PRIMO INCARICO

Dove eravamo rimasti?

Elvira sta per scoprire che Mainard non è come lei. Come preferite che succeda? Lui si mostrerà di propria volontà (60%)

Esposto

Mi agitai sotto il suo sguardo, a disagio.

«Gli hai parlato di me?» domandai, titubante.

Lei si strinse nelle spalle. «Qui non si sono visti. Ma l’aitante straniero che aiuta la vecchia Elvira è sulla bocca di tutti.»

«Capisco.»

Lasciai aleggiare il silenzio.

«Ascolta, Mainard. Io non ti ho mai fatto domande: arrivati alla mia età, si capisce come tutti gli uomini abbiano un lato di sé di cui non vogliono parlare. La vita è come un fiume: lungo il percorso, si raccolgono polvere e sporcizia, che ne intorbidano l’acqua.»

La fissai, colpito dalla profondità delle sue parole.
Sfruttavamo i balzi spazio-temporali per far trascorrere rapidamente il tempo, nei pianeti soggetti a coltura.
Qui, però, qualcosa era andato storto, e la conseguenza imprevista è stata una specie intelligente. Cosa avrebbero dato gli scienziati, per poter studiare l’evoluzione di questi esseri?

Eppure ero certo che, nel momento in cui l’Accademia avesse scoperto cosa era accaduto, avrebbe preso provvedimenti drastici.
Il Regolamento ci vincolava a rispettare la vita autoctona, nei pianeti in cui essa era già presente. Ma questo popolo non era altro che un “errore di sistema”.
I batteri avrebbero avuto la precedenza. I microrganismi sono denaro, il denaro è potere, gli interessi prevalgono sempre su tutto.

Elvira e i suoi simili sarebbero stati sventrati, per raccogliere il prezioso contenuto dei loro apparati digerenti.

«Non ti chiederò di spiegarmi in che situazione ti sei cacciato.» prosegue la mia ospite. «Ma non posso aiutarti, se non ti apri con me.»

«Non potresti in ogni caso.» replicai, scuotendo la testa.

Per tutta risposta, l’anziana rise. Un suono aspro, sprezzante. «Spesso ci sembra che le cose stiano così. Ad ogni modo, non aspettarti che io ti implori di vuotare il sacco. Non accadrà.»

Si alzò, recuperò le tazze della colazione e andò al lavello.

Il rumore dell’acqua che scorreva fu l’unico suono finché non ebbe finito di lavare le stoviglie.

«Vorrei che tu raccogliessi il fieno, oggi.» dispose infine, come se niente fosse successo. «Sta rannuvolando, non vorrei che si bagnasse.»

«Io non appartengo a questo mondo.» cacciai fuori, in un soffio.

«Avevo capito che sei un cittadino.»

«Intendo che vengo da un altro pianeta.»

Per alcuni respiri, il suo volto rimase inespressivo. Poi la bocca si incurvò di disgusto represso, il sopracciglio destro che tremava.

«Non mi prendere per i fondelli, Mainard. Ti ho raccolto dalla strada senza farti domande: credo di meritare il tuo rispetto, e lo pretendo.»

Mi resi conto d’averla offesa. La raggiunsi all’esterno, sul portico profumato di fiori selvatici. «Non sto scherzando!»

Lei fremette, le narici ingrossate dall’emozione. «Pensi di poterti prendere gioco di me, solo perché sono vecchia? Che sia una credulona, solo perché sono una campagnola?»

«No, affatto!»

«Silenzio.» mi interruppe, con voce imperiosa. «Vattene. Ora! Non tollererò oltre questo circo.»

Logico che non mi credesse.
Mi alzai in piedi, ma non per obbedirle. Con un gesto teatrale, spensi la mimetica ottica, mostrandomi per la prima volta con il mio vero aspetto.

Lei arretrò, spaventata. Spalancò la bocca, quindi la coprì con entrambe le mani, come per impedirle di emettere alcun suono.

La osservai percorrere il mio corpo con gli occhi. Come doveva apparirle strano!

Del resto, a me il suo appariva così banale e inadatto alla sopravvivenza: mi ero chiesto spesso come la sua razza avesse mai potuto raggiungere il vertice del suo ecosistema.

Possedeva soltanto cinque dita ai piedi, e nessuno sperone velenoso. Due soli arti superiori al posto dei miei quattro. Le nostre mani, però, si assomigliavano. Membra glabre, non coperte da squame protettive. Il viso era piatto, la bocca non sporgeva, e gli occhi, seppur simili ai miei, erano ampi la metà. Ma soprattutto, non aveva la coda!
Avrei preferito rinunciare a un arto, piuttosto che alla mia coda.

Attesi pazientemente che metabolizzasse la cosa.

«Allora… è vero.» sospirò infine. Era a corto di fiato come se avesse corso una maratona.

«Te l’ho detto.»

«Perché sei qui?»

Mi strinsi nelle spalle. «Una…» esitai. Spiegarle cosa fosse una IA era troppo complesso. «Una ragazzina capricciosa mi ha spedito quaggiù perché l’ho fatta arrabbiare. Continua a fare l’offesa e mi impedisce di tornare indietro.»

Ridacchiò. «A quanto pare, tutto il mondo è paese.» Si avvicinò, sfiorandomi la guancia con la mano tremante. «Sembra impossibile…» mormorò.

Sorrisi, cercando di non scoprire le zanne. «Guarda gli occhi: quelli non dovrebbero essere molto diversi. Sono sempre io. Sono la persona che ha lavorato per te, che ti ha tenuto compagnia. Ho celato il mio aspetto, ma non ti ho mai mentito su niente altro.»

Elvira espirò, ora più rilassata.

Poi, come consapevoli della presenza di qualcun altro, ci voltammo di colpo verso la fattoria dei Grinweld. Il vicino ci indicava. Due uomini vestiti di nero guardavano verso di noi, uno dei due puntando un binocolo.

Forse, togliere la mimetica ottica fuori casa non era stata una grande idea.

Quale sarà la reazione dei "men in black"?

  • Si limitano a osservarlo da lontano (67%)
    67
  • Cercano di catturarlo (33%)
    33
  • Contattano l'esercito, che arriva in forze e li circonda (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

125 Commenti

  • Raniero mi spiace di essermi perso gli ultimi episodi… siamo arrivati al fatidico 10… peccato che sia terminato… proprio ora che si preannunciavano cacce e sbudellamenti alla predator… a sto punto dico a quando il sequel?….

    • Tranquillo boss! Anzi, per non fari sentire in colpa, ho deciso di metterci una vita prima di rispondere al tuo commento. Contento? XD

      Scherzi a parte, GRAZIE davvero per il tempo che hai dedicato a questa pazza avventura. Se sono riuscito almeno a farti fare un sorriso, ne sono davvero lieto.

      Un caro saluto e alla prossima.

  • Ciao, Raniero.
    Alla fine, sei riuscito a chiudere la storia al meglio, il lieto fine ci sta proprio bene e, per come si stavano evolvendo i fatti, non era scontato.
    Purtroppo, non sempre è possibile rispettare i propri propositi, io me li pongo sempre e non li rispetto mai, siamo umani e siamo fallibili, poi ci si mettono gli impegni, la procrastinazione, la mancanza di idee (potrei scrivere un libro in proposito).
    Hai fatto un buon lavoro, fidati e, come ti ho detto in uno dei primi commenti a questa storia, trovo che tu sia molto migliorato nell’esposizione.
    Ho bazzicato per un po’ su Wattpad, qualche mio racconto c’è ancora, ma non l’ho trovato un ambiente costruttivo o adatto alla proliferazione di idee. Se ti andrà, ci potremo ritrovare qui e io sono pronta per una tua nuova storia.
    Buona scrittura, ovunque sia, e alla prossima!

  • Capitolo 10)

    Ciao Raniero!

    Prima di tutto, complimenti per aver portato a termine la storia. A differenza di quanto sostieni, io trovo che il finale della storia riesca a trasmettere le sensazioni che deve, non trascurando un certo messaggio di fondo – molto bello tra l’altro. Immaginare culture più alte, ma nonostante tutto non più evolute di noi, mi ha trasmesso una sensazione di comunità. Una specie di: forse non siamo del tutto sbagliati, se questo fa parte del processo evolutivo, insomma.
    Credo che la storia abbia raggiunto il suo scopo: divertire e far riflette, con un tocco di fantascienza, e trovo che questo ne confermi la riuscita. 🙂
    Lo stile c’è, la creatività pure. Sei sulla buona strada.

    Come dico sempre, almeno per me, The Incipit deve essere un trampolino per creare cose più grandi, quindi spero davvero che tornerai su questa storia nel file privato, proprio da completala e dare alle vicende il taglio che avresti voluto sin dall’inizio. Sul sito hai avuto il primo confronto con i lettori, e questo dovrebbe spronarti a credere sempre di più nelle tue opere! 😉
    Se riesci a farne un racconto più “ciccioso”, trova il modo di farcelo sapere, anche per mezzo di una storia nuova!
    Sono contento di essermi guadagnato un personaggio, o perlomeno di essere rimasto impresso con la mia voce: è un bell’atto di condivisione dell’esperienza!
    Avrei voluto continuare gli episodi di The Incipit sul canale, ma ultimamente il tempo è poco. Però sono mesi che sto pensando a come tornare con un nuovo progetto di lettura legato a The Incipit. Devo solo capire come strutturarlo.

    Grazie ancora per averci fatto esplorare il nostro mondo con occhi diversi! 🙂
    Alla prossima.

  • Eccomi qua! Nonostante l’email continuino a non arrivarmi, almeno sono riuscito a beccare il finale! 😀

    Che dire: ti sei superato! Non potevi trovare una conclusione migliore per questo racconto che, tra il serio ed il faceto, e tra una risata ed un sorriso, tra una logica conseguenza ed una nuova sorpresa, mi ha fatto sognare ad ogni capitolo!

    Noi ci leggiamo alla prossima storia (sperando che l’email tornino ad arrivare) 🙂

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi