La Gatta ed i Gattini

Dove eravamo rimasti?

Ha vinto l'opzione che porta ad un seguito! Su chi ci concentriamo nell'ultimo episodio della prima parte? Sulla Gatta ed i Gattini: è da un po' che non si vedono. Cos'è successo? Hanno incontrato Demonia? Salveranno Angela? (57%)

La Gatta ed i Gattini

La Gatta barcollava e si teneva la testa che le faceva un male del diavolo. Cercava di ricordare cos’era accaduto nelle scorse ore ma non era facile, dopo l’ubriacatura a cui l’aveva indotta Demonia.

Ricordava che stavano pulendo e preparando la casa in vista della visita del Principe od almeno così le aveva detto Angela, poi… cos’era successo poi? Ah sì, la comparsa della sorella e… che aveva fatto? Niente di piacevole sicuramente. Ricorda una barandonda, un sacco di botte e quell’enorme bottiglia che le veniva infilata in gola per costringerla a bere… credeva di affogare… Poi… cos’era successo poi? Aveva danzato? Probabile. Ma se lo aveva fatto, cos’era successo? E poi perché? Troppe domande e solo un gran mal di testa: purtroppo lei ricorda solo di essersi ripresa nei pressi del lago, bagnata fradicia e con un mal di testa assurdo.

Quando giunse di nuovo nella radura dove avrebbe dovuto trovarsi casa, la vide completamente bruciata e rasa al suolo.

«Oh no!» esclamò dimentica del mal di testa.

Si mise a cercare i suoi figli, ben conscia che Demonia non li aveva risparmiati. Lì trovò sepolti vivi. Per sua fortuna la terra non aveva voluto soffocarli. Li strinse tutti a sé, lì leccò uno per uno, ringraziò la terra per l’aiuto e chiese ai suoi figli cos’era successo.

Il quadro fu in breve chiaro: Demonia era venuta a prendere la sorella e non voleva gatti in giro. Aveva voluto sbarazzarsi di loro.

«E poi ha aggiunto che tu avresti danzato per lei, rallentando il Principe» conclude uno dei Gattini.

«Io… cosa? Ma che andava a pensare quella…» e via di insulti e maledizioni!

Infine mise i Gattini a terra e si guardò intorno. Non c’erano tracce di Angela e questo non era un buon segno.

«Sapete cos’è successo ad Angela?» chiese.

«No»

«So io cos’è successo ad Angela – la voce di Pallino fece fare un salto a tutti – E ha bisogno di aiuto»

***

Demonia aveva innaffiato Angela di un profumo realizzato dalla madre. Le aveva detto che poche gocce la rendevano attraente ai gatti ma che in grandi quantità avrebbe avuto un effetto dirompente su di loro e che, se lei fosse stata una gatta, non le sarebbe piaciuto quello che avrebbero fatto. Peccato che la gatta invece era Angela ed ora si trovava con la stanza piena di gatti. Un vero e proprio tappeto e continuavano a crescere di numero. Improvvisamente iniziò a rimpicciolirsi e tutti i gatti puntarono lo sguardo su di lei: quegli occhi non avevano nulla di naturale e quegli sguardi fecero capire ad Angela che il peggio stava per venire. Man mano che diveniva delle dimensioni di un gatto, i gatti maschi iniziarono ad entrare nella gabbia, in numero sempre maggiore. Angela si guardava intorno disperata, alla ricerca di una via di fuga, ma erano troppi.

Improssivamente piombò dall’alto la Gatta. Angela non capì da dove fosse entrata ma le atterrò esattamente di fronte. E si rotolò a terra, miagolando. Tutti i gatti iniziarono a far passare lo sguardo da Angela alla Gatta, più e più volte. Poi la Gatta si alzò su quattro zampe ed iniziò a camminare in mezzo ai gatti attirandoli come mosche al miele. Prima che Angela potesse vedere il resto, si sentì afferrata per la collottola e sollevata.

«Non è il caso di guardare» disse Pallino trascinandola via.

In quattro salti raggiunse il lucernaio. Angela ancora non si capacitava di come era possibile che Pallino compisse tali salti ma fu ben contenta quando la portò in salvo.

La lasciò andare nei pressi di un albero. Angela si voltò per ringraziarlo e lo vide scosso da brividi ed i suoi occhi cambiare!

«Voglio… – disse Pallino che cercava di resistere – Voglio… voglio avere… figli… da te!»

Avanzò verso di lei mentre Angela indietreggiava.

«Leccalo – disse la voce di un Gattino – riempilo di leccate e coccole: questo aiuterà Pallino a resistere»

«Cosa?»

«Fallo in fretta!»

Angela fece un passo avanti, indecisa, ma quando vide Pallino chiudere gli occhi, abbandonò ogni remora. E mentre lei lo coccolava, Pallino sembrò calmarsi e fare un sacco di fusa. I Gattini si industriarono a ripulire Angela dal profumo.

«Grazie» disse Pallino alla fine delle operazioni.

«Grazie a te – sorrise Angela – La Gatta?»

«È momentaneamente impegnata – rispose uno dei Gattini – appena sarà riuscita a liberarsi, verrà da te. Ora c’è un problema»

«La mamma ha danzato – disse un altro – Demonia l’ha fatta danzare per il Principe, quando ti cercava nella foresta»

«Non ho capito» rispose Angela.

«Prima di farti catturare – rispose un altro Gattino – Demonia ha fatto ubriacare la mamma per farla danzare»

«Un effetto collaterale – aggiunse un altro – della danza della mamma è quella di rallentare il tempo circostante: il tuo Principe avrebbe impiegato più tempo del previsto a raggiungerti, permettendo a Demonia…»

«Di fare quello che ha fatto – anticipò Angela – Accidenti… un momento: come “effetto collaterale”?»

«Sì, mamma non danza per fermare il tempo. Mamma era ubriaca e non ricorda cosa ha fatto ma di certo non si è limitata a “rallentare il Principe”»

«Mi devo preoccupare?»

FINE PRIMA PARTE

Categorie

Lascia un commento

134 Commenti

  • Ciao Red!
    Ho recuperato ora la fine della storia, spero ora di riprendere il ritmo delle letture. La tua fiaba anomala finisce almeno per ora (poi leggo la seconda parte), con sfoggio di notevole fantasia da parte tua; i sortilegi sono buffi e i cattivi della storia in fondo non sono così cattivi. La Gatta si sacrifica per evitare guai peggiori a Angela ?, e anche la mamma…
    Bene, siamo pronti per il prosieguo, bravo come sempre a inventare, complimenti!.
    A presto, ciao!

  • Ciao Red!
    Tu parli, no sei tu che mi capisci! La fiaba prosegue con motti di spirito davvero felici, come quando il gatto lascia intendere che è meglio non approfondire l’approccio dei gatti alle gatte… Voto perchè lei sia scambiata per il mostro, mi piace questa trasformazione che attraversa stadi terribili, altro che uomo lupo.
    Complimenti, il tutto continua ad essere divertente!
    Ciao Red, buona domenica!

    • Ciao! A quanto pare Angela mostro sta piacendo a tanti, come anche il Principe che va nel Profondo Bosco. Vediamo cosa succederà Martedì 😉

      Sono contento che ti piacciano i miei “motti di spirito” perché servono un po’ ad alleggerire e rendere fiabesca la questione 🙂

      Ciao 🙂

  • Andiamo nel Profondo Bosco!!
    Siamo quasi alla fine e si spera finirà bene. Comunque, per quanto non nego sarebbe fuori luogo, mi piacerebbe se il finale tutti cantano e ballano in puro stile “Tutti quanti voglion fare Jazz!” XDXD
    Scusa, ma quando leggo di catti mi torna sempre in mente quel film

  • Andiamo nel Profondo Bosco!!
    Siamo quasi alla fine e si spera finirà bene. Comunque, per quanto non nego sarebbe fuori luogo, mi piacerebbe se il finale tutti cantano e ballano in puro stile “Tutti quanti voglion fare Jazz!” XDXD
    Scusa, ma quando leggo di catti mi torna sempre in mente quel film XD

  • Ciao, Red.
    Voto per Angela che viene scambiata per il mostro, voglio vedere come la salvi e sono certa che la salverai. Anche in questo capitolo c’è un messaggio, almeno io lo vedo, ogni azione ha una conseguenza. Demonia ha messo in mezzo la storia del mostro e ora si ritrova rinchiusa e chissà che non possa più uscire. 😉
    Bravo, Red, bell’episodio.

    Alla prossima!

    • Se riesci a leggere un messaggio, allora significa che la fiaba l’ho scritta bene ^_^ perché in fondo servono anche a questo le fiabe 🙂

      Sulla questione mostro per ora non dico niente perché i voti si stanno rincorrendo: vedremo chi la spunterà Martedì prossimo 🙂

      Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi