao Gabriele!

    Il capitolo scorre bene e ci hai dato tante nuove informazioni, ma ammetto che la narrazione soffre appena degli stacchi su un paio di scene. Il mio consiglio è quello di non affidarsi solo agli spazi, ma magari utilizza un’indicazione come “***” quando cambiami completamente punto di vista sulla storia.

    Mi pare che Rick stia cominciando a mostrare alcune crepe del suo carattere. Nello scorso capitolo avevamo avuto la fuga dalla polizia, in questo arriva addirittura un cadavere e la figura di Hope… La storia comincia ad infittirsi, e a giudicare dalla piega che sta prendendo, pare che sia a tinte horror. Mi piace!

    Alla prossima!

  • Ho vist che già ti hanno fatto notare molto l’assenza di “spazzi” tra i due POV.
    Quindi non sto a ripeterlo, mi dispiace che l’editor ti abbia dato problemi.
    per il resto il capitolo ci lascia con un bel colpo di scena: un cadavere lasciato lì non a caso secondo me ed è per questo che io voto Rick e Hope (Che nome del kaiser, scusa, ma ho problemi con sto nome abusato XD )
    Specie perché voglio vedere che succede con il corpo.

  • Ciao, Gabriele.
    Ho visto che te lo hanno già fatto notare: non c’è stato uno stacco tra il POV di Bradley e quello di Rick, fino a un certo punto ho pensato che si trattasse sempre del primo. La prossima volta, per dare uno stacco e far capire al lettore che la scena sta per cambiare, potresti usare gli asterischi: ***
    🙂
    La storia si fa interessante e anche cruda, le budella che sfiorano il suolo sono un po’ abusate, ma possono ancora tornare utili. Non so se “mangiucchiato” per un orecchio ce lo vedo, ma per ora non trovo nulla da suggerirti in proposito. Voto Rick e Hope e vediamo che succede.

    Alla prossima!

  • Ciao!
    Questo capitolo mi ha rapito, scritto bene e sempre scorrevole è finito prima che me ne accorgessi.
    La storia comincia a prendere dei risvolti davvero inaspettati, vediamo dove ci porteranno!
    Io voto per Rick ed Hope perché sono un sacco curiosa di questo nuovo personaggio.
    Al prossimo capitolo :3

  • Ciao Gabriele,
    mi piacerebbe continuare a sentire lo scambio di info tra Rick e Hope.
    La storia inizia ad essere intrigante…e le dinamiche familiari sono interessanti. Mi permetto due sole osservazioni , da lettore interessato alla trama. Il passaggio della narrazione tra quello che Bradley e quello che succede a Rick doveva essere evidenziato di più (o con semplici spazi o con qualche frase di circostanza)….ma soprattutto…..e te lo dice un cinquantenne….un sessantenne non può essere considerato un uomo piuttosto vecchio… 😀
    A parte gli scherzi, trama interessante.
    Aspetto il prossimo capitolo.

  • Rick e Hope.

    Devo segnalarti un paio di cose; il primo è un refuso: una lettera maiuscola che non ci andava (Vide ancora quell’ombra e Si trovava ). Il secondo è che questa frase non si addice al resto del racconto: Ma il terrore era proprio dietro l’angolo pronto a farlo scattare di nuovo. Tutto il resto del racconto, fin quando Hope non lo calma, fa salire la tensione di Rick e quella nostra a diecimila, quindi la frase è di fatto inutile (segnalo perché fa risparmiare caratteri). Ultimo ma non ultimo il salto di scena tra Brad e Rick non è ben marcato: secondo me serviva qualche carattere di separazione (io uso tre asterischi).

    Segnalo tutto questo perché la storia mi prende un casino e penso che possa solo migliorare ^_^

    Ciao 🙂

  • Devo dire che quest’episodio è stato particolarmente coinvolgente rispetto agli altri, sia per il ritrovamento del vecchio che per l’entrata in scena di Hope. Brad continua a starmi sulle palle, ma spero che più avanti ci darai una motivazione riguardo il suo atteggiamento. Voto per Rick e Hope, lei sembra essere un personaggio molto interessante 😚

  • E niente, è sempre un piacere leggere questa storia e non mi aspettavo che prendesse questa piega! Purtroppo il capitolo è finito prima che me ne accorgessi! Non vedo l’ora di leggere il seguito! Le scelte sono tutte interessanti al punto che mi trovi davvero indeciso! Ma visto che una scelta la devo fare direi che voto per Rick e Hope!

  • Ciao Gabriele.
    Bella l’atmosfera sinistra che hai creato con la nebbia, forse è eccessiva la reazione dell’agente di polizia…a meno che non ci siano pressioni per coprire/gestire cose più gravi (chissà). La suspense generata dall’attesa di scoprire cosa si muove nella nebbia, tiene l’attenzione alta. Dalle tue descrizioni sembra che Rick sia decisamente troppo impulsivo e poco propenso a meditare bene le sue azioni, quindi ho votato per usare la pistola.

  • Ciao, Gabriele.
    Molto angosciante questo capitolo immerso nella nebbia, sei riuscito a farmi sentire l’urgenza nella fuga di Rick, ma non ho capito da dove arriva il rivolo di sangue sulla faccia del ragazzo. Ho trovato strano che un poliziotto spari contro una figura in fuga nella nebbia senza prima sparare un colpo d’avvertimento, ma io non conosco il mondo in cui vive Rick, chissà…
    Forse mi sarei aspettata più informazioni in questo secondo capitolo, che pare più un capitolo di passaggio, magari buono al quarto quinto episodio, ma la costruzione della storia è tua, se lo hai inserito così, avrai un tuo perché.
    Si nasconde.

    Alla prossima!

  • Wait…ora mi sono persa un pochino….dov’è finito il cane? lo deve ritrovare vivo e vegeto te l’ho già detto. e poi…pistole???? hi cavolo, peggio dei poliziotti americani…interessante però…forse è ambientato in Cina all’inizio dell’epidemia Covid che per far rispettare il coprifuoco c’era l’esercito armato in strada XDXDXDXDXD
    Mi piace molto Gabry, mi da un’aria da Stephen King in una città del Maine….
    Vediamo come continua
    XD

  • Essendo ancora all’inizio è difficile dare un vero giudizio alla storia, ma la premessa sembra interessante quindi aspetterò i prossimi capitoli per formulare il mio modesto parere. Devo precisare che il genere non sia esattamente dei miei preferiti, ma nulla mi vieta di scoprire come proseguirà la storia, e sperare che il protagonista riceva una bella, o brutta, lezione di vita: # maledetti ragazzini viziati di oggi 😉

  • Io dico che scappa, reazione umanissima.
    Ciao Gabriele!
    Situazione difficile, forse la realtà è diversa da quanto sembra, c’è qualcosa che ancora si deve disvelare; interessante sviluppo, lentamente forse si fa luce la verità sul coprifuoco.
    La curiosità cresce, ingrediente irrinunciabile In storie del genere. Ben manovrato!
    Ciao a presto!

  • Entriamo nel vivo dell’azione, la storia inizia a far intuire che forse non si tratta solo della ricerca del cane.
    Qualche scena mi ha lasciato leggermente confusa, ma forse era voluto, come se tutto fosse un po’ attutito dalla nebbia.
    Mi è piaciuto questo finale aperto, io voto per nascondersi!

  • Cerca di nascondersi per me.
    Iniziamo ad entrare nella trama vera e propria, mi è sorta qualche domanda, ma son sicuro che nel corso della storia ci darai delucidazioni.
    Consiglio: attento alla punteggiatura, hai usato molti punti, in alcune frasi era meglio una virgola, per non spezzare troppo la scena.

  • Prende la pistola, ormai è fuori non capisce più nulla.
    Frase del giorno: “L’atmosfera che la luce del faretto creava nella nebbia era spettrale, mistica, pareva di essere bloccati in un sogno.” questa frase racconta tutto il capitolo. o sgomento, la paura e una piccola luce poi la paura che torna e allora… la pistola. Questo capitolo è complesso e si poteva scrivere in mille modi diversi, tu sei stato bravo a chiudere il cerchio. Al prossimo! 🙂

  • Momento di confusione totale, situazione che precipita. Al momento non c’è ancora auna direzione precisa, ma forse la nebbia ha influenzato questo capitolo proprio perché ha fatto perdere la bussola a Rick che non ha ben chiaro cosa stia facendo.

    Io voto affinché si nasconda.

    PS: attenzione ai tempi verbali, qualcuno ti ha tradito 😛
    Ma quando si scrive al passato remoto è un errore abbastanza comune.

  • Momento momento momento.
    What? Che coprifuoco? Coprifuoco covid? Non si parlava di mascherine o simili nell’introduzione. Di solito il coprifuoco c’è perché qualcosa di pericoloso sta avvenendo e davvero hanno istituito un coprifuoco per il ladro di cagnetti? Se è così qualcosa stanno facendo, altrimenti sono confuso.
    Trovo MOLTO avventata l’idea di scappare così dalla polizia.
    Così come mi sembra esagerato sparare ad un tizio in bici. Se hanno sparato in aria meglio, ma non possiamo saperlo, di cerco non mi sorprende che il nostro amico se la sia fatta un pochino sotto a sentire lo sparo. Di certo la situazione è pericolosa, ma non lo farei sparare ora, anche perché se tirasse fuori la pistola e quello dietro i cespugli fosse un agente…
    Be’, diciamo solo che potrebbe risultare MOLTO spiacevole.
    Quindi voto altro e non che tira fuori la pistola, ma sono felice che sia riuscito a seminare la volante nella nebbia.

  • Ciao Gabriele!
    Ho trovato la storia uno spaccato molto efficace di vita famigliare, con dialoghi minimali e genuini, che descrivono in questo caso un rapporto difficile tra fratelli. Le parole forti sono utilizzate il giusto e non stonano affatto.
    Ben fatto! Ti auguro buona scrittura anche perché il personaggio di Rick non sembra di quelli facili da tratteggiare.
    Seguo e voto per la pioggia.
    Ciao!

  • Ciao, Gabriele.
    Eccomi qui. Ho voluto renderti la cortesia e sono passata a leggere il tuo incipit. A parte qualche virgola, di cui ti hanno già accennato e da cui dovrei guardarmi bene dal redarguirti (io con la punteggiatura sono una frana), il tuo incipit mi è piaciuto. Ci hai presentato la famiglia e dalle tue parole abbiamo capito bene o male di chi si tratta. Attenzione a non cadere nel cliché dialogico dei film americani, i dialoghi devono essere verosimili e non devono dare troppe informazioni a chi già le conosce: quando i tuoi personaggi parlano tra loro, sanno perfettamente cosa è successo e cosa no, pertanto non dare informazioni al lettore tramite il dialogo, cerca di farlo sfruttando la narrazione. Questo è, ovviamente, ovviamente un mio punto di vista e potrebbe non essere condiviso, vedi tu cosa vuoi farne. 🙂
    Ho votato nebbia, anche se mi sarebbe piaciuto optare per la pioggia, ma povero Rick, già ha perso il suo cane, non accaniamoci troppo.

    Alla prossima!

  • C’è tensione nell’aria, si sente.
    Il nostro Rick, come si suol dire, mi sembra un po’ fumino (Dalle mie parti significa uno che si arrabbia/irrita facilmente), ma è comprensibile il suo dolore. Un cane, specie se ci sei cresciuto, è parte della famiglia che immagini ed è difficile immaginarsi una vita senza.
    Tuttavia sono preoccupato perché portarsi dietro una pistola così significa anche aspettarsi o cercare dei guai.
    una cosa molto pericolosa specie se si gira da soli di notte quando si possono vedere movimenti ostili quando non ci sono.
    E poi rubare una pistola ad un agente non è MAI una buona cosa. ;P
    In ogni caso mi è piaciuta, spero di vedere presto nuovi capitoli

  • Rieccomi, Gabriele. Ho votato per la nebbia, un classico del mistero 🙂
    Un incipit interessante, dipingi il quadro di un’intera famiglia mostrandoci le informazioni che ci servono in modo naturale (ho apprezzato molto “… riempiva i bicchieri con del vino, fatta eccezione per quello di Rick”, ci fai subito sapere che Rick non può bere, anche se non sappiamo bene perché. Perché è minore? Per altro? Lo scopriremo 🙂 ). La narrazione è scorrevole, anche se in taluni punti ho sentito la necessità di qualche virgola in più, soprattutto nei discorsi (“Avanti Rick…”, “Senti è un discorso…”, “Brad cerca di essere più comprensivo…”).
    Ho provato un po’ la sensazione “muro di parole”, ma forse è una cosa mia: per dare ritmo e rendere meno “pesante” la pagina, tendo a mettere qualche “a capo” in più, mi sembra che dia la possibilità al lettore di riprendere fiato 🙂
    Per il resto, un quadretto interessante e ben reso, complimenti.
    Ciao, ti auguro un’ottima settimana

    • Ciao Erri!
      Grazie per i complimenti intanto. Diciamo che questo capitolo ha la funzione di seminare alcune cose oltre a presentare i protagonisti e la situazione familiare. Per quanto riguarda gli errori è vero, ogni tanto manca qualche virgola. Ho avuto appena di difficoltà nel gestire la formattazione del sito, spero di riuscire a migliorare nei prossimi episodi. Grazie per aver letto

  • Siamo tutti curiosi di sapere che fine abbia il povero Vincent!
    La situazione familiare pare in breve molto chiara e definita, grazie ai dialoghi e alle poche azioni.
    Il mio consiglio è di prenderti più spazio, così da rendere più chiara la situazione; utile anche per evitare qualche ripetizione.
    Aspettiamo di scoprire il prossimo capitolo! 😉

  • Nebbia! La pioggia è ottima per creare fastidio, ma la nebbia secondo me lo è ancora di più.
    Buon inizio, spero non finisca alla John Wick, dove inizia ad ammazzare gente a destra e a manca perchè gli hanno ammazzato il cane.
    Attendo il prossimo capitolo e vediamo la notte dove ci porterà.

  • Benvenuto Gabriele!

    Che dire, per essere il tuo primo Incipit te la sei cavata decisamente bene (considerando che è la tua prima esperienza di scrittura creativa). Devo dire che ci hai fatto raggiungere quota 5000 caratteri molto velocemente e sei riuscito, in poche righe, a darci un’idea di chi sono i personaggi della tua storia.
    Il tuo protagonista mi sembra subito in conflitto con il mondo e l’assenza del suo cane sembra “svuotare” la casa seppur sia abitata da una famiglia numerosa.
    Rick ha fatto una bella bravata a prendere la pistola di Brad, spero che ci stia ben attento…

    Io voto per la pioggia! (così da riflettere lo stato d’animo del protagonista!)
    Alla prossima!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi