L’essenza del fango

Dove eravamo rimasti?

L'assassino inviato dalla Regina Rossa è giunto alla fortezza. Sotto che spoglie si presenterà? Un brigante naga che vuole unirsi all'Usurpatore (50%)

Portatori di tempesta

     N’kae si svegliò di soprassalto da un incubo spaventoso. Il primo dopo secoli di notti serene e senza sogni. E anche una volta da sveglia, gli occhi dorati di quell’ombra continuarono a tormentarla. Gli occhi di un dio che veniva a reclamare il trono da lei usurpato quasi mille anni addietro.
– Tutto bene mia signora? – chiese il Guerriero d’opale che aveva giaciuto accanto a lei – sembrate sconvolta, non ho mai visto quell’espressione sul volto della Regina rossa.
   Regina rossa… N’kae aveva sempre detestato questo nome. Ma come una maledizione s’era avvolto su di lei nell’istante in cui, sacrificando la vita dei suoi consiglieri, aveva ottenuto il trono. E tale nome s’era sigillato nella sua carne quando, bevendo il sangue di tutti i figli del suo celestiale marito, aveva ottenuto il Potere.
   Un potere che tuttavia non le aveva permesso di sentirsi davvero al sicuro. E se di tutti quei figli che il dio Azhay aveva sparso il giro per la terra, ne era sopravvissuto uno? Temendo ciò aveva aperto le porte al mondo degli spiriti e ne aveva assorbito l’essenza, diventando ancora più pericolosa e straordinaria. E tutto, per secoli e secoli, era tornato ad essere placido e silenzioso.
   Fino a quel momento…

   E in quello stesso giorno, mentre l’incubo continuava a tormentarle i pensieri, ricevette la notizia: l’Usurpatore Ikrhim aveva conquistato Ultimo baluardo. E là, N’kae, Signora del fiume, Sposa del cielo e prima Regina d’Azha, comprese che era ormai giunta la sua fine… ma come era successo mille anni fa davanti ai consiglieri pronti a zittirla, avrebbe fatto di tutto pur di salvarsi.

   Era passato un mese da quando Ikrhim, il principe del deserto aveva conquistato i confini meridionali di Azha, e da un mese il kriss del Capitano Yari fremeva.
   Lo spirito del fuoco Nemsess, una seducente pantera dagli occhi turchesi stava tenendo d’occhio il suo amico da quando l’invasione era cominciata. Era finalmente giunta l’ora di agire, un’altra occasione come quella non sarebbe più capitata, e lei come il demone celato nel pugnale lo sapevano.
   Ma lo spirito del vento che portava le sembianze del Capitano, ossia di un umano glabro, e perennemente stanco, stava esitando. Non era mai stato di indole focosa e reazionaria. In tutti quei anni aveva preferito starsene in pace, magari raccattando dagli angoli del mondo gli incompresi, e usando ogni suo mezzo per proteggerli. Ma il pensiero della guerra, di mettere a repentaglio i suoi cari… l’idea stessa del cambiamento gli faceva paura. Per quanto sapeva che se avesse aiutato il Principe Ikrhim ad eliminare la Regina rossa molte cose sarebbero cambiate. Sia per i mortali, che per gli spiriti elementali…
– Mio signore… – osò prender parola il leonide Hirò, accompagnato dal silenzioso Kah, dai fedeli orchi, dalla sacerdotessa, dal bambino mezzo spirito, dall’umano Orkhan e i suoi uomini, ed infine dall’armata dei naga che avevano scelto di seguirlo.
– Raggiungiamo Ultimo Baluardo, aiutiamo il Principe Ikrhim a conquistare il trono e riportiamo a casa il vero erede di Azha.

   La minestra che l’ex Comandante aveva appena portato in camera, pareva per lo più un triste brodo insapore da cui galleggiavano qualche ortaggio scelto a caso e tagliato malamente. L’ospite indesiderato aveva il permesso di accedere alla cucina, ma nessuno poteva aiutarlo. E quell’acqua sporca e fumante ne era il risultato.
   Steso sul letto, Mucchietto d’ossa lo osservava in silenzio e per quanto il suo volto fosse nascosto dalla maschera di rame, da quegli occhi verdi si poteva intravedere una luce derisoria. La prima vera parvenza di vita che l’ex Comandante scorse in lui.
   Magari gliela verso addosso. Pensò l’uomo. Vedere Mucchietto d’ossa saltare per aria sarebbe senz’altro stato divertente. Ma ancora una volta si limitò ad immaginarlo soltanto.
   Si sedette sul letto e sentì quei freddi occhi verdi puntati su di lui. Non ci badò, immerse il cucchiaio nella minestra e glielo avvicinò alla fessura della maschera dove si celava ciò che rimaneva della bocca. Mucchietto d’ossa lo osservò per un lungo istante poi accolse il cucchiaio offerto. Fu come inghiottire l’acqua dove era stata lessata qualche patata. Mucchietto d’ossa mugolò insoddisfatto da quel sapore insipido. Gli era chiaro che se mai fosse riuscito a guarire dalle sue ferite, sarebbe comunque morto d’inedia se avesse lasciato l’ex Comandante nell’ignoranza culinaria.
– Oh insomma, non è così male! – lo rimbeccò l’ex Comandante e ne volle assaggiare un po’ anche lui. Dunque ne prese una bella cucchiaiata e se la cacciò in bocca. Le labbra si attorcigliarono per il gusto misero che si ritrovarono a trattenere. E ancora una volta Mucchietto d’ossa guardò l’ex Comandante con stupore, come se non riuscisse a credere a ciò che il nobile Sam avesse appena fatto.

Il naga assassino sotto le spoglie di un seguace di Ikrhim raggiunge Ultimo Baluardo, ma per avvicinarsi ad Ikrhim dovrà seminare il caos:

  • Particolare il kriss posseduto dal eccentrico Capitano... scommetto che se riesco a rubarlo il caos dilagherà ovunque... (60%)
    60
  • Curioso l'eccentrico Capitano appena giunto alla fortezza... incastrarlo con l'assassinio di un prezioso seguace creerebbe un delizioso caos (0%)
    0
  • Pare che l'ex Comandante sia uno dei prigionieri, assassinarlo creerebbe una rivolta tra le fila dei soldati settentrionali (40%)
    40
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

63 Commenti

  • Ciao Artemis 🙂
    Ti ho trovato per puro caso perche’ sono venuto tra le storie consluse per leggere quella appena conclusa di Fenderman … Non capisco perche’ a volte non arrivano le notifiche di nuovi capitoli pubblicatgo … mannaggia scusa il ritardo 🙂
    Trovo il capitolo abbastanza comico e con molte citazioni che riguardano la mia infanzia percio’ molto rilassante 🙂 mi hai riportato indietro di decenni 🙂 e che dire 🙂 si aspetta la nuova storia 🙂
    Yu Dao deve raccontarci la sua 🙂 e noi saremo qua pronti a leggerlo 🙂
    A presto 🙂

  • Capitolo 0)

    Ciao Artemis!

    Arrivo con un po’ di ritardo! Ho trovato il capitolo super divertente. Mille citazioni, forse non comprensibili a tutti – ed è possibile che anche io ne abbia perso qualcuna! – ma che rendono questo capitolo un finale una promessa per qualcuno che mi ha già super incuriosito. Poi, non so se tratterai esattamente questa storia, ma avrai di certo un lettore prenotato! 🙂
    Tolto qualche aggettivo possessivo di troppo, consiglierei giusto di rendere in corsivo, almeno la prima volta, termini come “CDM”, oppure aggiungere una specifica per quei pochi estranei alla definizione.
    Pronta per il nuovo inizio?!
    Ancora complimenti per aver concluso la storia!

  • Top Artemis! 😀😀😀
    Bellissima chiusura (o apertura?)
    La metanarrativa di TheIncipit è davvero un’idea che spacca!
    Mi mancano alcuni riferimenti un po’ nerd 🤣 ma mea culpa
    La tua “voce” si sente ma lo stile è più urban fantasy e secondo me ti viene molto bene.
    Insomma, per me questo è un inizio molto promettente!
    Vai così!

  • CLAP! CLAP! CLAP! CLAP! CLAP! continuare ad oltranza!

    Molto bello questo finale con metatesto incluso 😀
    Quindi tu saresti Urhu, il cdm di Yu Dao, o sei Yu Dao stesso? 😛
    E poi, che significa “cdm”?

    Fantastico, comunque, il tutto e spero di rileggerti in una nuova storia (sperando che l’email di Virgilio torni a funzionare e mi arrivi la notifica) 🙂

    Ciao 🙂

  • Capitolo 9)

    Ciao Artemis!

    Questa scelta del finale m’incuriosisce parecchio 🙂
    Voglio proprio vedere che t’inventi!

    Vedere una storia portata a compimento è sempre una bella carica di energia, soprattutto quando lasciata in sospeso da tempo. Sono contento per te! 🙂
    In un punto c’è un “avrebbe” che non mi ha convinto del tutto.
    Aspetto la parte finale!

    Alla prossima.

  • Ciao Artemis 🙂
    Devo solo farti i miei complimenti per le figure che hai rappresentato in questo capitolo 🙂
    La metafora dei muri che cadono mostrano il cambiamento di mentalita’, l’uscire dalla nostra convinzione e abracciare l’idea degli altri 🙂 davvero ben rappresentato. Samuel il tiranno che si prende cura di mucchietto d’ossa e che rifiuta il potere della pantera mostra quanto sia cambiato dall’inizio ad ora, di come il suo modo di pensare sia completamente rinnovato ora. Il ritorno di Jackarh (il mio personaggio preferito) e il fatto che sia lui a diventare il salvatore e Samuel il “Mucchietto d’Ossa” , mamma mia davvero ben raccontato 🙂 Mi prostro io ai tuoi piedi 😉
    Ora le tre scelte sono un po’ strane ma sono sicuro che ci tirerai fuori qualcosa di buono per il gran finale 🙂
    Ho scelto il pacchetto di sigarette piu’ incuriosito che per altro 🙂 e ripasso a te la palla 🙂
    A presto 🙂

  • Una ciotola di Lablabi!

    Fichissimo! Più che fichissimo! Mi aspettavo che Mucchietto d’Ossa fosse in realtà Jackarh ma non che Nemsess invertisse le parti. Quella leonessa è sempre una sorpresa!

    Aspetto il capitolo conclusivo per i commenti finali 🙂

    Ciao 🙂

  • Si ritira agli angoli del mondo in solitudine, aiutando a volte orchi ciechi e bambini storpi perché mi sembra proprio il suo destino!

    Ciao! Purtroppo la lunga attesa questa volta ha inficiato la comprensione ed io non ricordo un tubo di come siamo giunti a questo. Mi faresti un riassuntino?

    Ciao 🙂

  • Ciao Artemis 🙂
    Tra tutte le difficolta’ del sito finalmente si puo’ riprendere almeno la lettura di nuove bellissime storie 🙂
    io voto perche’ si unisca allo spirito del vento e passino l’eternita’ a contemplare le stelle perche’ mi sembra molto poetico e un buon pezzo da cui trarre ispirazione 🙂
    il capitolo scorrevole , e’ passaro un po’ di tempo dall’ultima lettura quindi devo fare un po’ di mente locale su cio’ che stava succedendo 🙂
    L’unica cosa che ti chiedo e’ Ultimo Crepuscolo e Ultimo Baluardo sono lo stesso posto o mi sono io perso qualcosa nel corso della lettura? 🙂
    Comunque vediam o cosa ci tiri fuori nel nono capitolo , nella semi finale diciamo 😉
    A presto 🙂

  • Capitolo 7)

    Ciao Artemis!

    Le riflessioni fra eterni e mortali sono sempre interessanti. C’è giusto qualche refuso lungo la strada, ma niente di grave. Direi che l’assassino svolgerà il doppio lavoro, e chissà che non ne venga fuori qualcosa di buono per tutti. Qualche volta la “giustizia” o il “bene” passano per strade traverse. Aspetto di scoprire il seguito. Buona scrittura!

  • È un assassino, no? Annienta tutti!

    Non ho capito perché Yari improvvisamente sente il vuoto. Ok, non ha più Xharo con sé ma per come me lo ricordo io, non ci aveva mai dato troppo peso…

    Si preannuncia un gran casino: mi chiedo di nuovo dove vuoi andare a parare…

    Ciao 🙂

  • Ciao Artemis 🙂
    Bel capitolo i miei complimenti 🙂 mi dispiace per il povero bambino ma non mi aspettavo una svolta cosi’ importante con un solo capitolo 🙂
    Il demone chiuso nel pugnale da alla storia una vena molto orientalizzante , rimanda molto alle fiabe arabe (stile ali’ baba), non so se e’ una cosa voluta da te o ti e’ venuto cosi’ sul momento mentre scrivevi 🙂 in entrambi i casi tanto di cappello hai svolto a pieno il tema 🙂
    E che scelta ci hai dato alla fine 😀 dobbiamo decidere le sorti di due imperi ! Wow 😀 non ho mai avuto cosi’ tanto potere sulla punta delle mie dita in tutta la mia vita 😀
    Comunque da gran cattivone che sono ho scelto di eliminare entrambi e ricomnciare da capo 🙂
    Complimenti ancora 🙂
    A presto 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi