MASTERFIRE la leggenda di fuoco

MASTERFIRE la leggenda di fuoco

In un villaggio di dragonidi ci fu un evento la schiusa di un uovo, ma non di un uovo di drago qualsiasi ma bensì di un drago di fuoco e ne uscì un bellissimo cucciolo di drago.

Col tempo il dragonide cresciuto imparò le arti magiche in un campo di erba molto grande e insieme a lui ci fu il suo compagno di allenamento un dragonide dalle scaglie diverse dal nostro amico le sue erano di un blu chiaro e il suo nome era : MEDRASH ; il dragonide rosso diciamo che non riuscì a fare nessun incantesimo elementare come: l’ acqua,terra,aria. Ma col passare dei giorni il dragonide rosso non si arrese , guardando Medrash vedeva che nemmeno lui riusciva a fare gli incantesimi mentre si allenavano il loro maestro Donarr gli disse:” miei allievi non preoccupatevi prima o poi un elemento vi sceglierà abbiate pazienza”. Un giorno però dovevano allenarsi nella fornace del villaggio con l’ incantesimo del fuoco ed lì che il dragonide rosso mentre si allenava assieme a Medrash vide dalle sue mani spuntare una mini palla di fuoco, vedendolo Medrash colmo di rabbia e di invidia che l’elemento del fuoco non avesse scelto lui al posto del suo compagno lo spinse verso la fornace e lo chiuse lì. Il dragonide rosso soffrendo vide una piccola visione del suo destino 5 persone dall’ aspetto nobile e valoroso e uno strano fuoco avvolto da un dragonide a lui sconosciuto; dopo quella visione sente una forza dentro di sé e con un potente incantesimo del fuoco si liberò; Medrash afflitto e colmo di rabbia lasciò il villaggio allenandosi nella foresta dove pensando al suo compagno scatenò un potente incantesimo di fuoco blu, della rivalità.

Tornato al villaggio Medrash iniziò a dare fuoco alle case e disse che non si sarebbe fermato finché il suo compagno si scontrasse contro di lui, sapendo che fosse tornato: egli arrivò e i due subito iniziarono a combattere a colpi di incantesimi ma alla fine prevalse il dragonide rosso che vedendo il suo compagno steso a terra pensò a quanta rivalità ci fosse fra loro ed è così che lui strappò il suo cuore dal suo rivale. Dirigendosi dal capo villaggio gli chiese di partire per un viaggio per la visione avuta mentre era tra le fiamme , di compiere il suo destino e di dare protezione agli altri ; il capo villaggio avvicinandogli il suo bastone inchinò la testa disse: “ compi il tuo destino mio fedele dragonide rosso e che le nostre divinità ti accompagnino in questo viaggio” e lui gli rispose : “certamente e vi prego chiamatemi MASTERFIRE!”. E così mettendo il cuore del suo rivale nel cristallo dello scettro trasformandosi in pura energia ,inizio il suo viaggio tra fitte foreste, macerie di villaggi sconosciuti, aridi deserti, terre ghiacciate… Chissà dove lo avrebbe portato questo viaggio ?

FINE

chissà dove lo avrebbe portato questo viaggio?

  • o si sarebbe allenato per diventare più potente con gli incantesimi (29%)
    29
  • si sarebbe unito con uno stravagante gruppo (43%)
    43
  • verso la morte (29%)
    29
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

4 Commenti

  • Allora, l’incipit è interessante, l’idea pure, ma lo sviluppo del capitolo fa un po’ pena. Innanzitutto ci sono degli errori di punteggiatura; in secondo luogo, la storia è molto raccontata. Non sono un fan dello “show don’t tell” ma qui la visione è un po’ piatta: sembra qualcuno che stia leggendo un libro di storia, invece di un narratore che narra una storia. Per aiutarti a migliorare, ti consiglio (oltre che di leggere) anche di provare ad immaginarti quanto scrivi: se immagini espressioni facciali non dette, sensazioni od emozioni che non traspaiano tra le righe, pensieri od azioni che non hai inserito, allora è il caso di revisionare il testo per metterci tutto quello che hai immaginato. Capisco il problema numero caratteri, ma è meglio far immergere lo spettatore nella storia che non dargli un resoconto asciutto di eventi accaduti.
    Per mio gusto personale, invece, trovo che avviene tutto troppo in fretta. Io avrei lasciato andare il rivale per farlo tornare in un altro capitolo (strappare il cuore non mi sembra una cosa molto “gentile”).
    Ultimo ma ultimo, sempre per mio gusto personale, le scelte alla fine mi sembrano poco sensate. L’unica votabile ai miei occhi è “si sarebbe unito ad uno stravagante gruppo” che difatti ho votato 🙂

    Vediamo come prosegue ^_^

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi