Fratello straniero

Dove eravamo rimasti?

Che cosa sei? Prima che potesse rispondersi, il nobile Kah si rese conto di quel che stava facendo e lo lasciò andare. (50%)

Mio tormento, mia letizia

   Hirò si svegliò di soprassalto, andando a cozzare il capo contro il soffitto della gabbia e spaventando lo schiavo posto vicino alle sbarre.
   Dove sono?
Si chiese il leonide e toccò la grata d’oro che lo circondava. Nel farlo notò i bracciali dello stesso pregiato metallo che gli cingevano i polsi. Ne aveva di simili alle caviglie e sulla punta della coda. Le sue vesti erano di un bianco immacolato, altri anelli d’oro tintinnavano dalle sue orecchie e un dolciastro profumo di olii copriva la sua pelle. Accanto alla gabbia uno schiavo simile a lui, ornato da simili gingilli e gli occhi coperti d’ocra scura, gli sorrideva gentile. Lo stesso fece il secondo schiavo, quello alla guida del carro. Già, il carro! Aggrappandosi alle sbarre Hirò studiò velocemente il paesaggio, dov’era? I monti settentrionali li trovò alle sue spalle. Ultimo Crepuscolo si trovava laggiù.
– Non temere, ti stiamo portando a Casa. – Disse il servo accanto alla gabbia. Casa? – Ti portiamo nel luogo che più si addice ad una gemma come te. – Hirò guardò lo schiavo con diffidenza. – Il signore di Castelbianco non vede l’ora di poter accogliere una tale primizia. – Continuò il servo. Castelbianco, dimora del signore del nord. – Diverrai il suo Guerriero d’opale, la sua Gemma tra le gemme, e tra le sue mani scolpirai la tua eternità. – La gemma tra le gemme… Pensò Hirò ma il suo sguardo non mutò.
– Dove mi avete trovato? – Chiese. Tutto ciò che ricordava era la foresta, la volta notturna e le nobili mani del suo padrone sul suo collo.
– Sei stato venduto. – Venduto? Lo stupore lo sconquassò fin nel profondo.
– Venduto? – Chiese lentamente Hirò saggiando bene quella parola.
   Lo schiavo si morse un labbro, come se si fosse pentito di aver usato quell’espressione. Poi, timidamente fece scivolare dentro le sbarre una pergamena. Hirò gliela strappò dalle mani, la calligrafia del nobile Kah lo accolse come il suo sottile odore.

   Fratello, in vita mia non ho mai conosciuto amico più caro di te, e in vita mia non ho mai temuto altro che qualcuno come te. Sei tormento e letizia. Spero dunque che tu potrai comprendere il mio agire. Ti libero dal tuo Ultimo Crepuscolo, cammina nella Bianca luce che hai sempre agognato.
Il tuo fratello straniero, Kah

   Allibito Hirò guardò la lettera senza sapere cosa pensare.
– È il tuo vecchio padrone ad averti fatto quelli? – Chiese lo schiavo indicandogli il collo. Il Guerriero d’opale lo guardò senza comprendere.
– Cosa? – Chiese e notando cosa stesse indicando il dito, si toccò la gola.
-Il collo. Hai forse scoperto un losco segreto e ha tentato di eliminarti? – Insistette il servo.
– Io… – Tentò di dire Hirò mentre le parole nella lettera, gli avvenimenti della sera del equinozio e tutto il suo trascorso ad Ultimo Crepuscolo si unirono in un vortice di pensieri.
– È per questo che ti ha venduto? Per tenerti lontano da lui? – Lontano…
– E ti ha coperto d’oro per farti stare in silenzio? Ah non preoccuparti. – Disse il servo scuotendo una mano. – Nessuno ti farà più del male d’ora in avanti. – Hirò lo guardò e gli credette. – Nessuno oserà più toccarti. – Egli mi ha toccato e ha sentito il mondo. – Sei il Diamante di Castelbianco: non hai più niente da spartire col lerciume di questo mondo. – E quelle semplici parole scavarono fin nel profondo, senza tuttavia trovare dimora. Perché non c’era e forse mai c’era realmente stata. E finalmente Hirò comprese cosa realmente, in tutti quegli anni aveva cercato.

-Io sono Hirò. – Proclamò il Guerriero d’opale. – E non sarò mai il Diamante di nessuno! – Dichiarò.
Non voglio un padrone buono! Pensò saltando giù dal carro. Non m’importa di un padrone che riesce ad udire la mia voce! La strada era lunga ma lui riuscì a percorrerla gran parte correndo. Non m’importa quanto sia lercio! Il sole iniziava a far sanguinare il cielo quanto sanguinavano i suoi piedi. Devozione e Idolatria non hanno alcun valore! Le luci di Ultimo crepuscolo parevano gemme nella notte. Quello che conta… La gradinata di pietra accolse con dura freddezza le sue mani. Quello che voglio… La porta gli percosse l’intero corpo. Quello che desidero… La voce allarmata della vecchia Mata risuonò confusa nella mente. Il mio sogno… La semioscurità della sala accompagnò il suo strisciare. Quello che non mi fa dormire la notte… Le mani si aggrapparono alle vesti del padrone ma tremando persero la presa. Tuttavia il nobile Kah gliele afferrò prontamente.
– Tutto quello che desidero, è poter essere vostro e di nessun altro. –

   Calò il silenzio nella stanza affollata. Tutti gli ospiti presenti osservavano con stupore e leggera allerta lo schiavo svenuto tra le braccia del nobile Kah. Il signore di Ultimo Crepuscolo sorrise commosso, recuperò quel fragile corpo e se lo tenne stretto come avrebbe fatto con un gatto randagio che aveva concluso il suo vagabondare.

Questo è il secondo affronto che Castelbianco subisce, dunque per creare scompiglio invia a Ultimo crepuscolo una spia...

  • Una semplice sguattera che conosce il linguaggio dei segni (33%)
    33
  • Una sensuale Osservatrice di stelle (67%)
    67
  • Una sensibile arpista (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

78 Commenti

  • Voto l’Osservatrice di Stelle perché mi piace il nome 🙂

    Sono rimasto commosso 🙂 Prima stupito: era stato tutto in sogno? Poi ancora più stupito ed infine commosso da Hirò e da Kah. Mi sono immaginato un quadro alla loro riunione 🙂 Piango dalla gioia 🙂

    Ciò detto, anche tu come me inserisci un plot twist al settimo capitolo. Vediamo se riusciamo a portare in porto la nostra nave che è la storia o se andremo ad un seguito 🙂

    Ciao 🙂

  • Ciao Artemis!
    Un rapporto strano, un gioco dove quello apparentemente più forte è lo schiavo. Secondo me gli da una sassata per salvarsi.
    Il passaggio tra i due punti di vista è davvero appassionante, bella idea vedere volta per volta con gli occhi dell’uno e dell’altro, il guerriero fedele ma un po’ folle.
    Secondo me hai una marcia in più rispetto a un anno fa, tanto come stile che come contenuti, comprese alcune considerazioni psicologiche già presenti nel precedente episodio.
    Brava! Stammi bene assai. Ciao!!

    • Black Mirror???!!!! 😱
      😂😂😂😂
      Parli di quella serie tv che risucchia ogni libido e gioia di vivere? 😂 Del tipo che ad ogni puntata (o quasi) ti dici “bom, è troppo, ora smetto” e ti ritrovi a notte fonda a mangiare altri sadici episodi? 😂 Tra tutte a me è piaciuta 15 Millions Merits
      Hahaha mi piace il termine ambiguo, ma di fatti il titolo non è stato scelto a caso 😂
      Ma la magia deve essere macabra o incontrollabile, deve essere un mezzo pericoloso!

      Ti ringrazio sempre tantissimo! A presto!!!! 😆

  • Capitolo 6: Prima che potesse rispondersi, il nobile Kah si rese conto di quel che stava facendo e lo lasciò andare. Non voglio che venga data una risposta adesso a quella domanda, magari più avanti, verso l’ultimo capitolo 🙂

    Non sono ben riuscito a comprendere da dove viene il dono di Kah: prima di toccare il morto sembrava che il suo tocco non avesse alcun effetto e poi… perché cerca il dolore come sensazione?
    Tanti misteri e tanta curiosità che, spero, avranno una risposta nel corso dei capitoli ^_^

    Vai avanti così 😀

    Ciao 🙂

    • Ciaooo Red!
      Hahaha, mi piace il tuo modo di pensare! 😄
      Mah diciamo che non è molto importante da dove derivi questa capacità. Forse è un equilibrio di forze dato che è sordo, forse è pura fortuna… chissà. Però è qualcosa che prima riusciva a controllare bene, dato che come hai detto tu, quando vuole il potere si manifesta oppure no. Penso che il nobile Kah sia un personaggio molto introverso e che quindi il suo modo eccentrico di vivere gli faccia compiere atti poco convenzionali. Tuttavia la sua sordità gli ha fornito questa sete incontenibile di “sentire” nel significato più amplio del termine.
      Hahaha speriamo in bene! 😄

    • Ciaooo fenderman! 😄
      Hahaha non perdere la speranza! 😆 ma grazie per averlo voluto fermare, non se lo sarebbe mai perdonato.
      No no, nessun triller 😂 su incipit sarebbe troppo difficile crearne uno 😆 però che i personaggi possano avere una metamorfosi tra l’incipit e il finale ci può sempre stare
      Grazie a te per aver letto! Alla prossima! 😄

  • Ciao Artemis!
    Alfine arrivo, e che mi trovo? Il gatto vincitore, motivato dalla rabbia di non vedere il padrone! Io dico che lo aiuta a nascondere il cadavere, non lo vedo capace di rendere prigioniero il suo signore; è pur vero che il potere acceca. Beh, vedremo, anche se “sacro silenzio nato dalla consapevolezza di essersi fatalmente esposti”, qualcosa cambierà, per sempre.
    Wow brava, molto acuto e interessante.
    Ciao stammi ben bene!

    • Ciao Minollo!!! ?
      Mi piacciono questi capitoli centrali. All’inizio ho solo una vaga idea del tutto, ma poi grazie a voi, e alle vostre idee tutto si modella e proprio qui i personaggi si definiscono. All’inizio pensavo che l’orgoglio di Hirò nel essere schiavo nascesse da un disprezzo. Invece grazie a voi Hirò è maturato tantissimo. Per il nobile Kah è diverso. Lui non ha lasciato il suo percorso, ma la presenza di Hirò è diventata più ingombrante di quel che avevo progettato all’inizio. E questo succede in tutte le storie che ho scritto… e questo è sempre potuto accadere solo grazie a voi, che bello! Grazieeeee

  • Capitolo 5)

    Ogni volta scegli un bel modo per raccontarci una storia in modo totalmente originale. Mi aspettavo avresti dedicato più spazio al combattimento, ma non è quello che hai intenzione di raccontarci 🙂
    Hai lasciato a noi il compito di raccontare e inventare. Ben fatto!

    Io voto per il supporto col cadavere: vedremo che salta fuori!
    Continua così 😉

    Trovi la lettura sempre su Youtube:
    https://youtu.be/oTV5-5ZJ1xc

    Alla prossima!

  • Da come lo hai costruito finora Aiutare il nobile Kah a nascondere il cadavere, promettendosi d’indagare più a fondo su quella faccenda.

    Devo dire che mi hai lasciato a bocca aperta e senza parole: non mi aspettavo un simile sviluppo! Né di Kah, né di Hiro, né della situazione. Ed il fatto che mi hai stupito positivamente, è un “punto d’onore” ^_^

    Ciao 🙂

    • Ottimo!!! ?

      Ciaoo! Dai mi fa super piacere se ti ho sorpreso in positivo! ?

      Grazie per aver letto! È stato davvero difficile questo capitolo, la prima parte almeno, perchè le prove di forza non sono assolutamente il mio forte ?

      Quindi grazie ancora! Alla prossima!!! La Gatta e i gattini mi intriga! Te lo commenterò questa sera ?

  • Capitolo 4)

    Punto tutto sulla guarnigione, mi piace l’idea.

    La scrittura funziona bene come al solito, anche se ho avuto l’impressione di essermi perso qualcosa, ma probabilmente è una mia impressione. Forse, leggendo troppe storie, ogni tanto mi capita di perdere qualcosa 🙁
    Appena ho un attimo provo a recuperarla da capo, per vedere se ho la stessa impressione.

    Bel colpo di scena, e particolare come hai scelto di raccontarlo. Mi piace 🙂

    Trovi la lettura sempre su Youtube:
    https://youtu.be/btYqUYSzUbQ
    Alla prossima!

    • Ciaooo Pintore! ?
      Hahaha, mi sa che sarà la risposta vincente ?
      Che stella!!! Ma non penso, se ho capito a cosa ti riferisci. Il problema è che con così pochi capitoli a disposizione non si può raccontare tutto, e alcune cose finiscono per essere “suggerite” piuttosto che descritte. Ma spero che questo non crei confusione ?
      Grazieeee e grazie sempre per l’audio ???

  • Ciao Artemis!
    Originale questo racconto, il punto di vista del devotissimo servo rende il tutto vivace e particolare. La scena del tuffo è fortissima ?, persino il padrone deve sorridere, e anche la costernazione davanti al destriero plebeo è divertente. Brava!
    Scelgo la guarnigione: rischia tutto per dare forza al padrone, degno di Hiro!
    Ciao buona domenica!

  • Io dico che cede la guarnigione perché è qualcosa di diverso dal solito.

    Sai che quella scenetta al lago è stata mirabilmente descritta? ^_^ Mi sono ritrovato con loro!
    Quindi il nobile Kah, se non è sordo, quasi ci manca. Ma possibile che sia bastata la sordità a renderlo così?
    Questo racconto centellina le informazioni in modo perfetto! Non vedo l’ora di saperne altro! 😀

    Ciao 🙂

    • Hahaha, a livello tattico è la risposta migliore ?

      Eeeh che stella! Grazieee! È piaciuto anche a me descriverla ?
      A me piace molto mettere nei racconti una difficoltà fisica o psicologica, come il dio Azhay e il Capitano Yari che si struggevano per gli esseri umani, o Xharo che invece era storpio e emotivamente complesso.
      Il nobile Kah ha ancora una cosa da svelare… ovviamente ?

      Mi fa super piacere!!! A presto ?

  • Finalmente risolto il dubbio: è sordo.
    Le emozioni umane dei protagonisti, che hai saputo ben esprimere, me li fanno sentire più vicini e comprensibili. Un vero tesoro avere un Hiro come amico protettore. Ho votato la prima opzione, anche se una donna potrebbe mettere in pericolo il rapporto che si è stabilito tra i due. Vedremo. ciao Isabella alla prossima.

  • Ce n’è voluto per smuovere questo padrone incontentabile!
    Continua ad affascinarmi questo essere straordinario, anche se ancora non ho capito di che bestia si tratti. Ti consiglio meno fretta nel pubblicare, una rilettura attenta potrebbe bonificare il testo da qualche refuso. Brava, comunque, continuo a seguirti. alla prossima Artemis.

    • Ciaooo anna genna! ?
      Hahaha, si poro Hirò, così diverso dal suo padrone da non inquadrarlo appieno! ?
      Hahaha dai mi fa piacere! Si mi spiace, a me non piace troppo descrivere il mondo fisico o la fisionomia perchè non ne sono capace, lascio all’interpretazione, ma so che rende il tutto un po’ più complesso, soprattutto in un mondo fantasy.
      Si gli errori sono sempre dietro l’angolo, ma grazie a voi le idee si moltiplicano che poi è difficile trattenerle.
      Ma che stellaaaa! Grazie per aver letto, a presto! ?

  • Ciao Artemis!
    Hirò alla fine ha smosso il padrone, evviva!
    Spiazzante il tuo pensiero su Pippo e Pluto, tutti e due a farsi in quattro per un … topo! Contenti loro ?.
    chissà quanto in Hirò è paura, quanto è sincera dignità nell’interpretare il proprio ruolo; io dico tutto la seconda, ma magari non ho capito nulla ?.
    Brava, ben scritto! Scelgo un edificio, magari per la musica. Già sento arpeggiare…
    Ciao alla prossima!
    Ciao

    • Ciao Minollo!!! ?
      Hahaha, beh anche tu mi avevi lasciato perplessa sul complesso di Pluto, non ci avevo mai pensato ?
      Si Hirò è super orgoglioso di ciò che interpreta e ci crede fino alla fine. A me piace la sua drasticità, è molto divertente da scrivere
      Hahaha potrebbe essere un’ idea ?
      Alla prossima e grazie ancora! ?

  • cIao, Artemis.
    Noto una maggiore cura nella stesura di questo capitolo, immagino tu abbia letto e aggiustato a puntino; hai fatto un buon lavoro. Bene.
    Ti segnalo, giusto per non apparire troppo buona, la ripetizione nella seguente frase: “Provò ANCORA, spingendosi ANCORA più a sud”. Poca roba, 🙂
    Voto la Torre per i Cacciatori di Spiriti.

    Alla prossima!

  • Capitolo 3)

    Non sembra proprio volersi accontentare di niente, eh?
    Temo questa volta ti abbiano fregato un po’ alcune ripetizioni (credo di saperne qualcosa in merito, ultimamente i miei sono zeppi T_T )

    Per il resto l’idea mi piace molto, e voto per l’Arena! Può essere utile per portare in città altri nobili! 🙂

    Trovi la lettura sempre su Youtube:
    https://youtu.be/6YDSDEWlyoQ

    Alla prossima!

  • Io voto gli Eterni perché mi sembra adatto.

    Ho notato una cosa: Hirò attira sempre l’attenzione di Kah; non completamente, non al 100% ma ogni volta è un passo in più (e non se ne accorge nemmeno). In realtà gli manca di conoscere il suo padrone, di capire cosa pensa, cosa prova.

    La cosa che mi è piaciuta di più del capitolo, comunque, è stato quel timido sorriso che rivolge a Hirò (e il conseguente stupore di lui): adoro questi piccoli dettagli 🙂

    Ciao 🙂

    • Anche io avrei votato loro!!! ?

      Ciaooo! Hahaha si! Il nobile Kah si “scopre” in modo preciso ma senza sbilanciarsi. Spetterà a Hirò comprendere come prendere a cazzotti le sue difese e speriamo che ci riesca, il nobile Kah ha tanto da dare ma pochi mezzi per farlo ?

      ??? anche ioooooo!!! ?

      Ciaooo e grazie ancora ?

  • Ciao Artemis!
    Povero, come ci è rimasto! Mi ricorda il dramma del cane Pluto, che si chiede: “che differenza c’è tra me e Pippo?” ?. Però può gestire il potere, e secondo me, attento all’estetica come è, c’è la può fare. Voto per la rete fognaria, lui così attento agli effluvi.
    Attenta agli errori, come già detto, per il resto il tuo stile è sempre morbido, e mi culla fino al numero 5000 (o giù di lì).
    Buona domenica!!!

    • Ciao Minollo!!! Ti stavo aspettando, grazie per aver letto ?
      Non conoscevo questo dramma di Pluto, chissà… forse Pluto potrebbe essere perfettamente come Pippo, invece Sceglie di esprimersi come un cane perchè… non saprebbe come amare in modo migliore Topolino. Chissà… hahaha ?
      Oooh ma che stella!!!! Se tu fossi un professore renderesti la vita meno traumatica ai tuoi studenti ?
      Grazie ancora ?

  • Ciao, Artemis.
    Voto le strade per aiutare il commercio.
    Quindi Hirò si prenderà cura di Ultimo Crepuscolo (io metterei maiuscolo anche Crepuscolo, così, dato che è un luogo 😉 )
    Fenderman, che ne sa molto più di me, ti ha già fatto notare gli errorini dettati dalla fretta di pubblicare, quindi, io mi limito alle impressioni che questo capitolo mi ha lasciato: sicuramente interessante la vita vista dagli occhi di un felino, anche se, trovandoci in un mondo fantastico, credo che non dovrebbe essere così strano. Dico sempre che leggo poco il fantasy, ma qui su TI sto diventando un’esperta 😉
    Chissà dove vuoi portarci… io mi fido della tua fantasia 🙂
    Ci si legge.

    Alla prossima!

  • Capitolo 2)

    First reaction: Shock! 😀

    Non mi aspettavo, come vedrai in video, che la storia prendesse questa piega. Mi hai del tutto sorpreso (piacevolmente).
    Adesso voglio proprio capire un po’ di più sulla questione e l’ambientazione.
    Voto per le fogne: migliorare lo stile di vita, indubbiamente, è il miglior modo per rendere la città più facile al commercio e per aumentare il benessere generale: le prime impressioni contano, quando vuoi far riprendere un popolo! 🙂

    Aspetto il prossimo.

    Trovi il capitolo sempre su Youtube: anche se questa volta ho scelto un titolo un “particolare” per attirare qualche ignaro lettore:
    https://youtu.be/UjZFD4hwwng

    Alla prossima!

  • Ciao A.T. Stavolta ti confesso ho avuto qualche difficoltà a seguire il ritmo del racconto; volti, situazioni, nomignoli e pellicce leopardate un quantità… ma il racconto è appena iniziato e non siamo ancora in confidenza?.
    Ho inciampato in qualche refuso tipo:
    “ne del fango, ne…” mancanza di accenti, oppure ” quei occhi… ” o ” Era uno strumento, gli bastava che il suo padrone si sarebbe dimostrato capace di usarlo, ed egli avrebbe realizzato la sua intera esistenza. ” dove i verbi non convincono, e poi altre cosette tipo: “Io sono un’opera d’arte mio rozzo ignorante. – Aveva tentato di spiegargli Hirò. – È lungi… (Gli aveva detto) ed ora…. ” Tutto questo mi fa concludere che hai pubblicato un poco in fretta, evidentemente la storia ti piace e la penna ti brucia tra le dita… Io però sono un tuo estimatore, voto le strade e ti auguro buona domenica.??

    • Ciao fenderman! ?
      Ma no tranquillo! Capisco che si capisce poco, voi pazienti lettori state vedendo il mondo solo attraverso gli occhi di uno spaventato Hirò. Hahaha mi piace la tua perseveranza ? che stella!
      ??? in “qualche” hai detto?! Ce ne sono troppi ? perdindirindina! ? grazie per avermeli mostrati ?
      La penna brucia, ma qui bruciano anche i neuroni ? Bella espressione comunque! ??
      Ma che stella! Grazieee e (ormai) buona serata ?

  • Ciao, Artemis. rieccoti! Ci siamo un po’ perse di vista, ma sono tornata per farmi raccontare una storia. Il principio è interessante, fino a metà del capitolo non si capisce chi sta nella gabbia dorata, poi ci viene svelato (anche se nelle opzioni si parla di leonide umano, in che senso?)
    Ti hanno già fatto notare la mancanza della “a”, perciò, non avendo altro da segnalare, ti faccio i complimenti e aspetto il secondo.

    Alla prossima!

    • Ey keziarica! Ciaoo ?
      Hahaha si è vero, grazie per la pazienza ?
      In quella frase Hirò voleva far intendere che per quanto abbia tratti molto simili al Gatto nudo, quindi un’animale, voleva cmq conservare una dignità umana. Hirò è un personaggio estremamente orgoglioso, quindi “puzzare come un animale” è qualcosa d’inacettabile.
      Si caspita, grazie per la correzione ?
      Alla prossima ?

  • Capitolo 1)

    Ehi!
    Ho iniziato a leggere la tua storia, su Youtube, insieme a quelle di altri autori. Se la cosa può farti piacere, fammelo sapere e continuerò con la storia! 😉
    Abbiamo ancora molto da scoprire, giustamente siamo all’inizio, e quindi dobbiamo ancora ambientarci nell’ambientazione. Aspetto di scoprire qualcosa in più sul conto di Hirò.

    Trovi la lettura su Youtube:
    https://youtu.be/NWCi0D2Ojns

    Alla prossima!

  • Ciao AT, io ho letto i commenti e vorrei invece complimentarmi per la perizia che usi nel dire e non dire alimentando la curiosità con frasette sibilline nella prima parte che trovano una spiegazione nella seconda. Insomma mi hai introdotto nella storia come buttato su un treno in corsa, ma dopo un primo sbandamento, ho capito. Il gattone mi è già simpatico, figuriamoci, e vuole conoscere il nome del padrone per averne un vantaggio.
    Bravissima. CIAo, ciao??

  • Ciao Artemis!
    Segnali di vita dalla confederazione! Bentornata, ci accompagni di nuovo nei meandri del tuo mondo fantastico pieno di ahzani. Hirò lo schiavo di lusso chiede di arrivare in gabbia al cospetto del padrone, ero in dubbio perché senz’altro si voleva anche lavare. Lo farà dopo.
    Seguo sin dalla mezzanotte e cinquantacinque di oggi 20, il tuo stile mi è familiare. Ti segnalo “sono stato creato per averlo e tu farai in modo che ciò si compi” all’ultima parola manca la “a”. Bazzecole.
    Buona domenica!

  • Voto il lavarsi perché è abbastanza eccentrico ed un buon modo di uscire dalla gabbia 🙂

    Uau! Decisamente uau! Storia molto affine a quelle che mi invento io. Un leonide, seppur senza artigli e… membra riproduttive, che è stato creato per avere un padrone ma non si sa quale altro scopo (guerriero, gatto domestico, servo di altro genere e natura? Lo scopriremo).
    Altrettanto strano ed affascinante il fatto che qualcuno in un simile borgo abbia tanto oro quanto è il suo peso (oppure è straordinariamente leggero) a meno che non ci sia qualche altra cosa sotto.
    Insomma sono affascinato, incuriosito ed entusiasta! Ti seguo (ma che te lo dico a fare? :P).

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi