la grande casa

Dove eravamo rimasti?

cosa farà Corvo? qualcuno lo aiuta (100%)

Si torna di sopra

La notte passò molto lentamente, l’immagine di Corvo mentre cade era fissa nelle loro menti,

Un bussare alla porta li fece sobbalzare, la voce di Ancus: “La colazione!”.

In effetti la compagnia non mangiava da molto tempo e avevano molta fame “Seneca, cosa facciamo?” chiese Orso, rispose l’erudito “Dobbiamo mangiare qualcosa”. Paprica si alzò di scatto per andare ad aprire la porta “Dove è la colazione?” Ancus le fece segno di seguirlo, anche gli altri decisero di andargli dietro

Il cenerino li portò al primo piano della locanda, c’erano altre persone che facevano colazione. Ancus li condusse ad un tavolo vuoto, una volta che furono tutti seduti un locandiere li servì portando loro ciotole piene di cibo.

Ancus si lanciò sul suo piatto e in poco tempo lo aveva già divorato tutto. Solo dopo aver finito di mangiare lo sconosciuto chiese “cosa facevate nella fossa?”. Paprica spiegò che stavano svolgendo un lavoro per un cliente. Mentre la fata parlava Ancus la guardava molto interessato “Quindi voi state andando a cercare una spada per un uomo in piena terra barbarica?”. Tutto il gruppo fece sì con la testa, una fievole risata usci dalla bocca del cenerino “Mi pare un suicidio, ma mi state molto simpatici, vi darò una mano, conosco un modo per entrare nelle terre barbariche velocemente e in sicurezza” Seneca: “Com’è possibile?”, subito una voce che giungeva da dietro rispose “semplice, passando dentro i muri!”. Si accorsero così che una cenerina li stava guardando.

“Questa è Balda, la padrona di questa locanda” disse Ancus, lei si sedette con loro , “quindi le storie che mi raccontava Ancus sono vere, tre pazzi che vogliono attraversare la fossa dell’ascensore!” .

Orso la corresse “eravamo in quarto!”, lei chiese “dove è finito il quarto?”, i tre amici abbassarono lo sguardo

Paprica spiegò “uno di noi è stato spinto di sotto da quei cosi neri!”

Balda rispose “mi dispiace molto, ma siete stati fortunati che Ancus vi abbia trovato prima che tutti voi poteste morire”, negli occhi di Orso ritornò l’immagine di Corvo mentre cadeva di sotto.

Poi Ancus riprese la parola “Allora, come Balda già vi ha detto prima, ci sono dei passaggi nei muri” Seneca meravigliato: “ma nella mia mappa non ci sono passaggi nei muri”, la Cenerina rispose divertita “non ci sono sulle mappe, ma sono passaggi molto antichi che pochi conoscono”.

Paprica era molto interessata e curiosa di conoscere nuove strade per muoversi nella casa “ottimo, allora quando partiamo?” disse mentre teneva stretta l’elsa del suo stocco, inguainato nel suo fodero, pronta a mettersi in moto.

Il gruppo si diresse verso l’entrata del reticolo segreto, Ancus apriva la strada mentre Paprica gli era vicino chiedendo informazioni sui passaggi fino ad allora a lei sconosciuti. Questi si diramavano in tutta la casa, probabilmente anche nel sottotetto, ma erano in pochi a conoscerli, di solito ladri o contrabbandieri.

Camminarono per un po’ fino a trovarsi davanti ad un’apertura nel muro, vicino ad essa c’era un gruppo di cenerini e qualche fata della polvere.

Ancus si vece avanti e quando fu vicino una fata intimò “chi va là?”, lui rispose che stava guidando un gruppo di amici attraverso il passaggio. Le guardie vollero saperne il motivo “per lavoro, signore, solo per lavoro”, dunque li fecero passare.

“Io non posso venire” disse Ancus fermandosi “voi dovete solo dirigervi verso l’alto”. Seneca, Paprica e Orso riconoscenti e a malincuore lo salutarono per poi entrare nel buco.

Il passaggio era molto ripido ma una volta arrivati di sopra si trovarono all’entrata dei territori barbarici

come si muoveranno?

  • Esplorano le terre barbariche (75%)
    75
  • Si travestono (25%)
    25
  • Cercano qualcuno da interrogare (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

23 Commenti

  • Ehi!

    Un appunto che ho voluto fare anche nel video. Ho trovato questo capitolo abbastanza sbrigativo, ed è un peccato. Magari hai voluto lasciarci sul “vago” per un motivo, però credo che la cosa non sia stata gestita per il meglio, perché non ci rendi nessuna giustificazione per la mancata “descrizione” di questo personaggio.
    Nella parte iniziale potrebbe funzionare, perché il personaggio è ancora sconvolto, e quindi ci sta che non veda niente, ma in seguito?

    Ovviamente questa rimane sempre una mia personale opinione, quindi non crucciarti!

    Trovi la lettura sempre su Youtube:
    https://youtu.be/VHFnKJ_IXBE

    Alla prossima!

  • Ehi!

    Questa volta credo di averti trovato un po’ giù di tono, e forse anche un po’ distratto.
    La storia continua a essere interessante, ma l’impostazione del capitolo mi ha dato l’impressione che tu sia stato costretto a lavorarci di fretta. Non si è percepita la cura presente nei precedenti capitoli.
    Voto per un cambio di vestiti e per l’infiltrazione 🙂

    Trovi la lettura del capitolo sempre su Youtube:
    https://youtu.be/6m3quF0ZWfc

    Alla prossima!

  • Lilliput. Ecco cosa mi ricorda la tua grande casa. Tutto è relativo: è la casa troppo grande o sono i suoi abitanti troppo piccoli? Per saperlo bisognerebbe oltrepassare lo stuoino.
    Ti segnalo un dubbio che mi sorge sull’uso che fai del dimostrativo “quel odiato”, non sarebbe più corretto dire “quell’odiato”?
    Ho votato per un aiuto. Alla prossima. Ciao Riccardo e buona domenica.

  • Ciao Riccardo questa storia mi mette a disagio perché, non so anzi lo so: perché ti immagini che sia molto ironica piena di humor, visto il tema e i personaggi, un po’ come in certe animazioni alla Walt Disney, e invece sa essere spiazzante tanto che il piccolo Corvo con la gamba spezzata, solo, lì dove sta, mi mette l’ansia, mi causa un senso di claustrofobia che cambia tutto.
    A ‘sto punto io lo aiuterai poveraccio, e poi: mangiato dai topi? noooo! Alla prossima!?

  • Qui occorre che qualcuno gli presti soccorso. Seguirli di nascosto è abbastanza impensabile, e finirebbe per farsi scoprire. Ma un antico reietto potrebbe forse vivere in questa landa sperduta?
    Non lo so, vediamo che t’inventi per il prossimo episodio! 😉

    Ma non è detto che questo aiuto arrivi effettivamente su pagina. SI potrebbe scoprire anche solo in seguito 😉

    Trovi la lettura del capitolo sempre su Youtube:
    https://youtu.be/AU-_smUq_fE

    Alla prossima avventura!

  • Ciao Riccardo!
    Ho letto la storia, su consiglio di GG Pintore. Bella fantasia, personaggi simpatici; la casa vista da esseri microscopici che devono colonizzarla e combattere altri clan. Una bella allegoria, con la fossa dell’ascensore come nuovo triangolo delle Bermudas.
    Complimenti quindi; voto per continuare la missione, soluzione più razionale.
    Ciao alla prossima!

  • Ed eccoci buttati nell’azione, senza però esagerare con descrizioni e situazioni. Il tutto si svolge veloce, sporco e crudele; e abbiamo perso uno dei nostri eroi lungo la strada. Non mi sono trattenuto durante la lettura, e ho gridato a pieni polmoni: Gandaaaaaaaaaalf! (non perché la scena lo ricordi, ma perché sono matto. Ma nel video non sarà visibile, quindi sarà il nostro piccolo segreto!)
    Comincio a nutrire dei sospetti sul caro Seneca, qualcosa non la racconta giusta, e sospetto che le vicende del nostro eroe caduto non siano concluse qui! 🙂
    Ma sono congetture, e quindi contano come complimenti: significa che sei riuscito a colpirmi. 😉

    Trovi la lettura del capitolo su Youtube:
    https://youtu.be/DLrlTI0pUoQ

    Alla prossima!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi