ALTROVE LIQUIDO

Dove eravamo rimasti?

PERDONATE IL RITARDO. NEL PROSSIMO EPISODIO DI COSA VORRESTE LEGGERE? DELL'INCONTRO CON MORENO, IL GIORNALISTA (67%)

POCO E NIENTE

Giulia lo riconobbe subito, seduto a uno dei tavolini del bar vicino alla spiaggia; aveva una stazza imponente che la sedia di ferro smaltato, su cui sedeva, a malapena riusciva a contenere. Si avvicinò, con il respiro salato del mare alla sua destra; quando la vide, lui si alzò, le parve impacciato e questo glielo rese più simpatico di quanto si sarebbe aspettata.

«Giulia, posso chiamarla Giulia?»

La ragazza annuì e gli strinse la mano, guardandolo con curiosità. Aveva l’aria stanca e la barba poco curata.

Si sedettero.

«Posso offrirle qualcosa?» le domandò.

«Un cappuccino» rispose lei, rivolgendo lo sguardo al cameriere che li aveva raggiunti.

Quando furono di nuovo soli, Delle Piane abbozzò un sorriso, pronto a intraprendere la conversazione. Giulia lo precedette: «come sa che Dal Piatz cercava me?»

«Perché me ne ha parlato, pochi giorni fa. Eravamo seduti a un tavolino, proprio come me e lei adesso. Mi ha parlato di un’indagine importante, un’indagine mal vista dai superiori…»

Non è tempo per ubbidire, non è tempo per i codardi. Devi sapere, tutti devono sapere. Le parole di Massimo le tornarono alla mente. Rabbrividì.

«Si sente bene?» la voce del giornalista arrivò lontana.

Giulia restò sospesa, incapace di percepire altro suono che il proprio cuore impazzito nelle orecchie.

«Giulia!»

Un clacson suonò a poca distanza. D’un tratto il contesto tornò a prendere vita e ogni cosa riprese colore.

«Mi, mi scusi. Ogni tanto mi capita.»

Moreno annuì comprensivo. «Beva il suo cappuccino o si fredderà.» Giulia non si era accorta del cameriere e non sapeva per quanto tempo fosse rimasta immobile con le parole di Dal Piatz nella mente. Gli occhi in quelli chiarissimi di lui, quella frase enigmatica e ora il riscontro oggettivo con le parole del giornalista. «Cosa sa esattamente dell’indagine?» domandò a bruciapelo.

Moreno si ritrasse appena. «Non molto, speravo che l’avesse contattata e le avesse accennato qualcosa…»

«Io non gli ho mai parlato…»

«Ma avevate un appuntamento nei pressi del tribunale.»

Moreno le parve confuso.

«No, non avevamo alcun appuntamento. Io ero lì per ricevere un’ammenda per una bravata. Non ho mai conosciuto Dal Piatz e lui non mi ha mai contattato.»

L’espressione del giornalista mutò. Giulia non seppe interpretarne l’evoluzione, le parve contrariato, ma forse era solo deluso per il mancato scoop.

«Massimo era un ottimo investigatore, Giulia; credo che avesse per le mani una storia grossa che, in qualche modo, coinvolge anche lei.»

«Me? Ma come? »

«È quello che intendo scoprire, Massimo era un solitario, uno che lavorava da solo. Ho qualche contatto in questura, ma non sono sicuro di trovare qualcuno disposto a parlare.»

«Però qualcosa le ha detto, giusto? Di me, per esempio?»

«Mi ha parlato di una pista che portava dritta qui, a Genova. Mi ha confidato che aveva il sospetto che persone molto in vista potessero aver commesso reati gravissimi e che doveva raggiungerla, per… proteggerla.»

«Proteggermi da cosa?»

«Non lo so. Siamo stati interrotti, credo che fosse controllato dai superiori.»

«Mi sta spaventando.»

«Non voglio spaventarla, voglio capire. Ha mai notato qualcosa di strano? Prima della sparatoria, intendo.»

«Strano in che senso?»

«Telefonate mute, estranei nei pressi di casa sua o ha mai avuto l’impressione di essere seguita?»

«No, mai. Forse dovrei parlarne all’ispettore che segue il mio caso.» Giulia si alzò si scattò.

«Aspetti, non ho finito.»

«Non voglio più ascoltarla, mi sta spaventando e non so neanche se quello che mi ha detto è vero, non so nemmeno se lei è davvero un giornalista.»

Moreno estrasse un documento e lo mostrò alla ragazza. ORDINE DEI GIORNALISTI recitava la scritta sul tesserino dalla copertina rossastra.

«Potrebbe essere falso, ma non lo è. Può chiamare la redazione, se vuole.»

Giulia scosse il capo.

Moreno si alzò a sua volta, lasciò sul tavolino una banconota da cinque euro e si avvicinò alla ragazza. «Mi creda, sono qui per scoprire la verità. Può parlarne con il poliziotto che segue le indagini, ma non avrà riscontri; faranno muro e non ne verrà fuori nulla, lei sarà bollata come malata di mente e io, magari, sarò radiato.»

Giulia restò in silenzio, di fianco al gigante barbuto che la sovrastava. «Cosa dovrei fare? Rimanere chiusa in casa ad aspettare che un pazzo venga a spararmi?»

«No, ma le consiglio di evitare di parlare di questa storia, per i bene di tutti e due.»

«Perché ha voluto vedermi?»

«Perché speravo che avesse qualcosa da dire.»

«Credevo che lei avesse qualcosa da dire a me» ribatté lei, con lo sguardo alzato verso l’ingombrante interlocutore.

«Le ho detto quel che sapevo, l’ho messa in guardia e non posso fare altro. Massimo è morto e con lui muore ogni indizio, è esasperante, mi creda.»

«Deve pur esserci qualcuno con cui ha potuto confidarsi, qualcuno che sappia qualcosa su questa storia, non aveva una moglie, una fidanzata…»

Il mare si era ingrossato e dalla spiaggia giungeva il lamento della battigia battuta dalle onde.

«Dania» rispose Moreno più a sé che a Giulia.

NEL PROSSIMO CI SARÀ UNA VISIONE, GIULIA VEDRÀ:

  • UN POSTO ALL'APERTO, IN MEZZO ALLA NEVE (43%)
    43
  • SOLO UNA CASA (0%)
    0
  • DELLE PERSONE IN UNA CASA (57%)
    57
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

134 Commenti

  • Ciao Keziarica,
    un mese….se penso che siamo già alla fine di questo racconto, in un arco temporale più lungo ce ne sarebbero almeno altri quattro.
    Hai messo su una atmosfera angosciante, ma che ti costringe ad andare avanti perché ti fa venire “fame” di notizie, visioni, frasi appena udite per arrivare a capire cosa succederà alla nostra Giulia.
    Secondo me c’è ancora tanto da raccontare e dieci capitoli sono pochi….ma sono curioso di sapere cosa ci offrirai al prossimo capitolo: un finale o un invito ad approfondire goi incubi di Giulia?
    Ciao,
    ePP

  • Ciao Keziarica!
    Le frasi che Giulia sente e di cui non afferra il senso torneranno a farci visita, questo episodio nasconde più di quello che sembri; la voce del padre…
    Le immagini cupe e angoscianti di chi non può divincolarsi da un destino che non ha voluto sono come sempre efficacissime; una scena scarna in un luogo tetro, il vento, la saliva, la luce fioca, il bagliore. E l’immobilità di Giulia, l’immagine della sua impotenza. Trovo assai felice la scelta dei vocaboli che esprimono la sua incapacità a fare qualsiasi cosa, la sua condanna a subire.
    Bravina, così magari non dici che son troppo buono😊.
    Scelgo un salto lungo e ti auguro una buona domenica!

  • Tre mesi: una via di mezzo tra i due, mi sembra la soluzione più adatta 🙂

    Ragazza mia, fattelo dire, è fantastico: ci sono quei tocchi di horror ma soprattutto tanto mistero che mi tiene incollato. Interessante il sogno: a quanto pare abbiamo qualcosa di strano che è capitato nel passato di Giula. Quanto sia sogno, quanto ricordo e quanto visione è ancora da stabilire 🙂

    Ciao 🙂

  • Ciao Keziarica, che raffica di immagini angoscianti. Sto leggendo dei racconti di S.King, e mi chiedo cosa si agita nella mente di autori come quel maestro e te, come riuscire a restituire l ‘angoscia, figlia della paura del non comprendere e controllare le cose…
    La povera Giulia avrà giustizia? So che è presto per dirlo, spero che tu ti affezioni a lei e me la salvi senza snaturare l’idea di racconto che hai in testa. Ultima cosa: il vento. Vorrei che fosse il segnale che un mondo fuori c’è e che non si è soli inchiodati ad una realtà così opprimente. Mi sbaglio? Complimenti e salterei non troppo, un mese per non cambiare troppo decisamente scenario. Alla prossima! 🙋🌻

  • Ciao Keziarica! Ho votato la sala autoptica. Devo dire che scrivi davvero bene! Ma devo anche dire che mi fai girare la testa 😂 non sono ancora riuscito a prendere il filo di tutto e questo mi confonde un po’. Spero che con i prossimi due capitoli le cose si faranno più chiare! Ciao e grazie!

    • Ciao, Carter.
      Se devo essere sincera non lo so e non credo che le cose si chiariranno nei prossimi due capitoli, l’idea era di continuare la storia oltre i 50000 caratteri messi a disposizione… 🙂
      Sono comunque contenta che ti piaccia il mio modo di scrivere e mi auguro che piano piano i garbugli si sgarbuglino 😉

      Alla prossima!

  • Questo mi è parso un capitolo di transizione e stavo giusto pensando che questa storia mi sembrava più “sfilacciata” rispetto alle altre (non necessariamente in senso negativo) e che forse avrebbe avuto bisogno di qualche capitolo in più, poi ho letto un tuo commento in cui dici di avere intenzione di proseguire oltre i 10 capitoli, quindi forse ci ho visto giusto!
    Dal momento che non c’è tutta questa fretta di concludere a questo punto opto per tornare a ieri in montagna, un’opzione che mi sembra potrebbe dare la possibilità di avere un altro po’ di backstory e chiarici un po’ le idee. A presto!

    • Ciao, Dapiz.
      Sì, ho pensato di allungare un po’ eccedendo i dieci capitoli, spero che avrete voglia di seguirmi in questa mia idea. Il capitolo serviva a dare ancora qualche informazione sul caso, qualche indizio per arrivare poi alla conclusione con piccole semine che portino a un raccolto decente, spero di riuscire nel mio intento.
      Vediamo quale opzione avrà la meglio 🙂
      Per ora, ti saluto e ti ringrazio.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica,
    mi sono assentato per un po e mi ritrovo a leggere due capitoli tutto d’un fiato…la storia è molto intricata, ma si riesce a “viaggiare” nella trama con molta naturalezza….complice anche la creazione di personaggi superlativi.
    Ho votato per la sala autoptica….Giulia ci sta abituando a questi “strani” salti, che svelano sempre incredibili sorprese.
    Al prossimo,
    ePP

    • Ciao, ePP.
      Addirittura, superlativi? Sono felice che ti piaccia come rappresento i personaggi, ma non credo di meritare tanto 🙂 comunque, grazie!
      Sì, in effetti, Giulia ha visitato e visiterà luoghi assurdi e terrificanti, la storia va avanti anche grazie alle sue visioni, quindi, non ne mancheranno di sicuro 🙂
      Grazie per le belle parole e per essere tornato a leggere.
      Buona settimana e alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    Bello seguire I fronti di una storia, vederne i loro contorni che piano piano si avvicinano ed arrivano a coincidere; impresa non facile, anzi, direi ardua. Ti stai destreggiando con buon piglio e approfondisci i personaggi dando loro il respiro che meritano: siamo già all’ottavo episodio e non me ne sono accorto. La storia merita spazi, ma in effetti anche Dolores o Gock avrebbero meritato caratteri extra.
    Sempre brava, e non credo di essere troppo buono (boh, chi lo sa 😆); in ogni caso ogni volta un piacere leggerti.
    Ciao!

    • Sì, sì, sei troppo buono, fidati 🙂
      Ri-ciao, Minollo.
      Far combaciare i contorni avvicinandoli pian piano non è semplice, serve un talento che io non ho e, infatti, spero tanto di non fare pena nel provarci 😉
      Il fatto di aver deciso di prolungare la storia oltre il limite dei 50000 caratteri, mi dà la possibilità di dedicare più spazio ai personaggi (non che prima non lo facessi e infatti mi trovo sempre a rincorrere un finale a precipizio), spero di non risultare pesante, tuttavia.
      Gock è uno dei miei racconti preferiti, uno di quelli che mi è rimasto nel cuore (sto pensando di scriverne un altro o magari di inserire i due racconti più un paio di nuovi in una raccolta da pubblicare, chissà…), a volte servirebbero più caratteri, gli sviluppatori potrebbero pensare di mettere a disposizione più capitoli, con criteri fissi che dettino le regole, non sarebbe male.
      Grazie e ri-scusa per il ritardo nella risposta all’altro tuo commento. 🙂

      Alla prossima!

    • Ciao, Anna.
      Sei una lettrice attenta, sì la sala autoptica sarà parte di un incubo o di una visione e non sarà piacevole per la povera Giulia.
      Massimo avrà modo di farsi apprezzare, magari con qualche flashback 🙂
      Grazie per il complimento e alla prossima!

    • Ciao, Red.
      Grazie, direi che mi fai un bel complimento davvero, il giallo ha decisamente vari aspetti e spero di non mescolarli troppo, altrimenti, poi, viene fuori un minestrone… 😉
      Intendo rendere la storia il più horror possibile, ma il giallo viene sempre a galla e tenta di prevalere sul nero e sul rosso, vedremo come va a finire.

      Alla prossima!

    • Ciao, Anna.
      Davvero sei gentilissima, ti ringrazio per il complimento sentito e per essere tornata a leggermi.
      Dania era la persona più vicina a Massimo, avrà di sicuro qualcosa di dire nel prosieguo. 🙂
      Purtroppo, l’angoscia sarà un po’ il filo conduttore della storia, spero che non ti disturbi troppo.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    Nell’immagine iniziale non ho colto subito il parallelo con il disco, poi ho visto che eravamo già nel sogno. La visione vive di un ritmo incalzante, soprattutto nella prima parte i verbi alla prima persona movimentano il viaggio di Giulia e fanno montare l’angoscia. Certe immagini come “Marcio su una di pista che mi costringe a proseguire senza fine” o “cammino in tondo eppure sto andando avanti” marcano la realtà onirica con efficacia, come anche la scelta di aggettivi come il buio assurdo, o un chiarore che non illumina. Forse dalla maglietta che descrive dobbiamo trarre qualcosa, o magari più avanti.
    Penso siano parti della storia che ti piace descrivere, e in cui sai dare “visibilità” a quello che vedi. Provo a rivotare per Dania; vale la pena incontrarli bene i personaggi.
    Brava! Buona domenica e alla prossima!

    • Minollo, perdonami!
      Ho letto questo commento ed ero assolutamente certa di averti risposto, e invece…
      La maglietta serve a chiarire alcune cose, è un indizio (non fondamentale che, però, contribuisce a creare l’ambiente intorno alla storia).
      Dania, alla fine ha avuto la meglio, insieme a Giulia, avrà un ruolo importante nella storia. Non è mai facile rendere i sogni, sono felice di esserci in qualche modo riuscita 🙂
      Grazie tantissime, vado a rispondere all’altro commento.

  • Hai recuperato il ritardo con due capitolo a breve distanza, peraltro molto diversi tra loro, uno concreto che porta avanti la trama nel mondo “degli svegli” e che da a Giulia un motivo in più per stare in ansia e uno onirico ma altrettanto ansiogeno… anche se per mio gusto personale tendo a non amare molto sogni e visioni e avrei accorciato un pochino questa parte. La conclusione con Raoul invece mi ha lasciato un po’ interdetto: non ho ben capito come interpretare il suo sorriso e se l’ambiguità fosse voluta, ma il fatto che questa fosse la conclusione del capitolo ha dato alla scena un’aura più inquietante di quella che forse avevi inteso.
    Cooomunque, per il prossimo voto per sentire cosa ha da dirci Dania!

    • Ciao, Dapiz.
      Purtroppo le visioni e i sogni mi servono per portare avanti la storia, tanto quanto i capitoli che raccontano la realtà (del racconto ovviamente). So che può risultare poco piacevole a chi non li ama, ma non ho modo dì escluderli. 🙂
      L’intenzione con Raoul età di dimostrare che non è così candido come può sembrare e che il fatto che Giulia abbia bisogno di lui gli permette di tenerla legata a sé e i suoi intenti e pensieri nei confronti di lei non sono del tutto benevoli.
      Mi auguro di mettere insieme un buon capitolo con il racconto di Dania che, a quanto pare, avrà la meglio sulle altre opzioni.

      Grazie per la franchezza e alla prossima!

    • Ciao, Red.
      Sì, al momento la parte horror sta sul piano etereo e impalpabile di sogni e visioni… non sarà sempre così, prima o poi la nostra cara Giulia dovrà fare i conti con la realtà che, a volte, ahimè, è peggio degli incubi.
      Spero di non spaventare troppo o forse no? 😉

      Grazie e alla prossima!

  • L’incubo dei passi inutili, eterni verso il dolore senza ritorno, senza controllo, su un grammofono prigione e anticipo di altro terrore… Che dire: spero di sognare altro stanotte. Giulia è un nome dolce che comunica semplicità e gioia, non posso che compatire allora, e fare il tifo per lei. Bravissima Keziarica, stavolta ti stai divertendo davvero!
    Voto Dania e aspetto… Grazie, ciaooo🌻🙋

    • Ciao, Fenderman.
      Giulia dovrà affrontare tante sfide e non saranno sfide semplici da superare.
      Spero che tu abbia fatto bei sogni, io ce la metterò tutta per rendere questo racconto, almeno in qualche punto, il più terrificante possibile, è un horror, non volermene 😉
      Grazie per i complimenti, forse comincio a divertirmi, sì.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    Dialogo drammatico, l’angoscia montante di Giulia che piano piano si immagina in qualcosa di molto più grande di lei è la protagonista dell’episodio. In fondo il gigante pare essere alla ricerca di un appiglio per continuare la sua ricerca, ma per lei è troppo. Sceneggiato con la consueta bravura e sicurezza, si percepisce il disagio di Giulia molto bene.
    Voto per il posto in mezzo alla neve, immagine di candore e pace, che si contrappone al capitolo appena letto.
    Bravissima, alla prossima!

    • Ciao, Minollo.
      Il posto in mezzo alla neve non ha vinto… ma arriverà, in fondo parte della storia è ambientata in valle d’Aosta. 🙂
      Ti ringrazio per i complimenti, non credo siano meritati, questo capitolo mi ha messo in difficoltà, ti confesso che sono stata sul punto di abbandonare la storia, forse, come Giulia, sono in una cosa più grande di me, ma la porterò avanti, sperando di riuscire a rendere giustizia all’idea che ho in testa da diverso tempo.
      Il gigante ha un suo scopo, tutti in questa storia ne hanno uno, a parte la povera Giulia, che avrebbe fatto decisamente di quello toccatole in sorte dopo lo sparo.

      Grazie davvero, sei troppo buono.

      Alla prossima!

    • Ciao, Anna.
      Il giornalista sa o non sa? e chi lo sa? Scherzo, io ovviamente lo so, ma non posso dire molto altro tutto in questa storia è un po’ fumoso, i sogni, le visioni, anche la realtà paradossalmente non è chiarissima. Spero di continuare a intrigarti e ti auguro una bellissima giornata.

      Alla prossima!

    • Ciao, Ilaria.
      No, il refuso non l’ho notato, grazie per avermelo segnalato. 🙂
      Mi dai troppa fiducia, 🙂 non so se riuscirò a farti vivere un sogno… un incubo forse, sarebbe anche in linea con il genere 😉
      Grazie per essere sempre presente e per l’attenzione.
      Alla prossima!

  • Un posto all’aperto, in mezzo alla neve, in netto contrasto col mare che si è sentito ed intravisto nel capitolo 🙂

    Ok, il capitolo non porta avanti niente della vicenda ma introduce tutti gli elementi del mistero che si cela dietro la sparatoria. A quanto pare la nostra Giulia, inconsapevolmente, fa parte del quadro. La curiosità ormai va a mille! 😀

    Ciao 🙂

  • Buon giorno Keziarica, episodio pieno di domande, tutte senza risposta un incrocio infilato di rumorose supposizioni, è Giulia deve aspettare, avere pazienza. A questo punto tutto può essere vero o un sogno una visione. Se la visione può aiutare allora ben venga, direi delle persone in una casa…
    Tutto il capitolo è un dialogo molto ben reso, reale, la confusione di lei, le strane reticenze di lui che è lì per fare domande e non per doverle subire… in un’atmosfera genovese, luminosa, dove il mare a tratti ruba la scena e sembra di vederlo. È sempre un piacere leggerti, spero tu abbia ora più tempo da dedicarci. Al prossimo dunque, spero presto. Ciao 🌻🙋

    • Ciao, Fenderman.
      Lo spero anche io, di avere più tempo e di non farvi più attendere troppo.
      Sono contenta che il dialogo sia risultato ben reso. La reticenza di lui ha un perché, ma non posso svelare troppo. Il mare, per me, ha molta importanza, è parte integrante della mia città, nel grembo del mare sono cresciuta e difficilmente me ne potrei separare 🙂 mi piace l’idea di farne, in qualche modo, un personaggio della mia storia.
      Grazie tantissimo e alla prossima!

  • Anche io sono in ritardo ma con la lettura… comunque sono qua! Ammetto che date le premesse mi aspettavo un capitolo un po’ più pregno, invece l’appuntamento con il giornalista è rimandato e l’incontro con lo psicologo mi è parso utile più a mostrare che questo aspetto dell’esperienza di Giulia non è stato trascurato che all’avanzamento della trama, ma a questo punto della storia ci può stare un rallentamento.
    Per il prossimo capitolo ero indeciso tra giornalista e visione, ma alla fine ho scelto quest’ultima perchè ho pensato che se non hai dedicato questo capitolo al giornalista forse è giusto sudarcelo… alla prossima!

    • Ciao, Dapiz.
      Lo so, questo capitolo è nato senza troppo entusiasmo e credo si sia anche percepito… il medico mi serviva per uno scopo, certo, messo in mezzo così può risultare di troppo, ma poi si capirà.
      Il giornalista, con mio grande stupore, ha avuto molto successo e quindi si parlerà di lui. Vediamo cosa ne viene fuori, la visione deve arrivare e per il prossimo capitolo non potrò dare grandi chances di scelta.
      Grazie per essere tornato e per la pazienza, mi auguro di mettere in pratica qualche consiglio recepito durante il peregrinare tra video e guide sulla scrittura 🙂 e di confezionare un episodio più interessante.

      Alla prossima!

  • Molto bene, Keziarica,
    sono stata un po’ assente dalla piattaforma ma ora eccomi a rileggere il tutto. È difficile, a volte tener dietro alle storie e capita di perder il filo del racconto, il tuo devo dire fila e si fa sempre più interessante. Aspetto il prossimo capitolo, ciao e a presto.

    • Ciao, Anna.
      Bentornata. Sei sempre gentile e hai ragione: tener dietro a tutte le storie seguite diventa un po’ impegnativo, ma teniamo duro 🙂
      Mi fa piacere che, nonostante i tempi un po’ dilatati, tu sia riuscita a tenere il filo della storia, mi auguro di non ingarbugliare troppo la trama, in modo da consentire a tutti di non perderlo. 🙂
      Grazie ancora e alla prossima!

  • Ciao keziarica, ritardo perdonato ahah (anche io sono stato lento con il nuovo capitolo), a me continua a piacere parecchio come scrivi, e la storia si fa sempre più interessante, ho votato ovviamente per l’incontro con il giornalista perché non vedo l’ora di avere qualche risposta.
    Un saluto.

    • Ciao, Ilaria.
      🙂 temo che con questa storia avrai qualche problema: i personaggi sono molti e ho idea che sarà difficile parlare sempre del giornalista 😉 scherzi a parte, sì lo so, in un racconto i personaggi non dovrebbero essere mai troppi, ma a questa storia volevo dedicare più parti e per questo ho introdotto qualcuno in più. Spero di non confonderti troppo.
      Grazie, come sempre.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarico,
    ho votato per l’incontro con il giornalista.
    Mi incuriosisce molto questo nuovo personaggio, sa delle cose… e le sue parole hanno stuzzicato la curiosità (di sicuro la mia). Il mistero su Dal Piatz…tiene banco.
    Per quanto riguarda lo psicoanalista ,ancora non so se mi è antipatico oppure no…sicuramente non è uno stupido (forse un po approfittatore) e dalle sue sedute potrebbe uscire fuori qualcosa di interessante.
    Bel capitolo, ovviamente aspetto il prossimo.
    ePP

    • Ciao, ePP.
      Eh sì, pare che il giornalista sappia qualcosa di interessante o magari cerca solo lo scoop, chi lo sa. Dato che pare il predestinato protagonista o co-protagonista del prossimo episodio, direi che lo sapremo presto. Lo psichiatra non avrà un ruolo preciso nella storia, mi serve per altri scopi, non so, a me risulta molto antipatico, ma io dovrei essere al di sopra delle parti e riportare i fatti così come si svolgono (nella mia testa). 😉
      Grazie per tutto e alla prossima!

      p.s. keziaricA… 🙂

  • Ciao Keziarica!
    Giulia pare aver bisogno di altro che non medicine; qualcosa la accomuna a Dal Piatz, che è il protagonista della visione; il destino li ha uniti in un momento di morte e dolore, e ognuno cerca l’altro. Questo è almeno quanto mi comunicano questi primi episodi. Poi c’è la costruzione del racconto, elegante, non lineare, e con zoom preziosi sui personaggi. Un episodio che sembra interlocutorio ma che ci permette di entrare in Giulia un po’ di più.
    Scelgo Dania, proprio approfittando del più ampio respiro della storia, per leggere ancora di Massimo.
    Bravissima come sempre. A presto!

    • Ciao, Minollo.
      Giulia ha a che fare con qualcosa per cui la medicina non può fare molto, necessita di comprensione in senso generale, ha bisogno di capire e di amici che le stiano vicini; ovviamente, non sarà così semplice, in un racconto horror non può filare tutto liscio, ma in nessuna storia in realtà (niente conflitto = calma piatta e disastro assoluto).
      Grazie per le tue parole sempre gentili, a me questo capitolo pareva troppo interlocutorio, molto dialogo e poca azione, sono felice che, invece, ti sia risultato gradevole.
      Grazie ancora e alla prossima!

  • Anch’io voto il giornalista ma una piccola visione, magari ad occhi aperti, gliela farei avere.

    Rieccoci qui! Le sedute dallo psicanalista sono sempre problematiche. Avrà compreso che Giulia sta mentendo, lo sospetta ma non è certo o si è bevuto tutto? Ma soprattutto, servirà allo sviluppo della storia? 😛

    Tornando seri, mi è piaciuto come hai dipinto il quadro ed introdotto il giornalista, a tal punto che uno vuole vedere che tipo è 🙂

    Ciao 🙂

    • Ciao, Red.
      Sì, il passaggio dal medico serve alla storia, in qualche modo mi tornerà utile. Non credo che si sia bevuto la piccola bugia di Giulia, ma non credo neanche che abbia tutta questa voglia di indagare.
      Il giornalista avrà il suo spazio all’interno del racconto e spero di riuscire a renderlo interessante, ti ringrazio e sono contenta che ti sia piaciuta la sua introduzione, mi auguro di presentarlo ancora meglio durante l’incontro che, prima o poi, avverrà.
      La visione ha bisogno di spazio, non so se riesco a farla stare in parte di un episodio, le visioni sono la benzina che alimenta la storia, devo dar loro la giusta importanza 😉

      Grazie ancora e alla prossima!

  • Ciao K.🙋. Voto l’incontro col giornalista, ovviamente. Passata la paura, almeno sedata, adesso comincia la sua indagine, si sente il bisogno di verità, il rifiuto persino delle ovvietà e lungaggini mediche. Immagino che incontrerà molte difficoltà, ma se non fosse perché continuare a leggere? Bentornata e buon lavoro, non farti attendere troppo. Ciao grazieee🙋🌻

    • Ciao, Fenderman.
      Eh già, il rifiuto delle cure dello psichiatra che Giulia percepisce come atte ad allungare la terapia, è un punto che serve a delineare il carattere della protagonista, una che si fida poco.
      Ci saranno ostacoli e pericoli sulla sua strada, ma questo lo vedremo strada facendo (senza volere ho citato i titoli di due canzoni…)
      Grazie per essere tornato a leggere e perdonami per la lunga attesa, non sono riuscita a riprendere prima, cercherò di non tardare più. 🙂

      Alla prossima!

  • Ciao, ero incuriosito di leggere qualche tuo racconto dopo il commento che mi hai lasciato. Devo dire che è molto interessante la storia, lascia in sospeso dei punti che ti invogliano a scoprire cosa sta accadendo e fare luce sul mistero. Mi è piaciuta particolarmente la parte della pallottola e quella del quarto capitolo con l’uomo sconosciuto.
    Aspetto di sapere il seguito e personalmente ho votato la questura. Aggiungiamo un pò di poliziesco? XD

  • Ciao Keziarica,
    da un po’ sono stata assente e mi ero fermata al primo capitolo che avevo commentato. . Ora ho riletto tutto.
    Ho letto anche alcuni commenti di altri lettori. Cosa posso dire di più se non ripetere i complimenti (tutti meritati). Ti seguo con vero piacere. A presto e buona domenica.

  • Ciao Keziarica, tutto molto bello, procedi a meraviglia e il racconto si fa leggere in maniera molto piacevole. Incomincio a percepire i confini della storia, ma come qualcun altro ha detto hai gettato le basi per degli ottimi intrecci e credo proprio che ci sarà di divertirsi.
    Un saluto, aspetto il prossimo capitolo.

    • Ciao, Larry.
      Sto provando a gettare le basi per costruire una buona storia, che abbia tutti gli ingredienti per interessare chi avrà la bontà e la pazienza di leggerla tutta. Sono felice che ti stia piacendo e spero di riuscire a intrattenerti fino alla fine.
      Un saluto a te e alla prossima!

  • Rieccomi, Keziarica. Ho votato per le ricerche su internet.
    L’incubo è davvero reso benissimo: gli ambienti familiari ma diversi, le parole misteriose e contraddittorie dell’uomo (o qualunque cosa sia), tutto contribuisce a farci percepire un senso di spaesamento e inquietudine. Hai già messo in campo dei begli intrecci che rendono intrigante la storia: l’agguato, il poliziotto tormentato, la ragazza vittima e il suo rapporto con l’amico. Tutto raccontato molto bene e di certo utile a rendere la narrazione più completa e coinvolgente. Tieni d’occhio i dannati cinquantamila, però 😉
    Ciao, ti auguro un’ottima giornata

    • Ciao, Erri.
      I dannati cinquemila, in questo caso, non fanno paura: l’intenzione è infatti quella di estendere la narrazione e di non concluderla con i fatidici dieci capitoli. 🙂
      Sono lieta che l’incubo sia risultato credibile, era proprio mia intenzione far percepire lo spaesamento sia di Giulia che del suo ospite, sono entrambi nello stesso posto, ma lo percepiscono in maniera diversa, perché lui è morto e lei ancora no. Ho in mente una storia complessa che ha davvero molti intrecci, spero di riuscire a portarla a termine e di farlo al meglio. Intanto, ti ringrazio molto per il commento e l’incoraggiamento.

      Alla prossima!

  • Ciao K,
    Io direi di farle fare qualche ricerca su internet.
    Mi è molto piaciuta la descrizione del sogno: caotico, surreale, strano come solo un sogno (o in questo caso “visione”) può essere.
    Il mistero si infittisce e vorrei saperne di più sul personaggio del sogno, quale sarà il messaggio che vuole trasmettere a Giulia e alle altre persone?
    Attendo il prossimo capitolo per scoprirlo ma forse no… sono sicura che infarcirai ancora di ulteriore mistero la storia 😊😊😊
    Ciao Kezia alla prossima
    Ilaria

    • Ciao, Ilaria.
      La parte del sogno/visione l’ho scritta guardando una foto e ascoltando musica inquietante. Volevo dare alla scena un che di surreale ma, al tempo stesso, tenerla legata in qualche modo alla realtà. L’uomo che porta il messaggio ha qualcosa da svelare ma, come nella miglior tradizione, non può farlo semplicemente parlando… 😉 ci sarà modo di capire cosa volesse dire il personaggio a Giulia, serve l’intero racconto per spiegarlo, un pezzettino alla volta, con il vostro aiuto.
      Grazie per essere tornata a leggere 🙂

      Alla prossima!

  • La visione di Giulia l’ho trovata molto vivida, mi ha ricordato molto da vicino certi sogni ricorrenti che faccio a proposito di case in cui ho vissuto e di come in sogno mi apparissero così estranee… per fortuna nei miei sogni non ci sono quasi mai presenze inquietanti.
    Per il prossimo capitolo, a fronte di tre opzioni tutte piuttosto realistiche come sviluppo, tenderei a escludere quella della ricerca via internet perchè mi pare la meno interessante da leggere. Giornalista e questura mi paiono simili, nel senso che in entrambi i casi avremo probabilmente un dialogo tra Giulia e un altro personaggio, ma ho come l’impressione che se la questura potrebbe essere più conciliante il giornalista si comporterebbe meno bene… quindi voto per quest’ultima opzione, per rendere le cose ancora più difficili alla povera Giulia!

    • Ciao, Dapiz.
      Anche io sogno spesso case i cui sono vissuta da bambina e, come te, le vedo diverse da com’erano in realtà. Sogno anche la casa in cui vivo, come se ci tornassi dopo tanto tempo, ed è completamente diversa da com’è, eppure, la riconosco come mia. Forse, in altri universi, la mia casa è così come la sogno, ma lasciamo perdere questi discorsi strampalati… 🙂
      Giulia ha necessità di andare avanti con la storia, il giornalista ha un suo perché, così come la polizia, servono entrambi a portare avanti la trama, proprio come dici tu; prima o poi, arriveranno tutti e due, non c’è altro modo. Internet è un’opzione abusata e, sì, poco interessante, ma le opzioni sono tre…
      Vediamo come procede, non so quando riuscirò a scrivere il prossimo, spero mi perdonerete, sono in ferie e, paradossalmente, non ho il tempo per scrivere. 🙂
      Grazie di tutto.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    La visione di Giulia è un climax bellissimo, che si arricchisce di particolari riga dopo riga; anche l’immagine e le parole dolenti e di rimpianto dell’ombra sono meravigliose: amo il genere, e come, anche se non sempre, dietro l’orrore ed il paranormale, si cela la vita di tutti i giorni con i nostri sentimenti come protagonisti. Davvero una sterzata forte questo episodio, con una tv che si spegne all’improvviso sulla sparatoria.
    Bravissima; voto per tornare ad Aosta, mi piace un cambio di scena.
    Ciao buona domenica!

  • Ciao Keziarica,
    ho votato per il giornalista…mi piace l’idea di una indagine giornalistica vecchio stile.
    Un capitolo estremamente suggestivo, una visione…quasi un incubo, di quelli che ti fanno svegliare agitato e sudato. Molto coinvolgente anche la scena di chiusura con la mamma davanti al tv,
    Il racconto crea delle suggestioni che ti coinvolgono e ti lasciano la voglia di leggere subito cosa succede dopo…complimenti.
    ePP

    • Ciao ePP.
      In effetti, il giornalismo investigativo, soprattutto quello vecchio stile, piace molto anche a me. Vedremo quale opzione vincerà, per ora, in vantaggio ci sono le ricerche su internet. Sono molto contenta che la descrizione della visione ti sia piaciuta, avrei voluto aggiungere un particolare per renderla più intensa, ma poi ho pensato di non tirare troppo la corda, magari ci penso con la prossima.
      Grazie infinite per le belle parole.
      Alla prossima!

    • Ciao, Red.
      Mi hai fatto sorridere: “non si capisce niente” fantastico! Spero che tu ti riferisca al fatto che non ho lasciato trapelare nulla sul giallo che sta sotto la trama… 🙂 qualunque fosse il tuo intento, mi va bene così, la spontaneità è sempre una buona cosa.
      Grazie per il voto e per il passaggio.
      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica, certo gli incubi riescono solo a produrre domande, soffocando ogni certezza, ogni banale segno di “normalità” . Stavolta sei tu che hai scavato nella mia memoria quando da bambino fui per una notte solo in ospedale, terrorizzato dalle ombre che sfilavano furtive dietro la vetrata opaca della corsia, in una luce insufficiente, bluastra e inedita per me. Sono così gli incubi, lo sappiamo, ma, eppure, li riconosciamo solo quando finiscono. Povera Giulia, non avrà un buon periodo, temo. Complimenti a te per aver così magistralmente dosato gli ingredienti dall’ansia e della paura. Voto la questura, vediamo che vogliono. Ciao, alla prossima.🙋🌻

    • Ciao, Fenderman.
      Avendo passato parecchio tempo nei reparti pediatrici quando ero bambina, so di cosa parli. Chissà, forse, le idee arrivano anche da lì. Mi fa piacere leggere il tuo commento, temevo che questo capitolo risultasse poco incisivo e che venisse recepito come povero di indizi, invece leggo con piacere che è riuscito a trasmettere quel che volevo raccontare. Bene.
      Chissà quale opzione avrà la meglio, non so se riuscirò a scrivere nei prossimi giorni quando, finalmente, sarò in ferie. Ci proverò 😉
      Grazie di tutto e alla prossima!

  • Pensavo che il capitolo si sarebbe concluso “reincontrando” il nostro proiettile ma a quanto pare la storia si prende i suoi tempi, e con l’introduzione di questo cold case si arricchisce anche di altri elementi. Anche Massimo è un bel personaggio da seguire, per il momento sembra legato a Giulia solo da uno sparo ma qualcosa mi dice che non sarà così. Intanto col mio voto ho riportato in vantaggio Giulia e il suo Altrove 🙂

    • Ciao, Dapiz.
      Purtroppo l’opzione che avrebbe dovuto riportarci al proiettile non ha vinto, in qualche modo, prima o poi, vi arriveremo. Lo sparo è il punto di partenza, da lì parte la storia anche, ma il legame tra i due ha altre origini, si scoprirà presto di che tipo. Cercherò di dare spessore a tutti i personaggi e sono un po’, non molti, ma neanche pochi. 🙂

      Grazie per tutto e alla prossima!

    • Ciao, Ilaria.
      Questa è una storia che ho in mente da tanto tempo, ho provato a scriverla in più occasioni e poi l’ho lasciata andare nel dimenticatoio, ho pensato che TI potesse aiutarmi a svilupparla, che voi poteste aiutarmi e l’ho cominciata. Ho avuto dubbi, subito dopo la pubblicazione del primo capitolo, ho addirittura pensato di farla cancellare dal Team, ma poi mi sono detta che se è così tanto che mi gira in testa, se torna così spesso a bussare alla mente, forse è giusto darle una possibilità. Per questo vado veloce, almeno per ora, perché la storia è tutta qui (sto sbattendo il palmo della mano sulla fronte 😉 )
      Grazie di cuore e alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    Hai dedicato la terza ad introdurre Massimo e la tua abilità nel farci entrare nella vicenda trae beneficio dagli spazi più ampi, i termini di caratteri. Per questo motivo scelgo di tornare a Giulia, per così continuare a costruire le fondamenta del plot, senza fretta ed empatizzando al meglio con i personaggi. Mi piace moltissimo come hai delineato i tormenti di un poliziotto che “si pone domande”, e, con l’accenno a Dania nel suo letto, le difficoltà a conciliare vita privata ed alcune professioni, come probabilmente quella di Massimo.
    Complimenti convinti per la sensibilità, vediamo come continua. Stammi molto bene.
    Ciao!

    • Ciao, Minollo.
      Sì, l’idea di avere più tempo e caratteri a disposizione per portare avanti la storia giova molto anche a me e alla mia fantasia. Esistono professioni particolari che, a volte, mal si conciliano con la vita di coppia e con le relazioni in genere, specie se chi le pratica è un testone come Massimo Dal Piatz. 😉
      Vediamo come votano gli altri, non ne mancano molti all’appello, sono tutti in vacanza… 🙂
      Ti ringrazio tantissimo per le belle parole.
      Stammi molto bene anche tu e alla prossima!

  • Ciao Keziarica, voto Giulia.
    I casi freddi sono una tentazione micidiale: è una caccia al tesoro, una scommessa che capisco quanto possa affascinare; del resto dare nuovo impulso a indagini che qualcuno ha “abortito” può solo, al più far perdere un po’ di tempo e di soldi ma non pesa più di tanto sulla coscienza… Riuscire invece dove tutti hanno fallito è esaltante!
    Bello, vero, il viaggio e il mondo che scappa via veloce tutt’intorno, c’è molta atmosfera. Molto bello. A presto dunque, ciao!🙋🌻

    • Ciao, Fenderman.
      Da te c’ è solo da imparare, quindi, accolgo i tuoi complimenti con tanta soddisfazione. 🙂
      Le vecchie indagini mi interessano molto, in Italia ci sono moltissimi casi irrisolti, mal risolti o mai ritenuti tali, ed è proprio da un caso irrisolto degli anni novanta, che mi è venuta l’idea per questo racconto, ovviamente; il caso è solo un punto di partenza e non c’entra nulla con quello che scriverò.
      Mi auguro di riuscire a rendere giustizia alle vittime di questa storia, almeno a loro.
      Buon weekend e alla prossima!

  • Ciao Keziarica…
    …primo, da sotto l’ombrellone appena arrivata la notifica 🙂
    bel capitolo, Massimo come è stato presentato diventa subito interessante. Una persona prima che un poliziotto, con un approccio molto umano ai casi che si trova costretto a seguire. Mi è piaciuto anche l’omaggio discreto ma non banale al Morandi.
    Ho votato per le analisi autoptiche, le indagini scientifiche sono sempre molto interessanti.

    bye,
    ePP.

    • Ciao, ePP.
      Beato te che stai sotto l’ombrellone, a me mancano ancora due settimane alle ferie, con la speranza che tornino a colorarci l’Italia. 🙂
      Massimo avrà un ruolo in questo racconto, ovviamente sarà un ruolo marginale (visto che è morto), e credo sia necessario in una storia del genere approfondire i personaggi e sono felice che ti sia arrivato il carattere che ho voluto attribuirgli.
      Le indagini piacciono molto anche a me 😉

      Buon proseguimento di vacanza e alla prossima!

  • Differentemente da tutti gli altri io Genova non l’ho riconosciuta perchè sono un merlo, in compenso con due personaggi chiamati Raoul e Giulia ho avuto per tutto il capitolo la sigla di Ken il Guerriero in testa… ma suppongo che non fosse un riferimento voluto 😛
    Comunque, dopo un incipit molto originale si torna su binari più sicuri, almeno per il momento. Penso non sia ancora il caso di tornare al proiettile, ma apprezzerei saltare di nuovo di scena e passare all’uomo che ha ucciso… anche perchè ammetto che stare con Giulia, un personaggio che come tuo solito tratteggi abilmente con poche giuste parole, conoscendone già la sorte è stato un po’ doloroso. Quindi brava come sempre, ma anche un po’ di più!

    • Ciao, Dapiz.
      Il riferimento a Ken il guerriero non è voluto, non conosco il cartone (che molti amici seguivano negli anni novanta, mi pare). Mi spiace che Genova non ti sia arrivata, forse è perché non ne ho parlato poi molto, il mare si trova in molti altri posti e non è certo il vento la peculiarità; proverò a tratteggiare meglio la mia città nella prossime occasioni.
      L’uomo di cui parli è la vittima, non quello che ha ucciso e Giulia non muore, ha un proiettile in testa, ma questo non le impedisce di vivere, almeno nella mia storia.
      Grazie per il complimento, so che non sei uno che li butta lì a caso.

      Alla prossima!

      • Sull’uomo avevo capito, ma mi sono espresso male. Per quanto riguarda Giulia invece mea culpa, avevo completamente rimosso la parte finale del primo capitolo, probabilmente perché avevo fatto confusione con il finale non troppo allegro della tua ultima storia… E anche perché ultimamente dormo troppo poco 😅

  • Ciao Keziarica,
    apprezzo molto la tua creatività, mentre il racconto si sviluppa e suscita sempre maggiore curiosità. Lo trovo coinvolgente.
    Indubbiamente é molto ben congegnato. Tra l’altro, la città di cui parli é anche la mia!
    Buona continuazione.

    Anima in penna

    • Ciao, Anima In penna,
      perdonami per il ritardo nella risposta, il sito non mi ha notificato il tuo commento. Molto carino il tuo nick 🙂
      Ti ringrazio per la lettura e per i complimenti, sono felice che ti sia piaciuto. Anche tu, quindi, sei di Genova, che bello, mi raccomando: se noti incongruenze o qualcosa non ti torna non mancare di tirarmi le orecchie 😉
      Ancora grazie tante e alla prossima!

  • Ciao Keziarica,
    un flashback pieno di tante cose…la storia tra Giulia e Raoul, le paure dei ragazzi, i ricordi dei primi incontri ascuola…ma la parte che mi è piaciuta di più è il viaggio. La camminata in città con tutte quelle atmosfere evocative sui luoghi attraversati, le sensazioni provate sul treno…fino alla tappa finale che porta Giulia di fronte all’uomo che ne decreta il destino. Bellissimo.
    Come già ti avevo scritto per l’altro capitolo, avevo adorato l’introduzione basata sul punto di vista del proiettile…non ho saputo resistere ed ho votato per capire come ha preso coscienza.
    Aspetto il prossimo capitolo e con l’occasione buon Ferragosto.
    ePP

    • Ciao, ePP.
      Sono davvero contenta che ti sia piaciuto anche questo capitolo, il proiettile ha bisogno di dire la sua, in qualche modo, chissà se gliene verrà dato il modo. Era necessario introdurre i due ragazzi e spiegare perché Giulia si trovasse davanti al tribunale, mi è parso carino metterci dentro l’episodio del rettore, giusto per alleggerire un po’ l’atmosfera. 🙂
      Che dire? Non posso che ringraziarti per le belle parole e per essere tornato a leggermi, mi auguro di continuare a interessarti.
      Grazie, io domani lavoro, ma sarà comunque un ottimo ferragosto. Spero solo che si porti via sto caldo 🙂

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica, anche io sono contento che Genova sia il tuo palcoscenico, almeno per ora. Sono Romano e ho soggiornato solo per un breve periodo in quella città, non so se ricordi i miei riferimenti al G-.8, ero lì infatti per quell’evento. Al di là di un primo smarrimento mi sono poi accorto di essere davvero in un posto magico, e non dimentico. Di questo capitolo, guarda te, mi ha colpito proprio il tuo riferimento al mare e alla sua presenza, come un riparo, una certezza a cui ricorrere alla bisogna. lo trovo molto bello e soprattutto vero. In quanto alla storia mi sembra presto per fare scelte, e faccio quindi una scelta conformista diciamo “…chi è l’uomo…” Mi affido a te per il prosieguo. Buon lavoro e buon Ferragosto. 🙂

    • Ciao, Fenderman.
      Mi ricordo che avevi raccontato della tua presenza a Genova durante il G-8, brutto momento, ma eri lì per lavoro. Genova è bellissima, complicata e piena di cose belle e brutte. Un detto dice: “c’è di tutto, come a Genova” perché qui c’è tutto davvero: c’è il mare, ci sono i monti, i monumenti e l’arte. Genova è una città che si presta molto a un thriller o anche meglio a un noir, vediamo se l’horror che ho in mente io va altrettanto bene. Il mare, se ci sei nato in grembo, te lo porti dentro per tutta la vita; in qualsiasi posto mi trovi, anche il più meraviglioso, se non ha il mare non può essere un posto in cui stare a lungo, ho attinto alla mia esperienza personale e, almeno penso, sia così anche per i miei conterranei.
      Ti ringrazio per questo bel commento e per aver condiviso anche il tuo ricordo della mia città.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    L’episodio ha un certo respiro e lascia intendere la tua intenzione di gestire su spazi più ampi la narrazione; sono sicuro sia nelle tue corde, come ebbi a dirti non troppo tempo fa. Anche in questo capitolo che vuole fare “ambiente” la penna ci tratteggia senza dilungarsi troppo ma con alcuni colpi precisi le prime immagini dei personaggi coinvolti. “Come una Boule de Neiges, solo che al posto della neve artificiale, sul mondo sbagliato pioveva sangue”; eleganza e efficacia.
    È soggettivo, ma mi piace anche leggere di Genova da una genovese, città che adoro e mi ricorda il mio mare di ragazzo (vabbè ma questo che c’entra? 😄). Voto per l’uomo ucciso
    Brava come sempre, sei una sicurezza.
    Ciao stammi bene!

    • Ciao, Minollo!
      Sei sempre gentilissimo e forse non merito i tuoi complimenti, ma li prendo volentieri. Sì, voglio dare un po’ più spazio a questa storia, lo avevo scritto nei commenti al racconto precedente. Mi piace pensare di potervi coinvolgere nel progetto e spero ne avrete la voglia e la pazienza.
      Mi dilungo sempre molto sulle descrizioni, mi auguro di non risultare pesante.
      Ma, quindi, anche tu sei di Genova? Dovrò fare attenzione a quel che scrivo, allora 🙂
      La storia si sposterà anche in un altro posto a me tanto caro, la Valle D’Aosta. Vedremo come riuscirò a gestire la cosa; intanto, grazie infinite per le belle parole, non esitare a criticare se qualcosa non ti torna, mi servirà per realizzare un racconto migliore.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica, complimenti scrivi bene e la storia mi ha tenuto incollato allo schermo, ho votato per sapere chi è l’uomo ucciso con lo stesso proiettile che Giulia ha in testa perché mi sembra lo scenario più misterioso dei tre. Detto questo ciò che apprezzo della tua storia, è il fatto che non si capisce dove vuoi andare a parare e non dai punti di riferimento, questo rende la lettura senza dubbio più longeva. Aspetto il prossimo episodio.

    • Ciao, Larry Perry.
      Ti svelo un segreto: nelle mie storie non si sa mai dove voglio andare a parare… non lo so neanche io 😉
      Grazie per i complimenti, se scrivo bene non lo so, ma ho avuto qualche tentennamento su questo racconto dopo che alcuni lettori mi hanno fatto notare le incongruenze, ma ormai sono in ballo…
      Spero di continuare a tenerti incollato allo schermo, a breve dovrebbe arrivare qualcosa di un po’ più inquietante, spero lo troverai di tuo gusto.

      Alla prossima!

  • Il capitolo 10 arriva in fretta, quindi io voto per un avanti veloce.

    Se ho ben capito, loro sono stati chiamati in tribunale per aver “messo un cesso” davanti alla porta del rettore. Se così è, c’è qualcosa di strano: perché qualcuno avrebbe dovuto ucciderli? Proprio davanti al tribunale? Oppure erano nel posto sbagliato al momento sbagliato?
    Tutte congetture di cui avremo la risposta nel proseguio 🙂

    Buone Vacanze e a rileggerci al mio ritorno ^_^

    Ciao 🙂

    • Ciao, Red.
      Intanto, buone vacanze!
      Passando al racconto: in realtà non vengono colpiti entrambi, solo Giulia viene ferita, Raoul non subisce alcunché. Non vengono uccisi per il cesso, ma sono lì, in tribunale, per la denuncia che il rettore ha presentato a riguardo, mi serviva un luogo dove farli incontrare e dove far arrivare anche qualcun altro… 🙂

      Alla prossima e grazie per le osservazioni.

  • Tri-eccomi, Keziarica. Ho votato per sapere qualcosa in più sull’incidente.
    Non ho capito bene: il secondo proiettile attraversa capelli biondi, poi sorvola la vittima del primo proiettile, quindi attraversa un cranio e poi si ferma dentro un (altro?) cranio.
    La ragazza è bionda, e pensavo fosse la prima colpita (dal secondo proiettile), ma forse non ho capito nulla. Ardita, la scelta di personificare il proiettile, è sicuramente ben realizzata, ma non mi convince del tutto: avrei visto meglio una narrazione in terza persona che evitasse di dare raziocinio al proiettile, ma immagino sia solo una questione di gusti personali.
    Complimenti e in bocca al lupo per questa nuova avventura che comincia!
    CIao, ti auguro un’ottima giornata

    • Sì, hai ragione e me lo ha fatto notare anche Dapiz… qualche incongruenza sarebbe stata facilmente risolvibile con la terza persona, ma sono testona e non ci ho riflettuto abbastanza.
      I capelli biondi della ragazza non c’entrano molto con la vittima, Giulia, ma anche qui avrei potuto prestare più attenzione. I proiettili sono due, le vittime tre. Uno dei proiettili, il secondo, trapassa il cranio di uno ed entra in un altro. Mi serviva per la trama. Tuttavia, caro Erri, ho fatto tutto troppo di corsa, senza riflettere e, soprattutto, senza pormi troppe domande. Se deciderò di dargli un seguito cambierò di certo il POV.
      Grazie per la franchezza, sempre apprezzata e utile. Mi auguro di prestare più attenzione nel proseguo, lo dico sempre e in lo faccio mai.

      Alla prossima!

  • Eccomi qua, ti leggo giusto prima di partire!

    Diciamo che siccome mi hai accennato al fatto di aver ripreso a studiare non mi aspettavo che il tuo nuovo racconto sarebbe stato così sperimentale, mi aspettavo qualcosa di molto più “inquadrato” e probabilmente per questo mi sono fatto molte domande che magari non avrei dovuto farmi (per esempio, come fa un proiettile a non ricordare cos’era prima di essere proiettile ma a sapere cos’è il grembo di una madre? :D), ma non sono certo qui a dirti di reinstradare la storia su binari più sicuri, anzi… se da qui si vira sempre più verso l’assurdo sono molto contento, potrebbe saltar fuori qualcosa di lynchano, per usare un aggettivo un po’ abusato ma che trovo descriva bene la soggettiva di un proiettile che attraversa la testa di una ragazza con visioni che viene poi seguita nella sua ascesa verso l’ignoto.

    Comunque, proprio per continuare su questa china ho votato per la visione di Giulia. Alla prossima!

    • Ciao, Dapiz.
      Mi sono fatta le stesse domande, anche di più. Come fa a sapere cosa e come sono i capelli? Ho pensato che per la legge che regola la sospensione d’incredulità, facendo riferimento al fatto che il proiettile è stato altro in passato, e che quando qualcuno perde la memoria non dimentica proprio tutto (le cose fondamentali, di solito, le ricorda) fosse accettabile che il proiettile sappia cos’è il grembo di una madre, ma potrei sbagliare alla grande e se me lo fai notare vuol dire che ho immaginato bene e avrei dovuto cambiare punto di vista, magari evitando la prima persona… ma ormai è fatta. Sto studiando, è vero, ma qui mi sento un po’ a casa, tra amici, e do sfogo a quel che mi gira in testa, nella speranza di non annoiare tutti e far sì che mi abbandonino del tutto.
      Come al solito, sei stato illuminante e ti ringrazio per la sincerità.
      Buone vacanze e alla prossima!

  • Ciao Keziarica,
    ho trovato questo stupendo racconto tra le novità…ed è stata una fantastica sorpresa. Bellissima la parte raccontata dal proiettile, molto suggestiva… ti fa venir voglia di sentire ancora quel personaggio insolito…ma poi il salto del racconto nella tragedia della ragazza, Giulia, ti catapulta in mezzo ad un evento che ti solletica la curiosità a livelli esagerati (anche noi lettori siamo un po morbosi come i testimoni che hai descritto).
    Ho votato per il flashback…..sono curioso di conoscere meglio Giulia e cosa l’ha portata li.
    Grazie,
    ePP

    • Ciao, ePP.
      Che bel commento, grazie.
      Il punto di vista del proiettile mi è venuto in mente ragionando su come tirar fuori un incipit incisivo che potesse attirare l’attenzione… a quanto pare, in qualche modo, ha funzionato.
      Giulia è sopravvissuta a un proiettile nella testa e questo la porterà a vivere esperienze orrende, chissà cosa ne verrà fuori, io spero che ci sarete per scoprirlo 🙂

      Ancora tantissime grazie e alla prossima!

    • Ciao, Anna.
      Troppo buona, non so se mi merito tanti complimenti, sto studiando per cercare di migliorare sempre di più. So, perché me lo hanno detto chiaro, che ho diverse lacune e che ho molto ancora da imparare, ma sono contentissima che ti sia piaciuto questo incipit e spero di fare sempre meglio. 🙂

      Alla prossima!

  • Un proiettile esploso… Qualcuno forse morto o forse no che vede il mondo da fuori. Due cose semplici ma raccontate con un’eleganza e una originalità direi perfette.
    In fondo da ogni autore sappiamo cosa aspettarci e io da te questo mi aspetto, per il momento voterò a caso, tanto mi piacerà di sicuro, per il seguito vedremo…
    Voto l ‘incidente. Ciao 🙋🌻

    • Ciao, Fenderman.
      Perfette non saprei, ma grazie per i complimenti. Giulia non è morta, gli altri due uomini sì.
      Vedremo dove ci porteranno le opzioni, per ora sembra prevalere “l’incidente” che incidente non è.
      Come accennavo già prima di cominciare, vorrei che questa storia durasse un po’ di più rispetto alle altre e spero che avrete la bontà di aiutarmi a portarla avanti con consigli e critiche costruttive, così come sempre fate.
      Grazie per essere tornato a leggermi.

      Alla prossima!

  • Io voto di saperne di più sull’incidente!

    Uhm… Horror. Io di solito rifuggo gli horror, ma siccome sei te, ci proviamo. Se mi angoscia troppo, scappo 😛

    Ciao Keziarica! Bentornata con una nuova storia. Ho letto che hai un’idea per la storia ed i personaggi ma non per lo sviluppo e questa è una buona cosa per questo tipo di piattaforma, anche se, come per la mia “isola”, a volte si perde di mano il numero dei capitoli e bisogna andare a diversi seguiti. Comunque vediamo cosa riesci a propinarci questa volta e se mi lasci incollato alla sedia, come hai sempre fatto.

    Ciao 🙂

    • Ciao, Red.
      So che gli horror non ti piacciono e ti ringrazio per esserci comunque. Sei assolutamente libero di abbandonare il racconto qualora dovesse infastidirti troppo, se una cosa non piace non piace, è inutile. Questo avrebbe potuto essere un giallo, ma ci saranno scene un po’ crude e interventi che esulano dalla quotidianità, perciò, ho deciso di metterlo in questa categoria.
      In testa ho un’idea precisa di cosa succederà, di chi fa cosa e perché, devo solo svilupparla, come dici tu, e mi serve un po’ di aiuto. Grazie per il bel complimento, se ti lascio incollato alla sedia vuol dire che in qualche modo le mie storie hanno un senso!
      Ancora grazie per esserci anche questa volta.

      Alla prossima!

  • Ciao Keziarica!
    Ben rientrata a smuovere questo periodo di “stallo” agostano dei racconti! Eccomi in prima fila per il tuo nuovo horror, a occhio e croce ambientato a Genova. Io direi che vorrei sapere su quanto è successo.
    Geniale il punto di vista del proiettile “umanizzato”, un esperimento che non è la prima volta che metti in pratica; il misero destino di un proiettile che ripete la propria strada. Il contrasto con esso della strada di Giulia, che pare salire nell’etere, fino al suono della voce della madre. Una scena concitata, ed il punto di vista confuso della ragazza, che si astrae dal movimento che si sta sviluppando intorno al suo corpo.
    Come sempre mi lascio guidare da come sai mostrarci con eleganza e passione quanto sta accadendo. Vediamo, la trama è già interessante.
    Ti segnalo solo “i lampeggianti addobbano in muri lisci dei palazzoni rivestiti di marmo chiaro”, dove volevi senz’altro scrivere “i”.
    Bello, molto.
    Al prossimo episodio, ciao!

    • Ciao, Minollo.
      Sei il primo lettore del mio nuovo esperimento, ormai sta diventando (da parte mia) un vizio 😉
      Grazie per la segnalazione, in effetti, nonostante lo abbia riletto più volte, non mi sono accorta del refuso, pazienza, cercherò di stare più attenta.
      Sono felice che l’idea del POV del proiettile ti sia piaciuta, mi è parsa un’idea originale per cominciare un racconto che potrebbe anche essere un giallo, ma non voglio mettere troppi paletti alla storia e il giallo ne richiede diversi e anche abbastanza rigorosi, se si vuol lavorare bene. Questa storia ce l’ho nella testa da tempo, ne conosco gli sviluppi e i protagonisti, so cosa succederà e so come arrivare alla fine, solo che è tutto nella mia testa e va sviluppato, spero di riuscirci e di portare avanti un lavoro più lungo e articolato dei precedenti. Non so se avrete voglia di seguirmi, so che chiedo uno sforzo ulteriore, ma spero di portarvi con me fino alla fine del viaggio. Quanto meno, scrivendo qui e avendo preso un impegno, non avrò scuse per mollare.
      Grazie di tutto, sei sempre gentile e presente. 🙂
      Alla prossima!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi