L’essenza del fango

Dove eravamo rimasti?

Il Comandante sapeva bene a quale popolo si stesse riferendo l’infame immigrato, ossia: Le tribù di cui Azha e Yannikha rapivano i figli per farne schiavi (80%)

Indomabile

   Al nobile Sam la sofferenza degli altri, soprattutto di tutti coloro che reputava inferiori, aveva sempre divertito. Perché c’era qualcosa che lo soddisfaceva nel profondo ogni volta che aveva la possibilità di schiacciare e sottomettere. E anche in quel momento, mentre la vita di Jackarh era letteralmente stretta tra le sue mani, percepiva un eccitazione quasi fisica. Il cortile della fortezza distava a troppi metri di distanza per non rendere quella caduta mortale, e dopo aver udito gli organi di quel immigrato esplodere per l’impatto, il Comandante si sarebbe sentito meglio.
   Dunque, pregustandosi quella piccola carneficina che i suoi occhi non erano mai sazi di vedere, liberò la presa da quelle vesti. Jackarh tentò di aggrapparsi all’uomo, e quand’esso glielo impedì tentò di salvarsi afferrando le colonnine in pietra del parapetto. Ma quella presa gli sfuggì ed egli precipitò lungo la torre velocemente, e con violenza si scontrò col duro suolo del cortile.
   Un sospiro pieno di soddisfazione invase il Comandante. Poi tutto cessò. Un corno, quello che mai nella fortezza si sarebbe voluto udire, suonò a gran voce: il Sud stava arrivando.

   Ikrhim, il Principe del deserto, giunse dai confini meridionali insieme ad un esercito di agili cavalcasabbia e poderosi pachidermi. A lui s’erano uniti sia i clan nomadi che un gran numero di uomini di Yannikha. Guidò la sua gente con tenacia e travolse Ultimo Baluardo come una tempesta implacabile. L’assedio durò meno di una giornata, e a sera, durante un lungo crepuscolo, il giovane Usurpatore passeggiava vittorioso lungo le mura della fortezza.

   Ai sopravvissuti tra l’esercito di Azha fu data una scelta. Più della metà si schierò dalla parte del Principe del deserto, gli altri vennero liberati e condotti oltre le mura. Molti di questi trovarono lungo il cammino i vecchi compagni naga ormai diventati fuorilegge. Alcuni si unirono ai banditi, altri perirono sotto le loro lame. Pochi riuscirono a raggiungere la Capitale ed informare la Regina di quanto accaduto.

   Per quanto il combattimento contro l’Usurpatore era stato il più duro di tutta la sua vita e lo aveva privato di ogni energia, la notte dopo l’assedio il nobile Sam la passò insonne.
   Imprigionato in una piccola stanza della fortezza e spogliato di ogni affetto e titolo, si sentiva svuotato da ogni cosa, ma non perduto. Il suo carattere indomito e caparbio non lo aveva mai fatto cedere alla disperazione. Era vivo, le ferite più gravi che aveva riportato dopo quella strenua battaglia erano state guarite, e poteva ancora contare su sé stesso. Certo, aveva perduto Ultimo Baluardo e lo aveva consegnato in mano al barbaro invasore. Ma questa non era che un inezia. Gloria e Fama lo stavano attendendo con pazienza altrove. Doveva capire solo dove, e come raggiungerle nuovamente. Con le sole sue forze c’era riuscito in passato, ci sarebbe riuscito ancora.
   Alle prime luci dell’alba un soldato del deserto si presentò alla porta. Parlò nella lingua del deserto, il nobile Sam lo ignorò con sdegno.
– Lavoro attende te ora. Segui me – disse il soldato con svogliatezza. Ringhiando ma ubbidendo il nobile Sam lo seguì e trovò offensivo che invece di raggiungere i piani alti della torre, stavano invece scendendo tutti quei gradini.
   Si ritrovarono nei sotterranei della Fortezza e lì il soldato aprì la porta dell’infermeria. Un forte odore di sangue invase l’olfatto del ex Comandante ma invece di provarne ripugno, se ne compiacque e desidererò ardentemente che quell’odore fosse scaturito dai nemici agonizzanti.
   Gli venne dato un secchio d’acqua e uno straccio. Il compito era chiaro e il nobile Sam non protestò. Pulire i pavimenti della sua Fortezza da quel sudiciume straniero sarebbe stato un incarico che avrebbe adempito con fierezza. Ma il soldato, comprendendo il suo intento lo fermò e indicò i pazienti. E allora finalmente un conato di vomito ben difficile da domare, aggredì l’ex Comandante. Non si sarebbe mai e poi mai preso cura di una feccia tanto insulsa.

   Intanto, nella sala delle Mappe il giovane Ikrhim, un prestante guerriero che sulla soglia dei trent’anni era riuscito a fare ciò che nessuno tra i clan del deserto, aveva mai ritenuto possibile, osservava ciò che aveva appena conquistato.
– Come sta il nostro ospite? – chiese.
– Come un leone a cui gli si chiede di leccare le ferite altrui.
– Bene… ed ora, vediamo come trovare il Figlio di Azhay – disse osservando la mappa.
– Un bambino? – Chiese il sottoposto perplesso.
– Un potere amico mio. Il potere che eliminerà da questo mondo la Regina Rossa, che farà cessare la schiavitù, i soprusi e porterà ovunque la pace.
– E dove si cela tale potere?
– In un’eccentrica compagnia di Sterminatori di spiriti che ne ignora il valore.

Avvertita che Ultimo Baluardo è caduto in mano all’Usurpatore, che tattica sceglierà di adoperare la Regina Rossa?

  • Fortificare Azha ed intanto mandare degli assassini (100%)
    100
  • Scendere in campo ed evocare i suoi Spiriti che la priverebbero di forze (0%)
    0
  • Mobilitare i suoi eserciti per un lungo e sanguinoso assedio (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

63 Commenti

  • Ciao Artemis 🙂
    Ti ho trovato per puro caso perche’ sono venuto tra le storie consluse per leggere quella appena conclusa di Fenderman … Non capisco perche’ a volte non arrivano le notifiche di nuovi capitoli pubblicatgo … mannaggia scusa il ritardo 🙂
    Trovo il capitolo abbastanza comico e con molte citazioni che riguardano la mia infanzia percio’ molto rilassante 🙂 mi hai riportato indietro di decenni 🙂 e che dire 🙂 si aspetta la nuova storia 🙂
    Yu Dao deve raccontarci la sua 🙂 e noi saremo qua pronti a leggerlo 🙂
    A presto 🙂

  • Capitolo 0)

    Ciao Artemis!

    Arrivo con un po’ di ritardo! Ho trovato il capitolo super divertente. Mille citazioni, forse non comprensibili a tutti – ed è possibile che anche io ne abbia perso qualcuna! – ma che rendono questo capitolo un finale una promessa per qualcuno che mi ha già super incuriosito. Poi, non so se tratterai esattamente questa storia, ma avrai di certo un lettore prenotato! 🙂
    Tolto qualche aggettivo possessivo di troppo, consiglierei giusto di rendere in corsivo, almeno la prima volta, termini come “CDM”, oppure aggiungere una specifica per quei pochi estranei alla definizione.
    Pronta per il nuovo inizio?!
    Ancora complimenti per aver concluso la storia!

  • Top Artemis! 😀😀😀
    Bellissima chiusura (o apertura?)
    La metanarrativa di TheIncipit è davvero un’idea che spacca!
    Mi mancano alcuni riferimenti un po’ nerd 🤣 ma mea culpa
    La tua “voce” si sente ma lo stile è più urban fantasy e secondo me ti viene molto bene.
    Insomma, per me questo è un inizio molto promettente!
    Vai così!

  • CLAP! CLAP! CLAP! CLAP! CLAP! continuare ad oltranza!

    Molto bello questo finale con metatesto incluso 😀
    Quindi tu saresti Urhu, il cdm di Yu Dao, o sei Yu Dao stesso? 😛
    E poi, che significa “cdm”?

    Fantastico, comunque, il tutto e spero di rileggerti in una nuova storia (sperando che l’email di Virgilio torni a funzionare e mi arrivi la notifica) 🙂

    Ciao 🙂

    • Hahaha! Mi fa super piacere che ti sia piaciuto!😄

      Allora, si e no 😂 sarei Urhu se non avesse tutti quei muscoli, e Yu dao ma meno affascinante e sicuro di sè 🤣 ma penso che Yu dao sia in parte anche mio marito, soprattutto quando finisco un capitolo e lo obbligo a leggerlo

      CDM? Coinquilino Di M***a 😉

      Siiii grazie per il sostegno! Alla prossima! Forza Virgilio 😂

  • Capitolo 9)

    Ciao Artemis!

    Questa scelta del finale m’incuriosisce parecchio 🙂
    Voglio proprio vedere che t’inventi!

    Vedere una storia portata a compimento è sempre una bella carica di energia, soprattutto quando lasciata in sospeso da tempo. Sono contento per te! 🙂
    In un punto c’è un “avrebbe” che non mi ha convinto del tutto.
    Aspetto la parte finale!

    Alla prossima.

  • Ciao Artemis 🙂
    Devo solo farti i miei complimenti per le figure che hai rappresentato in questo capitolo 🙂
    La metafora dei muri che cadono mostrano il cambiamento di mentalita’, l’uscire dalla nostra convinzione e abracciare l’idea degli altri 🙂 davvero ben rappresentato. Samuel il tiranno che si prende cura di mucchietto d’ossa e che rifiuta il potere della pantera mostra quanto sia cambiato dall’inizio ad ora, di come il suo modo di pensare sia completamente rinnovato ora. Il ritorno di Jackarh (il mio personaggio preferito) e il fatto che sia lui a diventare il salvatore e Samuel il “Mucchietto d’Ossa” , mamma mia davvero ben raccontato 🙂 Mi prostro io ai tuoi piedi 😉
    Ora le tre scelte sono un po’ strane ma sono sicuro che ci tirerai fuori qualcosa di buono per il gran finale 🙂
    Ho scelto il pacchetto di sigarette piu’ incuriosito che per altro 🙂 e ripasso a te la palla 🙂
    A presto 🙂

  • Si ritira agli angoli del mondo in solitudine, aiutando a volte orchi ciechi e bambini storpi perché mi sembra proprio il suo destino!

    Ciao! Purtroppo la lunga attesa questa volta ha inficiato la comprensione ed io non ricordo un tubo di come siamo giunti a questo. Mi faresti un riassuntino?

    Ciao 🙂

    • Ciao Red!!!
      Hahaha immagino! Grazie per la pazienza! Ma è normale l’effetto caos perchè si riprendono i temi delle prime storie e quindi non ci si ricorda tutto. In breve tutte le Potenze vengono abbattute e si fa una specie di tabula rasa. Ora vedremo cosa succederà!
      Grazie mille per essere ancora qui a leggere, nonostante le pause, la confusione e gli errori 😊

  • Ciao Artemis 🙂
    Tra tutte le difficolta’ del sito finalmente si puo’ riprendere almeno la lettura di nuove bellissime storie 🙂
    io voto perche’ si unisca allo spirito del vento e passino l’eternita’ a contemplare le stelle perche’ mi sembra molto poetico e un buon pezzo da cui trarre ispirazione 🙂
    il capitolo scorrevole , e’ passaro un po’ di tempo dall’ultima lettura quindi devo fare un po’ di mente locale su cio’ che stava succedendo 🙂
    L’unica cosa che ti chiedo e’ Ultimo Crepuscolo e Ultimo Baluardo sono lo stesso posto o mi sono io perso qualcosa nel corso della lettura? 🙂
    Comunque vediam o cosa ci tiri fuori nel nono capitolo , nella semi finale diciamo 😉
    A presto 🙂

    • Ciao BlackCat0!
      Grazie per aver letto! 😄
      Nooo che errore! Mi sà che mi son persa anche io 😱🤣: confermo volevo scrivere Ultimo Baluardo, Ultimo Crepuscolo fa parte del racconto precedente e mi è scivolato fuori dal cervello 🤦‍♀️ ma sa po?!
      Si quest’anno è stato difficile tenere il ritmo! Siete super pazienti!
      Dai che ci siamo!
      A presto e grazie ancora! 😊

  • Capitolo 7)

    Ciao Artemis!

    Le riflessioni fra eterni e mortali sono sempre interessanti. C’è giusto qualche refuso lungo la strada, ma niente di grave. Direi che l’assassino svolgerà il doppio lavoro, e chissà che non ne venga fuori qualcosa di buono per tutti. Qualche volta la “giustizia” o il “bene” passano per strade traverse. Aspetto di scoprire il seguito. Buona scrittura!

  • Ciao Artemis 🙂
    Bel capitolo i miei complimenti 🙂 mi dispiace per il povero bambino ma non mi aspettavo una svolta cosi’ importante con un solo capitolo 🙂
    Il demone chiuso nel pugnale da alla storia una vena molto orientalizzante , rimanda molto alle fiabe arabe (stile ali’ baba), non so se e’ una cosa voluta da te o ti e’ venuto cosi’ sul momento mentre scrivevi 🙂 in entrambi i casi tanto di cappello hai svolto a pieno il tema 🙂
    E che scelta ci hai dato alla fine 😀 dobbiamo decidere le sorti di due imperi ! Wow 😀 non ho mai avuto cosi’ tanto potere sulla punta delle mie dita in tutta la mia vita 😀
    Comunque da gran cattivone che sono ho scelto di eliminare entrambi e ricomnciare da capo 🙂
    Complimenti ancora 🙂
    A presto 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi