PRIMO INCARICO

Dove eravamo rimasti?

Quale sarà la reazione dei "men in black"? Si limitano a osservarlo da lontano (67%)

Crollo

Mi aspettavo che gli uomini in nero venissero a cercare di catturarmi, oppure che chiamassero rinforzi, facendo intervenire l’esercito in grande stile.

Invece, stabilirono una sorta di quartier generale nella veranda dei Grinweld, e si limitarono a tenermi d’occhio da lì, facendo a turno per non perdermi mai di vista.

Manco a farlo apposta, dopo che mi ero mostrato alla mia ospite, la mimetica ottica non volle più saperne di riaccendersi. Provai anche a smontarla completamente, senza riuscire a capire il motivo del malfunzionamento.

Elvira mi proibì quindi di uscire di casa, per evitare che altri potessero vedermi al naturale e dare di matto.

Si instaurò una nuova routine.

Vedere quell’anziana costretta di nuovo a occuparsi di tutto da sola mi stringeva il cuore, sebbene avessi sempre saputo che, prima o poi, avrei dovuto lasciarla.
Oppure no? Forse mi ero illuso che quella vita potesse continuare all’infinito, senza nemmeno rendermene conto.

Missy, del resto, continuava ad essere sorda alle mie richieste, al punto che cominciavo a dubitare che potesse davvero sentirmi.

Chiesi più volte alla mia compagna di andare a parlamentare con i nostri sorveglianti, per capire come risolvere quella situazione di stallo; ma lei aveva troppa paura di essere arrestata e lasciarmi a fronteggiare la situazione da solo, e continuava a ripetere che gli avrebbe parlato al momento opportuno.

Trascorrevo quindi le giornate tra la noia e la cura del minuscolo ambiente in cui ero confinato, roso tra l’ansia per la mia sorte e il senso di colpa verso per quella vecchietta che sgobbava dalla mattina alla sera.

Mi aveva raccontato che la sua specie solo raramente raggiungeva i cento cicli.
Facendo un po’ di conti, avevo stabilito che io invece sarei sopravvissuto per migliaia di anni locali.
Che breve esistenza erano condannati a vivere, quegli esseri!

La sera, continuavamo a chiacchierare di qualsiasi tema, traendo piacere e conforto dalla reciproca compagnia.

***

Mi mancavano i giorni trascorsi all’aria aperta: anche se erano stati pochi, li ricordavo con piacere, come un sogno dal quale ci si è svegliati troppo presto.

Passavo quindi molte ore alla finestra, osservando quei buffi animali pascolare o sbirciando il lavoro di Elvira.

Fu proprio per questo che assistetti all’incidente.

Avevo accatastato in modo a mio avviso ordinato le grosse travi che erano avanzate dalla riparazione del fienile; Elvira aveva iniziato ad affastellare alla base del mucchio una serie di vecchie assi. Vedendo la sommità della mia costruzione ondeggiare, mi resi conto che, forse, non era fatta poi così bene come credevo. Spalancai la finestra per avvertirla, ma invano: il crollo fu troppo improvviso perché potesse scappare, e la poveretta si ritrovò con le gambe imprigionate dal legname.

Senza esitazione, balzai fuori e accorsi in suo aiuto.
Ero molto più forte di qualunque membro della sua razza, ma comunque non riuscii a spostare tutti quei pali in una sola volta. Spostarli singolarmente, tuttavia, avrebbe richiesto troppo tempo.
Colto da un’idea improvvisa, mi accucciai proprio accanto al lei e, infilato il muso nella fessura tra due pezzi, feci forza con le braccia e la testa, riuscendo infine a sollevare il carico e farmelo scivolare dietro le spalle.
Portai Elvira in braccio fin dentro casa, e solo lì, dietro sua insistenza, la rimisi in piedi.

«È solo una storta.» Assicurò lei, zoppicando verso i fornelli. «Niente di rotto, per fortuna.» soggiunse con un sorriso.

Stavo per dirle che da quel momento in poi avrei ricominciato a occuparmi io di tutto, quando la porta venne spalancata con violenza e il vicino irruppe nella stanza, un fucile spianato davanti a se.

«Lasciala stare!» Esclamò.

Sollevai le mani nell’universale gesto di resa. «Non le ho fatto niente.»

«Stavi per mangiartela! L’ho visto!»

Forse mi stava guardando quando avevo avvicinato alla nonnina il mio lungo muso, che a lui doveva sembrare mostruoso, e aveva frainteso le mie intenzioni.

«Grinweld, vecchia puzzola spennacchiata! Esci da casa mia, prima che ti cacci io a pedate nel didietro!» Inveì la mia ospite, piena di energia nonostante l’incidente.

«Ti ha fatto il lavaggio del cervello! Lo farà a tutti!»

«Con te non potrebbe mai riuscirci, visto che la tua testa è completamente vuota» replicò lei.

«Non capisci! Nemmeno quei damerini vestiti di nero hanno capito! Lui è solo il primo: se non lo fermiamo, i suoi amichetti invaderanno la Terra e ci ridurranno tutti in schiavitù!»

Valutai la situazione: per quanto l’arma con cui mi minacciava fosse primitiva, un colpo da quella distanza mi avrebbe certamente ucciso. Allacciato alla cintura avevo uno storditore, ma non credevo di poter riuscire a prenderlo prima che lui sparasse.

«Non è come credi… fammi spiegare…» tentai.

«Zitto, mostro!»

«Adesso calmati…» Provò a blandirlo la donna, allungando una mano verso di lui.

«No! Lo faccio anche per te: per liberarti!» Ruggì lo sconosciuto.

E tirò il grilletto.

Il vicino ha sparato. Volete decidere voi con che effetto?

  • Qualcuno è stato ucciso (17%)
    17
  • Qualcuno è stato ferito (67%)
    67
  • Il colpo è andato a vuoto (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

125 Commenti

  • Raniero mi spiace di essermi perso gli ultimi episodi… siamo arrivati al fatidico 10… peccato che sia terminato… proprio ora che si preannunciavano cacce e sbudellamenti alla predator… a sto punto dico a quando il sequel?….

    • Tranquillo boss! Anzi, per non fari sentire in colpa, ho deciso di metterci una vita prima di rispondere al tuo commento. Contento? XD

      Scherzi a parte, GRAZIE davvero per il tempo che hai dedicato a questa pazza avventura. Se sono riuscito almeno a farti fare un sorriso, ne sono davvero lieto.

      Un caro saluto e alla prossima.

  • Ciao, Raniero.
    Alla fine, sei riuscito a chiudere la storia al meglio, il lieto fine ci sta proprio bene e, per come si stavano evolvendo i fatti, non era scontato.
    Purtroppo, non sempre è possibile rispettare i propri propositi, io me li pongo sempre e non li rispetto mai, siamo umani e siamo fallibili, poi ci si mettono gli impegni, la procrastinazione, la mancanza di idee (potrei scrivere un libro in proposito).
    Hai fatto un buon lavoro, fidati e, come ti ho detto in uno dei primi commenti a questa storia, trovo che tu sia molto migliorato nell’esposizione.
    Ho bazzicato per un po’ su Wattpad, qualche mio racconto c’è ancora, ma non l’ho trovato un ambiente costruttivo o adatto alla proliferazione di idee. Se ti andrà, ci potremo ritrovare qui e io sono pronta per una tua nuova storia.
    Buona scrittura, ovunque sia, e alla prossima!

  • Capitolo 10)

    Ciao Raniero!

    Prima di tutto, complimenti per aver portato a termine la storia. A differenza di quanto sostieni, io trovo che il finale della storia riesca a trasmettere le sensazioni che deve, non trascurando un certo messaggio di fondo – molto bello tra l’altro. Immaginare culture più alte, ma nonostante tutto non più evolute di noi, mi ha trasmesso una sensazione di comunità. Una specie di: forse non siamo del tutto sbagliati, se questo fa parte del processo evolutivo, insomma.
    Credo che la storia abbia raggiunto il suo scopo: divertire e far riflette, con un tocco di fantascienza, e trovo che questo ne confermi la riuscita. 🙂
    Lo stile c’è, la creatività pure. Sei sulla buona strada.

    Come dico sempre, almeno per me, The Incipit deve essere un trampolino per creare cose più grandi, quindi spero davvero che tornerai su questa storia nel file privato, proprio da completala e dare alle vicende il taglio che avresti voluto sin dall’inizio. Sul sito hai avuto il primo confronto con i lettori, e questo dovrebbe spronarti a credere sempre di più nelle tue opere! 😉
    Se riesci a farne un racconto più “ciccioso”, trova il modo di farcelo sapere, anche per mezzo di una storia nuova!
    Sono contento di essermi guadagnato un personaggio, o perlomeno di essere rimasto impresso con la mia voce: è un bell’atto di condivisione dell’esperienza!
    Avrei voluto continuare gli episodi di The Incipit sul canale, ma ultimamente il tempo è poco. Però sono mesi che sto pensando a come tornare con un nuovo progetto di lettura legato a The Incipit. Devo solo capire come strutturarlo.

    Grazie ancora per averci fatto esplorare il nostro mondo con occhi diversi! 🙂
    Alla prossima.

  • Eccomi qua! Nonostante l’email continuino a non arrivarmi, almeno sono riuscito a beccare il finale! 😀

    Che dire: ti sei superato! Non potevi trovare una conclusione migliore per questo racconto che, tra il serio ed il faceto, e tra una risata ed un sorriso, tra una logica conseguenza ed una nuova sorpresa, mi ha fatto sognare ad ogni capitolo!

    Noi ci leggiamo alla prossima storia (sperando che l’email tornino ad arrivare) 🙂

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi