Daniele

Dove eravamo rimasti?

Parlandoci del suo rapporto con il denaro Daniele: entrambe (67%)

I soldi

«Che valore hanno i soldi per me? Beh, il loro. La mia famiglia è stata fondamentale in questo »

«Quindi, se perdessi il tuo patrimonio, non ti importerebbe?» Chiese Elena ironica.

«Perderlo significherebbe aver fallito, e questo mi deluderebbe, ma ho costruito la mia vita con il denaro, non su di esso»

«Per te sembra essere un elemento marginale. È sempre stato così?»

Daniele assaporò quelle parole con cautela, come un cibo sconosciuto.

  

Da bambino i soldi erano sempre stati un problema. 

Suo padre aveva smesso di lavorare. Preferiva restare a casa a bere e urlare. Doveva assicurarsi di avere il totale controllo su sua madre. 

Lei, però, a lavorare ci andava. Faceva le pulizie. 

Daniele si chiedeva perché. A casa sua, puliva sua madre, non la mamma di qualcun altro. 

«Chi ha i soldi può permettersi tutto, anche di non fare nulla» gli spiegò una sera sua madre lavando i piatti.

«tu vai a lavoro per i soldi giusto? »

«Certo»

«E allora perché non puoi non fare niente?» lei sorrise e si girò a guardarlo. Non capitava spesso che sua madre lo guardasse negli occhi.

«Per non fare niente ne servono tanti. Noi ne abbiamo pochi e quindi dobbiamo lavorare per farne di più.»

Daniele continuò a non capire e dondolando sulla sedia aprì la bocca pronto a chiedere ancora e ancora, fino a quando non l’avrebbe convinta a rimanere a casa con lui, invece di andare a lavorare.

«Tua madre va a lavoro perché deve fare la puttana in giro» disse suo padre con la voce impastata irrompendo in cucina. 

Daniele non conosceva il significato di quella parola, ma sapeva che era brutta. Tutte le parole sembravano brutte quando a dirle era lui. 

Si portava dietro una nuvola scura che faceva sparire il sole dalla cucina.

Quando lei non c’era suo padre impazziva.

«Non voglio più che fai tanti soldi ma’» le sussurrò. 

Lei non rispose.

«Altrimenti poi devi restare tutto il giorno a casa con papà»

Dopo cena, quando suo padre finalmente moriva inghiottito dal vino e dalla poltrona, Daniele seguiva sua madre in cucina e si arrampicava sulla sedia. Poggiava la guancia al tavolo e la guardava lavare i piatti. 

Parlava, tanto e sottovoce, per non svegliare il mostro, e piano piano, parola dopo parola, la voce di Daniele sembrava soffiare via tutte le nuvole che coprivano la sagoma della sua mamma.

Daniele guardò Elena che con la penna sul foglio attendeva una risposta. 

«È così da sempre?» Ripetè.

 «Credo di sì » rispose con in bocca l’amaro dei ricordi appena mangiati «un po’ come un lungo amore non ricambiato. I soldi hanno perso la testa per me, ma io non l’ho mai fatto per loro»

Quella sera Daniele si sdraiò sul divano con gli occhi rivolti alla tv ed i pensieri che guardavano altrove. 

Pensò, che per lui i soldi fossero sempre rimasti un dettaglio, perché non sapeva cosa farsene.

Non amava mangiare in ristoranti lussuosi. 

Si era accorto che lì le persone mangiano in silenzio, forse per godere meglio dei piaceri del cibo, forse per mancanza di argomenti. 

Daniele preferiva andare alla pizzeria poco fuori dal centro con Veronica. 

Lì il menù era comprensibile e soprattutto lei non doveva controllare la sua risata. 

Amava l’arte, ma non comprarla.

Non gli piacevano i concerti, troppa gente. 

Non sarebbe mai andato in crociera perché ne era terrorizzato. 

Nessuno sport estremo, perché teneva alla sua vita. 

Gli abiti sono solo abiti, i mobili solo mobili.

All’improvviso il silenzio si frantumò come un vaso di cristallo ed il vento soffiò i cocci sotto la sua finestra, così che lui potesse ascoltarli. 

«Non sappiamo dove altro andare»

I frammenti di quella voce ne conservavano intatta la storia.

Daniele capì subito a quale porta fosse rivolta quella richiesta.

Poco lontano dal suo appartamento avevano fondato una Onlus, un rifugio sicuro. 

Aveva creato fastidio, quasi sdegno, quella processione di anime perse. Alle persone piace aiutare gli altri, purché sia lontano dalle vetrine di Prada. 

Una donna teneva il viso di un neonato stretto al collo.

Lui piangeva forte con i pugni stretti attorno ai suoi capelli scuri. Stava aggrappato a lei come spaventato dall’idea che qualcuno volesse strappargliela via. 

Daniele fu fuori dalla porta prima di accorgersene. 

A quell’ora l’unico posto aperto era il piccolo market all’angolo della strada. 

Sotto lo sguardo incredulo del negoziante, riempì due carrelli.

Camminando in ciabatte, di notte, per la via più chic della città, spingendo a fatica due carrelli stracolmi di cibo e pannolini, Daniele sorrideva. 

«Sei un uomo buono» gli disse Amina porgendogli suo figlio mentre i volontari sistemavano la spesa. 

C’era una grande matassa di voci e di “grazie” , ma quando il piccolo Na’Him lo guardò ridendo, con la mano stretta attorno al suo dito, ogni suono si azzerò e Daniele sentì di non essere mai stato più ricco. 

Si addormentò felice, quella sera, accarezzando con le dita il bracciale porta fortuna che Amina gli aveva legato al polso. Si addormentò pensando, per la prima volta, che tutti i suoi soldi avessero un senso. 

Alla domanda "Credi nel destino?" Daniele risponderà

  • entrambe (50%)
    50
  • dicendo la verità (33%)
    33
  • mentendo (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

80 Commenti

  • Ciao, Adelaide.
    In questo periodo sono un po’ indietro con tutte le letture, spero mi perdonerete se, di tanto in tanto, ritardo nei commenti.
    La storia ha avuto una sua evoluzione, Daniele, nonostante la sua tendenza a non dire mai tutta la verità, sta comunque scoprendo se stesso, forse ha anche bisogno di fare pace con i suoi sentimenti, con l’idea che si è fatto di sé. La biografia, come il diario, aiuta a guarire, chissà che non si assista a un colpo di scena nel finale. Io sarò qui a leggerlo, magari in ritardo, ma ci sarò 😉
    ti segnalo un “averlo-odiarlo” nella frase: “Si accorse di averlo odiarlo per essere andato via ” refuso frutto di riscrittura, sicuramente 🙂

    Alla prossima!

  • Capitolo 9)

    Ciao Adelaide!

    In questo capitolo hai voluto mettere in mostra il confronto sottinteso in tutti i capitoli tra Elena e Daniele, e io ci ho visto anche qualche cosa tra loro, specie con quell’espressione che hai voluto utilizzare e l’impressione che Daniele sembra avere riguardo il lavoro che lei ha svolto per lui.
    In questo caso direi che, proprio per struttura del personaggio, serve un equilibrio fra bugie e verità, quindi rimarrà della solita pasta: sceglierà forse a chi dire le verità e a chi le bugie, questo sì.
    Come sottolinea Fenderman, questa è una di quelle storie da leggere insieme, per non perdersi i dettagli e rimanere ancorati al susseguirsi di verità e bugie raccontate dal personaggio. Trovo tuttavia che sei riuscita a dare un senso alla storia, qui su the incipit, ma immagino che sul file originale sia tutto più chiaro e con la dovuta lunghezza. Alcuni passaggi, come da qualche capitolo, lasciano ampia strada a parti che potrebbero essere descritte con più carica, impossibile da trasportare su The Incipit.
    Non essere troppo dura con te stessa, il sito dovrebbe aiutarci a tagliarle il superfluo dall’interno delle storie, proprio per seguire quel canone di essenzialità che coccola il lettore e lo guida attraverso la nostra storia. Molte parti di colore, però, sono essenziali – almeno a mio giudizio – per trascinare il lettore in certe dinamiche e atmosfere.
    Non ci resta che aspettare l’ultima parte del racconto 😉

    Alla prossima!

  • ciao Adelaide, ti confesso che questo ondeggiare tra verità e bugia mi confonde, sono più confuso io o il tuo protagonista? Non so cosa farà, e cosa chiederti, mi adeguo alla maggioranza, e spero che se la cavi e trovi serenità, anche per Veronica, (sempre l’amore ci sia davvero e non sia l’ennesima bugia…).
    Immagino il lavoro che hai fatto per portare a compimento una lavoro così ostico, che le puntate hanno complicato ulteriormente e che forse si dovrebbe rileggere tutto d’un fiato.
    Voterò entrambe e aspetto il finale. Ciaooo🌻🙋

  • Capitolo 8)

    Ciao Adelaide!

    Il capitolo è abbastanza scorrevole. Hai aggiunto qualche passaggio, ma non ho avuto l’impressione che siano stati fatti grossi passi avanti nella narrazione, tolto il risvolto finale. C’è del contenuto, non fraintendermi.
    C’è qualche passaggio da sistemare, ti è sfuggita qualche virgola, ma sono certo che sia un errore di revisione.
    La parte degli “sbagli” è da ricontrollare.
    Gli incisi funzionano bene. 😉
    Quella che ci stai raccontando mi pare una storia più grande, che necessità più spazio. Ma magari è solo una mia impressione 😀

    Aspettiamo di scoprire ii casino di Marco.

    Trovi la lettura sempre su Youtube:
    https://youtu.be/XR6kfMlebRY
    Alla prossima!

    • Ciao G.G.Pintore,

      c’hai preso, come sempre. Ho la sensazione che la trama mi si intrippi (per citarti) battuta dopo battuta, irreversibilmente ed inevitabilmente.
      Confesso, però, che la colpa è mia.
      Quando ho deciso di tornare su The Incipit (per paura che avrei mollato tutto a metà come sono solita fare) ho scelto Daniele proprio perchè la bozza ce l’avevo già pronta ma non sapevo che forma darle.
      Ho sottovalutato quanto cinquemila battute gli sarebbero state strette.

      E’ stato utile, però.

      Grazie, come sempre, per il commento, le dritte e la lettura
      🌻

  • Ciao, Adelaide.
    Dirà la verità, ormai si è aperta una breccia, il vero Daniele sta scivolando fuori, è ora di conoscerlo davvero.
    Scene intense, ben descritte. Pochi passaggi per raccontare una vita e quel che potrebbe esserne. Intelligente la chiusa con la frase (inascoltata) di Marco, lascia con il desiderio di scoprire come andrà a finire. Brava.

    Alla prossima!

  • Ciao Adelaide,
    Credo che mentirà, vorrà ancora proteggersi dai suoi errori, e non sono sicuro che gli piacerà leggere nero su bianco quello che è veramente. Meglio non riconoscersi, meglio inseguire l’illusione di essere migliore o semplicemente più fortunato, e perdonabile per i propri errori.
    Le biografie (auto) sono da prendere con le molle, siamo gli ultimi a conoscere noi stessi e se Elena non lo ha ancora capito… Auguri!
    La scrittura è un poco complicata, non so se il termine sia esatto ma a momenti si sente la necessità di rileggere, soprattutto nei dialoghi. Capisco che i caratteri sono pochi ma a volte spendere una parolina in più, o usare una costruzione diversa per far capire chi dice cosa mi pare sia utile.
    Comunque resta il tuo un ottimo lavoro e mi congratulo!
    Alla prossima.🙋🌻

    • Ciao Fenderman,
      Come dice King : “We lie best when we lie to ourselves”, qualcuno dovrebbe avvisare Elena.
      Anche perchè, in fondo, lei stessa essendo una ghost writer, alimenta la bugia.

      Questa storia mi si ingarbuglia tra le mani, ma proverò a fare sempre meglio.

      Grazie mille, come sempre.
      🌻

  • Direi entrambe, visto il tipo!

    E mo’ sono curioso di sapere quale altro casino ha combinato Marco! Per un attimo ho temuto che si fosse suicidato. Però ha risposto.

    Comunque sembra quasi che le proprie paure ti aspettano al varco: hai paura di sbagliare? E allora sbaglierai! Hai paura del buio? E ti ritroverai al buio! Le paure sono beffarde!

    Ciao 🙂

  • Ormai penso che Daniele sia arrivato a un momento di incredibile instabilità e vulnerabilità. Si è messo a nudo col suo amico e penso che fra poco lo farà anche con Veronica. Ha detto la verit dopo anni, forse per insicurezza. Il suo sentimento per Veronica è l’unica cosa certa, di cui è completamente sicuro.
    Per questo voto che dirà la verità proprio sulla paura…

  • Capitolo 7)

    Ciao Adelaide!

    Il capitolo è scorrevole e il messaggio chiaro. C’è qualche passaggio dove la scrittura mi è risultata un po’ confusa, con dialoghi staccati fin troppo dal narrato, tanto da poter sembrare le risposte dell’altro personaggio in scena. Bisogna lavorare un po’ su quello.
    Per il resto, non fraintendermi, la storia si capisce.
    Consiglio non consiglio: Nei dialoghi avrei inserito qualche inciso in più, oppure avrei messo in corsivo alcune parole chiave, come a sottolineare i termini marcati nel dialogo. Nella lettura ho provato a inserire questo effetto 😉

    Aspettiamo di scoprire come inizierà la parte conclusiva del racconto!

    Trovi la lettura sempre su Youtube;

    https://youtu.be/q2dfwcj0I_w

    Alla prossima!
    Spero di essere tornato utile. 🙂

    • Ciao G.G.Pintore,

      Ho provato a seguire i consigli ma questa volta ,secondo me, non ci sono ancora del tutto.
      Potrei dare la colpa alle battute ma la sfida di The Incipit sta proprio in questo, quindi mi allenerò per far sì che il nono sia perfetto (o quasi).

      Grazie come sempre per il commento e soprattutto per le dritte.
      Non immagini quanto siano utili.

      💛

  • Voto la verità.
    I pugni presi e restituiti per amore di una donna e per amore dell’amicizia che li accomuna, perché Daniele vuole bene a Marco e Marco ricambia, è solo spaventato da quello che sarà un cambiamento enorme, sia che voglia restare a prendersi cura del figlio sia che voglia allontanarsene, il bambino sarà sempre lì, e sarà sempre il suo bambino. Vedremo come finirà questa storia, di certo la vita non finisce a quarant’anni 😉

    Alla prossima!

  • Vorrebbe dire una bugia ed invece tirerà fuori la verità!

    Ciao! No, non è un Avenger… è più l’uomo ragno 😛
    Marco nasconde qualcosa in quel “la mia vita è finita” ma noi non sapremo mai che cosa. Quel che è certo è che per Veronica, Daniele è un salvagente. Al destino piace essere beffardo, anche quando ti dà quello che vuoi!

    Complimenti per il capitolo perché è dolce e terribile allo stesso tempo.

    Ciao 🙂

  • verità e bugie, un pizzico.
    Ciao, Adelaide.
    Trovo che non sempre la verità sia la giusta medicina. Di tanto in tanto, una piccola bugia può servire.
    Il nostro eroe si ritrova davanti a quello che ha sempre desiderato, ma con l’animo amaro per via del dolore che la sua amata prova… dilemma enorme, soffrire o far soffrire?
    Bel capitolo, ormai ci hai bene abituati. Brava.

    Alla prossima!

  • Capitolo 6)

    Ciao Adelaide,

    Trovo che Fenderman abbia già segnalato quel qualcosa che non torna.
    Per il resto l’episodio scorre abbastanza rapido, interessante e coinvolgente.
    Forse c’è qualche spazio di troppo, a livello di impaginazione. Il capitolo funziona lo stesso, sia chiaro. Non si tratta di un vero e proprio errore. 😉

    Trovi la lettura del capitolo sempre su Youtube:

    https://youtu.be/bAPehUzlzHk

    Spero i consigli siano tornati utili!
    Alla prossima 🙂

  • Ciao Adelaide, sul destino tutti ci siamo interrogati, tutti siamo d’accordo, credo nel pensare che non conviene sfidarlo, tanto, per definizione il vincitore è lui.
    Le frasi brevi, rapide di questo capitolo mi suonano un po’ come bacchettate a chi crede di avere una chance contro di lui… Certo a Daniele ne succedono, ma avrà tempo per riaggiustare le cose.
    Scrittura ispirata, i punti di so quasi tutti, e solo una frase poco chiara: “Quando aveva deciso di prendersi che le quarantotto ore che lo separavano da suo padre.”
    Forse c’è un ‘che’ di troppo.
    Voto la verità.
    Bravissima! A presto. 🙋🌻

  • Ciao Adelaide!
    “La triste storia di un giovane ricco” era il titolo di un episodio a fumetti di Alan Ford, il mio preferito ai tempi. La solitudine è la compagna di vita fino a qui del protagonista; almeno questo a me sembra, con l’impossibilità di vivere fino in fondo il sincero affetto per il suo amico. Ho quasi l’impressione che, chiedendoci sempre in merito al dualismo verità/menzogna, tu ci voglia distogliere dalla centralità del vuoto che percorre la vita di Daniele.
    Ben scritto, drammatico ma non melodrammatico. Ricco di considerazioni argute e sensibili; seguo e voto per entrambi.
    Buona giornata e stammi bene!

  • Capitolo 5)

    Ciao Adelaide!

    Purtroppo non riesco a recuperare il capitolo in video.
    Questo episodio è particolarmente carico di emozione e trasporto. Si respira nei dialoghi e nei pensieri. Ben fatto!
    Non mi sembra di avere niente da segnalare, tolta forse una pausa più distinta da inserire dallo stacco del dialogo tra Elena e Daniele alle sue congetture sul divano. Si capisce che c’è un salto, ma con la giusta impaginazione ne guadagneresti in chiarezza. 🙂
    Continua così!
    Dico che questa volta sia necessaria la verità.

    Alla prossima.
    Buona scrittura! 😉

  • Ho votato entrambe.
    Ora si parla di soldi.
    Daniele, alla ricerca di una verità tutta da costruire, appare sempre più una figura pirandelliana.
    Mezze verità. vere bugie.
    Bravissima, comunque, nella scena tra madre e figlio, bellissimo il dialogo. Complimenti e alla prossima, Adelaide.

  • Ciao Adelaide,
    Quanto si è scritto sui soldi e quanto ancora se ne scriverà?
    Questa tua storia, sempre più una sequenza di capitoli monotematici, stavolta ha aggredito un tema ostico e con perizia si è mossa, nella prima parte, sfiorando senza cadere la patetica rappresentazione di certa povertà da libro cuore. Ti sei mantenuta in equilibrio e hai concluso con un messaggio di verità condivisibile e sempre più auspicabile.
    Nulla da segnalare sulla tecnica se non che ogni tanto dimentichi il punto, (o lo fai apposta?).

    A questo proposito penso che da ora in poi voterò sempre verità, perché mentire?🙋🌻
    Ciaooo

  • Io continuo a votare entrambe perché mi piace il suo modo di dire la verità mentendo e di dire le bugie usando la verità 🙂

    Mi è scesa una lacrimuccia leggendo 🙂
    Questo Daniele ha la scorza dura ma sotto sotto batte un cuore forse più grande di altri che gli stanno intorno.

    Mi piace come si sta svolgendo la storia 🙂

    Ciao 🙂

  • Capitolo 4)

    Ciao Adelaide!
    Ho ripreso le letture di The incipit su Youtube, quindi puoi trovare qui la lettura del tuo 4° capitolo. Se la cosa può farti piacere, continuerò anche con i prossimi 😉

    https://youtu.be/kG6MwM0gmE0

    Per quanto riguarda il capitolo in sé, anche se sul finale del video spendo qualche parola a caldo, ci tengo a precisare alcune cose: il messaggio del capitolo è chiaro; tuttavia, ho trovato alcuni passaggi, specie quelli in cui elenchi le possibilità che hanno forgiato il carattere di Daniele, un po’ troppo complicati. Credo nella lettura si possa cogliere un po’ l’impostazione un po’ complessa dei periodi.
    C’è inoltre qualche refuso, forse evitabile con un ulteriore lettura finale. (Quelle non finiscono mai!)

    Sono curioso di cosa ci presenterai al giro di boa. 🙂

    Alla prossima!

    • Caro G. G. Pintore,
      per prima cosa volevo ringraziarti per aver letto il capitolo.
      Ascoltare la mia storia letta da una voce non mia è stato strano e bellissimo.

      Quando ho iniziato a scrivere qui, molto tempo fa, avevo un problema con punteggiatura (ed un sacco di altre cose). Ricordo ancora perfettamente il primo commento di Napo, il mio primo vero maestro di scrittura : “via le virgolo, via le D eufoniche”.
      Devo averlo preso troppo sul serio, perchè adesso con le virgole ho il problema opposto.
      Prometto di trovare un equilibrio.

      Grazie come sempre, i tuoi commenti sono preziosi per me. 🌻

  • Ciao, Adelaide.
    Beh, di cose per cui essere grato direi che ne ha parecchie, a cominciare dal coraggio di sua madre che nonostante “l’errore” (molto impattante l’immagine dell’errore tenuto in braccio, brava.) lo ha tenuto e cresciuto al meglio. Ognuno di noi deve dire grazie per qualcosa: per essere stato accudito, curato, salvato, ascoltato… Daniele forse riuscirà a capirlo piano piano, addentrandosi nella sua stessa storia.
    Voto la verità.
    Alla prossima!

  • Ciao Adelaide,
    ormai leggo la tua storia due capitoli alla volta. Non è voluto, capita!
    Più che una gostwriter Elena assomiglia ad una psicoterapeuta.
    Daniele, non sembra voler scrivere la sua biografia ma, giustificarla.
    Domande, domande, con lo sguardo volto indietro, ciò che si vede, spesso, non è la realtà
    Comunque brava, davvero.
    alla prossima.

  • Ciao Adelaide. Capitolo molto ben riuscito, a parer mio.
    Un uomo che si interroga… Mille cose, tutte molto vere, mille domande, propositi, fallimenti, successo e infelicità e poi bugie, pietre angolari di quel successo, voluto, costruito con determinazione, che porta nuove domande.
    Mi è piaciuto molto. Brava!🌻🙋

  • L’idea di raccontare la storia di qualcuno attraverso i ricordi non è nuova, ma, ormai, cosa lo è? Quello che conta in questi casi è il modo in cui la storia viene raccontata. Direi che stai facendo un ottimo lavoro.
    Voto la verità, sono curiosa di sapere il perché della biografia, forse ha esaudito il desiderio espresso dal barista? O magari sta morendo o forse vuole mettere ordine nella sua vita e cerca di farlo scrivendo e (anche se indirettamente)?
    Chissà…
    Alla prossima!

    • Ciao Keziarica,
      ti ringrazio per il complimento.

      Alla fine il motivo del successo di Daniele è molto meno nobile. Lui però, se potesse, ti direbbe con tono da eroe che il più grande problema della società sono i bugiardi e che lui insegna come sconfiggerli .

  • Ciao Adelaide,
    Stavolta con questo capitolo mi hai messo in imbarazzo. Una tavolozza di frasi brevi, un poco dissonanti, (e quindi coivolgenti) che farebbero pensare a una volontà vagamente criptica, sofisticata. Poi però ti accorgi di alcuni errori e passaggi da correggere e allora ti chiedi: è tutt’oro quel che luccica?
    Ho dovuto rileggere ogni passaggio per capire tutto, e mi sento di poterti consigliare, se vuoi, di scrivere anche per chi non ha tanta voglia di rileggere. Ti apprezzerà di più, e non ti abbandonerà. Ciaooo🙋🌻

    • Caro Fenderman,
      sei giorni sono stati pienamente necessari per metabolizzare il tuo commento.
      Si evince, dal lungo processo di introspezione messo in atto battendo i piedi pensando a come risponderti, che “risposta matura alle critiche” non comparirà mai tra le soft skills del mio curriculum.
      Però, sono esattamente quello che cerco.
      Ho bisogno di imparare, migliorare, ascoltare, per poter rispondere: sì, è tutto oro quello che luccica.

      Quindi: rileggerò i capitoli cercando di correggere i passaggi confusi, starò attenta ai refusi e alla punteggiatura.

      Tu non risparmiarmi niente.
      Grazie.
      Adelaide

  • Capitolo 3)

    Ciao Adelaide.

    Capitolo carico di ricordi. Trovo che ora abbia tutto un po’ più di contesto e ci si possa proprio tuffare all’interno delle vicende, oltre a immaginare quanto verrà in futuro. Dire che ora parte la vera storia.
    L’unica cosa che mi sento di segnalarti, ma potrebbe essere un modo che hai scelto per recuperare caratteri, è l’assenza del punto al termine di alcuni dialoghi. Si tratta giusto di una questione di forma, quindi nulla che possa alterare il senso della storia, ma è un’accortezza che simboleggia cura del testo.
    Per il resto va tutto bene! 🙂

    Aspetto il prossimo!

    • Ciao G. G. Pintore,
      se somigliassi a Daniele ti direi che è certamente un modo per recuperare caratteri e dare più spazio alla mia creatività.
      Purtroppo o per fortuna non ho molto in comune con lui quindi confesso che i punti sono i nuovi trattini.
      Grazie come sempre per le dritte preziose, ci starò attenta.

      Adelaide

  • Ciao Adelaide,
    ti leggo per la prima volta e non so come mi erano sfuggiti i primi due capitoli.
    Non è stato un male, perché ho potuto leggere senza interruzioni la tua storia. Ne sono rimasta piacevolmente sorpresa; scrivi bene e la storia è condotta in modo chiaro e scorrevole. Mi chiedo s è la prima volta che pubblichi sulla piattaforma, perché non ti avevo mai trovata prima.
    Ho votato per entrambe. Sai penso che parlando di sé, anche volendolo fare non si è mai del tutto sinceri. Ti seguo, alla prossima

    • Ciao Anna,
      grazie per il commento ed i complimenti.

      Ho trovato The Incipit ( o forse, The Incipit ha trovato me) nel lontano 2014.
      Questa piattaforma è stata casa mia per un po’, poi mi sono persa come autrice e raccogliendo le briciole di quello che vorrei essere sono tornata nel posto da cui sono partita.
      Finisce sempre così, no?

      🌻

  • Voto la verità, che è molto più difficile da sostenere però, a mio parere, alla lunga paga.
    Il capitolo è bello soprattutto la dove Adelaide da compagna “di giochi” si trasforma nell’oggetto del desiderio. Non un amore a prima vista dunque, semmai una rivelazione e una rivoluzione come spesso capita a chi ha molti amici da piccolo.
    Brava, hai seguito il consiglio di Fendermen, e ora è tutto a posto! Grazie anche a nome suo😃.
    Ciaooo🙋🌻

  • Capitolo 2)

    Ciao Adelaide!

    Il capitolo scorre veloce e senza impicci. Con la nuova formula tutto si è sistemato. Il tema che hai scelto di affrontare è complicato e intrigante, quindi sono curioso di vedere dove proseguirà questa spirare di “sacrificio” e “rassegnazione”. Credo diversi lettori possano sentirsi toccati dall’argomento, e magari rivedere in alcune delle scelte proposte. Ben fatto!

    Aspetto il prossimo!

  • Capitolo 1)

    Ciao Adelaide! Ti leggo per la prima volta su the incipit, quindi sono curioso di sapere cosa porterai nei prossimi capitoli. L’idea mi ha incuriosito, la scrittura è buona.
    Mi accodo al consiglio di Fenderman di rivedere il corretto impiego dei trattini come strumento di dialogo. Sarò sincero, la maggior parte delle persone non farà granché caso a questo errore, però è giusto segnalarlo. Poi, può essere anche una scelta stilistica, non ci vedrei niente di male, anche se in questi casi è più uno stile da sceneggiatura.
    Vado anche io per la bugia!
    Aspetto il prossimo.

    Buona scrittura!

  • Ciao, Adelaide.
    Un inizio interessante, ben scritto.
    Ho avuto difficoltà a capire nella frase: “Le domande lo innervosivano, così come la musica, i discorsi troppo lunghi, le risate, le lacrime, il cibo della mamma, le persone che lo guardavano, le parole che non conosceva e Daniele.” chi stesse facendo la considerazione, il padre? C’è un cambio di punto di vista non segnalato, forse potevi chiarirlo meglio.
    Ho votato verità, mandandoti in pari le opzioni, ma arriverà qualcuno a sbloccare la situazione, arriva sempre 😉

    Alla prossima!

  • Ciao Adelaide, benvenuta.
    Temi forti, metafore efficaci, e bugie… Voto bugie, non so bene perché.
    Nulla da dire sulla scruttura, mi piace molto. Unico appunto che potrai correggere facilmente è la gestione dei trattino del dialogo che così non va per niente bene, ed è un peccato.
    Brava, ti seguo.🙋🌻 ciao.

  • Questo inizio di racconto mi è piaciuto. A mio modesto parere, è scritto bene.

    Sono sicuro che evolverà di bene in meglio, continua così.

    Ho votato per la tua libera decisione su scrivere una bugia o una verità!

    Ciao, buona lettura e buona scrittura

    Nico3diFiori

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi