Esperienzaaa!

Dove eravamo rimasti?

Cercare di risalire o proseguire nelle fogne? Arolfo ottine in qualche modo il lavoro e parte per le isole. (50%)

Si parte!

Rifletto, ormai sudato, e proseguo per il corridoio. Alla destra un incrocio. Prendo il bivio a destra e arrivo a una porta con dei blocchi di pietra umidicci e flaccidi. Di fianco un campanello. Incuriosito lo suono. Mi risponde all’interno una voce stridula.

”Ehilà! chi si presenta al nostro cospetto?”

”Salve, mi sono perso in questa fogna e vorrei sapere chi siete e cosa fate li dentro, per cortesia!”

”Abbiamo un curiosone! entri pure!”

Il portone si apre verso l’interno. Entro titubante. Quello che vedo è la sala di aspetto di uno studio bianchissimo e dal pavimento tirato a lustro. Una segretaria dalle sembianze di un ratto umanoide  in minigonna, tacchi a spillo, calze autoreggenti, dalla maglietta attillata, ma dal seno piatto, mi invita a entrare in una porta con su scritto ”Dirattore”. Ancora più stupito apro la porta. Entro. Vedo uno stanzone con il pavimento a scacchi, e  un’altra figura strana immersa fino alle spalle in una vasca idromassaggio piena di acqua e bolle di sapone. Si tratta di  un altro ratto umanoide con una camicia bianca elegante e una catena d’oro al collo. Sopra la testa ha delle cuffie da nuotatore con su scritto ‘’W LA TOPA’’. Mi scorge e mi saluta con la mano.

”E’ lei che ha suonato prima al campanello, presumo.”

”Si, presume bene.”

”Sa che questo è un colloquio di lavoro?”

”Un altro!? no! me ne vado!”

Sto per andare via quando una frase mi inchioda sul posto.

”Aspetti. Le anticipo che c’è un premio per chi decide di far parte del nostro staff di rappresentanti di prodotti di igiene dei ratti e delle persone! Si tratta di dover fare delle dimostrazioni pubbliche di massaggi con i nostri prodotti!”

”Ah… quale premio?”

”Due per la precisione. Un biglietto aereo per una destinazione a sua scelta o una notte di amore con la segretaria che ha visto prima.”

Ci penso sopra per un intero minuto. Non è una decisione facile.

”La notte di amore… no! no! scelgo il biglietto!”

”Bene. Adesso firmi questro contratto. Metta il suo nome e cognome, il suo segno zodiacale, e  i suoi estremi del conto in banca. Si tratta di una formalità che offriamo ai nostri nuovi iscritti. Una volta giunto nella destinazione a sua scelta, dovra’ dare dimostrazioni pubbliche di massaggi, ovviamente con i nostri prodotti. Le verrà fatto un corso della durata di tre giorni prima delle dimostrazioni.”

”Ah… ok firmo subito!”

Firmo, trepidante, quel contratto, poi il dirattore continua.

”Perfetto!” ”ecco una cartina di come uscire dalle fogne, e di come ritrovarci, se la dirottassero di nuovo alla sede centrale, durante il corso. Ha messo la sua destinazione sul contratto?”

”Si, le isole lapalaloligos!”

”Bene! le ricordo che trova il biglietto allegato dietro al contratto. Adesso se vuole scusarmi, devo testare le nuove bolle di sapone, un benessere per la pelle! Buona fortuna!”

”La ringrazio infinitamente! signor?”

”Jorko klorkus, ma i dipendenti mi chiamano semplicemente Dirattore!’’

”Ok, Dirattore! le sono grato per la sua grande opportunità. Vado via di volata!”

E cosi’ adesso sono in fila al check-in dell’aeroporto di Malepenza, con una valigia traboccante di vestiti, e mi sovviene un pensiero strano, e forse faccio male a pensare cosi, ma è sempre meglio essere prudenti. Guardo nel retro del contratto e nel biglietto noto nell’asterisco in basso a destra, ormai quando mi hanno già timbrato il biglietto per l’imbarco, che il volo è a mie spese! Duemila Wuery! il conto in banca è prosciugato! ma quando sono seduto sulla poltroncina dell’aereo e vedo le placide e celesti nuvole del cielo e mi immagino di nuotare allegro tra le tartarughe immerso nelle acque di un paradiso tropicale, di fare un corso di lavoro che mi arricchisce, e infine di massaggiare le tartarughe, mi sento finalmente sereno e rilassato pure io. L’aereo rolla sulla pista. Finalmente si parte!

Cosa potrebbe succedere dopo questo sogno?

Cosa potrebbe succedere dopo questo sogno?

  • Il pilota è un imbranato e... (67%)
    67
  • Arolfo fa una nuova conoscenza a bordo. (0%)
    0
  • Una turbolenza di origine ignota spinge l’aereo in una dimensione paralella. (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

13 Commenti

  • Ciao Alessio!
    Il pilota è imbranato sul serio! Qui l’unica cosa da fare è truccarsi da hostress ??, magari leggendo qualche brano del saggio che stava scorrendo prima di cadere.
    Follia, nomi, slogan sulla topa e dirattori: la zuppa diverte, curiosa la scelta del layout centrato, lo fa sembrare un carme.
    Avanti così quindi!
    Ciao!

  • Ricerca del personale!
    Ciao Alessio!
    Complimenti per il curriculum; il povero Arolfo, scartato con infamia e privato del giubbetto (ma è un provocatore!) tocca il fondo e scompare. Io lo vedo capo del personale. Toni grotteschi, ritmo, simpatia; direi divertente, bravo! Vediamo come prosegue.
    Ciao!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi