Un caso per i fratelli Melata

I - Sentenze Superflue

«È stato suicidio! Palese!»
Non proprio il massimo per un aspirante investigatore saltare alle conclusioni. Infatti il loro capo, Amedeo Orlando, ne era contrariato.
Le rughe sulla sua fronte aumentarono da due a tre: «Cosa te lo fa pensare?»
«Be’ guardalo: seduto bello comodo sul sofà di casa sua con la gola da cui… si vede…»
Si girò dall’altra parte e soffocò un colpo di tosse.
«Se posso», fece Thomas, «sarebbe palese il contrario».
Didimo alzò un sopracciglio, mimando: «Cosa te lo fa pensare?»
«Il tavolino.»
«Il tavolino?»
«Il tavolino.»
«Spiega Thomas», fece Amedeo, «non siamo dentro la tua mente.»
«Insomma è asimmetrico rispetto alla poltrona, che invece è allineata al muro.»
«E quindi?» Insistette Didimo.
«Non lo so. E se fosse stato spostato di proposito?»
«Ah, se avete troppo da imparare…»
I due fratelli abbassarono lo sguardo. Uno si lisciava il mento, ragionando; l’altro sorrideva come la Monna Lisa: a tal punto da non capire se fosse frustrato o se la rideva sotto i baffi che non aveva. Amedeo invece più li guardava e più sospirava.
Sbirciò l’ora sull’orologio: il procuratore poteva giungere da un momento all’altro. Era meglio sbrigarsi.

«Partiamo dall’evidente: la vittima.»
La posizione del cadavere dava tutt’altro che l’impressione di essere stato aggredito, a parte il finissimo taglio che rigava la gola in obliquo. Partiva dal pomo d’Adamo fino ad arrivare sotto la mandibola.
«Be’ come ho detto prima se ne sta lì tutto sciallo. E se si fosse drogato e poi tolto la vita nel bel mezzo dell’estasi?»
Amedeo gli sfregiò l’orecchio con una sberla: «Lascia perdere le teorie. Fa’ ballare l’occhio piuttosto!»
«Posso dedurre che l’aggressore lo abbia ucciso con un coltello. O una specie di lama…» mormorò Thomas.
«Oppure è una sorta di Jigai…»
Amedeo gli mollò un altro schiaffo, stavolta dietro la nuca: «Ti sembra la postura per praticare un Jigai?»
«Ahia! Ma non possiamo aspettare l’autopsia?»
«No. Se volete imparare il mestiere come si deve dovete prima far andare la capa e i cinque sensi. Finora avete solo studiato la teoria.»
Aveva ragione. Per sei mesi li avevano visti in foto i cadaveri; firmando e scribacchiando burocrazia su burocrazia. Vederne uno dal vivo dava un effetto decisamente più orribile. E Didimo, autoproclamatosi “il perfetto segretario”, ora stava lì pietrificato e sull’orlo di vomitare. Come quando da piccolo a scuola fissava troppo il vomito a terra.
Di fianco Thomas, stranamente impassibile, era determinato a capirci qualcosa. Adesso poteva indagare dal vivo e non voleva farsi sfuggire nulla.
«Guardando dove è stato fatto il taglio, forse ha reciso carotide e giugulare. Il che potrebbe essere la causa della morte…»
«Sì però Tom! Avevamo stabilito che il primo caso lo gestivo io.»
«Hai ragione, hai ragione. Lascerò a te le redini.»
Amedeo patteggiò sulle loro spalle: «Ho assegnato il caso a entrambi e se fate andare due teste è meglio. Ora però devo assentarmi che è arrivata la moglie. Non fate danni».
Sentirono il pianto strozzato della loro cliente entrare e riecheggiare nel soggiorno. I due fratelli si erano quasi dimenticati di trovarsi in una vera scena del crimine: difatti gli agenti attorno a loro stavano ancora prelevando campioni e indizi.

«Ehi Tom, trovato niente?» Sussurrò Didimo.
«Per ora niente, vorrei guardare meglio il tutto. Faresti bene anche tu a osservare.»
«Non ci riesco… cioè… non noto altro. Ma poi abbiamo la scienza per sapere tutto, cos’altro dovremmo capire noi due da soli?»
Thomas sapeva che erano tutte scuse. Non riusciva a causa di quella gola aperta, e lo tradiva quel suo deglutire nel ributtarci un occhio.
«Tu invece hai trovato qualcosa?» Fece, distogliendo di nuovo lo sguardo.
«Be’, non ha la fedina.»
«Non ha la fedina?»
«L’anello. Gli manca l’anello.»
«Ah ho capito! In effetti se uno è sposato non dovrebbe tenersela al dito tipo sempre? Cioè. Bello comodo sui bracciali, bello disteso sullo schienale, sicuramente guardava la tv. Ma aspe’, perché toglierla? Forse era uno di quelli a cui da fastidio?»
«Non penso stesse guardando la tv», interruppe il fratello.
«Be’ oddio che ne sai. Magari l’ha spenta qualcuno.»
«In quel caso la teoria del suicidio sarebbe del tutto smontata.»
«Ah… be’ sì, che dire… e-e dunque credi stesse a guardare lo schermo spento?»
«Ma non c’entra lo schermo, non è quello. Piuttosto è quello
Thomas indicò i pantaloni dell’uomo. Didimo cercò di trattenersi dal ridere per non farsi sentire, ma qualcuno dei presenti gli aveva già lanciato un’occhiataccia.
«Thomas! Didimo!» Chiamò all’improvviso Amedeo, «venite un attimo qui».

Perché Amedeo ha chiamato i fratelli?

  • Ha trovato un indizio fondamentale che gli agenti hanno tralasciato (0%)
    0
  • Vuole mettere alla prova Didimo facendogli interrogare la moglie (80%)
    80
  • Sta arrivando il procuratore e con una scusa li porta fuori (20%)
    20
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

30 Commenti

  • Ciao, lasciare andare un “testimone” scomodo in quel modo? In tutta sincerità io non lo avrei mai fatto, ma forse Propolis è talmente sicuro di sé e del suo potere da sottovalutare le persone!!! Credo che pagherà lo sbaglio molto caro!!!
    Ho votato per la periferia, gli altri due posti mi sembrano “bruciati” in partenza!!! Al prossimo gran finale.

  • Ciao, un bel capitolo pieno di dettagli, mi sembrava di essere là con Thomas!!! Anche se non ho ancora capito bene chi potrebbe essere il colpevole, però sono immersa nella storia e quello è l’importante!!!
    Ho votato per la verità, alle volte piò essere più spiazzante quella che una bugia!!! Alla prossima.

    • Ciao, grazie del feedback!

      La storia è rimasta in pausa per tanto tempo, per cui il recap l’ho fatto seguendo il suggerimento di Isabella qui sotto, per chi non avesse voluto rileggere il tutto e per aiutare a ricordare gli eventi principali.

      Non ho modificato nulla della trama, né di ciò che è stato scritto prima negli altri capitoli.

      Buona Domenica!

  • [ CONTIENE SPOILER ]

    RECAP DAL CAPITOLO I AL CAPITOLO VI

    I fratelli Thomas e Didimo, detective alle prime armi, sono coinvolti nel loro primo caso sotto la tutela di Amedeo Orlando, capo dell’agenzia investigativa Orlando&Atropos.
    Amedeo mette alla prova Didimo facendogli interrogare Saudrine Perry, la moglie della vittima, Vincent Perry.
    Quest’ultima, però, viene perquisita a sorpresa da un agente, che trova un coltellino macchiato di sangue nella sua borsetta.
    A causa dell’inconveniente, Amedeo promette a Saudrine di aiutarla e taglia fuori i due fratelli dal caso per non coinvolgerli in qualcosa di più complicato del previsto.
    Didimo, però, non manda giù l’amaro boccone e convince Thomas a continuare a indagare senza farlo sapere al capo.
    I due allora meditano con le poche informazioni che hanno sulla vittima e decidono di rintracciare Amedeo per spiare la sua indagine e capirci di più.
    Arrivati a una cooperativa, vedono il capo parlare con un poliziotto e un uomo con una targhetta.
    D’un tratto i fratelli notano una prostituta e un’altra persona uscire da un vicolo. Didimo accorre per non far scappare i sospetti, ma un uomo di nome Mirko Sfecide, scoperto poi essere il capo delle “Piccole”, lo blocca e gli punta una pistola.
    Per “fortuna”, Thomas invece viene scoperto da Amedeo, e quest’ultimo assieme all’agente arrestano l’uomo e lo interrogano.
    Una volta scoperto il nome della Piccola fuggitiva, Amedeo prende da parte i fratelli e ammette il suo piano: sapeva che avrebbero indagato lo stesso. Infatti gli serviva un aiuto esterno, uno ancora sconosciuto alle cosiddette Vespe Asiane, l’organizzazione criminale sulla quale sta indagando da anni e che coinvolge anche la vittima del loro caso.
    Amedeo manda dunque i fratelli a indagare nell’appartamento della prostituta scappata, Jennifer Hammerçon, dove trovare possibili prove e risposte.

  • Ciao, bentornato, era da un po’ che non scrivevi!!! Bel capitolo, soprattutto perché non hai fatto capire se quello che si è scoperto è verità o finzione!!!
    Un suggerimento e un trucchetto. Se lasci in sospeso la storia per tanto tempo, fai un brevissimo riassunto e postalo nei commenti. Così aiuti il lettore e non lo costringi a rileggere le puntate precedenti!!!
    Ho votato per tornare sulla scena del delitto, non si sa mai, magari lungo la strada ci può anche essere una deviazione!!! Alla prossima e buon weekend.

  • Ciao, bell’interrogatorio, mi sembrava di essere in un film e bella la battuta sul vespasiano!!!! Solo un piccolissimo appunto. “ammirarono Amedeo mentre trascrisse”, per i miei gusti ci starebbe meglio un “trascriveva”!!!
    Ho votato per intrufolarsi nell’appartamento, Jennifer mi sembra sospetta!!! Alla prossima.

  • Ciao, divertente l’appostamento/arresto/mezza frittata!!! Quei due sono proprio una macchietta, ma penso che se anche continueranno a fare guai, saranno loro a risolvere il caso!!!
    Ho votato per le “Piccole”, il pepe mi piace, ma solo nei racconti!!! Buona domenica, alla prossima

  • Ecco un altro giallo che intendevo seguire per farmi un’idea di come funziona la cosa su questo sito( sono un new entry e anch’io sto scrivendo un giallo)…incipit curioso, interessante, anche se temo, guardando le date di commenti, che anche questa storia sia stata abbandonata. dimmi di no, perché intendo seguirla. Ciaociao.
    P.S. avrei votato anch’io la seconda opzione.

  • Ciao, oggi ho imparato due parole nuove: salsole e folcidi. Grazie!!!
    Ah, devi chiedere una cosa ai tuoi ispettori: perché chiamano Saudrine “signorina” se è sposata???
    Ho votato per l’ospite inatteso, io adoro gli ospiti inattesi. Alla prossima e buon fine settimana.

    • In effetti ammetto che non ci ho pensato. Ti ringrazio per avermelo fatto notare.

      Dato che è solo Didimo che la chiama “signorina”, è possibile che possa essere una donna giovane, o all’apparenza giovane, e l’ha detto per cortesia. Oppure semplicemente non sa la differenza tra “signora” e “signorina”.
      In ambedue i casi è lui, Didimo Melata, già scemo di natura.

      Buona domenica!

  • Ciao anderwritten!
    È un giallo che lascia spazio ai sorrisi; Amedeo è manesco, ma forse conosce bene i suoi polli ?. I fratelli sono di stomaco debole, il vomito genera vomito, ma d’altronde sono gli imprevisti del mestiere.
    Il tutto è simpatico e si lascia leggere bene, bravo!
    Voto per la moglie, ciao!

  • Ciao, bell’inizio!!! Volevo solo chiederti solo una cosa, magari ho capito male… I due fratelli sono poliziotti, no? E allora perché chiami la moglie della vittima “cliente”? O magari sono investigatori privati e mi sono confusa!!!
    Ho votato per vuole mettere Didimo alla prova.
    Anch’io ho cominciato una nuova storia “in giallo”, se vuoi puoi passare e darmi qualche dritta, sei il benvenuto. Alla prossima, io ti seguo!!!

  • Ciao, credo li porti fuori non vuole che il procuratore abbia una brutta impressione, non si fida ancora del loro intuito.
    Giallo con un iNCIPIT classico che può portare lontano, scritto bene con un’ottima gestione dei personaggi che per prima cosa debbono farsi conoscere e qui ci riescono. Ottimo lavoro, ti seguo. ciao?

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi